mercoledì 20 giugno 2012

Di crostate speziate e firme d'amore


'Lucciola, lucciola, vien da me.'
Oh, non aprire il pugno per afferrarle. Guai!
Esse, bimbo non sai? son le fate di Giugno.
Bimbo, che ne faresti d’un lumino così
lieve? Immagino, sì, che ce lo spegneresti.
'Lucciola, lucciola, vien da me.'
Lasciale! Col lumino loro, il lumino verde,
a ciascun che si perde insegnano il cammino:
sono le nostre stelle, le stelle della terra,
o tu che ami la guerra, fanciulletto ribelle.
'Lucciola, lucciola, vien da me.'
(M.Moretti)




<C’è qualcosa di poetico nell'odore acre del fieno tagliato. All’imbrunire, il prato si prepara ai sogni dell’erba -e il cielo placido osserva la terra con gli occhi bonari di un padre. A breve l’aria si vestirà di un manto danzante di stelle; sui fiori fluttueranno luci diamantine e ogni cosa sarà ancora più preziosa.>


Crostata speziata di farro e avena, con pere e albicocche al rhum
(per una tortiera apribile di 24/26 cm)
Per la frolla alla noce moscata
120 gr di farina 00 (Antigrumi Molino Chiavazza)
80 gr di farina di Farro (Antico Molino Rosso)
50 gr di farina di Avena (o avena macinata finemente)
1 uovo + 1 tuorlo
100 gr di margarina (Vallè, senza grassi idrogenati) o burro
100 gr di zucchero di canna Cassonade Eridania
1 cucchiaino di lievito per dolci
1 cucchiaino di noce moscata in polvere (regolarsi in base ai gusti)
1 pizzico di sale

Per il ripieno
2 pere Packam
250 gr di albicocche
2 cucchiai di zucchero di canna Cassonade Eridania
1 cucchiaino abbondante di zenzero fresco grattato
1 cucchiaio di rhum scuro (o 2, a seconda dei gusti)

Impastare insieme tutti gli ingredienti della frolla e lasciarla riposare in frigorifero per ca. 30 min., coperta da pellicola. Nel frattempo tagliare le pere e le albicocche a pezzetti, metterle in una casseruola con lo zucchero, il rhum e lo zenzero. Cuocere per ca. 6/8 minuti, avendo cura di non far ammorbidire troppo la frutta. Dopo aver ricoperto la tortiera di carta da forno (oppure dopo averla imburrata e infarinata se preferite), stendere grossolanamente la pasta frolla all'interno della stessa e creare sulla superficie delle 'conche' con le dita. A questo punto, versarci sopra il ripieno. Se gradite, potete distribuire delle mandorle a lamelle sulla superficie prima di infornare.
Cuocere a 180° per ca. 50/55 minuti.


Infine un sentito ringraziamento a te, nonna, per avermi insegnato cos'è la passione per la cucina e... per le tue splendide creazioni- che fanno da cornice a tutto ciò che preparo. Ho visto in tanti blog delle bellissime fotografie, che indicavano con orgoglio la provenienza dei tessuti utilizzati nelle composizioni: per me l'unica 'firma' che conta è la tua. 
I miei tessili avranno solo il marchio 'Nonna Mariuccia'. Una firma d'amore.

Un abbraccio a tutti voi, buona serata!


8 commenti:

  1. La nonna...che bella immagine! Che bella davvero, le sue mani sapienti che ci ricordano le nostre radici, le cose del passato che non devono andar perse, che devono essere tramandate per noi e poi per i nostri figli...vorrei baciarla la tua nonnina! Io non ho la fortuna di averla ancora, e anche il mio nonnino che mi accompagnata fino a tre anni fa se n'è andato alla bellezza di 95 anni e con tutta la sua testa. Quanto mi manca!

    Lucciola lucciola vien da me ti darò il pan del re, pan da re e da regina, lucciola lucciola piccolina...

    Mi piace la tua torta, rustica e sana, mi piace l'odore del fieno e ancor di più mi piace l'odore della stalla, del fieno e anche della cacca delle capre, delle mucche e dei cavalli, che vuoi farci, ha l'odore della Natura e delle cose vere. :D
    Un bacione cara Ely

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah! Quanto ti capisco cara Celeste! :D Hai perfettamente ragione..è un profumo unico, un richiamo irrefrenabile quello della Natura. E' primordiale, intenso, e.. permette di sentirsi sempre a casa: quella casa che amo con tutta me stessa! :)
      Grazie mille cara e ti abbraccio con tanto bene. Porterò il tuo bacio alla mia nonna, ne sarà molto felice! :)

      Elimina
  2. Bellissima questa ricetta ed il tuo post è pura poesia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vi ringrazio di cuore! Grazie per essere passate a trovarmi, siete le benvenute! Un abbraccio e ancora complimenti per la vostra panna cotta! :)

      Elimina
  3. ciao carissima Ely, eccomi in ritardissimo, starai già preparando un altro post a quest'ora.
    Ma che tenerezza la tua nonna, capisco perfettamente il valore dei suoi ricami e delle sue stoffe. Sono anni che continuo a spostare da una cantina all'altra, a casa mia tutte le cose di mia mamma. Non riesco a buttare niente nemmeno le sue lenzuola vecchie, un vero tormento per me che non ho posto abbastanza.
    Meravigliosa la tua crostata e meravigliose sono le tue foto con poesie.
    Piace tanto anche a me l'odore del fieno.
    un abbraccio tesoro
    p.s. mi piace sempre di più il tuo blog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che tenera sei Sabi.. oh, se ti posso capire. Tienile tutte le cose della tua mamma, tutte quante. Quelli sono tesori preziosi che non possono andare perduti: di stoffe ne ristamperanno sempre, prima o poi- ma quelle su cui hanno operato le mani calde della tua mamma.. mai. Sapessi quante cose (magari utili!) che ho accantonato o regalato per far posto solo a quelle 'firmate dal cuore', che non ci stavano più! :)
      Ero certa che ti piacesse l'odore del fieno..ti dedicherò il profumo dei campi questa sera, anche se sarà certo migliore da te :))
      Sei tu un vero tesoro, cara. Un bacio grossissimo

      Elimina
  4. Lo sapevo, che se tornavo indietro nei tuoi primi post avrei trovato altre meraviglie che mi erano "apparentemente" sfuggite!!!
    la ricetta è ok, ma la dedica alla dolce nonna è il tocco affettivo del post che mi ha commosso. I tuoi tessuti e i tuoi tessili avranno sempre un qualcosa di magico in più rispetto a qualsiasi preziosa stoffa acquistata in una fredda boutique modaiola....credimi! io ho un sacco di centri e lenzuola della nonna e non posso assolutamente farne a meno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avevo dubbi, amica mia.. che il tuo cuore in questo fosse simile al mio! :) Sono le firme del cuore quelle che contano.. sempre..! Ti abbraccio con immenso affetto, sei unica! :)

      Elimina