venerdì 27 luglio 2012

Il fresco sorbetto di Kel Tamahaq


I suoi occhi lucidi e neri, incastonati come pietre in un viso dalla scura pelle algerina, si perdevano nell’immensa vastità delle tenui e impalpabili dune. 
Scrutavano attenti e saggi l’orizzonte, finché infine la videro: dopo lunghi giorni di viaggio, l’uomo arrivò finalmente ad Al-Mani’a, bisognoso di un ristoro. Le dita invisibili di un torrido vento muovevano la sua taguelmoust distrattamente,  mentre il silenzioso Tuareg si avvicinava sempre di più alla sua oasi. Poteva sentire il bollore della sabbia sotto i suoi sandali ormai consumati, la fatica pervadere le sue membra. 
Si accostò ad un’altissima palma e lì legò il suo cammello, compagno di tanto peregrinare. Portò un braccio alla fronte, per asciugarsi il sudore: mentre passava la lingua sulla bocca, capì che le sue labbra secche avevano bisogno di essere al più presto reidratate. La sete era tanta, ma la stanchezza vinse su tutto: chiuse gli occhi, all’ombra dell’albero, per riposarsi un po’. Non passò però molto tempo prima che qualcuno, con le sue grida, lo svegliasse: un ragazzino, con una grossa giara piena d’acqua, gli si avvicinò correndo dal fondo di una vecchia casa con la porta dipinta di rosso.
<Argaz!> gridò ripetutamente <Kel tamahaq!>
Il Tuareg si alzò e lo salutò, inchinandosi, quando gli fu abbastanza vicino da poterlo sentire distintamente: <Azul, mio piccolo amico>.
<Porto acqua, acqua.. aman! Vuoi?> sospirò affannato <Se tu mi dai qualcosa io ti do l’acqua che cerchi>
L’uomo sorrise e si voltò ancora assonnato verso le bisacce legate al suo fedele animale.
<Fammi un po’ vedere, piccolo mercante> disse, rovistando distrattamente per qualche istante.
Poi, ne estrasse qualcosa.
<Che ne dici di questo bellissimo vasetto? E’ di valore sai?> propose sbadigliando.
Il ragazzino lo prese tra le mani, lo osservò e poi scosse la testa, restituendoglielo: <E’ vuoto, Kel tamahaq. Io che me ne faccio? Come puoi dire che questo abbia valore?>
Il Tuareg si avvicinò al ragazzo e lo guardò dritto negli occhi: <Credi anche tu, come tutti, che non abbia valore? Invece ne ha, almeno per un pover’uomo come me.>
<Ma non vedi che è anche vecchio? Cosa lo tieni a fare? Non lo vorrà mai nessuno!> protestò il ragazzo stringendosi nelle spalle, deluso dallo scambio proposto.
<Lo tengo perché è importante: mi ha insegnato qualcosa di prezioso, che volevo condividere con te. Ma se non lo vuoi…>
Il Tuareg fece per mettere via il vasetto, ma il giovane incuriosito lo fermò: <Cosa ti avrebbe insegnato, Kel tamahaq?>
<Mi ha ricordato che non sono una delle tante giare vuote che popolano la terra> disse <Vedi, tante persone lo divengono, perché si convincono di esserlo. Essere vuoti è più semplice, non da pensieri. Rende leggeri.>
L’uomo guardò la mano del giovane, stretta attorno al suo contenitore d’acqua, e continuò: <Essere un vaso e trattenere dell’acqua fresca comporta delle responsabilità, che molti non vogliono avere: è necessario stare attenti, perché il sole non la prosciughi o perché la pioggia non la faccia trasbordare. Comporta la capacità di sapersi muovere su terreni incerti rischiando di versarla o di perderne gocce preziose. Sarebbe tanto facile rovesciarla, non pensarci più e procedere come tutti i vasi privi di peso. Ma vedo che a te importa molto conservarla. E non parlo solo di quella che hai nel tuo vaso: per te è merce preziosa e sai quanto conta, per chi vive nel deserto. Potrebbe capitarti di non volerla contenere, potresti convincerti persino di non essere mai stato pieno di nulla, preso da un impeto di stanchezza e calore insopportabile. Ma ti prenderesti soltanto in giro. Non devi mai offendere la vita, devi valorizzarti: con tutto ciò che questo comporta. Una giara piena d’acqua fresca si rende conto soltanto cadendo… di ciò che ha lasciato che venisse irrimediabilmente versato.>
Si fermò un istante e poi, sfinito, riprese: <Ora ti prego, dimmi cosa desideri, ma dammi da bere: sono molto assetato.>
Il ragazzino lo guardò intensamente: <Vorrei avere la tua piccola e vecchia giara, ma non me la sento di portartela via> disse. Poi porse all’uomo il vaso dell’acqua: <Non c’è null’altro che potrei volere, adesso. Sei stato generoso. Prendi, Kel tamahaq: dissetati, fino a che ne vorrai, signore del deserto>. 



Il fresco sorbetto di Kel Tamahaq

1 kg ca. di melone giallo (polpa bianca) 
200 ml di prosecco
1 cucchiaio abbondante di miele di Ailanto (La casa del miele)
6/7 cime fresche di timo arancio
200 ml di acqua
90 gr di zucchero semolato
succo di limone q.b.

In un pentolino fate sciogliere lo zucchero nell'acqua. Tagliate a pezzetti il melone dopo averlo ben pulito e irroratelo con succo di limone. Frullate il tutto insieme all'acqua zuccherata aggiungendo il timo arancio, il prosecco e il miele. Una volta che il composto sarà ben amalgamato, trasferite nella gelatiera (se l'avete) oppure seguite il solito procedimento (che ho usato anche io): mettere il sorbetto in un contenitore nel freezer e avere cura di rigirarlo ogni ora per 4/5 volte! Dovrebbe proprio cacciare la sete... parola di Tuareg!

...magari tra qualche giorno metterò anche qualche fotografia del mio breve viaggio. Sebbene abbia piovuto abbastanza (poteva essere altrimenti?!) molti sono stati i luoghi che mi hanno riempito il cuore, come ogni anno. Condividerò volentieri con voi, se vorrete, quanto ho potuto ascoltare con l'anima. 
Sono ancora in fase di assestamento, ma.. tra un paio di giorni tornerò subitissimo a postare a pieno regime! :) 

Un abbraccio e felice week end!

46 commenti:

  1. Che bel racconto!!!! quanto mi piacciono i tuoi post Ely te l'ho già detto??? Ottimo il sorbetto.. ho bisogno di dissetarmi anche io.. smack e buon w.e. .-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che tenera sei. :) Grazie di cuore! Prendine un po' cara Claudia, te lo servo volentieri! Con un augurio per un fine settimana bellissimo!

      Elimina
  2. Mi sento tanto una giara vuota ma tutt'altro che leggera! Sarei più leggera se fossi piena ne sono sicura! Uso pochissimo il melone a polpa bianca, lo associo non so perchè all'inverno e d'inverno non lo compro perchè mi sembra fuori stagione. Quando si dice essere coerenti! Dev'essere davvero buono quel sorbetto :) Un bacione grande tesoro, buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna distinguere cosa si intende per 'leggerezza', Fede cara. La leggerezza di una giara vuota è la superficialità, non certo la spensieratezza! :) La spensieratezza di una giara piena è ovvia, un trofeo dopo aver lottato per conservare il proprio contenuto nonostante le difficoltà: ed è una leggerezza positiva. :) Ciò che tu provi non è 'vuoto', perchè superficiale non lo sei.. bensì tristezza e confusione. Quando sono partita mi sentivo come te: tutt'ora mi sento come te. Ma dopo aver parlato ai girasoli, ho capito molto: spetta a me, solo a me, la decisione di cosa fare del mio malessere. Ne parlerò, intanto ti abbraccio e ti dico: forza! Forza cara! Non è mai facile e ci sto passando... e oggi sai che devi fare? Esci e prenditi un bel melone bianco, goditelo tutto e dimentica l'inverno! :) Buon fine settimana a te, un bacione!

      Elimina
  3. Fresco e buono! ottima idea per il we caldo... ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Spero lo proverai! :) Un abbraccione!

      Elimina
  4. sicuramente dissentante! mi sembra ottimo! Non vedo l'ora di leggere del tuo viaggio. Ti ho messa tra i miei blog preferiti sulla mia pagina, quindi tengo d'occhio gli aggiornamenti!:-) a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria Luisa! Faccio lo stesso perchè anche il tuo spazio è proprio piacevole da visitare! A prestissimo! E buon fine settimana :)

      Elimina
  5. Ti ho scoperta da poco ma non ti lascio più!!!! Adoro ciò che scrivi , lo leggo avidamente e poi rifletto.... Anche io sono ancora una giara vuota ma vorrei essere di più ...
    Cara il tuo sorbetto e' una cascata di freschezza e profumi:)
    Un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un vero piacere per me averti qui, Ombretta! E sapere che ci vieni volentieri è una gioia. Io sono convinta che tu sia già una giara piena e forse non te ne accorgi ancora: hai grandi potenzialità per essere tutto ciò che desideri. Non lasciare che niente al mondo ti scoraggi, il tuo è un contenuto troppo prezioso per essere versato! :)
      Un abbraccio grande anche a te, carissima!

      Elimina
  6. Sono sempre carinissime le tue storie Ely! E questo sorbetto?! Freschissimo e da provare! :)
    Buona giornata!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, Nelly! Spero davvero che te lo gusterai con soddisfazione, cara! Buon venerdì a te! :)

      Elimina
  7. Bentornata piccola grande, dolcissima Ely, è stato un vero peccato non esserci potute incontrare... e mi dispiace che la mia terra ti abbia riservato tutta quell'acqua, ma invece devo dirti grazie di averla portata, darà bere alle piante, alle radici degli alberi, alla terra riarsa dal sole così come è stato dato da bere al tuareg. Così come avrei bisogno di rinfrescarmi l'animo con il tuo sorbetto e sentirmi, ogni tanto, più leggera.
    Ti stringo, eri così vicina a me che ho potuto sentire il tuo abbraccio in questi giorni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quell'abbraccio c'era tutto cara Celeste.. :) E lo tengo qui per te, perchè sono certa che prestissimo rimedieremo! Vieni, dolcissima, siedi qui accanto a me che ne prendiamo un po' insieme, guardiamo il cielo sereno e spicchiamo un grande volo! Se ci piacerà volare non scenderemo più! Ti mando un bacione enorme, a te e a Nebbia. :)

      Elimina
  8. Alla parola di tuareg non possiamo che crederci in pieno! Cara Ely, ci sei mancata un po' in questi giorni ma con un ritorno così, hai colmato ogni vuoto :)
    Bellissima questa storia grazie al quale il sorbetto ha assunto ancora piu gusto !
    Ora sono curiosa di leggere qualche tuo racconto del viaggetto ^^
    Un abbraccio carissimo
    Vaty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, carissima! :) Davvero.. e spero presto di poter raccontare le piccole grandi storie che il cielo e il vento mi hanno raccontato! Intanto sappi che ricambio l'abbraccione!

      Elimina
  9. cara Ely, davvero le tue parole sanno portare così lontano, ma è solo un'illsione per ché questo "lontano" è invee vicinissimo, è all'interno invece che laggiù dove sembra. Hai un grande dono... il saper dissetare, e intendo non solo con questo magnifico sorbetto
    un abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei troppo buona, Cinzia. E' che forse, dentro di noi, ogni luogo è vicino o lontano... ma abbiamo la facoltà di viaggiare alla velocità della luce nel nostro personale universo. Spesso si cercano risposte che sono già dentro di noi, in fondo. Un bacione grande e un abbraccio forte a te, cara. :)

      Elimina
  10. Che bel modo hai di raccontare le tue storie...e di presentare le tue ricette! Complimenti!
    ciao lieta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lieta. Un felicissimo fine settimana, tutto per te :)

      Elimina
  11. Una bella storia e una ricetta anti caldo... cosa volere di più?!
    ... aspettiamo le fotografie del viaggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, ne metterò qualcuna al più presto! :) Un bacio grande grande! :)

      Elimina
  12. Hai un dono speciale per scrivere, raccontare e far riflettere
    Aspetto di vedere le foto del tuo viaggio...
    A presto, Claudette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei gentile, Claudette. Non so se è un dono come dici, non mi sono mai sentita speciale sai? Forse solo 'diversa'. Ma non sai la gioia che mi da il poter condividere un po' del mio cuore con un sorriso: perchè so cosa significa quando questo manca :) A presto e ti lascio un abbraccio sincero :)

      Elimina
  13. Cara Ely, bentornata! :) Che bello questo racconto, bello come tutti quelli che pubblichi e che mi fanno riflettere e mi arricchiscono tanto, grazie :) Aspetto le foto del tuo viaggio! :) Questo sorbetto deve essere veramente buono, io adoro il melone a polpa bianca, ne mangerei quintali eheheheh :D quindi segno subito la ricetta e la salvo nei preferiti! Bravissima! :) Ti abbraccio forte forte e ti auguro uno splendido fine settimana, un bacione! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Segna, stella Vale! E fammi sapere se ti piace! :D Io prendevo sempre quello a polpa arancione e poi.. per caso ho assaggiato quello bianco in una macedonia: non pensavo fosse così fresco! Ti ringrazio tanto e ricambio il tuo abbraccione: buon fine settimana a te, carissima, di cuore! :)

      Elimina
  14. Ciao, non vedo l'ora di vedere come saprai ben raccontarci il tuo viaggio in Toscana!!! E sì hai proprio il dono di saper ben scrivere, non solo belle parole, ma riesci a trasmettere sentimento e forti sensazioni....
    Non ho mai preso il melone giallo, ma lo proverò, mi hai messo curiosità e poi sicuramente proverò questo invitante e fresco sorbetto!!!
    Baci e buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, Lauretta! Se mi ci fai una granita buona come quella di oggi... direi che te ne regalo io quattro o cinque! :) Era davvero un inno al sapore estivo e zuccherino dell'anguria! Tanti bacioni a te, per un fine settimana splendido! :)

      Elimina
  15. Bentornata cara Ely!!!! grazie per averci portatoun bel sorbetto fresco e come sempre un bel racconto.
    Aspetto di vedere le foto di quei posti incantevoli che avrai visitato
    Baci e buon w.e.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, dolce Ondina! Farò prima che posso! Intanto un bacione grossissimo per un weekend meraviglioso! :)

      Elimina
  16. Ciao carissima Ely!!!! Ritemprante e terapeutica lettura!!!!!!!!! :)
    ..mi ci voleva proprio!!!!
    Elegantissimo il tuo sorbetto, veramente una bella e fresca idea!!!!
    Un bacione grande e felicissimo fine settimana!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un felicissimo fine settimana a te, carissima Lory! Un augurio perchè sia pieno di luce e di bei momenti con chi ami! :) Ti abbraccio forte forte! :)

      Elimina
  17. look so tasty . really appealing in my country that's really hot :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Try it, my friend! :) Have a nice day! :D Kisses!

      Elimina
  18. Ciao Cara..tu torni..io vado..e porto con me questo tuo bel racconto che aiuta
    a riflettere come sempre!!
    ottimo e fresco sorbetto!!
    un abbraccio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Enza! Buone vacanze, carissima! Rilassati e riposati.. così di ritorno ci delizierai ancora con i tuoi bei piattini! Ti abbraccio forte forte!! :D

      Elimina
  19. Come sempre è un gran piacere leggere l'incipit si ogni post...ogni volta una bella sorpresa come questo sorbetto davvero particolare!!
    Appena vedo un melone giallo tento di farlo!!
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe un piacere per me se lo facessi, dolce Grazia! :) Ti mando un bacione pieno di bene! :)

      Elimina
  20. ottimo il sorbetto per un post pranzo e cena !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Saretta! Anche se qui non fa caldissimo adesso (c'è un temporale indicibile!).. un sorbetto è sempre gradito! Baci!

      Elimina
  21. Ultimamente preparo spesso i sorbetti per il loro potere dissetante che appaga e soddisfa in leggerezza :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ti do ragione! E' un modo per dissetarsi regalandosi un tocco di più di gusto! :D Un bacione e serena notte, Milena! :)

      Elimina
  22. La saggezza dei popoli del deserto è preziosa...e il sorbetto sembra proprio fresco e dissetante!
    Bravissima Ely, riesci a pensare e a rappresentare tante realtà diverse!
    Sono curiosa di vedere qualche foto della Toscana!
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne vedrai presto, cara Gre! :D Un bacione e una domenica meravigliosa! :)

      Elimina
  23. Mhhhh infinita freschezza da bere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Serviti pure, cara Francesca! :) Un bacio grande! :)

      Elimina