lunedì 15 ottobre 2012

Le trofiette del fabbro Isnart con champignons al prezzemolo, rum e cumino nero


Nella piccola e vecchia stanza, dalle pareti in pietra, filtrava una lieve e fioca luce.
Il bagliore del fuoco, all’interno dell’antico forno a cupola, tremava costantemente disegnando sui muri ombre evanescenti e spettrali. Ormai consunto dagli anni, un grosso tavolo in legno grezzo faceva bella mostra di se in un angolo, carico dei più disparati strumenti: grandi tenaglie, pinze, martelli, maglie in metallo, piccoli incudini e scarti di lavorazione; tra di essi, matrici per la colatura del ferro erano accatastate con cura e rigore. Un altro ciocco di legno, di dimensioni importanti, sosteneva poco vicino un massiccio incudine sul quale il vecchio fabbro stava lavorando: la sua fronte, madida di sudore, era illuminata dal pallido bagliore del fuoco. Intento a forgiare la lama di una lunga spada damascata, la sua mente era persa in lontani pensieri. Con il martello assestava colpi violenti, mentre teneva le labbra corrugate sotto la folta barba bianca; le sue mani erano possenti, così come la sua corporatura che tradiva un passato da uomo vigoroso e potente: avrebbe potuto divenire di certo un cavaliere, ma tuttavia con la vecchiaia aveva deciso di seguire le orme dell’amato padre Rodan. Lo ricordava spesso, mentre passava le giornate alla sua postazione di lavoro: la forgiatura del ferro l’aveva proprio nel sangue, tanto che Rodan decise da subito di dargli un nome dal profondo significato.
<Ti chiamerai ‘Isnart’> disse, il giorno della sua nascita <Questo sarà il tuo nome, ossiaforte come il ferro’.>
Nessun nome poteva essere più calzante, dato che l’anziano fabbro non si era mai lasciato scoraggiare dalla vita: né quando rimase orfano molto giovane, durante un’incursione dei bizantini di Baduario, né quando fu costretto a sopportare un’esistenza di solitudine, fatica e stenti.
I pensieri vagavano lontani, mentre l’uomo batteva tenacemente il suo ferro ormai intiepidito. Quando se ne rese conto, improvvisamente si fermò: non potendo proseguire, Isnart decise di fare una pausa. Sollevò la spada e, voltandosi, la poggiò sul rovente carbone di legna che crepitava da dentro al forno: tra quegli ardenti tizzoni rosso rubino, avrebbe presto raggiunto la temperatura adeguata per essere nuovamente lavorata.
Il vecchio fabbro passò allora una mano sulla fronte, stropicciandosi poi gli occhi con estrema stanchezza. Sospirò e levò dal capo il consunto cappuccio di cuoio bruno, poggiandolo sul tavolo. Sfinito e accaldato, afferrò la ciotola di legno contenente il suo meritato pasto e si accomodò su un treppiede barcollante. I suoi occhi si persero nello sguardo rovente e ipnotico della brace, mentre assaporava l’intenso aroma boschivo dei funghi e delle erbe che proprio quel mattino aveva raccolto. Ricordò d’un tratto quando era ragazzino, le lunghe giornate come apprendista presso la bottega di suo padre;  ricordò la sua voce profonda e le sue parole, quelle che per una vita non avrebbe mai dimenticato: <Vedi figliolo> gli disse quel giorno, mentre da ragazzo guardava il ferro scaldarsi nella brace fino a divenire vermiglio e incandescente <Tra le mani ho uno dei metalli più difficili e duri da lavorare: il ferro va battuto con intenso calore, per poter essere plasmato. Solo così potrà essere forgiato nella sua forza e nella sua resistenza. Devi ricordare sempre che ogni vita è proprio come un pezzo di questo ferro: la plasma il dolore come la plasma l’amore. Entrambe sono forze incredibili, divampano come fiamme e sanno essere incandescenti: il primo tempra l’animo, il secondo lo rinvigorisce; l’uno e l’altro sono in grado di rendere le anime forti e resistenti alle intemperie della vita. Tanto più è forte e fervente il dolore, tanto più la nostra fibra diviene ben salda; tanto più bruciamo di amore e passione, tanto più riusciamo a scaldare i cuori più sordi, sciogliendone il gelo e rendendoli morbidi e compassionevoli. Solo attraverso la forza dei sentimenti le anime più dure e insensibili scoprono la vera felicità, divenendo forma e assumendo un proprio significato. Ricorda di mettere amore in tutto ciò che fai, in ogni tuo respiro. Ricorda di imparare dal dolore per divenire forte come una spada>.
Isnart abbozzò un sorriso e, posando la ciotola ormai vuota, afferrò con vigore il suo ferro ormai bollente: dagli occhi color ghiaccio trasparì allora un immenso orgoglio.
Quel ragazzo di una volta, tra sofferenza e passione, era diventato col tempo un uomo: il suo nome divenne il suo destino. E fu d’improvviso fiero, d’essere divenuto forte come il ferro.


Le trofiette del fabbro Isnart con champignons al prezzemolo, rum e cumino nero

450 gr di trofiette fresche
1 cipolla bianca di medie dimensioni
350 gr di funghi champignons 
45 ml di rum bianco chiaro
2/3 cucchiaini di semi di cumino nero (Nigella sativa)
1 cucchiaino di maizena
prezzemolo tritato q.b.
olio evo q.b.
sale q.b.

Tagliare la cipolla a cubetti piccoli e i funghi champignons a listarelle. Mettere entrambi in una padella antiaderente piuttosto larga e aggiungere un po' di olio, del prezzemolo a piacere, del sale e un paio di cucchiai d'acqua. Cuocere a fuoco moderato finché i funghi non saranno cotti e la cipolla sarà appassita. A questo punto alzare la fiamma e aggiungere il rum bianco, mescolando fino a che non sarà evaporato (in questo modo resterà l'aroma ma non si sentirà l'amarezza data dall'alcool). Spegnere il fuoco e lasciare da parte. Cuocere in una pentola con acqua bollente salata le trofiette, per ca. 10 minuti. Tenere da parte 4/5 cucchiai di acqua di cottura in cui scioglierete un cucchiaino di maizena. 
Scolare e versare le trofiette nella padella con i funghi. Accendere il fuoco, mescolare e unire l'acqua con la maizena, poi i semi di cumino nero. 
Far saltare in padella fino a che il tutto diverrà piuttosto cremoso. 
Togliere dalla fiamma, servire caldo e.. niente di più facile! Buon appetito! 

Prima di salutarvi, volevo ringraziare immensamente la cara Giadina de L'isola di Giada per avermi assegnato nuovamente il premio Simplicity: sei un tesoro vero nella tua splendida e preziosa semplicità!


Poi ringrazio anche le dolcissime Ellen ed Alice del blog Paneamoreceliachia, per avermi pensato nell'assegnazione del premio Cutie Pie. Da voi lo ricevo volentieri un'altra volta, visto che siete davvero persone speciali. Quello che fate ogni giorno, l'amore che mettete nelle vostre ricette e nell'importante divulgazione che portate avanti vi fanno onore e traspare come luce nella nebbia! Grazie infinite, per tutto!



Anche se il periodo non è dei migliori, spero di riuscire comunque ad essere presente e attiva. 
Vi abbraccio forte!

234 commenti:

  1. Mi hai preso alla lettera! Eccola qua la tua nuova creazione!!!Bello il racconto di Iron, delicate e profonde le riflessioni sulla forza dell'amore e del dolore... e buonissime le tue cremose trofie che sanno di bosco... Un altro post bellissimo da leggere e ... prima o poi ci sarà una tua raccolta???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce Elly! Buongiorno! Che cara sei.. magari, sarebbe bello per me ma.. è sempre così difficile :) Mi basta condividere con persone speciali come voi tutto quello che ho nel cuore! :) Ti abbraccio e ti auguro una giornata splendida. p.s. Che buone le tue sfogliatine.. che buone!

      Elimina
  2. Ely:-) sei meravigliosa! e questo piatto una bontà:-) i tuoi racconti ormai non possono mancare, fanno parte di te e dei tuoi magnifici piatti. Dolore & Amore, sempre legati fra loro. Oggi sulle nostre montagne è arrivata la neve!! e questo piatto mi ricorda i profumi del bosco.. ti auguro una serena notte e un buon risveglio domani, un bacione Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amica mia, sono tanto felice che questo piatto (in fondo semplice) ti sia piaciuto! E' vero, dolore e amore si legano spesso e sono forze che difficilmente possono scindersi, in un loro equilibrio particolare.. :) Che meraviglia, c'è la neve?! Cosa darei per salutarle ora, vestite di bianco! :) Buona giornata a te, stella del cielo, con immenso affetto!

      Elimina
  3. bellissimo post,come al solito mi stupisci sempre..bhe che dire della ricetta???è fantastica...brava Ely sei veramente in gamba...complimentoni!!!!baciiiiiiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Dory, che tesoro sei! :D Ti abbraccio forte e spero che questo martedì ti porti tante cose belle.. almeno quanto tutte le cose stupende che mi trasmetti e insegni tu, ogni volta che passo a trovarti! :) Buona giornata, cara! :)

      Elimina
  4. Ciao Ely buon martedì, il racconto è molto profondo, è vero ognuno di noi viene forgiato dall'amore e dal dolore. Mentre leggevo però riuscivo a rivedere i miei nonni o mio padre i primi hanno partecipato alle guerre e mio padre ha subito le conseguenze della seconda guerra mondiale ed è un uomo forte e nello stesso tempo dolcissimo specialmente con i nipotini ma noi che siamo nati nel momento del boom economico siamo diversi, il dolore forse ci spaventa non riusciamo ad uscirne forti come loro!!!!! La pasta è buonissima quasi quasi la assaggio subito, un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che belli i tuoi nonni: si, proprio belli. Perchè sono anche io convinta che la loro forza pochi potrebbero averla oggi: sono realmente stati temprati dalla vita e davanti alle difficoltà potevano solo decidere se combattere o lasciarsi vincere. Oggi forse non sappiamo bene cosa sia quella forza viscerale, sono d'accordo. Pensiamo di non averla ma talvolta costa solo una fatica, che in fondo non vogliamo fare.. O, perlomeno, nemmeno ci proviamo. Accomodati cara! Io ti aspetto! Un bacio grande grande! :)

      Elimina
  5. Il dolore tempra e rende più forti. Una volta pensavo fosse vero, eppure oggi quel ferro temprato mi sembra ogni giorno più arrugginito, si sfalda e si sgretola come gesso. Non sono mai stata un gran fabbro della mia vita.
    Che bei profumi autunnali in questo piatto, scaldano il cuore a dispetto del freddo che...ahimè...è arrivato! Non ho mai provato i semi di cumino, ne ero alla ricerca per il pane ed ora ho un motivo in più :) Un bacione cucciola, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, cara Fede.. secondo me invece sei un fabbro fantastico, ma hai solo perso la voglia di vedere quanto forte può essere la tua fibra. Anche io, lo sai, sono spesso stanca di dolore e di 'ruggine'. Ma sono ancora qui, ho ancora voglia di lottare e tutto il dolore (con l'amore, ovvio!) che ho provato, inevitabilmente mi ha insegnato qualcosa. Ho aumentato resistenza, sopportazione; ho incrementato le possibilità di reazione. Potenzialmente, anche quando sono in ginocchio: perchè siamo ancora qua, non siamo divenute polvere.. finchè c'è vita c'è possibilità di 'fare', di lottare, di avere speranza! Coraggio! :) Qui si congela, stella.. e tu sai quanto mi da fastidio..! I semi di cumino nero sono fantastici, provali perchè sono certa che non te ne pentirai! Un abbraccione e una giornata meravigliosa! :)

      Elimina
  6. Ely buongiorno! Il piatto di oggi e' una delizia per gli occhi...sapori forti,vigorosi ma che riscaldano lo spirito...ogni tuo racconto e' un'introduzione sapiente alla cucina che ci proporrai.Solo tu....bacioni dolci e forti abbracci.Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanti, tanti bacioni e abbracci a te, dolcissima Monica! :) Ti ringrazio per le tue belle parole, davvero. Spero di mandarti tanto calore, visto il freddo che fa! :) Un felice martedì, stella. :)

      Elimina
  7. Purtroppo il dolore esiste e oltre a quello fisico c'è anche quello dell'animo che è' più difficile da guarire.... Ma una volta passato ci rialziamo e ci forgiamo e se superiamo tutto siamo più forti ...
    Cara Ely ti stai forgiando ma il tuo spirito e' forte e tu combatterai.....
    Io sono qui ....
    La tua pasta come sempre ha dei sapori unici e interessanti come te!!!!
    Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro.. sì, hai davvero ragione. E io ho intenzione di forgiarmi con pazienza e perseveranza. Mai abbandonare la vita, la speranza e la tenacia.. anche nel dolore. Amica cara, sei meravigliosa: grazie per la tua presenza e.. sappi che lo stesso vale per me! Ieri non ho fatto in tempo a risponderti e dato che ci tengo tanto, oggi lo faccio con calma.. Intanto ti abbraccio forte, proprio forte. Buona giornata con tutto il cuore! :)

      Elimina
    2. Non ti preoccupare per la risposta prendi i tuoi tempi , a me basta che stai un po' meglio....
      Un bacio grande

      Elimina
    3. Sei un vero tesoro.. credimi. E risponderti è qualcosa che mi preme e che mi sta a cuore.. perchè tu sei nel mio cuore. E lì risplendi di luce.

      Elimina
  8. Dolce ely, se sempre presente con il cuore vicino a noi, anche se il tempo é stretto per tutti, noi sappiamo che passare dal tuo blog é come trovare una porta aperta e uno spazio dove lasciare una chiacchiera o un pensiero...è dove si può imparare tanto....sempre perfetta e bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che cara..! Artù, grazie.. davvero. Sì, ultimamente è un periodaccio ma il tempo per condividere con voi parte del mio cuore non potrebbe mai, mai mancare. Un bacione, anima preziosa. Una giornata splendida come te. :)

      Elimina
    2. Grazie, hai sempre belle parole che risollevano il morale, un commento per ognuna di noi, non cambiare mai!

      Elimina
    3. Ti ringrazio Artù.. davvero. No, resterò così come sono.. specie se questo vuol dire portare un sorriso e del bene in persone meravigliose come voi. Sei speciale, stella. Un bacione dal cuore.

      Elimina
  9. Bellissima metafora sul dolore e sulla forza. Leggere i tuoi racconti mi rievoca i libri che leggevo da piccola, pieni di significati, di storia, di saggezza. Scrivi davvero bene e sei un incrocio tra l'autrice di Peter Rabbit (mi sfugge ora il nome) dove racconti le piccole meraviglie del mondo e lo stupore degli innocenti e quello di Red Wall Abbey (non ricordo proprio. Sono autori della letteratura inglese - io sono cresciuta nelle scuole britanniche - ma tu sei davv il perfetto connubio tra i due).
    Come special anche queste trofie.
    A proposito di forgiare, tu mia cara stai forgiando il massimo di te stessa attraverso questo blog e sei davv divenuta una delle blogger piu amate in questa blogosfera. Io credo nei talenti ed il tuo non lascia indifferenti...
    Buona giornata cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tenera Vaty.. grazie, immensamente, per queste tue parole. Adoro Beatrix Potter, sai? Credo che il suo mondo sia il mio regno ideale :) Sei tu ad essere speciale, credimi. E ringrazio il destino perchè hai incrociato la mia strada: verrò a trovarti, promesso. :) Non ho mai creduto tanto in me stessa.. non ho mai sentito d'esser tanto, ma se posso portare un sorriso lo faccio con piacere. Sei un vero tesoro.. ti abbraccio con tanto affetto. Lo senti?

      Elimina
    2. rieccomi Ely. Sì, bravissima Beatrix Potter :-))
      e poi, volevo dirti che ho finalmente trovato l'autore di Redwall Abbey: Brian Jacques: http://en.wikipedia.org/wiki/Redwall.
      sai, quando scrivi che non hai mai creduto tanto in te, io ti capisco, ti capisco in pieno. perchè anch'io ho sempre provato ciò che hai provato tu. e forse solo persone cosi come noi (così insicure di se stesse perchè modeste e umili), riescono pian piano ad esprimersi bene fino a far uscire ciò che da sempre ci "logora" all'interno: e cioè la necessità di dare e ricevere tanto amore.
      tesoro, quanto mi piacerebbe. prometti che quando verrai da queste parti, mi avviserai cosi organizziamo una bella passeggiata e chiacchierata insieme, ci stai? <3

      Elimina
    3. Si, so perfettamente che sai di cosa parlo, amica mia. E ti ammiro tanto, tantissimo.. per quello che sei riuscita ad avere nella vita, con tutte le tue forze e la tua splendida tenacia. Te lo meriti dal cuore e ti auguro che tutti i tuoi desideri, dal primo all'ultimo, possano essere una bellissima realtà! Ti voglio bene Vaty.. e certo, te lo dirò perchè non vedo l'ora di abbracciarti forte dal vero! :) Sarebbe bellissimo poterti vedere e chiacchierare insieme. Sei una stella. :) Bacione!

      Elimina
  10. Come stai cara,spero bene!Ho letto dei tuoi mal di testa,forse è l'autunno,ma anche a me stanno sfinendo..:(!Per fortuna stamane,la mente è lucida,ho così potuto gustare il bel racconto,con tutta la forza di Isnart!Temprato dalla vita e duro come il ferro,assapora ad occhi chiusi la sua zuppa calda ed è così che io assaporo le tue trofiette!Diventerò anch'io forte come il fabbro?Non credo..a volte penso che il dolore,mi ha reso ancor più fragile!Un bacio Ely cara,spero che questo periodo un pò così,passi in fretta!
    p.s strano ma vero,ho anch'io la nigella..un souvenir portatomi dal cognato dall'indonesia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce angelo.. non benissimo purtroppo! Ma passerà, come le stagioni. Fa troppo freddo e lo soffro immensamente, dentro e fuori. Però il cielo mi ha detto che verrà il momento di sorridere.. e intanto devo solo vedere cos'altro imparare. :) Tu stai meglio? Spero che il mal di testa, così odioso, non ti torni più: sa essere veramente qualcosa di invalidante! :( Tu sei forte come il fabbro, cara. Delle volte crediamo che il dolore ci abbia reso più fragili perchè ci rende solo più vulnerabili. Come una malattia: ci ammaliamo, soffriamo, poi guariamo. Restiamo deboli per un po' ma ne siamo sopravvissuti, abbiamo vinto noi. E, senza saperlo, poi per quel male abbiamo anticorpi 'silenti'. La forza che hai dentro forse ti è solo sconosciuta, forse è solo sopita.. ma credimi, la tua luce traspare dal tuo meraviglioso sorriso e dice 'vita', a gran voce. Sei straordinaria, non dimenticarlo mai. Mai. Con tanto bene, un bacione! p.s. che bello! Un souvenir di sicuro meraviglioso, visto l'aroma delicato e piacevole che lasciano questi semi! :D Sono certa che ne farai delle squisitezze! :)

      Elimina
    2. E' il tuo sguardo a rendere quel cielo così carico di promesse...ma sai che attraverso i tuoi occhi,inizio a vederlo allo stesso modo??Grazie cara,passare nei tuoi sentieri,riempie l'animo di speranze!Ti auguro il meglio tesoro!

      Elimina
    3. Ne sono veramente felice, Dami. Tu ti meriti il meglio. Quel cielo è lì che ti aspetta, perchè sei meravigliosamente viva.. anche se a volte ci si sente stanchi e indeboliti. Ogni respiro che fai quando ti capita di soffrire è resistenza e vittoria contro quel dolore che ti vorrebbe far soccombere. Ti abbraccio con tanto bene, tesoro :)

      Elimina
  11. Si dice che il dolore rende forti. Ed è vero. L'ho provato sulla mia pelle. Mi ha cambiato profondamente. Ora sono diventata una persona estremamente egoista. No. Non mi vergogno a dirlo. Non sono una persona cattiva. Sono solo diventata una persona che non ha più pazienza verso chi non se la merita, che non si fa più carico dei problemi altrui, che non sopporta più le prepotenze altrui mascherate da buone maniere.
    Mi intriga il tuo piatto ^_^ Buona settimana
    PS: dopo la tempesta, torna il sereno ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti piacciano le mie trofiette! E cara Emi.. so bene che non sei cattiva... e, secondo me, nemmeno 'egoista' come dici. Il dolore ti ha solo insegnato l'autoconservazione ed è giusto, sacrosanto. Le ingiustizie e il male subito ti hanno plasmata, ti hanno spinta a lottare contro gli atteggiamenti che più ti infastidiscono. Ne so qualcosa, stella. Si è solo stufi del male e quel celato egoismo è solo una difesa: serve anche a questo cadere.. perchè ti insegna come meglio camminare! Un bacio, grazie e.. aspettiamo questo sereno :) p.s. sto giusto scrivendo una storia con questo tema, sai? :) Te la dedicherò!

      Elimina
  12. Buongiorno Ely! Che bella questa storia e gustosa anche la ricetta:-) il mal di testa affligge anche a me in questi giorni purtroppo:-( ma passerà anche questo nonostante l'inverno che arriva... Le tue parole e le risposte ai commenti danno tanta forza, la stessa che come dici tu abbiamo in ognuno di noi e..... Prima o poi verrà fuori:-) un bacio a te dolcissimo.. Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Povera Debby.. si, vedrai che passerà. Mi raccomando riguardati e stai a riposo più che puoi :) La tua forza interiore è sempre con te e spero che tu la senta viva e intensa! Bisogna solo attendere e darle la possibilità di manifestarsi! :) Un bacio, stella. Sono lì con te, oggi ti mando un angioletto.. per 'due'! :)

      Elimina
  13. purtoppo io non mi sento forte come il ferro ma fragile come cristallo, conosco l'amore, ma il dolore, quello vero, no e il pensiero che prima o poi dovrò incontrarlo mi spaventa, ho paura di rompermi in mille pezzi e di non riuscire più a ricompormi. un bacio e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maria Pia, sapessi quante volte mi sento anche io un cristallo.. quante volte ho rischiato di rompermi.. però stai certa che non accadrà. Non spaventarti di fronte al dolore.. è impossibile poter vivere sempre al sole, la pioggia è inevitabile ma ti renderà solo più forte. Se conosci l'amore, se hai questa grande fortuna, tienilo stretto a te e con il suo calore sconfiggerai ogni difficoltà! Dentro abbiamo una forza immensa, che ci è sempre di supporto anche quando non sappiamo nemmeno di averla. Perciò vivi, senza temere troppo quello che verrà! Hai già tutte le armi per difenderti, amica :) Un bacione!

      Elimina
  14. ciao tesoro, leggevo un po' i commenti che ti hanno lasciato e come Elly spero anche io in una raccolta di tuoi racconti.
    Poi come dice Federica anche io pensavo una volta che il dolore rendesse più forti, invece ci rende più arruginiti e fragili. Il dolore però sicuramente ci rende più sensibili alla sofferenza altrui.
    Le tue trofie sono deliziose e tanto golose......guarda che prima o poi mi autoinvito con Elsa a pranzo.
    un bacione e speriamo che questo periodo no passi più velocemente possibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe bello, dolcissima.. ma non facile :) Stella.. credo che tu, come Federica, non ti renda conto di quanto speciale sei. Non sei arrugginita e fragile.. hai sopportato tanto e sei ancora viva, sei ancora qui.. forse hai dei lividi (come tanti, troppi ne ho io) ma hai sconfitto passo per passo il male, ogni volta che ti ha attaccata. La debolezza, la stanchezza, non sono sentimenti di sconfitta.. ma di fragilità dopo una battaglia. Eppure hai vinto. E vinci ogni volta che scegli di andare avanti! :)
      Io ti aspetto, 'principessa guerriera'.. lo sai, con tutto il cuore. Sei speciale per me. Tanto.
      Speriamo che il sole torni presto.. poi ti aggiornerò! Bacione!

      Elimina
  15. Risposte
    1. Cara, grazie! :) Sei gentilissima! Un bacione! :)

      Elimina
  16. Tesoro! Quanto mi era mancata una tua storia in questi giorni: come al solito è bellissima, così come il piatto di trofiette che ci hai presentato.
    Un bacione e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tenera! :) Sei davvero cara, sono contenta che ti siano piaciute le trofiette e la storia! Un grosso bacione a te, stella! :)

      Elimina
  17. Le tue storie sono sempre poetiche!La ricetta molto in tema con la stagione!baci,Rosetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un bacio a te, anima profumata! Grazie, davvero :)

      Elimina
  18. Adoro leggere le tue storie, sono fantastiche, piene di emozione!
    Le trofiette devono essere deliziose!
    Buona giornata!
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Ribana, sei dolcissima! :) Ti aspetto per pranzo? :) Un bacione e una giornata splendida a te! :)

      Elimina
  19. Devi ricordare sempre che ogni vita è proprio come un pezzo di questo ferro: la plasma il dolore come la plasma l’amore. Entrambe sono forze incredibili, divampano come fiamme e sanno essere incandescenti...
    Eh si, l'amore e il dolore forniscono una forza pazzesca che ti porta a fare cose che non avresti mai pensato.
    Presentazione del piatto bellissima (a tal proposito bellissimo piatto lo voglio dove lo hai preso?) e ricetta assai interessante.
    Un abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono due forze enormi.. non mancano mai nella vita, ma.. perlomeno ciò che leva una, restituisce l'altra! :) Sono felice che ti piacciano queste trofiette.. il piatto è stato un regalo a dire il vero, è parte di un set ungherese. Ma credo si trovino anche qui.. di certo ai mercatini dell'artigianato! :) Un abbraccio fortissimo a te!

      Elimina
  20. Buongiorno mia cara Ely :) un sorrisino tutto per te!
    aspettavo il tuo racconto ed è arrivato, accompagnato da questa meraviglia di piatti e poi mi fai scoprire sempre accostamenti interessanti come questi semi di cuminino....
    "Tanto più è forte e fervente il dolore, tanto più la nostra fibra diviene ben salda; tanto più bruciamo di amore e passione, tanto più riusciamo a scaldare i cuori più sordi" Questa è la frase che più mi piace del tuo racconto, che dire parole vere, ricorda siamo sempre più forti di quello che pensiamo nostro Signore non ci da mai dolori che non siamo in grado di sopportare....
    Un grande abbraccio e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto una grande, gradissima verità: il Signore ci ama, anche se la vita a volte sembra tanto difficile e ci mette davanti a prove gravose. Penso sempre anche io, quando soffro.. 'che ce la posso fare', perchè Lui non mi affiderebbe mai con un peso eccessivo, rispetto alle mie reali capacità.. Sei una stella, Romy. Un grande abbraccio a te, amica preziosa.

      Elimina
  21. Sai, mi incanto a leggerti. Mi inebrio delle tue parole, cerco qualcosa che mi rassomigli per cercare la strada che porta a te. E' verissimo il dolore fortifica, l'ho vissuto in prima persona. Bello tornare a sorridere alla vita.
    Mi piace il tuo blog, come scrivi, come sei.
    Bello il tuo commento al mio post, grazie !!
    Felice giornata e a presto.
    Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio immensamente, Angela. Porti un nome che descrive il tuo cuore: bello, pulito, grande. Non cambiare mai, mai.. E spero che d'ora in poi ti visiti maggiormente la grande forza dell'amore. :) E' un piacere passare a te, anima bella. Sempre. Una dolce giornata! :)

      Elimina
  22. Ciao Ely!
    I tuoi racconti mi fanno iniziare meglio la giornata sai?
    Concordo anch'io sul fatto che dovresti pensare seriamente a raccoglierli in un libro..
    Questa pasta è fantastica e i semi di cumino neri li devo andare a cercare perché non li ho mai utilizzati!
    Buona! BRAVA Ely!
    Un abbraccione,
    Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono felice, Roby! :) Chissà.. vedremo se la vita mi darà questa opportunità: nel frattempo, è già bello sapere che posso regalare un sorriso. :) Spero la proverai, perché i semi di cumino sono stati una bella scoperta anche per me: aromatici ma delicati, davvero piacevoli! Un abbraccio con affetto, stella! :)

      Elimina
  23. una frase: "imparare dal dolore per divenire forte come una spada"... la tengo stretta a me e ne conservo il valore, la profondità e la saggezza ...
    golosissime le trofiette.. il cumino dona al piatto un aroma intenso e particolare.. sicuramente proverò! dato che questa spezia la utilizzo prevalentemente per le carni! un abbraccio carissima e buona giornata:**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tienila stretta e 'divieni una spada bellissima', Simo. Perché le potenzialità e le capacità per farlo sono già strumenti in tuo possesso :) Provala e fammi sapere se ti è piaciuta, cara :) Un bacio grande e una buona giornata!

      Elimina
  24. Il tuo racconto mi e' piaciuto tantissimo e il piatto e' originale ed elegantissimo. Strepitosa!!!!Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Veronica.. ma che dire allora del tuo pompelmo?! Una meraviglia davvero.. tra colori e sapori! :) Un abbraccio forte! :)

      Elimina
    2. Grazie cara sei gentilissima.^_^

      Elimina
    3. E' la verità, stella! Hai davvero una grande bravura :) Bacione!

      Elimina
  25. Tesoro bello :) mi dispiace tanto che il periodo non sia dei migliori e spero passi presto facendoti ritornare il sorriso! Queste trofiette sono deliziose, raffinate e con un abbinamento di sapori incredibile, il tocco del rum è speciale come te, amica mia! Ti faccio i miei complimenti, sei bravissima :) Un abbraccio grande e stai bene :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce Vale.. speriamo passi presto. L'importante è non scoraggiarsi e avere fiducia, sempre! :) Sei tu davvero speciale, cara.. vorrei lo ricordassi ogni attimo. Grazie, grazie infinite. Ricambio il tuo abbraccio, forte forte :)

      Elimina
  26. E' fantastico venire a trovarti, oltre alla ricetta,ottima di per se, trovo sempre un'atmosfera dal sapore antico :) che in queste fredde giornate...è ancor più piacevole da assaporare. un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, Artemisia! Questa atmosfera confortante ti aspetta ogni volta che desideri, sei davvero la benvenuta ed è un piacere averti qui :) Se vuoi per pranzo ci divideremo un po' di queste trofiette fumanti, immaginando già la primavera! :) Bacione grande!

      Elimina
  27. Ely.....che dire, mi dispiace tanto capire che non è un buon periodo per te, qualcosa dentro di me infantilmente si ribella, mi chiedo perchè una persona così bella, così ricca, in grado di dare così tanto agli altri con una semplice frase debba star male, non lo vorrei, vorrei saperti felice, e sana, e serena...ma forse la risposta è in quello che scrivi, forse sei così perchè forgiata e resa più bella da amore e dolore, dolore e amore....ti abbraccio, come se volessi per due minuti nasconderti sotto un'ala e farti sentire al riparo, fragile ed effimero, ma pur sempre un riparo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roby.. le tue parole sono un dono molto grande per me. Una carezza che mi scalda, un battito in più del cuore. Non so se merito questi pensieri così belli.. non mi sono mai sentita meritevole di tanto, nella mia vita. Per questo abbracciandoti forte mi sento già al riparo, perchè un angelo ha soffiato nel tuo cuore e gli ha donato davvero le ali. GRAZIE, con tutta l'anima. Il sole tornerà prima o poi.. e conservo il suo primo raggio per te. Un bacio forte, amica cara.

      Elimina
    2. Sbagli a non sentirti meritevole Ely, non sei una persona che si incontra tutti i giorni.....e io sono veramente felice di averti incontrato, così, per caso, in un mondo all'apparenza così poco reale e invece così concreto, e vero,e vivo!

      Elimina
    3. La stessa cosa sappi che vale per me. Sei preziosa, molto, cara Roby. E ci sarò sempre per te, puoi contarci. Grazie ancora, ti stringo forte, stella vera...!

      Elimina
  28. Ely so così poco di te eppure mi sembra di sapere molto| Sicuramente diverrai forte, sempre più forte, come quel metallo che il vecchio riesce a forgiare... è la vita... ma è da questA VITA CHE SI IMPARA A VIVERE!!! Con legerezza... si imara a vivere con legerezza giorno per giorno!!! Che buone le trofie.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, cara serena! Mi trovi proprio d'accordo.. la vita va vissuta giorno per giorno, con voglia di donare e di imparare; con il freddo o con il tepore; con le difficoltà e con la semplicità.. tra pianti e sorrisi, ma sempre con speranza. :) Ti abbraccio stretta. Si diviene piano piano 'forti come il ferro'..

      Elimina
  29. Stellina, mi dispiace tanto per il periodo che stai passando. Hai scritto a Roberta che non sai se ti meriti dei pensieri così belli... ma te li meriti tutti. Con le tue parole riesci a tirare su il morale a molte persone e se avessi il tuo dono vorrei scriverti un racconto che riesca a tirare su anche te e farti capire che, sebbene non ci conosciamo, vorrei abbracciarti forte forte finché non ti sentiresti meglio. Perché sarà anche vero che il dolore ed i brutti periodi temprano l'anima, ma ci riescono molto meglio i periodi felici e l'amore degli altri. E ricorda, il sole é presente anche di notte, noi non lo vediamo e non lo percepiamo, ma lui é li, ad illuminare la luna. Così in un brutto periodo tendiamo a non vedere le cose belle, ma ogni ciclo ha una sua fine e anche questo periodaccio passerà. Ti abbraccio con tutto il cuore, Elle

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce Elle.. tu già lo fai, insieme a tutte coloro che mi lasciano parole e moti d'animo preziosissimi. Già questo è un dono immenso, per il quale vorrei trovare parole adatte per ringraziare.. ma non so se ne esistono di così speciali: di certo, ne inventerei di nuove, di mai ascoltate e di scintillante luce. Grazie infinite e ricambio quell'abbraccio che mi dai, proprio forte: si, è vero. Il sole brilla sempre dietro le nubi.. e ci vorrà molto tempo ancora perché risplenda sereno, purtroppo. Eppure ho speranza, non smetterò mai di lottare. Perché la vita è troppo preziosa e ho intenzione di onorarla come meglio si può fare. Sei speciale, Elle. Promettimi che lo ricorderai. Un bacione dal cuore! :)

      Elimina
  30. Ely è tutto così bello e commovente! storia, ricetta e foto. Un abbraccio e baci :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Σας ευχαριστώ, Ιρμα! Εσύ είσαι ένα αστέρι, μεγάλη μεγάλη. Μια αγκαλιά και ένα φιλί! :)

      Elimina
  31. Cara Ely, quando posso faccio un giro per i blog che più mi piacciono, ma come sai sul tuo amo soffermarmi per buttarmi dentro ai tuoi racconti. Lascio sempre che sia l'ora del cappuccino per soffermarmi qui. E anche questo racconto, come gli altri, è meraviglioso, per il messaggio che vuole infondere. E allora forza, anche tu sei come il ferro, e io ti aspetto per rileggere le tue meravigliose ricette - come questa che hai postato qui - e i tuoi fantastici racconti. Un abbraccio grande! Sono con te!:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Maria Luisa. Ci vorrà tanto tempo ma non smetto mai di farmi coraggio, specie se ci sono stelle come te che brillano regalandomi bellissima luce. :) Sei un tesoro, ricorda che anche io ci sono sempre per te, ogni attimo e in ogni situazione. Averti qui è un piacere sempre molto grande, amica cara. :) Un abbraccio grande a te! :)

      Elimina
  32. Parole cosi cariche di verità cara Ely...sono stata completamente rapita dal tuo racconto e mi ha dato una lezione di vita che non dimenticherò...cosa darei per essere forte e resistente come il ferro e non tremolante come una piuma....un abbraccio grandissimo e forza noi donne siamo ferro quando vogliamo e dimenticato,splendida ricetta come sempre!!!Baci,Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Imma.. quella fragile 'piuma' che senti di essere è sicuramente forgiata con la resistenza del ferro. Ne sono certa. La cosa bella è che sai essere 'dolcemente' forte, delicata ma risoluta.. sai inseguire i tuoi sogni e li sai rendere reali. La tua bellezza e il tuo coraggio risiedono proprio in questo: nell'essere forte eppure tanto dolce; nell'essere resistente perfino quando vacilli; nell'essere umile, quando hai il cuore di una regina. Un bacione a te, forte forte! :) Grazie, davvero.

      Elimina
  33. il dolore fa parte delle nostra vita, dipende solo da come ti raffronti a lui...spesso vince...ma a volte sappiamo anche bastonarlo!
    sei unica Ely, i tuoi racconti sono sempre forti emozioni e le tue ricette lasciano senza parole!
    Grazie!
    un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bella sei! :) Vero, una soddisfazione immensa quando il male ci attacca.. e noi riusciamo a dirgli: 'tanto ho ancora vinto io'! :) Sei tu ad essere unica, amica. Grazie a te. Ti abbraccio e ti auguro una giornata splendida! :)

      Elimina
  34. Cara Ely ho capito con molto ritardo lo ammetto, che si impara moltissimo dal dolore e dagli sbagli o comunque dalle esperienze negative che si vivono :) e bisogna farne tesoro perchè ci aiutano a crescere e a migliorarci :) Bellissimo racconto e bellissima ricetta, sei un'esteta :) nel presentare i piatti poi :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Luna! Non importa quando impari, la vita continua a ripeterti con amore i suoi insegnamenti.. fino a che non li cogli. :) Sa essere molto paziente, come dobbiamo esserlo noi davanti alle difficoltà: alla fine c'è sempre un 'premio', per chi lo sa vedere. Un bacione e ti ringrazio tanto per le tue parole! :) Buona giornata, dolcissima! :)

      Elimina
  35. Questa storia è molto molto bella, ma mi viene anche un po' da ridere se ripenso a quante volte ultimamente mi sono sentita dire di essere "dura" con le persone. Per tanti io sono la "testona" e riconosco che è vero! ;D
    Però anch'io, come il ferro, divento malleabile se ricevo calore. Hai trovato un paragone che mi tocca proprio da vicino! ;)
    Comunque sei proprio brava...non so se riuscirei a cucinare qualcosa che non mi piace! E ti sono venute pure bene!
    Buona giornata, fatina...se c'è qualche problema sono qui!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dolce Gre, davvero. Tu non sei 'dura', cara! Hai solo imparato che dare molto è una cosa stupenda, ma è necessario sapersi anche difendere e.. sapere dire di 'no'! E la testardaggine non è cosa sempre negativa: solo con questa possiamo sperare di raggiungere i nostri obiettivi! :) Te lo auguro presto, con tutto il cuore, perché sei splendida..! Ti abbraccio con tanto bene.. che bello che sabato ti vedooo! :D

      Elimina
  36. Ciao tesoro come stai???? In questi giorni ho pochissimo tempo, sono sempre di corsa e mi sento "uno straccio", altro che ferro!!! :)
    C'è sempre da imparare dalle tue meravigliose parole, dal tuo angolino si esce sempre ritemprati!! Grazie di cuore!!!
    Mi piacerebbe poter assaggiare le trofiette del fabbro Isnart, naturalmente in tua compagnia!!! Mai dire mai :)
    Ti abbraccio stretta!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici, tesorina! Ahah! Piacerebbe tantissimo anche a me gustarle in tua compagnia.. e sarebbe proprio bello un giorno riuscirci. Io ci conto, eh? :) Ti abbraccio stretta stretta anche io, mandandoti tanto calore e affetto :) Un bacio, stella! :)

      Elimina
  37. meravigliosa ricetta e meraviglioso racconto mia dolce Ely...attraverso il dolore e l'amore impariamo a vivere. Bravissima come sempre! un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, dolcissima Ale! Sei veramente tanto cara, ogni volta che vieni a trovarmi. A proposito, abbi fede che prima o poi ce la faccio, amica mia...!! ;) Un bacio dal cuore e un abbraccio tutto per te :)

      Elimina
  38. un ottimo modo per preparare e valorizzare una pasta come le trofie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gunther! Come sempre gentilissimo! :) Un bacione!

      Elimina
  39. "Ricorda di mettere amore in tutto ciò che fai, in ogni tuo respiro. Ricorda di imparare dal dolore per divenire forte come una spada". E' la morale del tuo racconto, è ciò che faccio sempre perchè mi aiuta poi a rialzarmi, ogni volta che inciampo nelle delusioni che la vita immancabilmente ci dà.
    Queste trofiette emanano un profumo che passa attraverso lo schermo.
    Un abbraccio e buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai un cuore veramente grande: sei una bellissima spada, Maria Grazia! E il tuo modo di affrontare la vita è da ammirare. Ti abbraccio, felice che le mie trofiette ti siano piaciute! Un bacione, cara. Passa un bel pomeriggio :)

      Elimina
  40. Cara Ely, non vedo l'ora di provare questa pasta...mi piace proprio tanto!
    Ti mando un abbraccio e spero che tu possa superare al più presto questo periodo che stai attraversando!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che carina, sei! Ricambio il tuo abbraccio forte e ti ringrazio per l'augurio.. un bacione e un felice pomeriggio, dolce Any :)

      Elimina
  41. La tua fantasia è anche più produttiva della tua cucina ed è difficile capire quale passione prenda il sopravvento... quindi, noi godiamo i frutti di entrambe!!! Tantissimi complimenti, a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentilissima, cara lolle. Sei una stella del cielo.. grazie infinite, un bacio pieno di bene :)

      Elimina
  42. mi piace questo piatto e anche il racconto...io purtroppo dal dolore non riesco ad imparare...e non ho nulla in comune con il ferro...peccato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece sono sicura che tu sia come il ferro, ma preziosa come un diamante, cara nonna papera. E' quasi una necessità, imparare dal dolore. E' l'unico modo per dargli un senso, per far sì che non sia stato inutile.. e non è detto che sia una cosa immediata. Sai, spesso non lo è mai. Ti abbraccio con affetto!

      Elimina
  43. ELI sei super fantastica baci ISA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tenera Isa! :) Un bacione grandissimo a te e ancora complimenti per i tuoi dolcetti squisiti! :)

      Elimina
  44. Meravigliosa Ely,ormai leggo i tuoi post con grande entusiasmo più di scoprire le tue fantastiche ricette,in questo pezzetto del web ciò che tu pubblichi sono autentiche lezioni di vita e li fai vivere nella mente di noi lettori come un'antico racconto realmente accaduto,tutto è chiaro nitido,si distingue la casetta del vecchio fabbro ed il suo focolare....in fine grande sagezza e tanta tanta umiltà,tanto amore...ciò che serve per diventare...< forte come una spada>
    Complimenti ovviamente anche per la ricetta,raffinatissima.
    ti abbraccio forte.
    Zagara & Cedro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, dolcissima Ketty! Sono contenta che tu riesca a trarre qualcosa di positivo per la tua anima, sulla base di ciò che la vita mi sussurra! :) Ti auguro di essere sempre 'forte come una spada', amica mia, con tutto il cuore. Ti abbraccio anche io, forte forte. :)

      Elimina
  45. eeee cara Ely,l'amour ci da ali,la sua forza è senza misura...bellissimo racconto,mi permetto di condividere su facebook...la pasta fresca??!!la adoro,lo postata anche io oggi...il tuo condimento e da grande chef...ti voglio bene,buona giornata:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che gentile, grazie mille! Sono corsa subito da te e hai fatto davvero una pasta superba!! :D Dai, con un piatto così gustoso è il minimo che il tuo sogno riesca ad avverarsi...! :) Sei una vera forza, cara. Adorabile. Un abbraccio e un bacione tutto per te, Tina! :) E che la tua vita sia piena d'amore, tutto quello che meriti! Ti voglio bene anche io! :)

      Elimina
  46. Com'è particolare questa pasta! Non conoscevo neanche il cumino nero, devo cercarlo meglio e vedere come ''funziona'' :D

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero tu lo troverai presto, Marco! Io ne sono rimasta entusiasta (vabbè, io impazzisco per le spezie in genere, ma..) :D Sono contenta che ti sia piaciuta questa pasta.. Un abbraccio grande e un felice pomeriggio! :)

      Elimina
  47. Le lezioni di vita dei tuoi racconti sono una consuetudine di cui non si può più fare a meno,come delle tue ricette!
    un fiore per te Lieta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Lieta.. il tuo fiore lo tengo nel cuore, come ogni dono che mi fai. Lì berrà sempre affetto e non morirà mai! Ti stringo forte, amica mia. :)

      Elimina
  48. Mmm il dolore è vero.. dovrebbe fortificare.. ma non sempre è così.. a volte indebolisce troppo chi è già insicuro e fragile di suo... Bellissimo il tuo post di oggi.. mi piace sempre come anticipi la ricetta del giorno! E ottime sono le tue trofie.. m'incuriosisce il rum bianco.. non ne sapevo nemmeno l'esistenza!!!! Baci cara Ely.. buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Claudietta.. nessun dolore può annientarci, quando proviamo a contrastarlo. Sarà difficile, dura, a volte quasi impossibile: ma sconfiggere un male ci aiuta ad affrontarne altri. E se fosse vero che le persone fragili e insicure non ce la possono fare.. io sarei già scomparsa da tempo :) Purtroppo è la verità.. indebolisce forse, ma se riusciamo a contrastarlo nonostante tutto, ne usciamo sempre più forti.. anche a nostra insaputa! :) Davvero non lo conoscevi, il rum bianco? Tesoro provalo allora.. è più delicato e lo trovo buono persino nei piatti salati! :) Baci grandi grandi a te, carissima.

      Elimina
  49. Mia cara e dolcissima Ely.. mi mancava leggerti..
    Ti stringo forte forte :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io piccolina.. proprio forte. Sei dolcissima. Un bacione, Ile cara :)

      Elimina
  50. Quanto amore che c'è in questo post:)e anche quanta verità.. ogni post emerge chiara la tua bell'anima Ely e i tuoi racconti sono fatati e densi di significato.. Ti mando un bacione, il nostro Isnart si sarà leccato i baffi con questa pasta!:**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei così cara.. in quanto ad anima devo dire che anche la tua è proprio pura e speciale, amica. Ricordalo sempre. Un bacione a te e.. se fossi qui ne ruberemmo un po' al fabbro, per gustarcela insieme :) Smuacck!

      Elimina
  51. Quando leggo i tuoi racconti mi ricordo che da bambina mi chiedevo sempre perchè il cibo fosse troppo poco presente nelle favole...si,ok,la mela,il cestino di cappuccetto...ma il cibo luculliano,godurioso,dov'era?...leggendoti mi sembra che tu arricchisca con le tue trofie e le tue ricette magiche le mie favole..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale, che belle parole.. grazie, grazie di cuore! :) In effetti me lo chiedevo anche io.. il massimo era il latte e miele di Riccioli d'Oro, piuttosto che qualche mela o un pezzo di pollo.. 'ma loro non mangiano mai?' mi chiedevo. Per non parlare delle principesse che ogni tanto si sfamavano 'raccogliendo bacche nel bosco'. :) Sei un tesoro, stella. Un bacio grande grande.

      Elimina
  52. Ely he mirado cada día esperando tu nueva entrada y por fin volvemos a leer otra lección de vida,que a mi personalmente me ha encantado.
    En la vida corremos el riesgo muchas veces de "endurecernos",convirtiéndonos en personas resentidas, amargadas,sobre todo cuando en nuestra existencia hemos atravesado por situaciones difíciles, problemáticas, tristes y no hemos sabido conjugarlas con el amor,tan necesario para crecer, para madurar.
    Fuertes como el hierro pero maleables por el amor hacia nosotros mismos y hacia los demás, personas sensibles al dolor ajeno, misericordiosas compresivas...Lo procuramos cada día, lucho por ser cada día más humana, más tierna,pese a las contrariedades, las enfermedades, las preocupaciones.
    Y cada día disfruto degustando platos tan apetitosos como estos trofiettes con champiñones..y doy gracias por la comida de cada día.
    te envío un abrazo muy grande,(espero que te encuentres bien de salud)y el "calor" de todo mi afecto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dulca amiga mia, es maravilloso cuando vienes a mí, en este bosque. Siempre hay un montón de amor por ti, por la persona hermosa que eres. Son muy, muy aficionada a ti, estrella mia. Sólo quiero el bien para ti.. la vida es muy dura y difícil, cada vez. Pero hasta existirà un corazon como el tuyo.. en el mundo existirà bondad. Me gustaria comer este trofiette en tu compania, Maria.. :) Las cosas no van bien, pero espero que pronto voy a ver el sol. Un abrazo con todo el corazon y un beso, querida.

      Elimina
  53. Always good to try something different

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, thanks. I'm happy that you liked it :) Kisses, my dear! :)

      Elimina
  54. Elyy?????? Buon pomeriggio!!!!!!!!!!!!! Non ci capisco più niente,è dall'ultima volta che ci siamo sentite con i commenti,che non li vedo più sul tuo blog,anche se sto pubblicando!!!!!!!!!!!!!!! presumo,sia così anche per te??????? Non solo,ogni volta che apro il tuo blog,mi appare sempre la stessa ricetta della zuppa di ceci!!!!!!!!!!!!!!!! Come mai??????????
    ciaoo!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non saprei dirti, perchè vedi sempre la stessa ricetta.. purtroppo sai, delle volte blogger è un po' fatto a modo suo. Un felice pomeriggio a te, cara. Passa una piacevole serata!

      Elimina
  55. Ely, bellissima amica mia!!! che belle le tue trofie, il tuo racconto! io adoro il cumino...ma il cumino nero che variante è? Signùùùr, non ne so mezza!! Un abbraccio forte forte!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah! Tesoro..! :D Il cumino nero è stata una bella scoperta anche per me. Lo trovi con la definizione di 'Nigella Sativa'...! E' buono, aromatico e non troppo 'pesante'! :D E tu... eccome se ne sai: sei il mio oracolo delle spezie! Un bacio grande grande e un abbraccio a te, Miki! :)

      Elimina
    2. l'oracolo delle spezie? :D ahahahahahhahaha...sei meravigliosaaaaaaa

      Elimina
    3. Ah si si.. mi fai morire.. tu sei sempre troppo avanti, caro il mio oracolo :D Un bacione stella bella! Buon riposo :)

      Elimina
  56. Ely,ciao cara!!
    Complimenti per i premi e complimenti per questa ricetta,mi hai fatto pentire questa sera di aver preparato altro......
    Se aprivo prima il tuo blog,magari prendevo spunto da questa delizia!!
    Va beh,facciamo una cosa,arrivo da te,così la mangiamo insieme!!;)
    Un bacio!!
    Sabry!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che tenera sei! Grazie di cuore, per tutto, Sabry! :) Tieni presente queste trofiette per la prossima volta, allora.. e spero davvero che ti piacciano! Ti abbraccio e ti auguro una dolcissima serata :)

      Elimina
  57. Il tuo racconto mi ha fatto luccicare gli occhi, non sono figlia di un fabbro e non so lavorare il ferro ma la mia anima è stata forgiata proprio così come descrive il tuo Isnart, è proprio vero il dolore e l amore ti segnano ma ti rendono anche forte e vivo! e forse chi non ha mai sofferto veramente non può capire fino in fondo la forza dell' amore...un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ilenia.. è proprio così cara. E' solo attraverso il dolore profondo, vero, straziante delle volte.. che si capisce l'intensa forza dell'amore. E cresci, con uno e con l'altro, con coraggio e tenacia.. perchè 'vuoi sopravvivere'.. e poi, dopo averlo fatto, 'vuoi vivere'. Un bacio, anima di spada.. Il mio sincero augurio per te è che da oggi tu possa conoscere maggiormente l'amore, a dispetto di quanto hai provato di doloroso in passato. Una carezza.

      Elimina
  58. Anche io se solo potessi farei un salto da te per affondare una bella forchettata in questo piatto delizioso..
    Mi dispiace che tu abbia problemi alimentari..me ne avevi fatto cenno, ma mi dispiace ancor di più il fatto che i ristoratori possano essere così poco sensibili a determinati problemi.
    Pensa che in missione c'era una ragazza che non poteva mangiare il pesce e il cuoco ne teneva conto senza alcun problema visto che non era un capriccio...
    Ora scappo e ti lascio con un grosso bacione , dolcissima Ely!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, se ti aspetterei volentieri, dolce Grazia! :) Si, il problema è proprio quando non è affatto un capriccio (pensa te che io ho sempre accettato tutto senza fare un fiato).. sai, delle volte mi limitavo a chiedere un piatto di pasta in bianco e perfino lì mi guardavano male! Stare male non è bello, sentirsi a disagio nemmeno.. questo i signori ristoratori dovrebbero capirlo.
      Un grosso bacio a te, stella vera! Sei un tesoro :)

      Elimina
  59. Una receta bien inteligente llena de sabores exquisita y además muy linda.. me encanta su historia pienso que endurecer el alma es perder la batalla deben aflorar los sentimientos para que el dolor fluya,felicitaciones por sus premios abrazos y abrazos.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gracias querida, eres muy amable! Me alegra que te guste tambien la historia.. y tienes realmente razon, amiga mia. Abrazos y besos tambien a ti, con todo el corazon :)

      Elimina
  60. E' sempre un piacere venire nel tuo blog, è caldo e accogliente. Le storie non possono non conquistarti e la ricetta fantastica... Grazie Ely :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che cara, lo stesso vale per me sai? :) Davvero un piacere, dolce Bea. Grazie a te, come sempre. Un bacione grandissimo :)

      Elimina
  61. Senti Ely io vengo a fare da te un corso di
    1) scrittura
    2) cucina creativa
    3) fotografia
    Mandami il preventivo per i 3 corsi!!!
    SUPER BRAVA mia omonima :-)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolcissima Eli! :D Troppo gentile, davvero! In realtà davvero avrei a imparare da tutte voi, da te poi.. in particolar modo! Sei così brava con i lievitati e le farine che amo..! :) Ti abbraccio tesoro! :D Un bacio e una serata stupenda :)

      Elimina
  62. Attendevo una tua nuova ricetta e questa è veramente appagante, con un utilizzo funghi rum molto convincente, ardito, ma ben realizzato. Ricetta tutta da provare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa tanto piacere che incontri i tuoi gusti, Fabiano! :) Spero la proverai, io l'ho trovata gradevole anche al profumo.. il tutto resta delicato e saporito al contempo :) Un abbraccio.. sto ancora pensando alla verza, mamma che ridere!! :)

      Elimina
  63. la ricetta è indubbiamente da provare, per accostamenti insoliti e deliziosi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Alice! :) Buonanotte! :)

      Elimina
  64. La ricetta è squisita, adoro i funghi!La storia mi è piaciuta tantissimo e quanta verità in essa! Dolore ed amore, amore e dolore...così è la vita e bisogna fare leva sull' amore per andare avanti!
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono davvero felice, Ale! :) E quanto hai ragione.. l'amore smuove il mondo e sicuramente anche le nostre vite, giorno per giorno :) Bacioni a te, cara. :) Buon riposo :)

      Elimina
  65. La ricetta fantastica col tocco insolito del rum.Come la storia che ci hai raccontato,è bello passare da te, sai creare un'atmosfera magica per ogni tuo post.
    Un abbraccio, buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sei carina! :) Per me è bellissimo quando passi, invece.. ti abbraccio con affetto. :) Buonanotte stella!

      Elimina
  66. Da quando vengo di sera a leggere il tuo blog, me lo gusto davvero tanto. Il rum invece che nel piatto lo berrei mentre leggo le tue storie. Ma essendo pressoché astemia evito immaginando solo paesaggi ed atmosfere lontane da me.
    Buone le trofie.
    ciao
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Alice.. sei molto gentile ed è bello sapere che ti soffermi un po' nel mio bosco. Questo rum è molto, molto delicato.. potrei fartene assaggiare solo un pochino se vuoi. A me gli alcolici non sono mai piaciuti, però questo è gradevole :) Grazie di cuore, un bacio grande e una notte serena!

      Elimina
  67. Ely, sempre grazie per questo nuovo racconto e per la ricetta che l'accompagna. Mi auguro che anche tu divenga forte come il ferro e che cio' possa aiutarti a sconfiggere cio' che rende questo periodo poco luminoso. Serena notte amica mia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei dolcissima Lety. Grazie, grazie infinite amica cara.. lo spero davvero anche io, sebbene sarà una cosa molto lunga. Ti abbraccio con tanto bene, augurandoti non solo una bellissima notte.. ma una vita piena dell'amore che meriti. :)

      Elimina
  68. Sono passata a trovarti come promesso e cosa mi ritrovo? La cucina e la scrittura in un solo blog! Ammiro tanto quelli che come te hanno la capacità di descrivere storie, sentimenti e sensazioni con le parole in modo così naturale... Bellissimo racconto e bellissima ricetta! Spero che vada meglio presto! Buonanotte :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che tenera sei, Polpettina :) Grazie infinite, davvero. Per tutto ciò che hai scritto: spero anche io che vada meglio presto.. intanto ti auguro una notte meravigliosa, come lo sei tu :)

      Elimina
  69. Non appena vedo che hai scritto un nuovo post non vedo l'ora di andare a leggerlo e di immergermi nei tuoi racconti!!
    Sei bravissima, mi piace moltissimo il tuo modo di scrivere e descrivere, si ha quasi la sensazione di essere parte della scena!!
    Non mi stancherò mai di ripetere che sei una persona fantastica, dolce e sensibile, nonchè una cuoca perfetta!!!
    Le tue trofiette devono essere ottime!!
    Un bacione e una felice notte Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolcissima Carmen.. sono molto felice che ti sia piaciuta questa ricetta e che tu ti appassioni leggendo i miei piccoli racconti: sono felice a mia volta se so che ti dono un po' di felicità.. :) Sei una persona davvero meravigliosa anche tu.. e credimi, proprio brava: il tuo tortino di patate è qualcosa di speciale :) Una notte piena di sogni splendidi, cara.

      Elimina
  70. Buongiorno Ely, ieri non sono riuscita a passare da te con la calma che occorreva,perchè arrivare qui è come decidere di staccare per qualche minuto dalla frenesia , respirare profondamente e rilassarsi, sulle tue belle storie, sulle tue accurate descrizioni che proiettano immediatamente dentro la scena.

    Hai saputo rendere una "semplice" pasta e funghi una poesia di sapori, mai avrei pensato di abbinare il rum ( che pure adoro nelle preparazioni salate) e non so se conosco il sapore del cumino nero , comunque hai realizzato un piatto fantastico.

    Buona giornata ^_^

    loredana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Lory! Ti ringrazio immensamente, le tue parole sono sempre preziosissime per me! :) Una splendida giornata a te, che oggi hai creato un piattino davvero niente male! :) Con tanto affetto, un bacione!

      Elimina
  71. che buone le trofiette e io che ho mezze origini liguri di adozioi mi piace molto farle.ottimi versamente gli abbinamenti che hai proposto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello, davvero origini liguri? Bel posto la Liguria.. ahhh (sospiro). Grazie di cuore, cara Lucy! Un bacione e felice giornata! :)

      Elimina
  72. Ciao Ely! ^^
    Che dire...BUONAAAAA!!!!!
    Come sempre anche loe foto sonon bellissime!!!
    Brava!!! ^_____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rika, carissima! :) Grazie, davvero! :D Sono felice che anche le foto ti siano piaciute.. è così freddo e buio dalle mie parti.. non ho molta luce a disposizione :) Un abbraccio forte e una giornata meravigliosa! :)

      Elimina
  73. Adoro la pasta e queste trofie sono fantastiche , bravissima Ely. Un abbraccio, buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, stella. Un abbraccio forte forte a te, buona giornata Dani! :)

      Elimina
  74. Che bello questo nuovo racconto, mi è piaciuto molto! Che meraviglia questo piatto,è profumato e gustoso, brava! Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un bacione, Molly. Sempre gentilissima. :) Grazie e una stupenda giornata.. complimenti ancora per la tua ricetta di oggi! :D

      Elimina
  75. Ciao tesoro, un bacione per augurarti un mercoledì felicissimo!!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie, tesorina! Anche a te un bacione grosso e un mercoledì meraviglioso :)

      Elimina
  76. come sempre racconto incantevole!!!!e ricetta super!!!sei sempre più brava....un abbraccio sincero di affetto e stima...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto l'affetto e la stima che mi comunichi sappi che sono assolutamente ricambiati, cara mamma lorita. Il tuo gusto e la tua finezza sono impareggiabili.. per non parlare dell'amore che traspare dai tuoi piatti! Sei un tesoro! Un bacio grande e grazie, di cuore! :) Buon mercoledì! :)

      Elimina
  77. Questa ricettina e' perfetta per me che gli champignon sono tra quei pochi funghi che posso mangiare, la provero' anche perche' mi piace l'aggiunta di rum bianco alla cottura del sugo!
    Divina come sempre!!1

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh che onore, detto da te, cara Lara! :) Spero ti piacerà! Un abbraccio grande come il cielo e un felice mercoledì! :) p.s. tra poco passo a trovarti!

      Elimina
  78. intanto prendo nota di questa ricettina.
    Poi ti ringrazio e si spero che passi tutto in fretta e ti auguro la stessa cosa.
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un bacio grande a te, davvero spero tutto si sistemi presto. Ti abbraccio forte, proprio forte cara! :)

      Elimina
  79. ely..e allora che succede? puoi scrivermi in privato se vuoi...è strano sai come ci si affezioni a chi non si conosce poi cosi bene..ma io credo quasi di conoscerti da una vita..sei stata stra-carina con me quando avevo bisogno, vorrei fare lo stesso...riprenditi ok e scrivimi se hai bisogno..intanto passavo di qua perchè ho finalmente postato una foto per il premio semplicity e non solo...passa da me se ti va. un bacione ely..dai che devo proporti anche un mega progetto...non sai cosa ho in mente..dai dai su che mi servi forte!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stella mia! Ti ho scritto giusto una breve mail stamattina (ovviamente di corsa) solo per dirti che ero passata e.. beh, leggerai :) Ti voglio tanto bene anche io e appena ho tempo spero di poterti scrivere con un po' più di calma! Intanto stasera spero di riuscire a visionare qualcosa in più del tuo progetto..! Grazie di cuore per il premio, sei un vero tesoro!!! Ti abbraccio forte! :)

      Elimina
  80. Che bel racconto Ely, molto dolce. Mi piace moltissimo la ricetta che hai proposto, champignon e rum un abbinamento molto elegante. Sei sempre bravissima. Auguri per tutto, spero che il periodo difficile passi presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anto, sei molto carina.. davvero. Spero presto anche io, anche se sarà lunga temo. Ti auguro una splendida serata e ti mando un bacione, cara! :)

      Elimina
  81. Ciao Ely, i tuoi racconti son sempre belli. L'autunno mette addosso anche a me un senso di malessere, bisogna aspettare che passi e coglierne se possibile gli aspetti positivi. Un bacio, mi piace la tua pasta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ti capisco, cara.. oltre ai problemi ci si mette anche l'autunno, il freddo.. che lentamente porta all'inverno. Il gelo proprio mi indispone, dentro e fuori.. Non sei sola, ricordatelo: qui c'è qualcuno che ti sarà vicino, ogni volta che vorrai :) Con tanto bene, un bacione! :)

      Elimina
  82. Amore e Dolore, Forza e Resistenza. La vita ci plasma e noi assorbiamo i valori più grandi che la stessa ci possa insegnare. Se le persone affrontando le difficoltà seguissero l'insegnamento della vita invece di perdersi in rancorosi rinfacciamenti e sapessero tramutarle in comprensivi sorrisi avremmo una società migliore, più solidale e attenta agli altri. Ma forse è una prerogativa di pochi eletti.
    Tu sei forte e resistente, e davvero unica!!

    Buona questa pasta con quella cremina finale, adotterò questo stratagemma!!!! e apprezzo la ricetta!! i funghi coltivati sono i soli che mangio dato che quelli freschi sono troppo difficili da digerire per me.
    Ti scriverò in privato
    un bacio tesoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, dolcissima amica mia. E' proprio così che dovremmo prendere la vita.. imparando e portando avanti valori per rendere migliori noi stessi e gli altri. Io ho intenzione d'essere ferro.. d'amare e di cogliere il meglio anche dai momenti in cui vorrei scomparire. Voglio ascoltare, voglio combattere.. voglio che la vita sia la mia 'maestra di spada'. Sono tanto felice che questa pasta ti piaccia! E quello è un ottimo trucchetto per rendere cremosi sughetti anche troppo asciutti..senza rinunciare al gusto e alla leggerezza! ;) Ti aspetto in privato, quando desideri, stella vera. Un bacio a te, con immenso bene.

      Elimina
  83. che bella storia...e che buona pasta....che bello passare di qua!
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' bello per me quando mi vieni a trovare, cara Simo! :) Un bacione grosso grosso e una dolce serata! :)

      Elimina
  84. Ely, Se la tua storia rispecchia il tuo stato d'animo mi dispiace!
    Ma Rodan ha ragione, si ritorna più forti di prima!
    Io però penso anche che ogni qual volta sia impossibile non soffrire :-(
    Uff.....
    :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stella, sai.. è vero che non si può evitare di soffrire. Fa parte dell'esistenza e nessuno può far sì che non avvenga.. si diviene ferro però 'ascoltando' il dolore, 'imparando' da esso.. per far sì che la sofferenza non sia stata del tutto inutile. Poi c'è sempre l'amore a bilanciare, a ripagare della nostra continua lotta. :) Si, bisogna essere forti anche se si è a terra: è necessario resistere e sperare. Un abbraccio forte, cara.. e buona serata! :) p.s. lasagne meravigliose...

      Elimina
  85. Ely a leggere le tue storie mi vergogno delle cavolate che scrivo,sei troppo brava , insuperabile,vengo con Elisa a fare i corsi da te :-)
    Bisogna sempre lottare nella vita e mai arrendersi, ti voglio bene un abbraccio grande con tutto il mio cuore :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma scherzi?! :D Quali cavolate?! Sei un raggio di sole, dolce Gio! Sempre.. e la tua allegria è un dono grandissimo. Sei solo da ammirare e dovrei fare io scuola da te :) Ti voglio tanto bene anche io e ti abbraccio forte, proprio forte. Una carezza di luce, tutta per te..

      Elimina
  86. Ely queste tue trofiette sono a dir poco poetiche, mi piacciono tantissimo.
    ti mando un abbraccio fortissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che cara sei! Grazie, davvero. Un abbraccio grandissimo a te! :)

      Elimina
  87. Ciao Ely, mi dispiace leggere che non stai bene, i mal di testa sono molto invalidanti, ti auguro di rimetterti al più presto!!!
    Come sempre leggere i tuoi racconti è una grande lezione di vita, sei così sensibile che riesci a trasmettere grandi emozioni, trasformi i personaggi in persone reali che ti appassionano e coinvolgono nelle loro, che poi sono le nostre, vicende di vita!!!
    Venire da te è sempre una bella emozione, sicuramente per le ricette, ne sono un'esempio queste deliziose trofiette autunnali,che sono molto particolari mai scontate ma soprattutto per i racconti che sono sempre nuovi e mai ripetitivi!!!
    Non si può più fare a meno di te.....e i tanti premi ne sono un'ulteriore conferma!!!
    PS- Sei riuscita a fare scrivere un romanzo anche a me, che sono notoriamente di poche parole!!!
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei dolcissima, Lauretta! I mal di testa sono solo la minima parte del mio malessere purtroppo.. ma speriamo passino anche quelli, che danno sempre grane ugualmente..! Grazie tesorina, grazie davvero.. Sono felice di trasmetterti delle emozioni e del calore umano, sai? Le tue parole le porto con me, mi fa piacere leggerti e anche quando scrivi tanto, ahah! Stai certa che nemmeno di te si può fare a meno, credimi! Sei un tesoro vero.. ti voglio bene. :) Un bacio grosso grosso :)

      Elimina
  88. ciao Ely,anche se non ti conosco di persona mi trasmetti una serenità incredibile,io invece che sono forte di natura te ne vorrei trasmettere un pò a te e dirti che passerà, vedrai che passerà!ti voglio bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello quello che mi hai detto.. e sai.. mi sento già più forte, tesoro. :) Ti voglio bene anche io, cara Vanna. Davvero. Una splendida serata, ti abbraccio!

      Elimina
  89. i tuoi post sono sempre ricchi di spunti per delle riflessioni, è proprio vero, solo l'esperienza, le sofferenze e le gioie ci aiutano a capire cosa vogliamo e quali diventeranno i nostri obiettivi!! e poi mi fai le trofie.. anche se non sono un fabbro me ne approprio perchè mi piacciono moltissimo!!! ti abbraccio mia cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie stella stupenda! :) Certo, per te ce n'è senz'altro! Ogni volta che desideri, perchè sarebbe un vero piacere averti qui e gustarle insieme. Ti abbraccio, con tanto bene. :) Una serena notte, cara!

      Elimina
  90. Ely Cara spero che il regalino che ti offro ti tiri un pò su...spiacente di arrivare tardi,vedo che lo hai già avuto ma del resto è normale,tu sei speciale ed è giusto accogliere questi pensieri da chi ti pensa come una bella stella lucente del firmamento,un bacio ed una carezza affettuosa che possa donarti un piccolissimo sorriso! ciao Z&C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stella!! Ma sei stata troppo gentile e da te lo accetto nuovamente con vero piacere! :D Sei stata tanto carina: sei speciale anche tu, cara, spero tu lo sappia e lo ricordi sempre. Il sorriso che mi hai donato lo porto nel cuore e lo tengo come cosa preziosa ..ti abbraccio forte forte, amica mia! :) GRAZIE.

      Elimina
  91. Buonissimo l'abbinamento di questi ingredienti....e sicuramente ottimo da gustare visto l'aspetto....è sempre bello passare da te e leggere i tuoi racconti....un abbraccio...stefy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, cara Stefy! E' un piacere sapere che ti piacciono e anche averti qui con me :) Un abbraccio a te e una splendida giornata! :)

      Elimina
  92. gnam gnam che fame mi hai fatto venire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D Ti aspetto a pranzo allora? Un bacione :) E grazie!

      Elimina
  93. Ely ci divento anch'io forte come il ferro con queste meravigliose trofiette! gnam!! :-)
    ciao
    Valeria

    RispondiElimina
  94. sai che quando poasso lo faccio con l'attenzione che merita, con la voglia di sedermi e perdermi prima tra le tue paorle, i delicati pensieri, la tua forza interiore mascherata da parole che hanno ali di farfalla e poi per inebriarmi dei sapori...oggi non saprei dire quale senso ha vinto, sono totalmente inebriata. e tu sei una fatina, si si...ne son sempre più certa!

    RispondiElimina