martedì 9 ottobre 2012

Zuppa morbida al pane nero con ceci, fontina, cipolla bianca e rosmarino


Un voluttuoso e rovente fuoco crepitava nel piccolo caminetto di pietra. 
Dietro un’intarsiata protezione in ferro battuto, deformata dagli anni, le fiamme illuminavano la stanza di una fioca e tremante luce giallastra. Quasi come una creatura inquieta tenuta in gabbia, quelle indomabili chiome bollenti si dimenavano tra le pietre, rilasciando scoppiettii, tizzoni ardenti e acute grida soffocate. Sembravano voler essere liberate, impossibilitate a restare in catene, per la loro natura avvampante e dirompente.
Proprio davanti al focolare, una vecchina si dondolava lentamente sulla sua scricchiolante sedia di legno. I suoi occhi vacui e quasi ciechi si perdevano nello sguardo ipnotico del fuoco, mentre teneva tra le piccole e ossute mani una scodella di terracotta, dalla quale usciva un vaporoso sentore di rosmarino e pane. Ogni tanto reclinava la testa e abbozzava un timido sorriso, abbandonandosi a ricordi lontani e ad un calore che, probabilmente, nemmeno quel camino avrebbe saputo restituirle.
Gli occhi le si fecero lucidi, brillando alla luce soffusa. Sollevò la violacea coperta di lana per sistemarsela meglio sulle ginocchia, poi chiuse gli occhi e si perse nel profumo della sua zuppa bollente: forse semplice, povera, ma da sempre un salutare sostentamento.
<Tutti abbiamo diritto ad un pezzo di pane> diceva la sua mamma, quando nella vecchia cascina tagliava grosse forme di fragrante pane nero <Anche se siamo poveri, ne verrà un pranzo da re.>.
E ricordava il sentore di quel brodo bollente, che veniva quasi totalmente assorbito dalle fette di pane e che l’era per tucc una gran medisìna; rievocava le mucche della stalla e la mungitura. Ricordava la fatica per produrre quel pezzo di formaggio tanto agognato, che avevano fatto le donne della corte con sudore della fronte; poi la penàgia e il burro che anche lei da piccina era solita preparare, muovendo le braccia su e giù in quel grosso catino di legno. Rimembrava l’odore penetrante della cipolla, sempre una benedizione per molti mali. Portava alla memoria la grossa pianta di rosmarino e il cortile dove tutti erano da sempre una grande famiglia. E quella zuppa dal sapore povero era un pranzo da ricchi, della domenica, quando i omen pudevan bee anca un bel bicér de vin rus.
L’anziana donna non voleva riaprire gli occhi per non lasciare andare il ricordo di nessuno di loro: poteva rivederli accanto al focolare, tutti in cerchio. Nessuno era lasciato solo durante le fredde domeniche di Gennaio, quando fuori il vento congelava col suo fiato gelido le finestre della cascina; nessuno si nutriva da solo, poiché quella non era solo una calda zuppa ma un momento da condividere: era famiglia, era solidarietà, era gioia. Tutti sentivano allora meno brividi, sentivano che forse il ghiaccio se ne sarebbe presto andato, tra sorrisi e racconti popolari; ognuno di loro si lasciava abbracciare da un morbido boccone di pane e brodo, mentre ciascuno a sua volta abbracciava il cuore di ogni singolo commensale: con un sorriso, con lo stomaco soddisfatto e l’energia ritrovata. L’era inscì bel e  quant amur che l’pasava in di occ e in del coeur!
Sì. Forse i tempi erano cambiati. Forse l’abbondanza aveva cancellato l’estrema importanza della pura semplicità. Eppure per lei quel sapore era uno scrigno di valori, di pensieri e di felicità: per tutta la vita non aveva mai trovato nulla di più ricco della povertà di quella zuppa. Aprì lentamente gli occhi e sorrise. 
Portò il cucchiaio alla bocca, assaporando l’amore.
In quella stanza muta, ogni volta che ne assaggiava un boccone, ancora una volta sentiva quell'abbraccio. 
Ancora una volta non avrebbe mangiato sola.


Il valore della condivisione, il profumo della famiglia. 
L'abbraccio caldo di un momento insieme, della bontà confortante del pane. Ingredienti semplici e nutrienti, l'aroma intenso delle pagnotte scure bagnate di brodo caldo; il sapore del formaggio, dei ceci e la freschezza del rosmarino. 
Quando non c'era nulla, quel nulla era tutto: la pagnotta era fonte di sostentamento, di forza; i legumi erano sufficientemente energetici e il formaggio, spesso autoprodotto nelle vecchie cascine, dava le calorie necessarie per affrontare le dure giornate di lavoro, specialmente in inverno. 
Quel calore riempiva d'amore, teneva lontani i malanni; l'unione suggellata da un pasto insieme era la prosperità più grande. 
Perché è così: è nella povertà che spesso si nasconde l'autentica ricchezza, nella semplicità che si nasconde la vita.
Non potevo che proporre questa ricetta che mi è cara, per dare il mio sincero contributo al contest sponsorizzato da Virginia, Io non mangio da solo, in collaborazione con Progetto Mondo Mlal.


Zuppa morbida al pane nero con ceci, fontina, cipolla bianca e rosmarino

Per il pane nero
500 gr di preparato per Pane Nero ai 7 cereali (Molino Spadoni)
2 cucchiai di olio evo
300 ml di acqua tiepida
1 bustina di lievito secco attivo

Per il condimento
1 cipolla bianca di medie dimensioni
400 ml di brodo leggero di verdure (o di pollo)
250 gr di ceci lessati
250 gr di Fontina dolce
rametti di rosmarino q.b.
olio evo q.b.

Per prima cosa preparare il pane. Mettere nella planetaria la farina, aggiungere l'olio, la bustina di lievito secco attivo e mescolare. Aggiungere l'acqua tiepida e impastare per qualche minuto. Potrete svolgere tranquillamente l'operazione anche a mano. 
Mettere la ciotola in un luogo tiepido a lievitare, coperta da un panno, per ca. 15/20 min.
Riprendere l'impasto e formare una grossa pagnotta rotonda. Lasciare nuovamente al caldo per ca. 3 ore. A questo punto, scaldare il forno a 200° C e, mettendo in esso un pentolino di acqua calda per mantenere l'umidità costante, cuocere per ca. 30 minuti.
Lasciar raffreddare bene il pane su una gratella.
Una volta freddo, tagliare la pagnotta a fette, e queste ultime ancora a metà.
Preparare quindi la zuppa morbida.
Tagliare a fette sottili la cipolla bianca e la fontina. Mettere i ceci nel brodo caldo di verdure (o di pollo. Io l'avevo già, ma potrete prepararlo come meglio credete).
In una pirofila da forno mettere un pochino d'olio sul fondo e adagiare un primo strato di fette di pane nero. Sopra ad esso distribuire parte delle cipolle e del formaggio. Bagnare con i ceci e il brodo fino ad assorbimento del pane. Lavare il rosmarino e metterne a piacere sulla superficie. 
Procedere quindi a strati mettendo nuovamente uno strato di fette di pane, cipolla, formaggio, rosmarino e brodo con ceci, fino ad esaurimento. Infornare per ca. 20 minuti a 180°C. Sfornare, tagliare in porzioni e servire calda, con un bel bicchiere di vino rosso.
La zuppa tenderà ad assorbire tutto il brodo in cottura, rimanendo molto morbida e cremosa  all'interno e piacevolmente croccante fuori.

Un vecchio detto lombardo recita: <Se l'è minga supa l'è pan bagnaa> (<Se non è zuppa, è pan bagnato>). Fermo restando che la sostanza è la stessa, potrete sempre decidere di gustare questa zuppa morbida 'al naturale' oppure potrete assaporarla aggiungendo a piacere un cucchiaio di brodo in più, al momento di servire. :) 
Buon appetito!

Un abbraccio forte e una splendida giornata!

319 commenti:

  1. Buongiorno tesorina, questa zuppa è un piatto rassicurante a quest'ora, considerato che smonto dalla notte, che fuori piove, che me ne vado nel lettino e che al mio risveglio sarebbe bello trovarne un piatto fumante, che mi attende con l'abbraccio di qualcuno. Ma tant'è... non fa niente, arriverà anche il momento dei cibi caldi dell'amore. Per adesso ti leggo e mi coccolo con le tue parole. Buona giornata piccola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stella cara.. non sarà lo stesso ma se vuoi te lo porterò io un piatto fumante di questa zuppa, al tuo risveglio. E troverai anche un abbraccione fortissimo! Arriverà quel momento, vedrai.. ne sono convinta: un cuore stupendo come il tuo merita di essere apprezzato e amato 'davvero'. Merita qualcosa di raro, di intenso e solo tuo. Buon riposo a te, un bacione a Nebbia e.. stai tranquilla che al tuo risveglio ci sarò, amica mia!! :) Con tanto affetto.

      Elimina
  2. Buongionro Ely, il piacere della condivisione del cibo dovrebbe tornare a essere un pò più presente nelle nostre vite, troppo spesso la frenesia, la routine ci porta a dimenticare i valori veri.
    Una zuppa calda, semplice, ma ricca di sapori che sa scaldare il cuore è sempre la benvenuta.

    Buona giornata

    loredana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno a te, cara Lory! Sono d'accordo, il cibo deve essere anche condivisione.. perchè quando lo è, sfama anche l'anima. Troppo spesso è solo 'sostentamento' e spesso non ci si rende nemmeno più conto del valore che ha! Ti abbraccio e ti auguro un martedì splendido! :)

      Elimina
  3. Risposte
    1. Ti ringrazio tanto, Arianna! :) Un bacione!

      Elimina
  4. Mi pare di sentirne quasi il profumo... sai, proprio qualche giorno fa, sono passata a salutare un'anziana vicina di casa che in realtà è molto di più di una semplice vicina, tanto che io e le mie sorelle la chiamiamo zia, con lei ho ricordato gli anni della mia infanzia, quando la sua casa era sempre aperta, e proprio pensando a lei ho letto questo tuo racconto...

    Grazie per il bellissimo commento che hai lasciato al mio post, buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per la tua sensibilità, per la tua capacità 'di sentire' persino la voce di un volo di vespe. :) Quella tua 'zia' dev'essere tenerissima: sai che anche io ho sempre chiamato le vicine 'zie'? Alla fine sono restate tali per tutta la vita, dato che mi hanno vista crescere e hanno aperto le porte delle loro case alla mia infanzia! :) Un abbraccio col cuore, dolce Lolle :)

      Elimina
  5. Anche stavolta non ti sei smentita nell'introdurre una iniziativa così delicata ed un una zuppa così ricca di traduzione e valori.
    Ma allora non siamo molto lontane!!! Perché mi sembra quasi il dialetto lombardo le espressioni che citi o sbaglio ? :)
    Mi sono immaginata tutto: la corte, quella sensazione di focolaio familiare di una volta, la zuppa, l'abbraccio.
    Il setting de l'albero degli zoccoli ma descritto con meno dolore e piu amore, nostalgia e tenerezza.
    Grazie per la ricerca e raffinatezza dei tuoi
    Racconti.
    Vaty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stella Vaty, no.. non siamo lontane! E mi piacerebbe venire a trovarti, qualche volta, per vedere il tuo splendido sorriso.. nonchè farti i miei complimenti di persona per il traguardo raggiunto! :) Sei tenerissima, cara. Ti abbraccio forte forte forte.. amavo molto 'l'albero degli zoccoli' sai? :)

      Elimina
    2. ma che bel regalo che mi faresti! io abito a Bergamo e salvo casi particolare (congressi di avvocati o gite fuori porta in famiglia), restiamo spesso in città anche nei w.e.
      sarebbe bellissimo poterti abbracciare di persona. tesoro, tutta stima ricambiata! già non vedo ora ^__^

      Elimina
    3. Uh, stella! Allora ci organizziamo presto, compatibilmente con i tuoi impegni! Non sai quanto sarei felice io, davvero! Sarebbe bellissimo, quell'abbraccione lo conservo qui per te!! :D Un bacio pieno di bene, dolcissima Vaty! :D

      Elimina
  6. Ah se sapessimo ricordare l'importanza della condivisione,ciascuno si sentirebbe meno solo e meno povero!Condividere anche un pezzo di pane, sa riempirti di quei sentimenti, che renderebbero il mondo più leggero e meno concreto!E tu con questa ricetta e il bel racconto ci riporti nell'anima un valore inestimabile e dimenticato:la condivisione!
    Ti auguro con tutto il cuore di vincere il contest,io non avrei alcun dubbio,hai centrato il senso di quell'iniziativa!Un abbraccio forte,forte bella Ely....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E per la zuppa che dire?Il profumo arriva fino a qui,insieme al senso delle tue parole!
      Visto anche stavolta stavo per tralasciare la ricetta,ma tu mi disorienti sempre!

      Elimina
    2. Sei un tesoro, Dami. Come sempre! La condivisione è fondamentale, ed hai ragione: troppo spesso viene dimenticata. Eppure non c'è nulla di più bello del dividere qualcosa che si ha.. e con sorpresa scoprire che non è stata una perdita, ma un vero guadagno! :) Sono tanto contenta che questa zuppa ti sia piaciuta, credimi. Per me è un bellissimo ricordo.. Ti mando un bacione, angelo vero. Col cuore.

      Elimina
  7. Perfetta questa zuppa e con tutti i valori di cui ognuno di noi ha bisogno. Mi avvicina alle amate montagne dove il profumo delle zuppe si mescola con l'aria autunnale, che sa di bosco, di funghi e di magia.. Bravissima Ely!! introduzione perfetta come sempre:-).. Un grande abbraccio tesoro, ti auguro una giornata piena di sole, anche se oggi sembra non voglia farsi vedere, almeno qui... un bacio meravigliosa creatura:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, carissima amica mia. :) E' lo stesso effetto che evoca in alcuni miei preziosi ricordi.. Ricambio con immenso affetto il tuo abbraccio! Nemmeno qui il sole si fa vedere: ma lo porteremo nel cuore, ricordando tutto quello che i nostri amati monti ci hanno donato, nella speranza che lo conservassimo come fonte di luce dal valore inestimabile.. Sei stupenda, stella. Un bacione! :)

      Elimina
  8. Buongiorno cara Ely!, me hai fatto emozionare con il tuo bel racconto, anch'io ho immaginato tutto mentre leggevo e i miei occhi sono diventati lucidi.Sei proprio una persona speciale, grazie sincere per questo bellissimo post!
    Un forte abbraccio!!
    Romina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muchas gracias a ti por tu sensibilidad, querida Romina! Eres tu que eres especial, amiga mia, creanme. Un abrazo grande y un beso todo por ti, para un dìa maravilloso! :)

      Elimina
  9. La povertà rende ricchi... Solo chi non è attaccato ai beni materiali riesce veramente a capire cosa è l'amore vero... E nel mondo purtroppo, le persone di valore sono rimaste in poche... L'egoismo umano è scandaloso e inconcepibile...
    E tu, con questa ricetta hai rievocato i bei tempi, quelli in cui "SI VIVEVA MEGLIO QUANDO SI STAVA PEGGIO", quelli che mi ricordano la mia cara nonna che non c'è più... Grazie cara x la tua profondità d'animo che sai trasmettere in modo semplice e coinvolgente...
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei dolcissima, Morena.. il mondo oggi non guarda più alla ricchezza che solo la povertà sa donare: quella delle cose semplici, vere, autentiche e che nascono dal cuore. Non si preoccupa più del valore di un sorriso o di attimi intensi di condivisione. Pensa solo all'egoismo, alla materialità. Credo sia importantissimo, contro tutto e contro tutti, difendere per questo il passato. Non solo perchè sono archeologa e perchè lo amo, ma perchè è fonte indispensabile di consigli e di valori insostituibili per il futuro. Un bacione a te e alla tua cara nonna, che ti sta sorridendo amabilmente da lassù. Un abbraccio forte forte! :)

      Elimina
  10. Ely, hai saputo rappresentare al meglio lo spirito di questa raccolta! Il racconto è emozionante e la zuppa fantastica! Bravissima! :)
    Ti mando un bacione :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Eli, sei sempre carinissima! :D Devo provare assolutamente le tue brioches, ormai le ho in testa e nessuno me le leva più: la mattina, davanti al té.. mi pare di essere quella disperata di ritorno dalla crociera, che piange nella vasca da bagno! :D Un abbraccio stella! Grande.

      Elimina
  11. buongiorno stellina,
    direi che il tuo racconto con questa zuppa sono perfetti per rappresentare questo proggetto così importante......voglio partecipare anche io...
    Dalle mie parti, in val d'Ultimo, si fa una zuppa con pane di segale vecchio e cipolle e la tua storia me l'ha fatta ricordare.
    La tua zuppa invece con l'aggiunta dei legumi, del formaggio e del rosmarino deve essere davvero buona.
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno a te, dolce tesoro. :) Si, un progetto simile non poteva che toccare le corde del mio cuore. Partecipa, certamente! Più siamo meglio è, più amore verrà condiviso e unito per una buona causa! :) E poi brava come sei, non puoi mancare!! :D Adorerei quella zuppa della Val d'Ultimo, sono tutte tradizioni a cui sono tanto legata. Un bacione grosso a te, stella. :) E alla cara cagnolona!

      Elimina
  12. Le tue parole lasciano sempre un segno....
    La zuppa deve essere fantastica, come tutto quello che prepari!!
    Buona giornata :-)!
    Un bacio, Eli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentilissima, Eli! Mi piacerebbe che la provassi. Ha il sapore dei ricordi legati alla mia infanzia, ai racconti che ascoltavo e all'amore più semplice che questi profumi sapevano donare. :) Buona giornata a te, cara amica :)

      Elimina
  13. Tesoro mio, sono in ufficio e mi hai quasi fatto scendere una lacrima. Nel tuo racconto rivedo i racconti di mia nonna, della sua gioventù in una famiglia povera di contadini. E rivedo un mondo vero, fatto di amore, solidarietà e valori. Un mondo in cui vorrei essere vissuta.
    E poi bellissime le tue frasi in dialetto. Ma lo sai che io lo parlo praticamente identico? Da questo presumo che tu non debba essere molto lontana da me... Che bello se fossimo vicine :)
    Ma lo sai che la tua ricetta devo assolutamente farla per mia nonna una sera di queste? Sono sicura che se ne innamorerebbe e le porterebbe alla mente gli stessi ricordi che hai descritto tu. Ora vado a vedere questo interessantissimo contest. Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tenera Elle! :) Ti abbraccerei, credimi. Si, sono gli stessi ricordi che tengo nel cuore, come patrimonio prezioso, che mia nonna e mio nonno mi hanno regalato attraverso la loro vita raccontata. Anche quelle frasi in dialetto fanno parte di 'suoni' che ogni tanto, con dolcezza e malinconia, pungono il mio cuore fino a farlo lacrimare un po'. No, non siamo lontane e mi piacerebbe tanto poterti vedere, qualche giorno :)
      Sarei felice se la facessi a tua nonna... sai, inutile dirti che una bella teglietta l'ho fatta subito avere anche alla mia!! :D
      Corri a vedere il contest, merita veramente e sarebbe bello se riuscissi anche tu a contribuire! Un bacione stella! :))

      Elimina
  14. Leggerti è sempre un piacere, leggerti è come vedere un film. Pensa che i miei nonni avevano 14 figli , erano una famiglia di poveri contadini, ma quando qualcuno bussava alla porta, si dava e si condivideva quel poco che c'era. Deliziosa la tua zuppa. Un abbracio, buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I tuoi nonni, sono certa, erano persone splendide. Cara Dani, dici una cosa stupenda: 'erano poveri, ma quando qualcuno bussava alla porta si dava e si condivideva quel poco che c'era'. Mia nonna mi racconta che il mio bisnonno, Marino, aveva un orto: cresceva ben poco, ma in paese non c'era persona che durante la guerra non ne traesse beneficio. Tutti erano come un'unica famiglia: chi dava latte, chi dava ortaggi, chi patate.. chi condivideva quella preziosa carne che riusciva ad avere. Quello era amore, che andrebbe diffuso e ricordato. Un abbraccio, carissima.

      Elimina
  15. Ci sono cresciuta con il detto "se non è zuppa è panbagnato"! E stavolta mi tocca prenderlo sul serio...
    Grazie mille per il tuo gustosissimo contributo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che cara sei :) Grazie a te, Virginia, per aver aperto questo contest. Trovo che sia un'iniziativa veramente meravigliosa e importante. Ti fa proprio onore, accende una luce nell'indifferenza e nell'egoismo. :) Un bacione e una felice giornata! :)

      Elimina
  16. Hai scritto delle cose meravigliose....
    Grazie per condividere con noi questi pensieri profondi e portarci a riflettere sulle 'cose' vere, i valori, la solidarietà, gli affetti...
    In questo mondo frenetico e avido dove ognuno pensa solo 'al suo giardinetto' è importante fermarsi e guardarsi intorno e scoprire che ci sono 'persone', che ci si può aiutare, si può condividere...il mondo andrebbe davvero molto meglio...
    Grazie Ely, la zuppa mi piace tantissimo!
    Baci, Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stella, sono contenta che questa zuppa ti sia piaciuta! Sei dolcissima. Se si pensasse davvero ad arricchire 'il giardino del mondo', allora nessun campo e nessun prato vivrebbe nell'aridità.. e tutti vivremmo in un mondo perennemente a Primavera. Grazie delle tue belle parole. Ti mando un bacione carico di bene. :)

      Elimina
  17. Che bel racconto e che ricetta unica *_* sono felice di vedere che anche tu aderisci all' iniziativa di Virginia, non avevo dubbi. Baci carissima Ely.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Vero, era il minimo vista l'importanza dell'iniziativa. I contest divertono, uniscono, rilassano. Ma quando c'è di mezzo il cuore e il bene di qualcuno da aiutare, a maggior ragione è un piacere poter partecipare. Virginia si è fatta portavoce di un'iniziativa lodevole, davvero. :) Un bacione immenso e un felice martedì! :)

      Elimina
  18. buon giorno mia cara Ely, questa realizzazione di stamattina sà di autunno, di buono, di ricetta della tradizione.....bravissima !
    felice giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, carissima! Un abbraccio dai toni autunnali e dorati, tutto per te :) Una felice giornata! :)

      Elimina
  19. Mi fai sempre sognare,non c'è niente da fare! quanto sentimento nei ricordi di quella vecchina,hai fatto venir in mente me da piccola con i miei nonni che cucinavano la pizza nel loro forno a pietra costruito da mio nonno,pasta impastata da mia nonna "nta' maidda" contenitore rettangolare in legno dove si impastava anticamente dalle nostre parti.E poi...quanti valori....quel poco era tutto,una ricchezza,fantastico Ely complimenti e grazie.
    Ketty V.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che ricordi meravigliosi, cara Ketty! Tienili stretti perchè è grazie a te che vivranno, finchè avrai respiro. Ed è grazie a te che qualcuno a sua volta li farà rivivere, con le cose buone, in futuro. Sei tanto dolce. Grazie davvero e un bacione affettuoso! :)

      Elimina
  20. Sempre un piacere leggere i tuoi racconti! Invitante questa pietanza, mi attira molto!
    ciao ..buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, carissima Nico! :) Una bellissima giornata a te! Col cuore! :)

      Elimina
  21. Ciao cara Ely, che bel racconto, così dolce ed emozionante che l'ho letto più di una volta. La ricetta che proponi è ottima e trovo che sia perfetta per l'iniziativa alla quale partecipi. Complimenti, ti conosco da poco ma passare di qui mi fa iniziare bene la giornata. A presto. Antonella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono davvero felice se posso regalarti pensieri buoni di primo mattino :) Carissima Anto, ti ringrazio infinitamente per le tue parole e ti abbraccio forte. Una splendida giornata! :)

      Elimina
  22. Bravissima tesorina! :D Hai creato un piatto meraviglioso, squisito e invitante per una giusta causa! :) Sai quanto amo il pane nero, segno subito tutto perché voglio provarla! Complimenti e grazie per questo altro splendido racconto :) Un bacione e splendida giornata! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, un amore da me condiviso, stella bella! :D Sei carinissima, spero la proverai perchè è intrisa della tradizione dei miei nonni. Grazie a te, dal profondo, amica mia. Un bacione ed un abbraccio con affetto! :) Buon martedì! :)

      Elimina
  23. Giusto piatto x una giusta causa...complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie nonna papera.. sei sempre un tesoro :) Bacioni!

      Elimina
  24. Buongiorno carissima Ely!
    Con questo autunno ci vorrebbe proprio una zuppetta come la tua!
    Bravissima!
    Un bacione
    Noemi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Noemi! E che sia davvero bello per tutto il giorno, regalandoti altre soddisfazioni! :) Un bacione a te, cara!

      Elimina
  25. Dolcissima Ely, ora la famiglia felice che si siede a tavola a gustare un pasto insieme, purtroppo sempre più spesso c'è giusto nelle pubblicità sdolcinate televisive. Sempre più si và di fretta e di corsa e si ha meno tempo da dedicare anche alle persone care o forse meno voglia perchè si è presi da chissà quali pensieri più importanti :( Ma per fortuna non in tutte le famiglie è così :)
    Ottimo piatto, sei davvero una cuoca perfetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce Luna.. mi trovi d'accordo. E' vero che i ritmi sono frenetici ed incalzanti.. ma almeno quando si può, sarebbe giusto insegnare ad ogni membro della famiglia il valore dello 'stare insieme', del 'condividere un pasto'. Sono momenti troppo preziosi per essere persi nell'indifferenza o nella superficialità. Trasmettono un amore impareggiabile e un senso di unione che troppo spesso viene a mancare. Ti ringrazio di cuore, cara. Veramente. :) Un bacione!

      Elimina
  26. Ciao dolcissima Ely!! Leggendo le tue parole, mi sembrava di aver seduta accanto a me la nonna, quanti racconti, quanti ricordi!! Grazie!!! :)
    La ricetta, scalda il cuore, complimenti tanti tanti tanti e poi oggi, ci vuole proprio!!!!
    Un bacione enorme e felice giornata!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti stringo forte, cara Lory! Sei sempre una stella! :D Grazie, grazie davvero. Se passi te ne offro volentieri: un bel piattino di zuppa calda, tante chiacchiere felici e... beh, per dessert se porti un paio di quelle meraviglie che hai fatto, te ne sarei grata!! Un bacione grande! :D

      Elimina
  27. Come sempre un racconto bellissimo.
    Credo che oggi, "grazie" alla crisi, si stia riscoprendo la semplicità delle cose. Come quella di cenare con gli amici in casa. Di fare una scampagnata portandosi tutto da casa. Di stare di più in casa, in famiglia. Riscoprendo anche piatti poveri, ma buoni.
    Brava! Un abbraccio, Emi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima! Si, con questa crisi almeno qualcosa di bello lo abbiamo trovato: riscoprire la semplicità e la tradizione, la bellezza dei piatti buoni davvero, senza fronzoli o inganni! :D Quando si dice trovare il lato positivo delle cose...! Un abbraccio grandissimo anche a te, dolce Emanuela! :D

      Elimina
  28. Ciao Ely!
    Mi piace il pane nero, ma con tutto ciò l'ho mangiato solo una volta. Forse sarebbe la volta giusta per farlo!
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì! Sarebbe proprio un buon modo per gustartelo :) Un bacione Any! :)

      Elimina
  29. Ely le tue parole, il tuo racconto!!!!!!!!
    quanta verità in tutto ciò che dici!!!!
    sei speciale!!!! grazie di cuore!!!!!!!!!!!
    ti abbraccio forte!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, carissima stella! :D Sei tu ad essere speciale, con tutto l'amore che metti nei piatti e nelle fotografie che scatti.. sai divenire poesia :) Un abbraccio fortissimo anche a te!! :)

      Elimina
  30. Mia mamma lo diceva sempre...non c'era nulla ma c'era tutto.lei contadina che lavorava duramente nei campi di tabacco,non aveva nulla di materiale ma quel poco le bastava perchè le sapeva di casa,di famiglia.Quante note che vai a toccarmi ogni volta ,angelo.Grazie.
    E grazie anche del tepore che questo piatto regala...
    un abbraccio
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tenera amica mia.. voglio rivolgere alla tua mamma un pensiero speciale, insieme a te. Come se ti fossi accanto, le manderemo dell'amore intenso.. dal nostro cuore al suo. Perchè i suoi pensieri e la sua saggezza possano battere con i nostri stessi battiti. Sei un tesoro, dolce Monica. Davvero. Ti abbraccio con affetto, spero proprio che lo sentirai tutto.

      Elimina
  31. Che zuppa invitante, con il pane nero che ricorda la cucina povera contadina, insaporita dalla fontina che è tra i migliori formaggi italiani. E poi i ceci ci stanno proprio bene....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite, Fabiano! E' vero, è un piatto molto povero ma pieno d'amore per la tradizione e la semplicità. Un gusto che mi è caro. Un bacione e passa una giornata splendida! :)

      Elimina
  32. Proprio ieri ho messo il post della condivisione del cibo e quanto questo mi renda felice, se potessi sfamerei tutti perchè se c'è una cosa che nessuno dovrebbe soffrire è proprio la fame,la tua ricetta è fantastica e tu Ely sei ancor piu' fantastica,penso davvero che sei una splendida persona e sono felice di averti conosciuta anche se solo virtualmente,un bacio grosso e corro a prendere i bambini :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce Gio.. anche io sono felice di averti conosciuta. Ti porto nel cuore e spero che un giorno potrò abbracciarti di persona. :) Sei tanto speciale e la tua sensibilità è qualcosa di unico.. te lo dedico in special modo, questo post. Un bacio enorme a te e.. ai tuoi bimbi! :)

      Elimina
  33. Ciao carissima Ely, come sempre i tuoi post mi fanno sognare. Le tue parole, sagge e temperate entrano nel profondo del cuore.
    Ottima zuppa, un sapore antico e semplice, ma meraviglioso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara sei. Grazie infinite, davvero. E' semplice, proprio semplice, ma è la tradizione che scalda il cuore. Un bacione! Grosso! :)

      Elimina
  34. Ciao cara Ely! Che bella zuppa, con questa giornata grigia e è' perfetta! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei assolutamente invitata allora! :) Si, oggi è proprio grigino.. mi sa che in una vita precedente ero proprio un orso: forse una volta andavamo tutti in letargo fino a primavera? :P Un abbraccio, Vale! :)

      Elimina
  35. Ciao mia cara Ely , questa vecchina che assapora la genuinità e la semplicità e' un immagine stupenda! Vorrei che queste cose non si perdessero mai e invece molte volte sento gente anche giovane che non fa caso a questo ma l unica cosa importante sono gli oggetti materiali.... Vorrei che ti leggessero per riflettere e capire i veri valori!!!
    E vorrei anche sedermi vicino a te per assaporare questa zuppa con del pane e chiacchierare:)
    Un abbraccio mia stella!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei la benvenuta, dolce amica mia! :) Ti aspetto per gustarla insieme, per rendere vivi quei valori che vanno tanto difesi; ti aspetto per abbracciarti forte e per dirti quanto fai la differenza! :) La materialità dovrebbe essere decisamente messa da parte di fronte alla bellezza delle emozioni autentiche, della fratellanza sincera.. se sapesse quanto calore si perde, questo mondo così freddo.. Ti abbraccio proprio fortissimo anche io, stella speciale! Brilla sempre come sai fare, con quel sorriso che è vita! :D

      Elimina
  36. Una zuppa strepitosa, che sa di famiglia di casa!!!! ....e tu sei sempre fantastica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tenera!! Grazie Speedy.. credimi, lo sei anche tu! Bacione! :)

      Elimina
  37. E' sempre un buon giorno poter leggere le tue dolci parole cara Ely, per non parlare di questa buona zuppa che ci porta a tutti alla ricerca dell'essenziale, quando ogni cosa trovava il suo giusto equilibrio nell'amore per la famiglia...e poco importa cosa c'era in tavola, perchè qualunque cosa veniva apprezzata e a molti di noi ha lasciato i più bei ricordi dell'infanzia....un grande abbraccio..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che belle parole le tue, Francesco. Hai ragione, l'essenziale a volte era carico di ogni ricchezza e di equilibrio, fondamentale per capire quali erano le cose importanti della vita! Un grandissimo abbraccio a te, caro. Un felice pomeriggio e un sorriso di luce :)

      Elimina
  38. Il tuo post di oggi mi avvolge di calore e serenita'...e amarezza per come il mondo a volte dimentica i valori piu' veri.Grazie piccola grande donna!Monica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sempre tanto cara, amica dolce. Purtroppo sì, delle volte ci si rende conto proprio con amarezza di quanto certi valori siano stati dimenticati. Bastano però pochi cuori per far sì che non muoiano mai. :) Grazie a te, un bacio grandissimo! :)

      Elimina
  39. una ricetta meravigliosa proprio come te, mia dolce amica...sto un po' meglio, e tu???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce Ale! Sono felice che tu stia un po' meglio cara! Davvero.. il tuo ciambellone era la fine del mondo, lo sai vero? Un bacione e un meraviglioso pomeriggio! :)

      Elimina
  40. Leggerti è esserci,riflettere,capire e provare emozioni!Odori ,sapori fanno riemergere ricordi.è bello avere ricordi,chiudere gli occhi e sentirsi meno soli!E che bella ricetta che sa di buono e tradizioni!Un bacione,Rosetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, cara Rosetta. Le tue parole sono sempre delicate come petali. Un bacione grandissimo e un pomeriggio di nuvola :)

      Elimina
  41. che bell'immagine...è proprio vero che certi profumi e sapori possono veramente farti sentire un re...che darei per mangiarne un pò!
    bravissima e ottima :-)
    ciao
    Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, sei fossi qui.. te ne darei una teglia intera, da dividere con la tua famiglia. Tu che sei proprio una regina :) Un abbraccio forte e un bacione!

      Elimina
  42. Mi sono persa nel tuo racconto, sei davvero fantastica fai rivivere con le tue parole immagini e poesia!!La ricetta è deliziosa e complimenti ancora per tutto!!Baci,Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, cara! :D Complimenti a te, piuttosto. E tanta, tanta felicità a venire! Un bacio!

      Elimina
  43. Ciao Ely, ti ho appena conosciuta e già mi hai commossa con i tuoi pensieri.....in bocca al lupo per il contest, che è bellissimo, e se ti va passa a trovarmi, ne sarei lusingata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sei tenera! Corro subitissimo e con vero piacere, Roberta! :) Grazie e un bacione grandissimo! :)

      Elimina
    2. Ecco, passavo da qui per dirti, passa da me, c'è una sorpresa per te, ed invece trovo che la sorpresa me l'hai fatta tu!! :)

      Elimina
  44. Eccomi Ely,sono Sissi,la nuova arrivata nella blogsfera!!!!!!!!!!!!!!!!!! Ricambio con piacere la visita che hai fatto a me!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Complimenti per il tuo blog!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sissi! :D Grazie infinite e di nuovo benvenuta! Vale aveva ragione, sei proprio brava! :D Un bacione grande! :)

      Elimina
  45. Scalda la pancia e il cuore questa zuppa, , la sera qui comincia a fare fresco e una piatto caldo ti concilia davvero con il mondo, la proverò di sicuro, ciao Ely e buona giornata :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche qui fa davvero fresco, stella! Spero veramente che la proverai.. così con questo caldo e confortante sapore ti giungerà anche un abbraccio colmo di bene, da parte mia, cara amica! :) Un bacione e un felice pomeriggio, Tina :)

      Elimina
  46. Mia cara Ely, sempre alimentare il vostro spirito, estrarre esperienze passate, ricordi sempre ricordi di un altro tempo, di pasti con i nostri cari, la nostra famiglia ..
    La vita allora era semplice e austero, ma bello come questa storia, come la minestra calda, pane e compagnia d'amore che è così essenziale per me, per tutti noi.
    Grazie caro per la condivisione di questi sentimenti così belli, che comodità, tifo, che riempiono il cuore.
    Una luce bellissima serata e piacevole per voi con tutto il mio affetto.
    Grazie caro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Querida amiga mia, soy muy feliz que te gusta esta sopa y mis palabras.. Tienes razón, la vida era mas difícil, pero llena de sentimientos y valores. Me gustaria comer esta sopa cálida y amorosa en tu compania, estrella brillante. Realmente. Un abrazo grande y un beso para una tarde maravillosa! Con mucho afecto. :)

      Elimina
  47. Ciao Ely,
    bellissima e mi sa buonissima questa ricetta devo provare a farla, sono costretta a sostituire il pane (per celiachia) ma qualcosa mi inventerò, poi sempre bellissime le tue narrazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolcissima Gio, puoi sostituire tranquillamente il pane nero con un buon pane al mais o alla farina di riso, ovviamente permessa da prontuario! Vedrai, il sapore lo gusterai certamente e ugualmente cara! :D Un abbraccio fortissimo e un pomeriggio splendido!

      Elimina
  48. Un piatto speciale.. che profuma d'amore, quello più profondo e altruistico, quello per il prossimo... un racconto commovente, che fa spezzare il fiato e riflettere su quanto siamo fortunati ad avere la possibilità di portare sulle nostre tavole un piatto caldo per i nostri figli tutti i giorni... iniziativa lodevole e proposta meravigliosa! sempre unica e dolcissima cara Ely un abbraccio a te e complimenti:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite, Simo. Le tue parole sono sempre tenerissime e profonde. Hai ragione: è qualcosa di importante pensare a quanto siamo fortunati ogni giorno, nel poter mettere in tavola qualcosa di buono per chi amiamo. Troppo spesso ci troviamo di fronte a sprechi, contro un'estrema povertà. Sei una stella. Un abbraccio grande e una serata meravigliosa, cara. :)

      Elimina
  49. Mamma mia Ely, m'hai stesa al suolo! Ma che bella che sei....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima.. sei tu ad essere troppo dolce :) Un bacione grande, Miki. Dal cuore! :)

      Elimina
  50. Mia cara Ely ecco finalmente ho un pò di tempo per venire nel tuo meraviglioso bosco (io oramai lo chiamo così) oggi giornata faticosa al lavoro...corri corri corri ma per cosa?! va bhè lasciamo stare ...bellissima la frase "Forse l’abbondanza aveva cancellato l’estrema importanza della pura semplicità" sagge parole.
    e poi questa zuppa ha tutto quello che adoro il pane nero i ceci meravigliosi....brava!!! una felice serata e un grande abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, dolce amica! Adesso, che sei giunta nel mio bosco, puoi smettere di correre e puoi sederti tranquilla.. magari sotto le fronde di una accogliente quercia! :) Ci penso io a te, ti porto subito un po' di zuppa e un po' di affetto :) Un abbraccio, stella. Buona serata di cuore! :)

      Elimina
  51. Mi unisco alle altre dolce Ely..la ricetta è fantastica e tu lo sei ancora di più, per la scelta del piatto e per tutto quello che sai trasmettere con una sola ricetta.. E' proprio come dice Morena, LA POVERTÀ' RENDE RICCHI..
    Grazie per le tue dolcissime parole tesoro e complimenti per tutto, riesci sempre a essere toccante con i tuoi post, sarò ripetitiva ma è così!
    Ti abbraccio forte forte stella!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolcissima Vale! Grazie a te per le tue bellissime parole, veramente. Sei proprio un raggio di sole, e non mi stanco mai di dirtelo!! :D Ti abbraccio forte forte anche io, stella vera! :) Una serata meravigliosa! :)

      Elimina
  52. Bellissimo il racconto iniziale, caldo e avvolgente come la ricetta che segue! Un abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Bea! Davvero! :D Un bacione grande per una meravigliosa serata! :)

      Elimina
  53. ma se in questo eccezionale pan bagnato io non ci mettessi la cipolla, che proprio non tollero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi benissimo ometterla! Nessun problema.. per dare più sapore potresti usare un brodo di carne o di pollo più intenso, oppure mettere un formaggio diverso, oppure una verdura morbida a tuo piacimento! :) Insomma, puoi sbizzarrirti cara! :) Un bacione! :)

      Elimina
  54. Che dire, una volta si apprezzava di più quel poco che si aveva. Oggi invece non facciamo altro che desiderare di avere di più e di più ancora. La felicità sta nelle cose semplici, dobbiamo sempre ricordarci di questo!
    Grande Ely!!! Viva il dialetto, che dà ancora maggiore realismo!
    Un bacione, fatina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto hai ragione dolcissima stella! La semplicità delle cose è la chiave per la felicità! Ma troppo spesso ce ne dimentichiamo.. si, il dialetto era d'obbligo, eh :D Ahah! Un abbraccio forte, tesorina! Passa una splendida serata! :)

      Elimina
  55. Questa ricetta è meravigliosa tesoro. È la dimostrazione migliore di quante bontà si possono creare anche partendo da ingredienti semplici e sani.
    Un bacione grande grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ila, carissima! Come sono felice che questa zuppa incontri i tuoi gusti! Si, concordo pienamente con te..! Pochi ingredienti, delle volte, sanno fare un grande piatto! Ti mando un bacione con affetto, tesorina! :D

      Elimina
  56. Ely ora ho voglia di un caminetto acceso e della tua ottima zuppa,
    come la mettiamo??? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, che caro! La zuppa te la posso offrire, ma il caminetto purtroppo lo dobbiamo ancora prendere, nella casa nuova! :D E non sai quanto mi manca.. Un abbraccio grande e una serena notte! :)

      Elimina
  57. Dopo le corse della giornata di lavoro.. Le altrettanto impegnative faccende da sbrigare a casa mi sono concessa il tempo per leggere non una, ma ben 2 volte il tuo post.. Tutto d'un fiato per catturarne ogni salore, rivivere ogni ricordo che sei riuscita a suscitare.. A coccolarmi nel calore di quel piatto e di ciò che simboleggia ed evoca.. L'abbraccio della famiglia al calore del focolare.. È un piatto dai gusti che amo., rustico, autunnale.. Ricco.. Lo voglio fare e ti faccio sapere come viene..
    Buonanotte e.. Grazie per queste tue parole!'
    Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luisa, sei tenerissima. E io ti abbraccio non una, ma ben due volte. Grazie di cuore per queste tue care parole, stella. Sarò felicissima se proverai questa zuppa.. vedrai, la sua morbidezza in contrasto con la superficie croccante ti avvolgerà, come un abbraccio :) Buonanotte a te, cuore pulito :)

      Elimina
  58. Quanto mi è piaciuta questa ricetta e quanto ho letto con passione il tuo racconto. Una zuppa che proverò appena le temperature scenderanno( qui a Milano non sembra ancora autunno) e che dire del nostalgico focolare domestico? Mangiare tutti riuniti davanti al fuoco...c' erano poche cose ma sicuramente tanto affetto da condividere. Che bello leggere il dialetto di casa mia...mi sembrava di sentire il mio caro nonno Ambrogio!
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Alessandra.. sono felice di averti portato alla mente il tuo amato nonno! Dalle mie parti la mattina è piuttosto freschino e il freddo lo soffro a livelli impressionanti! :) Sto bene quando le temperature sono davvero alte.. ;) Quel focolare è un simbolo che bisognerebbe portare sempre nel cuore, per elargire calore e unità famigliare :) Sei sempre tanto cara. Un abbraccione e buonanotte :)

      Elimina
  59. ciao Ely, auguri anche a te, scrivi meravigliosamente!
    buona notte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, carissima Stefy! :D Con tutto il cuore! Una serena notte, piena di splendidi sogni! :)

      Elimina
  60. dolcissima Ely...un racconto che ho letto tutto d'un fiato, nella povera casetta quel camino donava tanto calore, è vero la semplicità di una buona zuppa ti regala ricordi indimenticabili..sei stata bravissima....!!in bocca al lupo per il contest..!! un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, stella. Possa cullarti un dolcissimo calore, questa notte. :) Un bacio grande grande con affetto, carissima :)

      Elimina
  61. sono sempre bellissimi i tuoi racconti,forse piu dei ceci, che non mi piacciono tanto! scusa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ci mancherebbe! :) Ognuno ha i suoi gusti..! Cara Vanna un bacione per una notte serena! :)

      Elimina
  62. Come è "vivo" questo racconto con il dialetto del (nostro?) lago e che profumo arriva da questa zuppa!
    Claudette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, è proprio il 'nostro' lago! ;) Te ne dedico un po' dolce Claudette! :) Conosci Musso? :)

      Elimina
  63. Adoro le zuppe perchè raccontano, proprio come hai fatto tu, di casolari di un tempo, di camini scoppiettanti, della gioia di sedersi tutti intorno alla tavola imbandita con ingredienti "umili" che però la massaia sapeva trasformare in saporitissime zuppe che come dico sempre io scaldavano il corpo ma soprattutto l'anima. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi affascinano per lo stesso motivo, in particolare questa perché ha il sapore di ricordi pieni d'amore, cara Laura! L'umiltà che si trasforma in qualcosa di unico e speciale.. che cosa meravigliosa! :) Un abbraccio forte, credo che stanotte sognerò il tuo dolce squisito sai? :)

      Elimina
  64. il calore di una zuppa, il condividere anche poco con gli altri, piccoli gesti pieni d'amore che ormai sembrano così lontani nel tempo, grazie per le tue bellissime parole Ely, un forte abbraccio..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Chiara, per le tue. Sei tanto cara e ti abbraccio forte anche io! :) Buonanotte, stella :)

      Elimina
  65. Arrivo esima...non saprei cosa dire che non abbiano detto le altre...
    però forse una cosa si,c'è...
    un fiore per te Lieta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto sei dolce.. per me non contano posizioni ma soltanto il metro del cuore: e il tuo è immenso..! Il fiore che mi doni lo terrò come gioiello prezioso, tra i pensieri più belli. Ti abbraccio con immenso bene, angelo dei colori.. Riposa bene, carissima amica mia :)

      Elimina
  66. Fino ad alcuni mesi fa ero molto scettica sulle persone incontrate sul web....ma devo dire che in poco tempo ho cambiato totalmente idea....perché ho trovato delle persone fantastiche...e tu ne sei uno splendido esempio.....mi perdo sempre nelle tue parole, così dolci ma così reali e vicine....parole che ho sentito anch'io e che mi rimarranno per sempre nel cuore.....parole che raccontano di tanta povertà ma anche di tanto amore....a volte vorrei tornare indietro per ritrovare quei semplici gesti, semplici abitudini....sufficienti per regalare tante emozioni....Ti abbraccio forte forte Micol

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Micol.. lo stesso penso io. E' bello scoprire che in un mondo che tanto ferisce, che tanto delude e che fa spesso del male attraverso egoismo e opportunismo.. si incontrino ancora persone vere e autentiche, in grado di mostrarti che in fondo c'è tanta luce da scoprire, da difendere e valorizzare. Sei una goccia di luce nel buio, per questo ricordati sempre quanto sei preziosa. Un abbraccio forte forte a te e felice risveglio, stella. :) Grazie per aver incrociato il mio cammino.

      Elimina
  67. Ciao, che bella ricetta per un'ottima causa!!!
    Come sempre i tuoi racconti regalano sensazioni meravigliose e ogni parola acquista valore e va dritta al cuore!!!
    La condivisione rende tutti più ricchi ed è questa la ricchezza che porta la felicità!!!
    Un forte abbraccio

    Purtroppo tuo zio Gianni non è quello che conosco io!!! Però se vieni a Mestre a trovarlo ci possiamo vedere lo stesso!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo Lauretta! Sarebbe bellissimo! :D E soprattutto un vero piacere! Se a te porterò tanti amaretti, di sicuro non mancheranno anche delle squisite crocchette per i tuoi tesori pelosini :)
      Condivido con te un abbraccio, nel momento del tuo risveglio: possa renderti ricca di calore e sorrisi, oggi, amica cara :) Passa una giornata.. felice! :) Un bacione!

      Elimina
  68. Un racconto più speciale che mai, dedicato a chi ha bisogno del nostro aiuto. Bravissima Ely.
    ciao
    alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Alice! :D Un abbraccio grande e una giornata piena di cose belle :)

      Elimina
  69. Adoro le zuppeeee!!!! buonissime e calde, proprio come nel tuo racconto....
    buona giornata Ely e grazie!
    Marisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei gentilissima Mari! Ce n'è anche per te, cara, se ti piacciono tanto le zuppe! :D Bacione!

      Elimina
  70. bellissima l'iniziativa e bello il tuo post. Si sente il profumo e il calore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite Giorgia! :D Un abbraccio grande, buon mercoledì! :)

      Elimina
  71. Vorrei tanto essere con quella vecchina, di fronte a quel camino e con la tua zuppa di pane nero:) un racconto descrittivo e bellissimo, di una semplicità e autenticità speciali:)
    un bacione cara Ely:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei tanto esserci anche io, dolcissima. Per farla davvero cenare in compagnia di qualcuno, che possa accompagnare il suo ricordo ma darle un sorriso vero. :) Sei una stella, un bacione cara! Forte!

      Elimina
  72. Eccomi finalmente, grazie di essere passata da me.
    Bellissimo post e zuppa favolosa per una buona causa.
    A presto
    Carla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era il minimo che potessi fare, brava come sei! Per me è un vero piacere venirti a trovare! Ti abbraccio e buon mercoledì, carissima :)

      Elimina
  73. complimenti per il racconto e per questa profumatissima zuppa!
    a presto
    Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefania! Davvero! Un bacio e una buona giornata, cara! :)

      Elimina
  74. Una ricetta e un racconto che emanano tutto il tepore del focolare di un tempo! Piatti poveri, ma "coccolosi" che ci abbracciano e ci avvolgono con tutto il sapore dei ricordi, della tavola apparecchiata con tutti noi intorno, ad assaporare qualcosa di magico, di gran gusto... e di intramontabile!! Un abbraccio Ely!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccio a te, cara Elly.. con tutto il mio cuore! Si, alcuni piatti rievocando proprio altri tempi, con un pizzico di nostalgia e tenerezza. Sei sempre un tesoro. Passa una giornata meravigliosa, stella.. :)

      Elimina
  75. come al solito è sempre un piacere passare da te, leggere i tuoi dolcissimi post, e...assaporare le tue delizie, mia cara!
    Un abbraccio e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, dolce Simo! Lo stesso vale per me ogni volta che ti vengo a trovare! Sei stupenda! Un grande abbraccio! :)

      Elimina
  76. Ciao Ely! E anche oggi, da te, ho preso la mia dose di serenità e di messaggi positivi. "Forse l’abbondanza aveva cancellato l’estrema importanza della pura semplicità".. parole sagge.. bisognerebbe rifletterci.
    Tesoro, percepisco il profumo di questo piatto.. grazie per aver condiviso questa ricetta con tutte noi!

    Ti auguro una splendida giornata! Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, cara Micol! Bisognerebbe sempre godere della bellezza della semplicità.. è lì che spesso si nasconde la felicità che tanto si insegue per terra e per mare :) Un abbraccio e una splendida giornata a te, stella!

      Elimina
  77. Che spettacolo! Un post meraviglioso, una ricetta di quelle che io amo, una storia semplice della gente di campagna come me....tu non sai come mi ha reso felice questo post!

    Ps. Bellissima e lodevole anche l 'iniziativa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io sono veramente felice.. se ti ho reso felice, amica mia! In quanto a ricettine, anche la tua oggi è veramente qualcosa di notevole! :D Amo tanto la campagna.. ti abbraccio, stella vera. E ti abbraccio forte forte. :)

      Elimina
  78. ciao Ely piacere di conoscerti. questo post è davvero bello, un racconto che rivela una profondità di sentimenti...complimenti e poi questa zuppa è davvero incredibile, adoro le cose semplici e genuine .bravissima! mi sono unita ai tuoi lettori se hai voglia passa a trovarmi. a presto. ilenia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il piacere è tutto mio, Ilenia! Benvenuta di cuore! Ti ringrazio e passo subito a trovarti, cara! Un bacione e buon pomeriggio :)

      Elimina
  79. Risposte
    1. Grazie Carla! Un bacione grande! :D

      Elimina
  80. Che bello questo post.. ha dato un abbraccio caloroso anche a me!! questi sono i racconti di mia mamma quando era bimba.. ahimè non ho avuto questa sfortuna.. Eh si perchè quel calore di una intera famiglia riunita assieme io l'ho provato solo per pochi anni... e non ne ho molta memoria... Ottima questa zuppa con pane nero... un abbraccione :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco, Claudietta. Purtroppo ho sempre sognato con questi bellissimi racconti, che mi trasmettevano i nonni. Il desiderio di un grande calore, di una grande unità.. come quella di una volta, è sempre presente nel cuore. Però un abbraccio te lo mando io, sappi che è pieno di bene. Proprio tanto. Buon pomeriggio, stella :)

      Elimina
  81. Carissima Ely, hai un modo di scrivere così trasportante che riesce difficile non immedesimarsi.
    Sembra di poter vedere quella vecchina davanti al camino e di sentire il profumo della sua zuppa!!
    Come erano belli quei tempi, quando la famiglie erano unite e ci si sentiva ricchi con un pezzo di pane scuro.
    Oggi nonostante il benessere è difficile che ci si ritrovi uniti intorno ad un tavolo a revocare le cose passate.
    La tua zuppa ha il sapore dei tempi passati e sarebbe bellissimo poterla condividere con le persone a noi più care e perchè no con chi ne ha più bisogno!!
    Un bacione enorme Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tenera Carmen! :) Hai ragione purtroppo.. i tempi sono irrimediabilmente (temo) cambiati. Eppure è bello ancora rievocarli, come vecchi oggetti di cui si può apprezzare un valore immenso, sebbene impolverati e poco conosciuti. E' bello poter riscoprire quella vicinanza solo chiudendo gli occhi, dividendola almeno con chi amiamo! Ti abbraccio, carissima. Con affetto :)

      Elimina
  82. A parte che adoro i tuoi racconti...mi trasportano lontano e mi sembra di rivedere persone e luoghi della mia vita...ma poi questa ricetta è splendida e mi rimanda al calore delle sere d'autunno, quelle in cui basta un profumo, un sorriso, per farti credere che tutto andrà bene, sempre :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei troppo carina..! Si, allora spero proprio che nell'abbraccione che ti sto mandando tu possa sentire tutte quelle cose positive che descrivi... perchè ti auguro davvero che sempre, sempre e ancora sempre.. le cose vadano bene :) Un sorriso di bene per te, Gabri :)

      Elimina
  83. un'iniziativa molto bella, avrei voluto dare anch'io il mio contributo con una ricetta ma da quando sono tornata in Italia non ho ancora cucinato nulla! Per qualche giorno approfitto di mia madre e sto lontana dai fornelli! Un bacio grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla stella.. sei più che giustificata! Sei stata via e poi.. la stanchezza si fa sentire! Fai bene, ogni tanto è bello anche farsi viziare un po' dalla mamma :D Ti abbraccio cara, un bacione a te! :)

      Elimina
  84. che bello il racconto hai tanta fantasia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Dana :) Buona serata! :)

      Elimina
  85. Ha un aspetto invitante...gli ingredienti mi piacciono tutti e combinati insieme devono essere "uno spettacolo" per il palato! vorrei averne avuto un piatto da gustare mentre leggevo il tuo affascinante racconto
    Brava come sempre...non so se sei più brava come scrittrice o come chef...mi aiuti?
    Ciao e a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che caro sei! :) Grazie infinite, Pino! Te ne offro volentieri una porzione, bella calda! A prestissimo e un grande abbraccio! :)

      Elimina
  86. Che bel racconto, mi ricorda alcuni momenti di quando ero piccola a casa dei miei nonni, quando la famiglia era tutta riunita intorno ad un tavolo, con sotto un braciere che ci scaldava, e su quella tavola un piattone con legumi e verdure dove tutti si servivano! Si rideva,si scherzava e tutti erano felici, che ricordi! Vorrei tanto che fosse ancora così, ma non lo è! Buonissima la tua zuppa, è molto gustosa e riscalda! Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tienili stretti i tuoi ricordi, cara Molly. Con essi terrai stretti anche quei momenti tanto speciali.. i tuoi nonni, il loro amore. Saranno lì per te ogni volta che vorrai. Un bacione e una dolce notte, di cuore! :)

      Elimina
  87. Carissima Ely la tua zuppa è favolosa,e poi con questo inizio d'autunno ci stà a pennello!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna, sei carinissima :)

      Elimina
  88. Adoro la tua creatività sia nei racconti che nell'abbinamento della ricetta. Ogni volta che passo da queste parti mi lecco i baffi :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, spighetta. Lo stesso io, quando passo nel tuo bellissimo blog! :D Hai una cucina sana e gustosa come piace a me, carissima! Riposa bene, un abbraccio! :)

      Elimina
  89. Ely questa zuppa è favolosa così come il tuo racconto, ho aspettato quest'ora per rispondere al tuo post perchè volevo avere la calma di assaporare le parole che scrivi, immedesimarmi e tornare indietro nel tempo!!!! Grazie per i tuoi post

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che carina! :D Grazie, Mariangela, è un piacere sentirti dire questo e ne sono felice! :) Buon riposo, cara stella! :)

      Elimina
  90. troppo bello questo post, dolcissima Ely. sei fantastica. nel vero senso della parola!

    RispondiElimina
  91. ps: ovviamente anche la zuppa non è da meno, ma sono entrata dentro alle parole, mi hanno come rapita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu lo sei, dolce Aria! Te lo dico di cuore... ti abbraccio forte e ti mando un bacio grande come il cielo. Anche se fa davvero freschino qui, ti auguro sogni di sole e luce! :)

      Elimina
  92. Sono ripassata per ringraziarti...le tue parole mi scaldano il cuore!!!Sei una persona splendida e scrivi poesie che arrivano dritte dritte nell' anima.
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un piacere ogni volta che passi, Ale! Sono felice di trasmetterti un po' di calore, lo meriti tanto :) Un bacione grande e sogni meravigliosi :)

      Elimina
  93. Eccomi finalmente da te Ely cara....eh già....il pane ha un valore unico nella storia del mondo..non dimentichiamo mai chi non puo permettersi nemmeno quello e benediciamolo tutti i giorni come la vita stessa...se poi è all'interno di una zuppa come la tua, beh allora possiamo sederci e gustarcela insieme che ne dici??;:-))))Buona serata amica mia!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che piacere trovarti qui, amica carissima. Hai ragione, il pane va benedetto ogni giorno, come fonte di vita primaria..! E sarebbe meraviglioso poterla assaporare con te, questa zuppa! Sei davvero speciale, Yrma. Ti auguro sogni splendidi quanto lo sei tu, stella :)

      Elimina
  94. Ciao stellina, come stai, tutto bene? Ogni tanto ti faccio un cucù e faccio capolino, visto?! E ogni volta che passo qui leggo con avidità, certa di imparare qualcosa e con il segreto desiderio di trovare una risposta ai miei perchè quotidiani... e la sai una cosa??? Ti sembrerà incredibile Ely cara, ma la trovo sempre la mia risposta... il tuo animo sensibile sa farmi arrivare all'essenziale. E cosa più del pane condiviso lo può essere? Essenziale... semplicità... quanto abbiamo bisogno di queste parole!
    Questa tua zuppa piace un sacco anche a me e ne vorrei adesso una scodella, per mangiarla assieme e per rimettermi in pace col mondo!
    Ti lascio un caldo abbraccio Ely e un grazie sincero per ogni tua parola scritta qui e regalata a chi è di passaggio... anche questa a mio avviso è una splendida condivisione di te! ^__^ Grazie! Any

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei tenerissima, cara Any! Sarei tanto felice di poter condividere con te questo piattino caldo e confortante, sai? :) Regalarti risposte, calore e gioia è per me fonte di sorriso e di felicità, stella del cielo :) Farti del bene mi fa stare bene..! Un abbraccio grande, proprio grande.. e ricorda che qui troverai sempre braccia aperte e tanto affetto, tutto per te! Sei speciale, amica mia. :) Grazie a te. Una giornata splendida :)

      Elimina
  95. Il pane è la base per la nostra tavola....ed in questa rietta è utilizzato magistralmente! Mi fermo da te....baci ed a prestissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, cara Fabiana! Sei la benvenuta, credimi! :) Che meraviglia le fotografie che hai postato.. mi regalano sogni appena sveglia.. :) Un abbraccio e un bacione! :)

      Elimina
  96. Dolcissima Ely..nel tuo racconto..
    passato e presente uniti da una stessa realta'...l'importanza di un pezzo
    di pane per tutti...troppo spesso ormai dimenticato dall'egoismo umano!!
    ricambio di cuore il tuo abbraccio e ti faccio i miei complimenti per questa
    fantastica zuppa!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tenera Enza.. grazie, proprio grazie. Sei sempre tanto cara e il tuo cuore è uno scrigno di valori. Un abbraccio di nuovo, sentito e sincero. :) Buona giornata!

      Elimina
  97. Anche qui diciamo "se l'è nen supa l'è pan bagnà" :)
    Bellissima e coccolosa ricetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si? :D Che forza.. la zuppa è un riferimento davvero popolare nei detti delle nostre zone! Che cosa carina! Grazie, cara! Ti mando un bacione! :)

      Elimina
  98. Risposte
    1. You're welcome! I'm happy that you can appreciate this soup! :D I hope that you'll like it! Kisses and have a nice day! :D

      Elimina
  99. Entro nel bosco stamattina...nel tuo ^-^
    Mi hai tanto ricordato mio nonno,che mi diceva sempre quella frase...
    La zuppa è ottima,oltretutto la fontina tiene molto bene la cottura,la adoro,non mi delude mai.

    RispondiElimina