mercoledì 27 giugno 2012

Riso rosso integrale con fichi, salmone e.. la Casa del Miele!


<E ora chiedete a voi stessi: "Come distinguerò ciò che è buono nel piacere, da ciò che non è buono?". Andate per i campi e nei giardini, e imparerete che il piacere dell'ape è nel raccogliere il miele dal fiore, ma che anche il piacere del fiore è nel concedere all'ape il proprio miele. Perché un fiore per l'ape è una fonte di vita, e l'ape per il fiore un messaggero d'amore. E a tutti e due- ape e fiore- dare e ricevere piacere è un bisogno e un'estasi.
(...) siate nei vostri piaceri come i fiori e le api.>
(K. Gibran, Il Profeta)


Riso rosso integrale con fichi e salmone affumicato, in emulsione di aceto balsamico e miele d'Acacia

250 gr di riso rosso integrale Thai (Altromercato)
1 cipolla rossa di Tropea
100 gr di salmone affumicato
3 cucchiai di olio evo
2 cucchiai di aceto balsamico
1 cucchiaino di cannella in polvere
1 cucchiaino di zenzero in polvere
1 cucchiaino di miele d'Acacia (La Casa del Miele)
4 fichi freschi + 2 per eventuali decorazioni finali
prezzemolo q.b.
sale q.b.
mandorle a lamelle q.b.

Cuocere il riso rosso in acqua bollente, in cui avrete disciolto un cucchiaino di cannella in polvere, per circa 20 minuti. Provvedere a salare l'acqua solo 8/10 minuti prima di scolarlo. A scolatura avvenuta, bagnare il riso sotto acqua corrente fredda per fermarne la cottura.
Tagliare a fettine sottili la cipolla e metterla in una pentola antiaderente piuttosto larga, insieme ad un po' di acqua, sale e un cucchiaino d'olio. Una volta appassita, aggiungere del prezzemolo fresco tritato a piacere.
In una scodellina a parte unire lo zenzero, l'aceto balsamico, l'olio e il miele. Tagliare a cubetti i fichi e metterli a bagno nell'emulsione. A parte tagliare il salmone a listarelle sottili. 
A questo punto rovesciare il riso nella padella con la cipolla, mescolare a fuoco basso ed unire il salmone appena tagliato. Quando il tutto sarà sufficientemente amalgamato, spegnere il fuoco e aggiungere a freddo l'emulsione con i fichi (lavorare il miele a lungo sul fuoco provocherebbe infatti la perdita dei suoi principi nutritivi).
Disporre il riso in un piatto e a piacere guarnire con mandorle a lamelle e/o fichi tagliati a spicchi. 

E se volete conoscere la casa del 'mio miele'....

(La Casa del Miele, Fraz. Bioley- Valtournenche, AO)

<Tutti sono in grado di impugnare un pennello, ma pochi lo sanno usare per creare un capolavoro: per molti un pennello è solo un oggetto, per altri invece è uno strumento- che permette al vero artista di creare qualcosa di unico, passando prima per il suo cuore e poi dalle sue mani.>

La passione e la dedizione verso qualcosa in cui si crede è fondamentale, per ottenere qualcosa che difficilmente può essere dimenticato: Mirko Gastaldo Brac sa cosa significa. Il suo amore per l'apicoltura traspare in tutto ciò che produce, tra i monti e i boschi della Valtournenche. 
Nella Casa del Miele si è subito accolti in un'atmosfera calda, famigliare- mentre i prodotti fanno bella mostra di se su piccole mensole di legno: balsami labbra e saponi artigianali; creme per il viso e per le mani. Soprattutto, non è possibile non notare la grande varietà di miele prodotto dalle sue api: miele di Castagno, miele di Acacia, di Tiglio, di Millefiori; Melata di bosco e persino miele di Ailanto; Polline di castagno e poliflora, Pappa Reale fresca e diversi spray alla Propoli. 
Se per tanti il miele viene associato semplicemente a qualcosa di viscoso e zuccherino, questo può essere sicuramente definito come qualcosa di diverso: ogni qualità ha un sapore peculiare e distinto, in cui ogni profumo e ogni aroma viene esaltato, risultando perfettamente riconoscibile. Come un bouquet dalla consistenza cremosa e corposa, il composto riesce a mantenere anche la sua caratteristica acidità di fondo: è così che nel miele di Ailanto è possibile riconoscere ad esempio un netto sentore fruttato, d'uva e te alla pesca- per non parlare del delicatissimo aroma balsamico del miele di Tiglio. 
Sarà che io definisco questo nettare 'il mio oro', sarà che vivrei nutrendomi solo di questo -perchè in un certo senso posso dire che il miele mi ha salvato la vita. Ma se vi capita di visitare quella splendida Valle, vi consiglio di passare in questo piccolo luogo incantato. Mirko sarà felice di spiegarvi i segreti del miele e della sua produzione, con preparazione e tanta... tanta simpatia!

Non mi resta che augurarvi una buona notte e mandarvi un bacio!


14 commenti:

  1. Prima!!!
    ottima questa bella ricetta..unico neo..devo procurami il riso rosso da te usato...
    Poi mi scaravento in cucina!!
    E interessante anche il post che parla di questa azienda
    Un bacione e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah che dolce! :) Grazie! Spero proprio che lo troverai.. io l'ho trovato nel reparto etnico di un centro commerciale (se vuoi ti dico quale!) così non impazzirai per cercarlo! Un bacione grosso a te e buon mercoledì. Un abbraccio alla tua piccola stella :D

      Elimina
  2. Sembra davvero una valle incantata, senza tempo, in cui vorrei tanto perdermi. Tramette tanta pace quello scenario :)
    Il tuo riso speziatissimo e leggermente agrodolce mi ispira da matti, oltretutto il thai rosso non l'ho mai assaggiato e sono davvero curiosa. Appena arrivano i fichi anche qui è mio :) Un bacione tesoro, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Fede.. sapessi quanto è incantata.. io vorrei restarci per sempre. Credimi. Ogni volta andare via è una tortura!
      Quella varietà di riso l'ho vista sullo scaffale e subito dopo.. è comparsa nel mio carrello :D Provalo non è per niente male e poi- ti dirò- la cannella lo aromatizza in modo molto delicato! :)) Sui fichi sorrido perchè li ho cercati per terre e per mari tutto l'anno, quando volevo provare alcuni tuoi cake.. rassegnata... ed eccoli in negozio!! Assurdo!! :D
      Bacione a te stella cara. Smuackkk :)

      Elimina
  3. buongiorno cara, ma quanto splendore questo posto, mi ci perderei, anche a me piace tanto il miele.
    Sai che c'è un calabrone sulla mia lavanda ormai da giorni, praticamente quella pianta ormai è sua e non posso nemmeno avvicinarmi per innaffiarla.
    Quel riso rosso l'ho visto anche io ieri al supermercato ed ero indecisa se comperarlo, ma poi avendone già in casa non l'ho preso.
    Che ricetta insolita hai fatto, ma a me piacciono molto questi abbinamenti dolce-salato.
    Le foto sono bellissime.
    un bacione
    sabina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno tesorissima! Che dolce il tuo calabrone.. quando vedo che una creatura 'sceglie' una mia piantina non ho il coraggio nemmeno io di andare a disturbarla! Che caratterino deve avere... ;)
      Il miele è davvero il nettare a cui non posso rinunciare..
      Per il riso... compralo, compralo Sabi! :D Non te ne pentirai di certo! Anche se gli ingredienti possono sembrare contrastanti, non so perchè non risultano così marcati :) Grazie come sempre per la tua gentilezza.. ma non arriverò MAI a fare foto belle come le tue!!! :D Sei insuperabile cara!
      Bacione grosso, come sempre 'doppio' ;)

      Elimina
  4. Ciao, passavo per un saluto e...sul mio blog festeggio qualcosa di eccezionale! mi piacerebbe che le amiche e gli amici come te passassero!...Se vuoi puoi portare qualcuna delle tue prelibatezze! Ciao e buona giornata! ...non mancare e...ovviamente è invitato chiunque legga quest'invito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono già passata da te per fare gli auguri, ma.. non vuole proprio postarmi il commento, oggi! Sarà da mezzogiorno che provo! :( Speriamo di riuscire. Grazie e augurissimi ancora a tuo figlio! :)

      Elimina
  5. !Qué acogedora y cálida esta "casa de la miel"!. La variedad y surtido de las clases de miel hacen volar mi imaginación..!me encantaría estar ahí y degustar algunas de esas maravillas, como la miel de limón orgánico!.
    El entorno también es de una gran belleza, la naturaleza tan generosa siempre, ensancha mi alma y la llena de paz.
    La receta me parece deliciosa y tomo buena nota de ella Ely.
    Un abrazo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avevo visto questo tuo commento, Maria! Perdonami! :) Sono felice che ti piaccia, cara. Ti abbraccio forte e spero proverai a farla presto :) Un bacione!

      Elimina
  6. Ciao! io adoro il riso rosso integrale e non vedo l'ora di provare questa ricetta? secondo voi si può servire freddo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Anna, certamente, va molto a gusti :) L'importante è che non sia ghiacciata.. non per altro, è che qualsiasi alimento troppo freddo non permette di gustare appieno i sapori che un piatto sprigiona :)
      Ti mando un abbraccio e l'augurio per un buon appetito, vista l'ora :)

      Elimina
  7. ciao Ely. Che bello il tuo blog. Che belle foto. E che ricettine particolari. Questa è tra quelle che mi ha colpita e che proverò a rifare. Grazie per essere passata sul mio blog. Ti seguo più che volentieri!:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima! Rientro oggi da qualche giorno in vacanza... inutile dirti che ho preso più pioggia che sole!! :D Ti seguo anche io volentieri! Un bacio grande grande :)

      Elimina