martedì 25 settembre 2012

Crespelle al farro integrale con soia e ricotta di capra, basilico, ribes rosso e panna d'avena


Una pioggia intensa e scrosciante cadeva ormai da qualche ora. 
Grosse gocce cristalline rigavano i vetri delle finestre come fossero lacrime su un viso triste: silenziose, rassegnate e malinconiche, scendevano lentamente verso il basso abbandonandosi ai più insondabili ricordi. 
Nuvole scure e cariche di acqua donavano al cielo un tono grigio e minaccioso, tra lampi e rombi lontani; un vento intenso e frizzante agitava le cime degli alberi e faceva tremare le foglie, che si staccavano in gran quantità dai rami come strappate con violenza da mani invisibili e rabbiose: pareva quasi che un folle volesse sovvertire ogni sorta di ordine apparente, agitando e gettando all’aria qualsiasi cosa trovasse sul suo cammino, gridando senza voce nel caos di una tempesta. 
Seduto sul divano, Riccardo ascoltava distratto il lamento del vento, avvolto in una calda coperta dai toni pallidi.
Osservava con occhi vacui fuori dalla finestra, con un grosso libro aperto sulle ginocchia: per quanto cercasse di concentrarsi, qualche pensiero lo rapiva sempre portandolo lontano da quelle pagine che avrebbe dovuto studiare. 
Troppe preoccupazioni, troppa angoscia, troppi eventi lo avevano destabilizzato negli ultimi tempi e non riusciva più a ritrovare se stesso. Non aveva più forza di inseguire i suoi obiettivi, né i suoi desideri; non aveva coraggio né energia per affrontare niente. Si sentiva come spento e inghiottito da un vortice cupo e profondo: non importava dove cercasse di nascondersi o scappare, l’inquietudine lo inseguiva sempre. 
Era già notte fonda e quel silenzio pareva maggiormente carico di voci, come se la confusione nella sua testa avesse trovato modo di farsi sentire, agevolata dall’assenza totale di rumore. 
<Sei ancora sveglio?>
Una voce flebile e carica d’amore lo destò dal lungo torpore.
<Nonno> disse il ragazzo, sobbalzando <Pensavo dormissi! Si, io sto cercando di studiare ma non riesco a concentrarmi...>
<Lo credo bene, con la tempesta che c’è fuori. Però speravo che la tranquillità della campagna ti avrebbe aiutato, sai?>
<Lo credevo anche io, purtroppo. Invece sembra che tutto ciò da cui voglio scappare mi insegua!> disse Riccardo, stizzito.
Poi sospirò e sfogliò nervosamente il libro sotto ai suoi occhi: pareva che le pagine che lo separavano dal meritato riposo crescessero di numero ad ogni suo tentativo di apprendere qualcosa. 
L’anziano lo osservò un poco, tenendo un fresco bicchiere d’acqua tra le mani. Poi sorrise paterno e si accomodò accanto a lui, sul morbido divano di velluto color ruggine. 
<Mi sembra proprio che tu sia uscito da quella tempesta che c’è fuori> gli disse, accarezzandogli la fronte.
Il ragazzo restò un attimo in silenzio, poi annuì: <Credo che tu abbia ragione, nonno. Mi sento proprio nel vortice di un ciclone: più cerco di calmarmi più ogni cosa che accade attorno a me mi risucchia, mi destabilizza, mi confonde. Non trovo pace, né calma, né forza per ritrovare me e la mia strada.>
<Forse è proprio così: dovresti capire che è solo da te stesso che devi ripartire, senza lasciare che tutto ciò che hai attorno ti destabilizzi. E’ la tua dimensione che devi ritrovare. E sono certo che ce la farai: devi solo imparare come; devi solamente carpire da questi istanti spunti e insegnamenti giusti, affinchè tu possa sentirti 'pronto'.>
<Pronto?> chiese scettico il nipote <E come faccio a sapere quando sarò 'pronto'?>
<Lo sarai quando avrai acquisito la facoltà di raggiungere il centro di quel ciclone che ti sta inglobando. Lì tutto sarà immobile e nulla di ciò che girerà vorticosamente attorno a te potrà scalfirti in nessun modo. Allora capirai: nessuna ansia, nessun evento preoccupante, nessuna disperazione potrà risucchiarti in un vortice confuso e destabilizzante; sarai in possesso della calma necessaria e soprattutto di te stesso. Sarai padrone delle tue azioni tanto da saper affrontare il tornado che ti circonda, fino a che non ti oltrepasserà ulteriormente senza trascinarti con se. Quel centro è uno stato dell’anima, una capacità che si può acquisire solamente dopo aver conosciuto cosa sia un ciclone, dopo averne patito, dopo aver perso qualcosa a causa sua e dopo aver subito il suo violento attacco. Non potresti affrontarlo e vincerlo se lui non ti avesse mai sconfitto. Non potresti affrontarlo e placarlo se non avessi mai misurato la sua forza. E anche la tua.>
Il vecchio signore strizzò l’occhiolino: <Spesso tutto ciò che ci trascina in un tornado non fa parte di noi ma delle preoccupazioni che ci assalgono, delle ansie e delle vicende che ci legano agli altri. E’ come se gli altri divenissero il riflesso delle nostre sconfitte, dei nostri insuccessi, della nostra tristezza e del nostro dolore: leggiamo noi stessi in base alla realtà a volte opprimente che ci circonda, non attraverso le nostre forze e le nostre reali facoltà! Ciò ci impedisce di realizzare quali siano le cose davvero pertinenti a noi stessi e ai nostri sogni: ci impedisce di trovare l’equilibrio necessario per gestire le nostre emozioni in armonia con quelle altrui, senza che una di queste prevarichi l’altra. Ragazzo mio, l’unica cosa che devi fare è credere in te, chiudere gli occhi e fare un grosso respiro: immagina di essere al centro del tornado e ritrova chi sei. In quell'immobilità troverai le tue radici, la tua lucidità, la capacità di gestire il vortice attorno a te con saggezza e obiettività.>
Riccardo osservò il nonno con un nuovo bagliore sul viso. Chiuse il volume e lo abbracciò forte, fino a sentirne i battiti del cuore.
<Credo che tu sia parte del mio centro, nonno. Ora c’è solo la tua voce. E credo proprio che inizierò da te, da questo cuore buono che confonde i suoi battiti coi miei>.


<La tempesta è capace di disperdere i fiori ma non è in grado di danneggiare i semi.>
(K. Gibran)

Crespelle al farro integrale con soia e ricotta di capra, basilico, ribes rosso e panna d'avena

Per le crespelle
250 gr di farina di farro integrale (Antico Molino Rosso)
500 ml di latte di soia (Isola Bio)
3 uova
50 gr di margarina 100% vegetale (Vallè Naturalmente)
1 pizzico di sale

Per il ripieno 
250 gr di ricotta di capra
2 cucchiai di miele di Melata di Bosco (La Casa del Miele)
pepe q.b.
sale q.b.
foglie fresche di basilico q.b.

250 ml di panna d'avena (The Bridge, Bio Organic)
1/2 cucchiai d'olio evo
Ribes rosso per decorare q.b.


Preparare l'impasto per le crespelle. In una ciotola capiente mescolare la farina di farro, il latte di soia e il sale. Frullare bene fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Sciogliere la margarina e aggiungerla lentamente al composto, unendo infine le uova dopo averle ben sbattute a parte. Coprire la ciotola con pellicola per alimenti e lasciare riposare in frigo per almeno 30 minuti.
Passato il tempo di riposo, prendere una padella antiaderente piuttosto larga e bassa. Passare un velo di margarina sul fondo della stessa e riscaldarla. Con l'aiuto di un mestolo, rovesciare dell'impasto nella padella e cuocere una dopo l'altra le crespelle. Con questa dose ne verranno circa 12/14.
Metterle da parte e preparare il ripieno: in una scodella unire la ricotta, il miele, un po' di sale e di pepe. Distribuire un cucchiaino di composto in ogni crespella, aggiungendo delle foglie di basilico fresco a piacere (io ne ho messe tre grandi per ogni crespella) e richiuderla piegandola in quattro.
Distribuire in una pirofila da forno le crespelle così preparate, fino ad esaurimento.
In un pentolino scaldare la panna d'avena con uno o due cucchiai d'olio evo. Distribuirla uniformemente nella pirofila e infornare per circa 8/10 min. a 180°C.
Distribuire le crespelle calde nel piatto e servire con del ribes rosso fresco. 
E' una ricetta semplice, in fondo, ma molto delicata e sana.
A mio papà sono piaciute molto e le ha trovate fresche e leggere! :) 

Sebbene qui piova e il tempo sia decisamente freschino e grigio, vi mando un abbraccio pieno di calore e vi auguro un bellissimo inizio di settimana! :)
Buongiorno!

138 commenti:

  1. Che meraviglia questo piatto, un tocco di sole e colore in questa giornata uggiosa e triste.
    Buon inizio settimana!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima Simo! Un bacio grande e buon lunedì :)

      Elimina
  2. Un piatto davvero stupendo! complimenti Io adoro le fotografie fatte in questo modo, non ci riusciro' mai.....................

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tiziana, sei molto gentile! Sei già così brava, invece: io trovo le tue fotografie sempre molto, molto belle! :D Ti abbraccio e un buon inizio di settimana! :)

      Elimina
  3. Che belle e invitanti queste crespelle! Non male a decorarle con la frutta.
    Buona settimana ...ciao !
    P.S
    Quanto è saggio Gibran!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, come hai ragione! Gibran è sempre tanto, tanto saggio, cara Nico! :) Una buona settimana a te, di tutto cuore! :)

      Elimina
  4. Che bel post e che ricetta magnifica! Adoro le crespelle e le tue sono molto appetitose e ben presentate, brava! E' stato un piacere passare da te, ti seguo e se ti va passa da me, mi farà piacere! A presto...Molly

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con molto piacere, Molly! :) Grazie per la tua visita e benvenuta! Un abbraccio!

      Elimina
  5. Buondi' dolce Ely..intanto voglio ringraziarti per esere sempre tanto carina
    nei miei confronti..Grazie di cuore!!
    i miei complimenti oltre per ricetta e racconto... per queste foto..
    sono bellissime!!
    Buona settimana a te!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo davvero che tu sia una persona meravigliosa Enza.. ed è il minimo regalarti tanto affetto! :) Grazie di cuore come sempre, cara. Che sia una settimana piena di belle cose! :) Bacioni!

      Elimina
  6. Ciao Ely! Ma che bel testo... Non mi ero mai soffermata a leggere. Scrivi benissimo! È deliziose crespelle! Adesso tornò idietro nei post per leggere tutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio carissima Vale! Proprio tanto! :) Ti abbraccio forte, augurandoti una splendida giornata :)

      Elimina
  7. Che belle parole cara Ely mi fanno tornare in mente la mia adolescenza quando dormivo in stanza con la mia nonna che da poco non c' e' piu'. I piu bei ricordi della mia vita. Ricetta deliziosa e foto bellissime. Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Veronica, sono felice di averti portato indietro tra ricordi molto cari. Mi dispiace invece per la tua nonna: immagino il dolore, ma una cosa.. seppur dolorosa.. l'ho imparata. Finchè la ricorderai, finchè l'amerai.. resterà sempre con te. Non se ne andrà mai. Baci grandi :)

      Elimina
  8. ciao tesoro,
    sai che la panna d'avena mi era del tutto sconosciuta.....mamma mia che bontà che hai preparato, è una delizia anche per gli occhi.
    Leggendo il tuo racconto ti dico che il passo più difficile sia proprio imparare a trovare il proprio equilibrio, ma quando hai imparato tutto diventa più facile.
    buon inizio settimana mia cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesorina mia! Eh sì, è proprio quel passo che è tanto difficile da fare ad essere il più importante: non ci si giunge subito, ma solo dopo aver sentito d'essere 'pronti'. La strada è lunga ma possibile, stella.. ogni giorno, con tanta pazienza.. fino ad arrivare al cuore di noi stessi e di ciò che ci riguarda davvero. E poi ...speriamo bene! :)
      Delizie queste?! Io sto ancora fantasticando sui tuoi croque!! Che cosa paradisiaca!!! Un abbraccio con affetto immenso! :) Buon lunedì :)

      Elimina
  9. Delle crespelle davvero invitanti mia cara...chiedono solo di essere mangiate!
    Foto favolose!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima! :) Un abbraccio grande a te! :)

      Elimina
  10. Ciao Ely, che bel racconto!
    Però non ci vengo più di mattina da te, perché mi commuovo ed i miei colleghi mi guardano come fossi una cretina!
    E' difficile stare al centro del ciclone, a volte basta sbilanciarsi leggermente per perderlo, per fortuna però abbiamo dei punti di riferimento che dolcemente ci aiutano a ritrovarlo.
    Bella la ricetta, e la panna d'avena? mai provata mia cara? Ma provvederò per testarla al più presto!
    Ora vado al leggermi il vecchio post perché mi sa che me lo sono persa...e non và mica bene eh!
    Baci cara.
    A presto.
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che tenera sei! :) E' vero.. è un equilibrio molto precario quello del centro, ma bisognerebbe cercare di tenerlo vicino.. aiutati dalle persone che ci amano realmente. Perchè spesso ci si perde in milioni di vicende, di questioni e di giudizi.. che ci sentiamo addosso come parte di noi, mentre sono solo il riflesso di ciò che ci sta attorno. :) La panna d'avena è buona, non credevo sai? E' delicata e corposa :) Un bacione grande a te, Alice! :)

      Elimina
  11. Buongiorno cara Ely :) Il racconto è una gemma preziosa che come sempre tu ci regali con tanto amore ed io per questo ti ringrazio, i tuoi scritti sono davvero uno più bello dell'altro :) Che dire di queste crespelle, devono essere squisite e poi sono bellissime! Brava tesorina! Voglio provare la panna d'avena, mi hai incuriosita! Penso che nel mio prossimo giretto al negozio biologico la prenderò! ;) Un bacio grande e buon inizio settimana! :) :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prendila dolce Vale! Sono certa che non te ne pentirai! All'inizio ero scettica poi invece ha reso le crespelle leggere e cremose! :) Un abbraccio pieno di affetto e un lunedì stupendo come te, cara! :)

      Elimina
  12. Ciao Ely, complimenti per il blog, per quello che realizzi, e per gli scatti che immortali queste pietanze davvero "deliziose".
    Mi sarebbe piaciuto diventare una tua lettrice, ma non trovo il pulsante per fare ciò :(
    Buon lunedì.
    Antonella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonella! Benvenuta e grazie per la visita! :) Se vuoi aggiungerti ai miei lettori il pulsante è sotto la lista dei blog che seguo! :) Buon lunedì a te, carissima! :)

      Elimina
  13. sarò ripetitiva ma devo dire che le tue parole ma anche le tue immagini arrivano al cuore.
    Non è tantissimo che ho un blog di cucina ma troppo spesso inciampo in ricette o foto strabilianti ma che rimangono sullo schermo e basta.
    Le tue arrivano dirette sulla mia tavola.
    Non so se sono riuscita a rendere l'idea.
    Un abbraccio e buona settimana!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre carinissima, Babe! Grazie, grazie davvero. Spero che con le mie ricette ti arrivi in tavola anche tanto bene, che ti mando in questo momento per accompagnarti tutta la giornata!
      p.s. adoro i tuoi friggitelli :P

      Elimina
  14. MI piacciono molto i tuoi racconti. C'è tanta verità nell'ultima frase di Gibran.
    Spesso però lo si dimentica.
    Ottime le tue crespelle, proverò ad adattarle alla versione gf.
    Un abbraccio, Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe meraviglioso Manu! Basta che metti un po' di farina di riso e il gioco è fatto :) Io avevo solo quella di farro integrale in casa e ho cercato d'usarla! :) Un abbraccio forte forte. :)

      Elimina
  15. Ely!! tu prima o poi devi pubblicare un libro "specialità di penna e di frusta" (che detto così pare ambiguo, ma se si gioca sull'ambiguità di questo periodo, spt in tema di fruste!!! iihihih, perdona il momento idiota!).
    Bravissima come sempre!
    Buon Lunedì omonima!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah! Eliiii, ahahahah! Mi hai fatto andare di traverso il succo di frutta!! :D Sei fortissima..!
      Che bello sarebbe.. però mi accontento anche solo di dare tanto affetto a chi passa di qui, vista la società che lascia ben poco spazio a sogni di questo genere! :D
      Ti abbraccio, dolcissima! :) Buon lunedì di cuore!

      Elimina
  16. Anche qui giornata grigia e piovosa!!
    Prendo il tuo abbraccio pieno di calore e contraccambio di cuore!!
    Non sai cosa darei per poter abbracciare la mia nonnina che da qualche anno non è più qui con me!! Splendido racconto... e le crespelle??? Favolose, con quel tocco in più, solo tuo!!!!!
    Bacioni tantissimi!!!!!!! Felice settimana!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco..ogni tanto mi prende un grande sconforto, Lory. Perchè vorrei tanto che il nonno fosse qui e invece non posso più abbracciarlo. Allora chiudo gli occhi e penso ad uno degli abbracci che gli ho dato quando mi era accanto: cerco di immaginarmi ancora il suo calore, la sua voce e il suo profumo. E lo ritrovo, seppur con qualche lacrima. Mi viene vicino. Grazie stella.. come sempre sei tanto cara! Ricambio tutti i tuoi bacioni :) Buon lunedì! :)

      Elimina
  17. queste crespelle mettono l'acquolina solo a guardare!!!!!buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, Fede cara! Detto da te, poi.. lo apprezzo molto :) Una buona settimana a te :)

      Elimina
  18. Buongiorno e buona settimana anche a te cara Ely! come sempre un racconto bellissimo e delle crespelle che sono una meraviglia solo da guardare figuriamoci al palato!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, dolce Romy! Un abbraccio proprio forte a te, perchè il sole non ti lasci mai! :) Bacioni!

      Elimina
  19. Wow Ely.. bellissimo anche questo di racconto.. quanti insegnamenti di vita in ogni tuo post!! Ottime le tue crespelle... baci carissima.. ti auguro una splendida giornata!!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A te, carissima Claudietta! :) Che sia piena di sorrisi e di bei momenti passati con coloro che ami. Ti abbraccio forte e grazie! :)

      Elimina
  20. Quanto è vero quello che scrivi, Ely!
    Tante volte ci sentiamo sballottati qua e là da un uragano di avvenimenti che ci travolge. E tante volte non è colpa nostra, ma sono fattori esterni che ci influenzano. In quei momenti bisogna mettere tutto a tacere, prendersi il proprio tempo e pensare solo a sé, a quello che ci fa star bene. Tipo le crespelle che hai cucinato, che mettono fame solo a guardarle! ;)
    Un bacione, cara!
    Buona settimana anche a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, stella! :) Proprio così, partire da se per ritrovare l'equilibrio.. perchè non è la vita degli altri a fare la nostra. Ognuno ha il suo percorso, la sua strada, il suo personale modo di arrivare alle stelle :) Un bacione e te! :) Proprio forte.

      Elimina
  21. Anche da me cielo nuvoloso con pioggerellina. Fantastiche le tue crespelle, ho la farina di farro in casa, segno la ricetta e la provo quanto prima. Un abbraccio, buona settimana Daniela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarò contenta se le proverai e spero ti piaceranno! :) Qui ha iniziato a piovere molto.. spero che le nuvole si diradino presto, uff.. Un abbraccio a te, Dani :)

      Elimina
  22. Nostalgia di un rapporto mai nato e quindi mai vissuto...i miei nonni....ne sento la mancanza e mi spiace che anche le mie figlie non possano assaporare i frutti di quel rapporto unico e insostituibile.bella la descrizione del centro del ciclone,dove tutto è immobile.....Ely,ma una raccolta di tutto ciò?Quello che scrivi è un memorandum al quale io personalmente avrei bisogno di ricorrere spesso,per ritrovare la strada.Ti voglio bene stella mia.
    Il piatto non te lo commento.Le mie mani mai sarebbero capaci di fare una cosa del genere ^_^
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima.. se solo potessi ti regalerei davvero quegli istanti che non hai mai potuto vivere, da condividere con le tue figlie. A me manca molto il nonno e non passa giorno che non ricordi chiara la sua voce, il suo camminare così particolare e la sua bicicletta blu, con la quale andava ovunque.. Farò un memorandum tutto per te, dolce Monica. :) Anche io te ne voglio e.. sono certa che le tue manine saprebbero fare anche di meglio ;) Un bacio col cuore!

      Elimina
  23. Ely è bellissimo quello che hai scritto... proprio com'è successo a me! Sono partita da me stessa per ritrovarmi e da quando l'ho fatto il mondo mi sembra diverso, poiché sono io che lo guardo con occhi diversi. Tutto è bello e le cose positive arrivano senza che io me ne accorga! Più do amore incondizionato e più arriva amore anche quando meno me l'aspetto! E' un momento cosi bello della mia vita che la tua storia piena di amore mi ha fatto gioire ancora di più... grazie mille e complimenti per queste crespelle favolose:-) un abbraccio dal cuore
    Debby

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono veramente felice, Debby! Che questa gioia ritrovata adesso non ti lasci più, mai più.. ora che hai trovato il tuo centro, posso solo chiedere il meglio per te e per la tua vita! :) Ricambio il tuo abbraccio dal profondo e ti ringrazio moltissimo! :) Un bacio!

      Elimina
  24. Anche questa volta mi son persa nelle tue parole,e dopo il tuo racconto stupendo ogni mia parola sembra insignificante,brava Ely riesci ad entrare nel cuore,i nonni la figura portante per tutti noi,la nostra guida,mi fermo qui, sei davvero fantastica!!!!!La ricetta parla da sola con le foto spettacolari,un abbraccio grande :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie stella! :) Sono contenta che la ricetta e il racconto ti abbiano lasciato qualcosa di buono! Le tue parole significano sempre molto, per me, invece. :) Un bacione immenso!

      Elimina
  25. Non conoscevo il tuo blog e ho fatto bene a recuperare :) molto bello :)
    Ora me lo guardo con calma :)

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice di avervi qui! :) Benvenuti! E un lunedì meraviglioso ad entrambi! :)

      Elimina
  26. la tua ricetta mi piace molto perchè è originale e naturalmente sana...come piacciono a me!
    è un piacere venire a sbirciare i tuoi post :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' sempre un piacere anche per me, la tua frittatina è stupenda carissima Pamelina! :) Ti abbraccio, grazie mille per la visita! :)

      Elimina
  27. Ma ciao Ely!! Ricetta super in una giornata decisamente autunnale... ma se si è sereni splende sempre il sole!!! Oggi sono felice:-)particolarmente:-)!! Le foto sono splendide e quel ribes dà un tocco davvero solare al tuo piatto, sempre originale come i tuoi racconti carissima... ma prima o poi andrò in libreria e troverò tra gli scaffali dei nuovi arrivi un tuoi libro, un racconto a fondo storico, quel genere che amo tanto e che letteralmente divoro!!! Bravissima Ely!! e che il sole illumini sempre la tua vita:-) splendida creatura, un abbraccio Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolcissima Cinzia, come sei cara! Si, qui oggi è decisamente una giornata autunnale: nebbia, pioggia, freddo e umidità! Sono molto felice se oggi ti senti particolarmente gioiosa!! :D Chissà se mai riuscirei in un'impresa simile.. altrimenti se mi dici il tuo periodo storico preferito provvedo subito a scriverti un'avvincente storia, tutta per te :) Sei tu ad essere splendida..che il sole non lasci la tua vita mai! :) Bacioni!

      Elimina
  28. Ho provato le crespelle con il grano saraceno, ma ancora mi mancano con la farina di farro integrale. Sono sicuramente da provare anche in questa versione.
    E poi quel ribes rosso ci sta benissimo... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, carissima Ila! E che dire delle vostre stupende tagliatelle? Mamma mia, proprio squisite! :) Ti abbraccio forte e ti auguro un felice pomeriggio! :)

      Elimina
  29. Un bellissimo dialogo tra nonno e nipote.. Grandi verità e grandi insegnamenti anche oggi! Grazie:)
    inoltre la ricetta è davvero invitante, il ribes oltre ad essere bello, è anche molto buono per me e tutto il resto deve dare un'ottima cremosità! Brava davvero:)
    Un bacione:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio io, di cuore, per essere passata da me! :) E' sempre bello averti qui, cara! :) Un bacione forte!

      Elimina
  30. Bonjour Elly,oggi siamo in sintonia,crespelle anche per me,in versione salata però...behh che dire,la tua versione al grano saraceno e semplicemente deliziosa....un abbraccio,buon lunedi ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Tinaa! :) E' bello essere in sintonia, ahah! E che buone le tue, con quel ragù! :) Un abbraccio a te e un bacione per un bellissimo pomeriggio! :)

      Elimina
  31. Come al solito mi commuovo a leggere i tuoi racconti e la tua ricetta è un vero spettacolo: adoro le crepes ed è una vita che non ne faccio!
    Un bacino ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un bacio grande a te, tenera Eli! :) Spero ti porti tanto bene e tanto sole.. qui c'è pioggia e freddo, ma l'importante è tenere il calore nel cuore! :)

      Elimina
  32. Ely cara mi piacciono tanrissimo la crespelle e sono proprio curiosa di provare questo impasto con la farina di afrro integrale e il latte di soia. L'ultimo esperimento è stato con la birra, vediamo un pò queste come vengono!
    Bacissimi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con la birra? Che spettacolo! :) Allora facciamo cambio.. io provo la tua versione, senza dubbio! Carissima, ti abbraccio forte e ti mando un bacio grande! :)

      Elimina
  33. Wow, che bellissima ricetta! Davvero perfetta per me, che ogni 3x2 ho qualcuno in casa intollerante al latte. Non ho mai pensato di fare le crespelle con latte di soia.
    Ho scoperto per caso il tuo blog leggendo il commento che hai lasciato a Margò. Mi fa ridere perché oggi sul mio blog ho pubblicato un post in cui parlavo del coprifuoco ai miei tempi e dei giovani del giorno d'oggi... casualità :)
    Mi unisco ai tuoi followers! Un abbraccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che piacere, cara! Benvenuta! :D Sono contenta che la ricetta potrà esserti utile: ti capisco fin troppo bene con le intolleranze in famiglia..! Anche per il ripieno potresti optare solamente per qualche formaggio delattosato al posto della ricotta(so che l'Exquisa lo fa, cremoso ugualmente) e non ci saranno problemi! :) Grazie per essere passata, di cuore! Un abbraccio a te! :)

      Elimina
  34. E' sempre un piacere passare di qua, lasciarsi incantare dai tuoi preziosi racconti e coccolare dalle tue invitanti ricette, che bello, mi sembra di tornar bambina!!!
    Ciao, buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara lolle! Sei sempre una stella. Una buona settimana a te, piena di belle cose! :) Un bacione!

      Elimina
  35. che meraviglia una tira l'altra che goduriaaaaaa buon inizio seimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giovanna! Buon inizio settimana anche a te! :D Un bacione!

      Elimina
  36. Ely dolce Ely,
    dovresti raccogliere tutti questi post in un libro.
    Diventerebbe una raccolta di saggezza e di grandi insegnamenti, da leggere giusto prima di dormire o al risveglio, come capita a me di leggere i tuoi post.
    (alt, non mi sono sveglia adesso. l'ho letto stamane il post ma mi sono riservata di commentarti con calma dal pc:-)
    carissima, quanto è bella questa frase: "da questo cuore buono che confonde i suoi battiti coi miei>."?
    e che dire di qeuste crespelle? una ricetta originalissima, come le tue meravigliose composizioni fotografiche e racconti.
    Vaty
    ps perdonami se lascio commenti cosi lunghi ma per te le parole non basterebbero mai...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stella cara, leggerti per me è un piacere.. per cui se scrivi tanto non può che riempirmi di gioia!! :) Sei tanto gentile, amica.. sono contenta che tu abbia trovato una frase da tenere nel cuore e che la ricetta ti sia piaciuta :) Ti mando un abbraccio pieno di affetto e spero che resti con te tutto il tempo che lo desidererai :) Un bacio grosso, buon pomeriggio dolce Vaty!

      Elimina
  37. Come sempre i tuoi racconti mi "abbracciano" e mi insegnano un po' di vita... Ely cara oggi sono ancora un po in tilt ma volevo passare da te per ringraziarti del tuo sostegno:-****
    staera mi ci vorrebbero le tue crespelle amo il farro integrale e il ripieno non puo' che piacermi!!!
    un abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce Ombretta, sono così felice per te che stasera davvero cucinerei per te, ti inviterei e farei in modo che tu possa goderti con tranquillità queste emozioni.. senza dover pensare ad altro!! :D Che gioia immensa mi ha dato la tua bella notizia, cara! Restaci ancora un po' in quelle nuvole, perchè non c'è nulla di più bello della confusione data non da nubi scure.. ma dalla luce dell'amore!! :) Ti abbraccio forrrrrtissimo! :) Complimenti ancora e auguroni!!

      Elimina
  38. che bello e confortante passare di qui, ormai sei una tappa irrinunciabile di un piccolo angolo di benessere, e anche la tua ricetta mi stupisce come il racconto! una bella crespella con la ricotta dentro, che altro? magari mangiarcel ainseme una volta, no!?! un abbraccio tesorina. mony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello, dolce Mony! Mangiarle con te sarebbe la cosa più bella, senz'altro!! :D Un abbraccio a te, stella luminosa. Fortissimo! :)

      Elimina
  39. Dopo una giornata travolgente come questa (ormai sono settimane che riesco a malapena a sedermi 15' senza pensare a quello che devo fare e non ho ancora fatto) leggo tutto d'un fiato questo stralcio di racconto e penso ai saggi consigli del nonno.. un punto fisso da cui partire per non perdere la calma, guardarsi dentro e non farsi prendere dal panico in momenti in cui il tempo sembra scivolarti dalle mani, la concentrazione diventa un pensiero fisso più di quello che si sta effettivamente realizzando... partire da sè e trovare quella leggerezza interiore che cerca solo un pò di serenità per venire fuori... Grazie:)
    adesso con la mente rilassata e anche un accenno di sorriso mangerei volentieri una di quelle crespelle deliziose.. complimenti:) un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simona, sai.. ti capisco. Quell'angoscia che sale non appena ti siedi perchè le cose da fare sono troppe e non riesci a farne nemmeno una...! E' proprio in questi momenti in cui si deve trovare un equilibrio per non essere 'trascinati dalla confusione'. Un punto fermo dal quale ricominciare con calma a fare una cosa per volta senza farci prendere dall'ansia.. perchè l'angoscia sa essere crudele e ti leva la sabbia da sotto ai piedi, continuamente, dandoti l'impressione di cadere. Coraggio quindi.. un bel respiro e cerchiamo di ritrovare pace e calma per agire al meglio! :) Te ne offro subito una, carissima, di queste crespelle! :) Un abbraccio grosso e buona serata! :)

      Elimina
  40. 'sera dolce Ely!
    Da me c'è pioggia e freddo e sei riuscita a regalarmi un po d'allegria solo guardando le foto del piatto, che bei colori.. Mai assaggiate ma lo farei volentieri, riesci a presentarle così bene le tue ricette che son buone anche solo guardandole..e i tuoi racconti genuini, proprio come te!
    Un bacione carissima*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che cara! :D Grazie dolce Vale! Anche qui oggi è stato grigio, freddo e piovoso.. sono felice d'averti almeno regalato un sorriso :) E se si parla di genuinità e allegria.. tu ne sei sempre la fonte prima! :) Un bacione forte!

      Elimina
  41. MMMM LOVELY post:)

    I thank you again for sweet words on my blog.

    If you want some decor ideas from HM home...check out my new post:)

    have a wonderful week dear

    LOVE Maria at inredningsvis.se

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hi dear! Sure, I'll come and visit you, my friend! You have always great ideas and wonderful inspirations! :) Kisses and have a nice week you too!

      Elimina
  42. Come al solito mi scappa la lacrima con i tuoi racconti....poi scendo e vedo la meraviglia delle tue ricette! Niente è più bello di queste piccole emozioni!
    Sempre grazie Ely!
    'Notte
    Marisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei dolcissima, Mari :) Ti ringrazio tanto per le tue belle parole che mi fanno del bene! Una serena notte piena di sogni meravigliosi! :)

      Elimina
  43. Mi piace, mi piace davvero un sacco questa ricetta interessantissima....non ho ancora trovato la panna di avena ... Mannaggia, la voglio provare!!

    Ps. Qui oggi diluvio allucinante! Mi é persino entrata l'acqua in casa (con tanto di infissi e finestre chiuse!).... Un disastro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Artù! Poverina ti capisco! Anche io ho avuto il mio bel da fare con la pioggia battente che entrava perfino in casa! Che umidità.. tra un po' mi cresceranno i muschi in testa! :P
      La panna d'avena la trovi al Natura Sì di certo, oppure anche alla Coop (anche se non tutte ne sono fornite!). Ti abbraccio forte stella, speriamo in un po' di sole domani! Baci e sogni stupendi :)

      Elimina
    2. La prima volta che vado in città da natura si ho già una lista lunghissima di cose da comprare, questa panna la prendo di sicuro...baci baci

      Elimina
    3. Provala, vedrai che non te ne pentirai! E che bei piattini saprai tirarne fuori, ne sono certa!! :D Un abbraccio cara! :)

      Elimina
  44. non come sono capitato qui, ma queste crespelle sono fantastiche!
    buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gio :) E una buona settimana a te! :)

      Elimina
  45. E' bello avere vicino qualcuno che ti riporti al centro di te stesso, perchè a volte noi non lo vediamo e perdiamo la bussola..... Ma è bello quando il nostro cuore diventa docile e ci lasciamo aiutare...
    E cosa dire di questa ricetta, tu mi stupisci con le parole e con la cucina.... Deliziose queste crespelle dolci di farro, un bacione cara e dolce Ely...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' il bello dell'amore.. che chiama altro amore per potersi dire completo. Un abbraccio proprio stretto a te, dolce Ele. Dal cuore. :) Una notte serena e che sia piena di sogni meravigliosi!

      Elimina
  46. ! Uff Ely cara, la tua stella diventa un po 'stanchi dopo un lungo pomeriggio in cucina a preparare la cena e due tipi di fare una torta!.
    Ora, dopo la cena e per la cucina vado a visitare voi e mi capita di incontrare qualche bella foto con il colore rosso che tanto mi incoraggia e mi piace.
    Queste frittelle sono semplici, ma come dici tu, in loro e nel loro riempimento di una grande delicatezza .. sei stato grande e appetitoso.
    La tua storia mi fa riflettere sulla nostra pace interiore, l'importanza di trovare l'equilibrio necessario per gestire le nostre emozioni in armonia con gli altri, senza che uno di essi prevale sugli altri ...! Che Ely difficile da trovare questo equilibrio, la pace interiore con così tanti eventi che ci muovono, che ci fanno soffrire, che ci riempiono di rumori dentro .. ma dobbiamo cercare ogni giorno ..!.
    Ely cara, sempre vi ringrazio molto per tutto, si dispone di una serata rilassante e mattina albe per voi una bella giornata.
    Mille baci con la mia fidanzata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dulce Maria! Lo credo que estas cansada! Dos tortas y la cena! Has trabajado mucho, amiga mia: si vienes aqui, te ofrezco un poco de este panqueques.. roje como quieras a ti! :) Soy feliz que mi historia te has gustado y tienes razon: el equilibrio es tan dificil de encontrar y tenemos que trabajar mucho para obtenerlo. Es necesario para encontrar la paz y la felicidad, porque no està armonia donde prevalecen solo las emociones externas.. Querida estrella mia, gracias a ti para tus amistad tan special y preciosa. Te llevo en mi corazon y buenos dias con mucho afecto! :) Un abrazo grande!

      Elimina
  47. I miei orari oscillano... quando lavoro. Ieri ti ho persa ma ti ho "acchiappata" stamattina!! Mi chiedevo, mentre leggevo il tuo post: Il pretesto di scrivere è la ricetta o il racconto? Perché entrambi sono "travolgenti"!!
    Prima mi sono gustata di un fiato il racconto che letteralmente mi ha rapito e poi mi sono lasciata cullare le papille gustative dalle tue crespelle! E mai una ricetta banale!! Beh mi hai fatto iniziare bene la giornata!! Un abbraccio e buona giornata!! Vado a infilarmi sotto la doccia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno, cara Elly! Grazie infinite per le tue parole, sempre molto belle! :) Sei una stella e ti abbraccio fortissimo anche io, augurandoti una buona doccia e una buona giornata! :) p.s. I tuoi biscottini di oggi sono qualcosa di superlativo: spezie, miele.. e io non resisto! :) Un bacione forte!

      Elimina
  48. Che spettacolo sia le crespelle che il racconto, riesci sempre a catturare la nostra attenzione con la tua sensibilità sia nello scrivere che in cucina :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore carissima! :) Sei sempre gentile e ti abbraccio con affetto :) Un bacio e buona giornata a tutti voi :)

      Elimina
  49. Non ho potuto fare a meno di commuovermi leggendo il tuo racconto... ho invidiato un po' Riccardo, cosa darei per abbracciare il mio nonnino, tra qualche giorno avrebbe compiuto 101, ma qualche mese fa ci ha lasciati... però è sempre con noi, l'amore per fortuna non muore mai... Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eli.. mi dispiace davvero tanto. Io ho perso mio nonno dieci anni fa, pensa.. e ancora adesso mi manca così tanto che delle volte piango come se l'avessi perso ieri. Però loro non ci lasciano mai, lo sai.. se provi ad ascoltare il silenzio e a cercarlo, ti stupirai di come lo sentirai accanto. Forse ti sta accarezzando proprio adesso, per dirti che non vi ha mai lasciato davvero. Io ogni anno festeggio lo stesso il compleanno del mio nonno, il 24 dicembre. :) Ti abbraccio e ti faccio ancora i complimenti per il dolce meraviglioso che hai saputo creare! Ancora auguri a te.. un bacione!

      Elimina
  50. ottima l'idea di entrare dentro uno stato confusionale e percepirne la calma è il modo migliore per ritrovare se stessi al di la di tutto il contorno che ci disturba.eppure a volte ammetto che io non entro nel vortice ma mi lascio trasportare dal vento che spinge e inchina a se gli alberi, io divento parte di esso.si perchè il vento ha la facoltà di muoversi veloce di attraversare mari e monti in colpo d'occhio. se ogni tanto ci concedessimo di lasciarsi andare senza dover necessariamente cercare un equilibrio dei nostri sentimenti potremmo scoprire dove essi ci portano: in vissuti di un tempo forse o in sogni che devono ancora avverarsi..se io fossi il riccardo della fiaba guarderei fuori dalla finestra e diventeri un unica realtà con il vento,attraversei mari per assaporarne la brezza, entrerei dalle finestre nelle case degli italiani per rapire gusti e profumo di cibo,tornerei nei parchi che da piccola mi vedevano confidare segreti alla mia amica di oggi e di allora poi, solo dopo, che il fracasso di un tuono mi farebbe sobbalzare rimettendomi al mio posto, in quella stanza da dove sono volata via con la mente, allora forse cercherei un senso al mio turbinio di emozioni.e trovato...andrei a fare in cucina le tue crespelle perchè mentre ero vento ho raccolto ogni ingrediente di qua e di là... ciao ely bacioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te cara.. a volte lasciarsi trasportare dal vento è la cosa più bella per scoprire se stessi e le sorprese che la vita riserva. E' solo quando quel vento diventa tempesta e ci impedisce di goderci il viaggio, lo splendido viaggio, che è necessario fermarsi e dare pace alla nostra anima cercando un equilibrio che ci possa aiutare ad essere cullati e trasportati da quella corrente.. in un moto armonico e libero.. senza pensieri e angoscia. E' solo quando siamo in disarmonia con la corrente che dobbiamo cercare un centro, poichè altrimenti rischieremmo di perderci e di essere risucchiati da un vortice di situazioni, stati d'animo e tristezza che ci renderebbero difficile la comprensione di ciò che abbiamo attorno :) Il vento lo amo, ma ogni gabbiano lo sa.. deve divenire un tutt'uno con esso per farsi trascinare verso l'azzurro, libero verso i sogni. Non si possono vedere le meraviglie del mare, seppur cullati dalle onde.. se l'acqua è torbida e scura per la tempesta. E' solo quando siamo in pace che siamo liberi di volare, per davvero.. persino con quel pizzico di incoscienza che fa tanto bella l'esistenza! Le mie crespelle ti aspettano cara, se cambiamo giusto la ricotta sono belle e fatte senza lattosio :) Un bacio col cuore!

      Elimina
  51. Ciao, ieri la pioggia è arrivata anche qui....ma oggi è stata una giornata di sole caldo e quasi estiva, me la sono goduta tutta, anche perchè domani sembra che torni il brutto!!!
    Come sempre passare da te è come entrare in un mondo a parte.....i tuoi racconti sono così coinvolgenti che li vivo tutti in prima persona e diventano una grande scuola di vita!!!
    Sono ormai un piacevolissimo appuntamento, che non delude mai!!!
    Come le tue splendide ricette, che anche se semplici, riesci a trasformare nella presentazione, nei colori e nei sapori in qualcosa di veramente speciale!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lauretta, spero tu te la sia goduta anche un po' per me!! Qui da pioggia per i prossimi giorni ed anche oggi è stato di un grigiore unico! :( Grazie stella, proprio tanto.. mi fa piacere che tu trovi qui delle parole in grado di farti stare bene. E' la cosa che più conta per me..! Ti lascio un abbraccio grande grande, sei tu ad essere speciale! :)

      Elimina
  52. che rapporto speciale deve essere quello tra nonni e nipoti!!! io me lo sono perso e mi è sempre mancato, tutti i miei nonni sono scomparsi quando ero troppo piccola, ma ho vissuto quello speciale tra mia figlia e i miei genitori, in particolare con mia madre con la quale ha ancora un forte legame malgrado ci abbia lasciato da qualche anno.
    Fermarsi a cercare noi stessi e ritrovarci, per ricominciare o proseguire con più determinazione, consapevoli che qualunque scelta sarà quella giusta se dettata dalla nostra vera natura interiore, da ciò che siamo veramente, senza maschere o convenzioni per compiacere gli altri. E tutto diventa semplice se ascoltiamo l'amore di chi ci circonda invece di perderci in inutili contrasti che spesso nascono solo dall'egoismo.
    Quanto sono saggi i nonni che sanno sempre riportare tutto in un piano di semplicità.
    Deliziose le tue crespelle e molto leggere, perfette per il mio pancino capriccioso!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio vero, dolce Ondina.. la loro saggezza e il loro amore sono qualcosa di incomparabile e unico: manca tanto anche a me, mio nonno. Scrivere di nipotini e nonni me lo fa sentire vicino.. poichè la sua voce la sento nitida nelle orecchie, dopo tanti anni.. Sono felice che ti piacciano le crespelle così leggere! :) Con tutti i problemi in famiglia ogni tanto bisogna ingegnarsi per forza ;) Ti abbraccio con tanto affetto, carissima.

      Elimina
  53. Il tuo racconto mi riporta alla mente molti ricordi. Scrivi bene e cucini altrettanto bene, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, Beatrice! Mi fa piacere che tu sia venuta a trovarmi, sentiti pure a casa qui :) Un abbraccione!

      Elimina
  54. Ciao Ely grazie per tutte le tue parole....un bacione, Mila

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Coraggio, cara Mila. Ti sono vicina, con tutto il cuore. Conta pure su di me: andrà tutto bene, anche se questi giorni ti sembrano interminabili e opprimenti. Spero che il mio affetto ti doni un po' di calore.. Un bacione a te e alla tua cara mamma.

      Elimina
  55. Ciao, senza parole l'ho letto tutto d'un fiato.
    Bravissima scrivi benissimo e complimenti per la ricetta.
    Continuerò a seguirti..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, è un piacere averti qui! :) Sei gentilissima e di sicuro la benvenuta! Un abbraccio forte e felice giornata!

      Elimina
  56. Ciao ely come sempre scrivi dei bellissimi post che aprono sempre alla speranza. Le tue crespelle sono davvero belle complimenti cara e a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Paola! Sei tanto cara, veramente! Un bacione grande :)

      Elimina
  57. Ely non hai mai pensato di pubblicare i tuoi scritti?Magari anche come free lance online, sei davvero comunicativa.
    Le crespelle al farro sono favolose,le assaggerò dato che io adoro quelle al saracendo,le hai mai assaggiate?Ciao gioia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, amo anche le crespelle al grano saraceno!! :D Le avevo fatte una volta con una salsina di erba cipollina.. dovrei riproporle, magari! :) Sei gentilissima.. sai, mi piacerebbe ma non penso ci siano molte opportunità oggi per pubblicare scritti come i miei. Chissà.. magari se il mondo cambiasse.. ;) Grazie di cuore, davvero. Un abbraccio Ale!

      Elimina
  58. ma che delizia bravissima io adoro la ricotta con il miele un ripieno fantastico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti piacciano, carissimo! :) Vedrai che buono il ripieno anche con un po' di pepe e di basilico! :) Una bellissima serata! :)

      Elimina
  59. Cara Ely, è così difficile trovare quel centro dove niente può scalfirci, perchè in quel centro siamo noi, crediamo in noi, in quel che conta veramente. Io ci provo sempre, ma è tanto dura! però questa tue parole mi toccano il cuore così come queste crespelle toccano i sensi...sono meravigliose!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce Aria.. è vero, a volte è tanto difficile trovare il coraggio di essere forti abbastanza per essere il centro di tutto ciò che gravita attorno a noi... ma bisogna sempre tentare, mai arrendersi. E' la tua dolcezza a toccare sempre il cuore, cara. Grazie, grazie tantissimo :)

      Elimina
  60. Ciao Eli questa ricetta sembra strepitosa, ed il tuo blog molto interessante, da oggi ti seguo volentieri!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta! Ti ringrazio molto ed è un vero piacere averti qui! :) Un abbraccio e una felice serata, carissima! :)

      Elimina
  61. E son qui,in punta di piedi,reggendo tra le mani il tuo omaggio ricco di rose e parole profumate!Come non tornare a dirti grazie per questo post che infonde ottimismo in chi ha dei figli grandicelli,che ogni tanto si rassegnano alle incertezze della vita!Riesci con questi brani a dare quella forza,che il nonno trasmette al nipote,Grazie tesoro bello,sei UNICA!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolcissima Damiana, finalmente riesco a risponderti! Misurarsi con una società a volte tanto vuota, tanto incline a tarpare le ali, spesso mette in difficoltà chi deve trovare un suo posto nel mondo: l'importante è che non ci si dimentichi mai di saper volare, sebbene tutti dicono che sia impossibile solo perchè non hanno il coraggio e la forza per farlo! Con te accanto sono certa che i tuoi figli non lo scorderanno mai :) Un pensiero di bene profondo per ogni petalo roseo e profumato, per ogni sorriso di bocciolo. Sei tu unica, cara. :) Ti abbraccio forte! :)

      Elimina
  62. Tesoro!!! Un bacione grandissimo!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a te grande grande, tenera Lory!

      Elimina
  63. Non è facile non lasciarsi travolgere dalla tempesta che c'è fuori, ma poi improvvisamente arriva una forza inaspettata e trovi il tuo centro, il tuo posto sicuro.. inaspettatamente tutto si placa.
    Io adoro passare qui, ma preferisco farlo sempre con calma, non potrei perdermi le meravigliose parole che ci regali sempre. :)
    Passando alla ricetta, che dire.. queste crespelle sono magnifiche! Tu sei brava, brava davvero.
    Ti abbraccio dolce Ely :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Ile, dovessi provare a spiegarti quanto sei brava tu.. oh, forse non troverei nemmeno le parole. Hai un talento, dolcissima. Coltivalo e conservalo: chissà che bel fiore ne verrà fuori! :) E' bello quando passi a trovarmi e ti ringrazio per la tua tenerezza. Ti abbraccio forte anche io e auguri ancora per la festa da poco passata! Un bacione!

      Elimina
  64. che bel colore per queste crespelle e che bontà!!!!Le assaggerei molto molto volentieri....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti aspetto allora :) Te ne offro volentieri, cara Stefy! Un bacione coloratissimo :)

      Elimina
  65. Cara Ely, il tuo racconto mi travolge, e anche io mi sento al centro tornado!!! In realtà sto vivendo qualcosa del genere in questo periodo, infatti mi sono ritrovata molto in Riccardo e avrei bisogno di un nonno saggio come il suo! Tuttavia, mi sento già fortunata di conoscerti e di avere avuto la fortuna di leggere questo breve racconto che mi rileggerò ogni tanto... mi darà di certo molto da pensare. Le crespelle poi sono uno spettacolo. Delicate, belle e di certo buone. E posso dirti? Nel leggere la tua delicata ricetta mi è sembrato di immaginare che le avessero preparate Riccardo insieme al nonno, per poi sedersi insieme a prendere un té! Mi è quasi sembrata una ricetta tratta dal racconto. Grazie per regalarmi queste belle emozioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei tanto cara Maria Luisa. Una dolcezza unica. Sono felice di averti donato un momento piacevole.. e coraggio, piano piano troverai il tuo centro, dal quale dominerai il ciclone proprio come Riccardo. Quel nonno non parla solo per il suo nipotino, ma anche per il tuo cuore. Con immenso bene. :) E di sicuro sarei contenta se fossi qui a prendere insieme a me un buon té caldo! Un abbraccio forte e una serata splendida! :)

      Elimina
  66. che belle le tue storie,e le tue crespelle devono essere buonissime,brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Vanna! Adesso attendo i tuoi meravigliosi cannoli e non vedo l'ora di vedere che bontà saprai realizzare! :) Un bacio e una splendida serata!

      Elimina
  67. Ciao dolce Ely!
    Passo per un salutino e per augurarti buona serata..
    Un abbraccione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie dolcissima! Apprezzo tanto e ti auguro una notte meravigliosa! :) Un abbraccione proprio forte a te! :)

      Elimina
  68. Sempre cose buone qui date eh Ely!?
    Ciao e buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che caro, grazie Pino! Serviti pure se vuoi, eh? :) Un abbraccio! :)

      Elimina