venerdì 2 novembre 2012

Ul Pan di Mort de la Zia Francesca


Una piccola e rugosa carezza passò lievemente sui bordi di una vecchia fotografia, sbiadita dagli anni.
Piegata e rovinata dal tempo, aveva assunto un alone quasi giallastro tra le crepe e i toni del grigio.
Le dita dell’anziana donna indugiarono lente su ciascun viso, soffermandosi su ognuno di essi, quasi a voler ricordare a se stessa chi fossero quelle persone per non dimenticarle mai. Sorrisi ormai muti, volti ormai scomparsi; voci senza più un suono, mentre uno scatto aveva reso prigioniero il tempo, per sempre. O forse, non abbastanza a lungo.
Stringendosi nel caldo scialle di lana color avorio, la signora sospirò lentamente. Diede una sommessa occhiata alla finestra, dove poteva vedere ombre scure di alberi agitarsi al primo vento di Novembre. I rami più alti si piegavano sotto sibili acuti, per poi ritornare eretti e muti come anime solenni.
Tutto era cambiato, ma il mondo in fondo restava sempre uguale. Più o meno.
Una volta l’era diversa la gent, l’era divers anca ul paes.
Scostò di poco l’album di fotografie che teneva sulle gambe e allungò l’affusolato braccio verso un vassoio d’ottone, appoggiato su un antico e basso tavolino di fronte al divano.
Delicatamente sollevò il coperchio in ceramica di una teiera a fiori blu, forse uno dei suoi regali di nozze: un leggero vapore profumato di malva e lavanda le accarezzò il viso, appannandole un po’ gli occhiali.
Nel silenzio interrotto solo dai sussurri del vento, versò la sua bevanda nella tazzina finemente intarsiata e mescolò con un consunto cucchiaino d’argento. Il tintinnio cadenzato della piccola posata era quasi rassicurante e riempì di un melodico suono il modesto salottino. 
La vecchia signora si mise così nuovamente comoda, sorseggiando il suo tè. 
Osservò ancora un po’ qualche immagine in bianco e nero, abbozzando di tanto in tanto un lieve sorriso; passarono dei minuti, poi il suo sguardo si soffermò sul volto di un uomo, dal largo sorriso e dal cappellino di stoffa. Gli occhi dell’anziana si fecero umidi e poi deglutì. Cercando di scacciare quel brusco nodo in gola, posò la tazzina sul tavolo e sollevò dal vassoio un biscotto dall'intenso profumo di cannella e cacao. Mentre assaporava quel delicato sentore di fichi, uvette e pinoli, la memoria vagò indietro nel tempo. Guardò il viso di quel signore distinto e per un attimo sentì il suo cuore sentirsi più vivo.
<Te se regordet, nanin?> sussurrò sommessamente <Quei biscutit chi, i’a fasevan i donn quant nunc eravam piscinitt>
Non c’era anno, nemmeno durante la guerra, in cui ai primi di Novembre non si trovasse sulle tavole ul Pan di Mort. Certo, allora era un po’ diverso, forse più povero e arrangiato: forse era per quello che ne erano esistite sempre diverse versioni. Una volta non si trovavano facilmente biscotti o amaretti nelle case di paese; erano un bene di lusso, poiché si faticava persino ad avere di che sfamarsi. Eppure la so mama i'a faseva istess, cul pan gialt e cun quel che g’hera in cà.
Un sapore semplice, meraviglioso, che profumava d’infanzia.
Mai troppo dolce eppure sottilmente speziato, propi cum’è l’era stada la vita.
Ma che festa, quando le donne andavano al grande forno del paese e riuscivano a preparare una gran quantità di dolci e di pane caldo! Sì, perché allora nisun al gh’era ul furn in cusina.
E si imparava che quando nessuno aveva niente, forse tutti insieme si poteva avere qualcosa.
Ma qualcosa di importante a lei non era comunque mancato: l’aveva sempre avuto, da quando quell’uomo era entrato nella sua vita. Non aveva mai chiesto niente di meglio che l’amore di quel giovane pianista, figlio di un sarto, col quale aveva passato i momenti più belli della sua esistenza. Fino a che una grave malattia non li aveva separati.
<E adess? Adess in du’è che te set?> sussurrò nuovamente l’anziana, scossa da un fremito.
Eppure quel sussulto non durò a lungo.
<Sun chi. Sun semper chi visin a ti, stèla> soffiò forte il vento.
E lei lo sapeva, che in quell’aria si perdevano le parole del suo amore: perché nemmeno la morte li avrebbe separati, perché quel giorno triste di anni prima lui non era davvero volato in cielo. Almeno, non ancora: la sua anima si era rifugiata nel suo cuore, dove lei l’avrebbe sempre trovato.
Avrebbe saputo sempre dov'era  poiché lui aveva deciso di non abbandonarla: se mai avessero dovuto varcare la soglia del Paradiso, nessuno dei due l’avrebbe fatto senza stringere la mano dell’altro. Mai.


Sono le feste, il momento in cui i dolci della tradizione divengono i sapori che ci accompagnano per la vita; sono le feste, il momento in cui una consuetudine si fa rassicurante e diviene un tenero ricordo negli anni a venire.
Ul Pan di Mort è una di quelle usanze a cui non si può rinunciare in Brianza, il giorno della commemorazione dei defunti. Proprio perché nasce come dolce povero, fatto di frutta secca e pane giallo, non è un biscotto estremamente dolce. Poi i tempi sono cambiati e ne sono nate molte versioni, poiché di volta in volta si usava appunto quello che si aveva a disposizione: chi metteva uvette, chi fichi; chi usava nocciole, chi mandorle e chi noci. Chi aggiungeva canditi, chi li ometteva; chi usava il vino bianco e chi invece impastava usando solamente dell’acqua.
Questa è la versione che fa parte della mia vita, della mia infanzia. E’ quella che ha il buon sapore dell’amore e di tempi spensierati: è l’unica che considero mia, dato che la preparava la cara Zia Francesca ogni primo di Novembre.
Quell’alzatina in ceramica, dipinta di fiori gialli e verdi, raccoglieva un buon numero di questi biscottini dall’intenso profumo di cannella, amaretto e cacao. Non c’era nulla di più bello che vederla entrare in casa con quei piccoli capolavori, mentre trionfante diceva: <Ecco! Ul Pan di Mort l’è prunt! L’ha de sfregià!>
E lo posava teneramente sul mobile del salone, ridendo poi perché lo mangiavamo ancora caldo.

Ul Pan di Mort de la Zia Francesca

70 gr di amaretti secchi tritati (Di Saronno)
50 gr di biscotti secchi tritati
55 gr di cacao amaro in polvere
130 gr di zucchero semolato
2 albumi di uova medie
110 ml di vino bianco secco
125 gr di farina 00 (Antigrumi Molino Chiavazza)
½ cucchiaino di lievito per dolci
50 gr di uvetta
45 gr di fichi secchi
40 gr di arachidi tostate
40 gr di pinoli tostati
1 cucchiaio generoso di cannella in polvere
1 pizzico di sale
Zucchero a velo vanigliato q.b.

Mettere nella ciotola della planetaria i biscotti secchi tritati e gli amaretti secchi tritati, aggiungere pinoli e anacardi spezzettati grossolanamente, il cacao amaro, lo zucchero, la cannella, la farina miscelata al lievito in polvere e un pizzico di sale. Aggiungere i fichi tagliati a piccoli pezzetti piuttosto regolari e l’uvetta che avrete precedentemente ammollato in acqua calda. Includere gli albumi e mescolare a bassa velocità finché gli ingredienti non saranno amalgamati grossolanamente: versare il vino e lasciare che l’impasto divenga sufficientemente compatto.
Con le mani infarinate, ricavate dall’impasto un filoncino dalla larghezza di 7 cm ca. e ricavare  delle fettine larghe 1 cm di spessore. Dare forma ovale e regolare a queste ultime e disporre su una teglia coperta di carta da forno. Cuocere in forno caldo a 170/180° C per ca. 15 minuti (i biscotti raffreddandosi si induriranno, ma resteranno comunque leggermente morbidi).
Una volta completamente freddi spolverizzateli di zucchero a velo vanigliato e gustateli magari con un buon tè caldo.

Voglio rivolgere un pensiero d’amore al mio caro nonno Livio e al mio caro nonno ‘Zac’ (Avenente) e a tutti i parenti che non ho mai avuto modo di veder sorridere: perché ovunque siano possano godere della luce meravigliosa di Dio.
Un caro abbraccio anche al nonno Mario, che è volato in cielo il giorno di Natale. Possano restarci accanto e vegliare su di noi, che tanto li amavamo e li amiamo ancora.
A tutti gli angeli che ci accompagnano dovunque noi siamo; a tutti i defunti, le preghiere più dolci e sentite.

Una felice serata e una notte piena di dolcissimi sogni.

*Aggiornamento del 13 febbraio 2013: in seguito alla piacevole iniziativa de la 'Vita Frugale', con questa ricetta partecipo al suo Linky Party, riguardante 'La cucina di una volta'!


Grazie per avermi invitata a conoscere questa iniziativa! Un abbraccio! 


284 commenti:

  1. Eccomi ely,stavolta arrivo per prima! stanotte se pur stanca faccio un giro veloce nel web e trovo il tuo bellissimo post,come sempre.Questo però mi tocca ancor di più,i tuoi precedenti mi fanno sognare,la fantasia,l'immagginazione cavalcano,qui è davvero il cuore che sente,batte con un ritmo diverso perchè toccato nei ricordi più cari,probabilmente un pò tutti abbiamo in cielo qualcuno di particolarmente caro che ci è accanto spiritualmente e non più fisicamente,mi unisco alle tue ultime parole,alle tue preghiere.Questa ricetta la trovo immensamente ricca....nella sua povertà grazie di averla condivisa.
    Cara Ely che bella persona sei sogni d'oro Ketty V.
    Zagara & Cerdo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sei tenera, Ketty.. che queste preghiere allora raggiungano i tuoi cari, li abbraccino e li avvolgano con tutto il cuore! Si, ci sono tanti ingredienti ma alla fine è un biscottino dal sapore semplice, non molto dolce e speziato :) Sei tu ad essere splendida, amica cara. Ti auguro un fine settimana meraviglioso.. :)

      Elimina
  2. Che bel racconto e il tuo pensiero alla fine sono veramente commoventi. La ricetta dei biscotti e' meravigliosa e il fatto che te li faceva la tua amata zia li rende ancor piu' speciali. Serena notte cara Ely

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia zietta è ancora viva, per fortuna! Ma ormai, a 91 anni non cucina più.. ho voluto quindi farli per lei, per ricambiare con una ricetta del cuore quell'amore che mi ha sempre regalato :) Grazie infinite Vero, sei sempre dolcissima! Buon fine settimana! :)

      Elimina
  3. Oggi è uno di quei giorni dove tutti alziamo gli occhi al cielo. Ognuno di noi ricorda amici, parenti, colleghi, nonni. A me piace pensare che molti di loro li penso anche se non è il 2 Novembre, anche se è ferragosto e sto sdraiata in spiaggia a prendere il sole. Alcuni di loro me li sento sempre accanto. Questi biscotti devono essere deliziosi e amo particolarmente i dolcetti legati alle tradizioni, perchè ti suscitano sensazioni uniche, rievocando ricordi che pensavi di aver rimosso! Adoro il tuo racconto, e anche i tuoi biscotti! un abbraccio:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Loro vanno ricordati tutti i giorni, ogni attimo.. ed hai ragione, perchè ci sono sempre accanto. Sempre :) Questa non è che un'occasione in più :D Anche io adoro i biscotti semplici della tradizione.. amo tutte le ricette legate alla storia dei popoli: sono così.. speciali! Un abbraccio proprio grande a te, carissima! :)

      Elimina
  4. Ely, io penso che tu sia una persona speciale, una persona che raramente s'incontra....
    Quanti ingredienti buoni danno vita a questi biscotti cosi speciali....come speciale è il tuo pensiero rivolto ai tuoi nonni e ai tuoi cari....
    Buona notte e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Any, sappi che lo stesso penso di te con tutto il cuore.. non posso che ringraziarti per la tua dolcezza e per la tua bellissima anima. Un bacione grande grande, buon fine settimana! :)

      Elimina
  5. Eccomi Ely, che bello questo pane e bravissima che hai raccontato le origini che proprio non conoscevo. Il tuo pane, la ricetta di zia Francesca sono stupendi davvero.. I tuoi racconti sono magici come l'atmosfera che regna nel tuo blog e intorno a te. Il tuo pensiero sulle persone che non ci sono più e che non abbiamo avuto modo di conoscere lo condivido a pieno, e adesso capisco perchè il Natale ti rattrista, mi spiace per il tuo nonno Mario, ma vedrai che ti protegge, solo che la mancanza dei nostri cari, si sente e tanto... E a volte ci sono dei giorni che son più difficili di altri, però chi è lassù ci protegge, di questo ne sono certa. Ti mando un grande abbraccio amica mia e ti auguro un sereno weekend, spero tu stia meglio, in ogni caso riposati mi raccomando, un bacio

    RispondiElimina
  6. Dimenticavo, bella la grolla in foto, sta benissimo e rende ancora di più l'atmosfera di amicizia, di casa, di amore.. un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avevo dubbi che la riconoscessi, amica mia! :D Hai ragione, è lo specchio dell'amicizia, della condivisione e della casa.. calda e accogliente! Mi piacerebbe preparare una buonissima grolla e gustare questi biscottini con te, in un tiepido sorriso :) Il nonno Mario non è mio nonno, ma volevo comunque ricordarlo. Ho comunque detto addio anche al mio caro nonno Livio proprio poco dopo le feste di Natale.. e non è un periodo che amo molto, anche per questo. Si, tesoro.. loro comunque vegliano su di noi, con immenso amore, in momenti felici e in momenti tristi. Sei una stella, cara.. ti voglio bene! Un felice week end a te, dal profondo!

      Elimina
  7. novembre è un mese molto triste per me, fra pochi giorni sarà un anno che il mio papà è morto e vorrei solo arrivasse preso dicembre....che bel racconto, mi ha commosso, riesci sempre a conquistare chi ti legge, hai un dono meraviglioso....Buonissimi quei dolcetti, troppo belli per chiamarli solo biscotti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco Chiaretta.. anche per questo io non amo le festività natalizie che collego a tristezza e freddo, dentro e fuori. Non vedo già l'ora che arrivi Marzo, con la sua vita e i suoi colori: ogni anno soffro in mezzo a molti ricordi.. eppure dobbiamo farci forza. Sai.. potremmo sempre cercare dei ricordi nuovi, più piacevoli, ai quali fare appello quando il buio ci pervade.. non è facile, ma ti sarò accanto.. un abbraccio forte forte. E buon fine settimana!

      Elimina
  8. Il post che mi ricorda mia nonna e mio nonno mi ha fatto venire i brividi.... E i biscotti mi hanno rallegrato dopo la malinconia dei ricordi. In poche semplici e affascinanti parole mi hai fatto ricordare ancora una volta la forza dell'amore dei miei nonni che è stato di grandissimo per me, ti ringrazio tesoro per questo momento di dolce e tenera nostalgia che mi hai dato..... Coi biscotti invece mi hai stuzzicato il palato.... Ecco me ne puoi offrire in cestino :DDD
    I tuoi ppst scaldano il cuore e sono davvero importanti per chi li legge! Sono davvero felice oltre che onorata di averti incontrata!!
    Felice sabato :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che dolce.. anche io lo sono, amica carissima! :) Che quella forza d'amore ti accompagni sempre ad ogni passo, ad ogni respiro, scaldandoti il cuore e l'anima! Te ne regalo anche due, di cestini: faremo insieme una buona bevanda calda e condivideremo il piacevole aroma di questi dolcini! Un abbraccio forte forte, buon sabato a te Dona!

      Elimina
  9. il giorno dei morti è per me un giorno molto triste, in questo mese ho perso la mia nonna e me lo ricordo nitidamente, bellissimo racconto un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dana, ti posso capire.. so come ci si sente in queste occasioni. Ti abbraccio forte forte e ti mando una carezza, che possa portarti luce e rischiarare questo buio. Un bacione, grande grande.

      Elimina
  10. buon giorno cara amica, stamattina il tuo post mi ha riempito il cuore e gli occhi.....un sentimento di nostalgia contrapposto al ricordo e all'amore.....grazie per questo momento che ci hai regalato!
    i tuoi biscottini sono deliziosi, le ricette della tradizione sono sempre le migliori e dovrebbero essere preparate, secondo il mio parere, esattamente nella stessa maniera in cui ci sono state tramandate!
    sei unica cara amica!
    un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La nostalgia a volte può avere un retrogusto inaspettato.. dolce, amorevole.. quasi soffice. I ricordi a volte fanno male ma suscitano sempre un tenero sorriso. E' vero: è importante tramandare le ricette tradizionali 'così come le abbiamo conosciute'.. e per me questa è 'la ricetta' del Pan di Mort. :) Sei unica anche tu, stella vera. Un bacio fortissimo e felice sabato!

      Elimina
  11. Le tue parole, racconto o meno che siano ,rispecchiano la realtà di ognuno di noi.
    Le uniche cose che ci rimangono dei nostri cari sono le foto che ogni volta che guardiamo ci riportano indietro nel tempo facendoci ricordare gli attimi fuggenti che forse all'epoca non consideravamo così preziosi.
    Detto ciò devo aggiungere che i tuoi biscotti sono molto ricchi di ingredienti e credo anche molto buoni.
    Un abbraccio! A presto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei gentilissima Gwendy. Per questo, anche quando la nostra testa vaga altrove.. sarebbe bello ricordare che ogni attimo non si ripeterà mai più ed è importante viverlo appieno con chi amiamo. Un abbraccio fortissimo a te e che questo week end sia pieno di calore :)

      Elimina
  12. Carissima Ely, le tue parole, i tuoi racconti commuovono, fanno riflettere ma allo stesso tempo non rendono tristi, perché trasmetti sempre speranza, gioia e amore!
    Grazie per farci compagnia e condividere con noi i tuoi bei pensieri!
    Questa ricetta mi piace molto come l'atmosfera che hai creato nelle foto...
    Bacioni Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dietro la malinconia e il dolore c'è sempre la speranza, tesoro. Bisogna sforzarsi di vederla, di scoprirla e di crederci.. perchè con essa si può affrontare meglio la vita! :) Grazie a te, stella.. di tutte le tue dolci parole :) Baci grandi grandi e buona giornata!

      Elimina
  13. Ciao Ely, mi riempi sempre il cuore!! Quanto sei preziosa!!!

    Ti abbraccio forte e ti auguro un meraviglioso fine settimana! Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei tanto preziosa anche tu, dolcissima Micol! Un abbraccio a te e che quest fine settimana sia splendido come lo sogni! Un bacione forte! :)

      Elimina
  14. In un post hai messo la tradizione, il significato della festa, il ricordo di un caro, un amore infinito .. In un post hai messo tutta la bellezza che hai dentro cara Ely.
    E' stato bello immaginare questa ambientazione così semplice e umile, con queste espressioni dialettali che mi sono familiari ed immaginare che un biscotto così tipico possa far rivivere tante belle cose:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tenera Vaty :) Se dovessi descrivere quanto sei bella tu, cara.. forse dovrei inventare parole ancora non esistenti! Sei una vera stella. Ti abbraccio stretta stretta, ti voglio bene :)
      p.s. mi piace che tu conosca le espressioni dialettali, hanno un po' fatto la mia infanzia e credo siano comunque una memoria da non perdere. :)

      Elimina
  15. Mi è ritornata in mente la mia nonnina, che mi ha cresciuto e che ora non c'è più. Mi è tornato in mente quando ogni tanto guardava nel vuoto e si lasciava andare ai ricordi, raccontando di come fosse tutto diverso "ai suoi tempi". Ed io, ancora ragazza, pensavo che era "roba da vecchi" anche se ne rimanevo in qualche modo affascinata. Oggi mi rendo conto che inizio anch'io a ripensare "ai miei tempi" e che i miei figli hanno lo stesso mio atteggiamento di allora. La vita è una ruota. Sto invecchiando anch'io, ma sono felice. Prendo volentieri uno di questi buonissimi biscotti. Un bacio, buona giornata a tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima.. posso capire perchè anche la mia nonna mi ha cresciuta.. ed è per me come una mamma. In quel vuoto loro vedono 'tutto', in quel modo così tenero e speciale.. cos' fragile ma al contempo così forte. E' solo con l'esperienza che comprendiamo quanto il passato sia stato importante.. invecchiare non significa 'deperire', significa 'acquisire'.. per vivere al meglio. Per vivere davvero. Un bacione forte e felice sabato, stella :)

      Elimina
  16. che belli i tuoi post Ely!! e che delizia i tuoi dolcetti!baciiiiiiiiiiiiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Fede! Mille bacioni immensi a te, buon sabato di tutto cuore!! :)

      Elimina
  17. buongiorno cara Ely, è bello ricordare i nostri cari, ricordare i giorni di festa passati insieme, le tradizioni. Per me è così con mia mamma, la ricordo in ogni suo gesto, mi ha insegnato a dare il giusto valore alle feste e alle tradizioni, lei era proprio speciale in tutto quello che faceva.Anche io cerco sempre di preparare quello che preparava lei durante le feste.
    Sai che anche io avevo un nonno mario??? Purtroppo nemmeno io ho avuto l'occasione di conoscere i miei nonni, ma nemmeno le mie nonne.
    Troppo buoni questi dolcetti, ti sono venuti benissimo. Come prenderei volentieri un te in tua compagnia.
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro mio.. non sai come piacerebbe a me, poter preparare un buonissimo té caldo e dividerlo con te, chiacchierando al calduccio in compagnia di qualche dolcetto confortante! Questi biscotti ci starebbero benissimo, anche da pucciare :P Sono sicura che la tua cara mamma sia stata (ed è) una persona magnifica.. non poteva essere altrimenti, con una figlia come te. Le sue qualità vivono nel tuo cuore e ti rendono davvero speciale, mia dolce amica. :) Il nonno Mario non è proprio mio nonno, ma volevo ricordarlo comunque.. se conti però che tu porti il cognome della nonna Pinuccia.. è proprio una cosa carina. Sei in fondo sempre stata con me..!! :) Ti voglio tanto bene Sabi. Bacino a te e ad Elsa :)

      Elimina
    2. come il cognome della nonna Pinuccia??? questa me la devi raccontare.
      ti voglio bene anche io
      un abbraccio

      Elimina
    3. Si si, tesoro mio! :) Tu porti proprio il suo cognome! Il mio è quello di mio nonno, ovviamente.. ma lei porta il tuo! :) Ti racconto volentieri.. eccome! Ti abbraccio forte e con immenso bene, amica mia.

      Elimina
  18. Che bel post Ely...e che belli i biscottini della tradizione!
    Buon sabato :-)!
    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono tanto felice che ti siano piaciuti, Eli! :) Buon sabato a te, stellina! Un abbraccio!

      Elimina
  19. questa avolta mi sono presa del tempo per leggerti......ne ho sempre troppo poco....ma ne ho rubato a qualcos'altro.....era il racconto perfetto per i miei ricordi che ho affrontato ieri con una rosa rossa posata su una tomba....e un altra rosa rosa posata su un cippo sotto il faggio...
    bacio anima bella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio allora, immensamente. Dedicare parte del tuo poco e prezioso tempo a me è stato un gesto che apprezzo con tutto il cuore. Sei stata veramente carina, amica cara. Che quelle rose emanino tutto l'amore che senti, che sentirai.. che raccolgano tutto il sentimento che sempre ti accompagnerà. Siano benedette loro e la tua anima. Un abbraccio forte forte dal profondo, tesoro!

      Elimina
  20. e anch'io con gli occhi umidi mi prendo un biscottino della tua zia..meraviglioso post!!bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite, stella. Serviti pure, è per me un piacere poterti donare qualche biscottino! Un bacione e un sabato stupendo!

      Elimina
  21. Finalmente ho potuto leggere la storia in tempo reale e mi hai fatto piangere (io ho la lacrima facile, ma questa storia mi ha proprio commosso).
    Per me le tradizioni sono fondamentali, ci sono attaccata sempre di più (con il mio trasferimento a Roma ho paura di perderle e allora mi ci attacco sempre di più).
    Anche se questi biscottini non fanno parte delle mie tradizioni li proverò molto volentieri e a te mando un bacio grande grande :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei dolcissima, Dani! Proprio dolce.. anche io sono molto attaccata alle tradizioni: salvaguardo le mie e amo conoscere quelle di altre regioni d'Italia. Che gran patrimonio abbiamo, da onorare e da difendere! Sarò felice se li proverai.. sai, credo che le tue tradizioni non potrai mai perderle, perchè vivono in te :) Un bacione grosso grosso!

      Elimina
  22. I tuoi racconti sono sempre commuoventi e dolcissimi, carichi di amore :-) E mi unisco alla tua preghiera per tutti i cari che non ci sono più ed anche per chi non abbiamo avuto la fortuna di conoscere, nel mio caso entrambi i nonni paterni.
    Il miglior modo in cui potevi ricordare tua zia è riproporre i suoi fantastici dolci :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Possano allora riempirti lo stesso d'amore, dall'alto dei Cieli.. Sei tanto cara, Luna. :) La mia zietta per fortuna è ancora viva, ma ho voluto riproporre la sua ricetta perchè ormai lei a 91 anni non cucina più.. è stanca e mi faceva piacere ricambiare quell'amore che ci ha sempre regalato :) Un bacione dal cuore e un fine settimana stupendo! :)

      Elimina
  23. Come sempre colpisci al cuore!!! sei talmente profonda e sensibile...
    io non conosco questo pane, sono un po' fuori dalle tradizioni... pero' lo trovo davvero saporito e fatto con le tue manine deve essre squisito!!!
    tesoro mio ti abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolcissima Ombretta.. è una buona occasione per assaggiarlo, sono certa che ti piacerà! Ti offro un buon té ai fiori cinesi, tesoro.. così te ne faccio provare qualcuno! :) Ti voglio bene, stella! :) Ti abbraccio proprio forte anche io :)

      Elimina
  24. Il pan di mort.... un dolce immancabile, almeno a Milano, in questo periodo dell'anno. Mi riporta alla mia infanzia ed era inconfondibile per il colore, la consistenza, ma anche per le note vagamente speziate. Questa ricetta mi fa rivivere quelle sensazioni e mi fa ricordare che me lo sto perdendo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non perdertelo, Fabiano! Ce n'è anche per te, assolutamente! :) Te ne offro volentieri, con un augurio per una serata meravigliosa :) Bacioni!

      Elimina
  25. Un classico dolce tipico di queste prime giornate novembrine.
    Solo che un tempo si apprezzavano di più perchè si gustavano solo in questi giorni, ora li trovi spesso anche fuori stagione.
    Grazie per le belle parole che hai scritto ai piedi della ricetta, me lo sono fatte un poco mie e le ho dedicate ai miei cari che non ci sono più.
    Te l'ho già detto ma mi ripeto, bellissimi i tuoi racconti, li leggo sempre volentieri.
    Buon fine settimana
    Mandi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto hai ragione.. è proprio per questo motivo che non sopporto già i festoni di Natale ad ottobre. Allo stesso modo dei dolcetti tradizionali presenti tutto l'anno, diventano cose talmente commerciali che poi.. personalmente sono già satura prima delle feste, per quanto mi riguarda già abbastanza malinconiche di loro.. Sono tanto felice che tu apprezzi le mie parole, stella! :) E sono felice se hai dedicato le ultime ai tuoi cari, che sono certa ti sono accanto ogni giorno della tua vita. Un abbraccio con tanto bene, cara Rosetta! :)

      Elimina
  26. In casa mia la ricorrenza di ognissanti non è celebrata,perciò viene anche a mancare la ricetta che accompagna la festività. I tuoi biscottoni io non li ho mai assaggiati,ed è un peccato,perchè io sono amante della frutta secca e penso che mi piacerebbero davvero tantissimo! Magari sarò proprio io dall'anno prossimo a introdurli come elemento irrinunciabile del 2 novembre! un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora aspetto anche te per una buona tisana alla frutta! :) Sarei davvero felice se il prossimo anno li preparassi anche tu.. nemmeno a casa mia si festeggia tanto, da quando la zia ha smesso per vecchiaia di preparare dolci per le feste.. allora lo faccio io, perchè mi dispiacerebbe che si perdessero certe dolci abitudini! :) Un bacio grande e cerca di riposarti per bene, così la forza magari verrà.. ci speriamo in due, credimi!! :)

      Elimina
  27. anche se il giorno dei morti è passato e la mia famiglia non mi ha trasmesso questa bella usanza del pan dei morti...proverò a farla con questa tua preziosa ricetta, grazie per averla condivisa con noi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe bellissimo se provassi questo Pan di Mort, dolce nonna papera! :) Grazie a te per la tua presenza sempre piacevole e carina..! Ti abbraccio con il cuore!

      Elimina
  28. Lo so che l'ho già detto, ma mi piace tanto leggere i tuoi racconti ed entrare nel loro mondo, è tutto così chiaro e vivido come se fossì lì a guardare la nonnina che sfoglia l'album di foto! Ho visto questi dolci su diversi blog, ma non li conosco... mi piace però conoscere i cibi della tradizione! Buon weekend Ely :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Polpettina, come sei cara! :) Si, ci sono infinite versioni di questi dolcini, come ho detto.. perchè dipende tanto anche dal paese, da come uno è abituato a prepararli :) Sarei contentissima se li provassi.. per me questi hanno il sapore di quando ero piccina! :) L'aroma di ogni inizio Novembre.. Buon fine settimana a te, di cuore!

      Elimina
  29. There is so much good food this way you won’t know where to start.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. You're so cuuute, my friend! :D Lots of kisses and a big hug for a beautiful week end! :)

      Elimina
  30. Questo tuo racconto mi ha davvero emozionata. Dolcissimo! I biscotti li conosco perchè sono della mia zona, ma presentati così assumono un aspetto molto più delicato e profondo!
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tenera Ale.. sei troppo gentile e ti ringrazio! :) Allora anche tu sei delle mie zone, ne sono molto contenta cara! :) Un bacio grande grande, buon sabato sera!

      Elimina
  31. ho lacrime negli occhi...come sempre riesci a toccare il profondo del mio cuore...un biscottino e d'obbligo per consolarmi...felice giornata Ely,un bacio grosso:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce Tina.. per te e il tuo cuore sempre e solo carezze. Tutte quelle che meriti, stellina :) Prendi, serviti pure.. sarà bello dividerli con te! Un bacio enorme e un abbraccio! :)

      Elimina
  32. Ely, vorrei avere per te parole nuove, perchè quelle vecchie non mi bastano per dirti le emozioni che mi comunichi.....tocchi con le tue parole le corde più intime e vibranti dell'animo umano. Te ne sono immensamente grata stella!!
    Ti abbraccio forte forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelle che hai sono sempre nuove per me, cara amica mia! :) Perchè il tuo bene è grande, luminoso e si rinnova ogni giorno come una fresca cascata :) Assolutamente ricambiato, voglio tu lo sappia! Grazie a te e un abbraccio enorme, tutto per te.. :)

      Elimina
  33. C'è una poesia di Francisco de Quevedo che s'intitola "Amore costante al di là della morte", parla di una fiamma d'amore così ardente che riesce a nuotare nelle gelide acque della morte, parla di anima e di emozioni che "anche in cenere, avranno un sentimento; saran terra, ma terra innamorata"
    Questa è una delle mie poesie preferite, mi piace perché mi piace pensare che sia realmente così, che al di là della morte ci sia davvero l'amore, ma la mia è più una speranza consolatrice che una motivata convinzione! un abbraccio e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosco quella poesia e trovo sia meravigliosa.. l'immagine della terra innamorata è qualcosa di unico. Io ci credo, voglio proprio credere che sia così.. fino al momento giusto in cui ci sarà dato saperlo. E' solo crederci fortemente che darà speranze perchè accada.. Sei un tesoro, Maria Pia.. ti abbraccio con affetto! :)

      Elimina
  34. Qualche giorno fa parlavo della spiritualità e devo ammettere che tu sei capace di esprimerla attraverso delle righe di questa fredda tecnologia. Ogni parola è carica di emozione e la trasmetti con tutta la sua forza, è bellissimo questo testo. A presto, un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Berry il tuo animo è profondo, puro e pieno di meraviglia. Lo si capisce sempre, leggendo ciò che scrivi. Sei stupenda, sappilo. Ti mando un grosso bacio dal profondo del cuore, anima preziosa!

      Elimina
  35. E' facile,immaginare la tua gioia all'ingresso della zia,col suo"carico"di biscotti.Da bimbi ci si entusiasma anche per piccoli gesti,un sorriso,una carezza,un dolcino profumato di festa e sarebbe bellissimo conservare lo stesso entusiasmo anche da grandi.Da piccina sentivo l'odore del Natale,lo respiravo a pieni polmoni e sai una cosa?lo sento ancora e mi auguro di poterlo avvertire tutti gli anni.
    Tu così giovane e così attenta verso le persone più anziane.Non è solo rispetto,ma amore,comprensione,tenerezza,non sempre nei giovani si riscontrano tali sentimenti,anzi molte volte sono intolleranti alla "lentezza" di chi è avanti negli anni!Grazie anche stavolta tesoro e per aver condiviso un'altra tradizione dei tuoi luoghi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro mio.. vorrei davvero averti qui adesso e donarti un vassoio pieno di questi dolcini tiepidi e profumati... vorrei regalarti tutto l'amore che per me celano, in quel cuore di frutta secca e cannella. Io mi auguro che tu possa respirare il meglio, da ogni evento nella vita: dal Natale, dalla Pasqua, dal ferragosto... ma anche da ogni giorno, perchè meriti nella vita il profumo di un campo fiorito. Ti voglio tanto bene, angelo dolce. sei speciale. Un abbraccio con infinito affetto, amica mia!

      Elimina
  36. Fantastico questo dolce... a dispetto del nome ;-)
    Buon pomeriggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! Si, l'ho sempre pensato anche io.. il nome è un programma, ma il sapore è buonissimo! :D Un felice pomeriggio a te, simpaticissima Manu :)

      Elimina
  37. Anche tu con i dolci della tradizione in questo periodo!
    Il Pane dei morti l'ho preparato una volta sola e non mi è venuto bene (non mi ricordo nemmeno dove avessi preso la ricetta). Mi fido della zia Francesca e tengo presente la tua versione (anche se toglierò le arachidi che non mi piacciono).
    A presto, Claudette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, mi sembrava il minimo preparare qualcosa che facesse ricordare la tradizione :) Specie per il senso che hanno questi dolcini per me... non seguo quello che non interessa al mio cuore (come Halloween, che da sempre non mi dice nulla) però quello che parla di me lo condivido volentieri! :) Tesoro, prova questa versione, al posto delle arachidi puoi benissimo mettere le mandorle, le noci o le nocciole! E' indifferente! :D Questa versione della Zietta è nata così anche perchè da piccini non potevamo mangiare nocciole per allergia.. quindi puoi benissimo sostituirle! :) Ti abbraccio con tanto bene e ti auguro una felice serata!

      Elimina
  38. Ciao dolce Ely :) Questo post è bellissimo, mi sono emozionata :) I dolcetti sono deliziosi e, cosa più importante, sono pieni di amore e di ricordi meravigliosi... Presto posterò dei biscottini che mi faceva la mia nonna, i biscotti più semplici del mondo ma per me i migliori, sapevano di felicità :) Ti abbraccio forte forte con tanto affetto e prendo un dolcetto coccoloso! :) Un bacione, tesorina, buon fine settimana :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono quelli i sapori che restano dentro.. sono quelli che li rendono speciali, anche nella loro estrema semplicità. Che senso avrebbe cucinare se i sapori che creiamo sono solo l'effetto di un libro di cucina? E' la nostra vita che mettiamo nei piatti.. una piccola, umile ma incantevole vita. Li aspetto, cara stella luminosa. Un bacio grande grande e un abbraccio per un felice fine settimana! :)

      Elimina
  39. Ely, stavolta sono in ritardo. Ieri sono stata fuori per fare il giro dei cimiteri, come da tradizione, e mi sono persa questa ricetta fantastica!
    Anch'io sono affezionata a questa festività. E' vero che mi mette tanta tristezza, perché nei cimiteri vedi tanti volti oltre a quelli dei tuoi parenti, anche quelli di chi ha perso la vita prematuramente. Questi giorni in parte ci mettono di fronte al grande mistero della morte e della sofferenza, ma dall'altra ci permettono di ricordare chi non c'è più, non solo nella preghiera, ma anche per gli aneddoti buffi o per l'eccentricità di quella persona. E' una festa che va tenuta da conto!
    Un bacione, fatina! Sei sempre brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolcissima Gre! Come stai tesoro? Immagino le tue visite al cimitero, poi sono sempre giorni in cui si hanno milioni di cose da fare! Hai ragione, non sai quanta tristezza mi mette questo periodo.. e quello di Natale sarà ancora peggio.. però fermarsi a riflettere delle volte è necessario, è importante. Aiuta a 'far rivivere' le persone, a renderle immortali. Ti offro un bel biscottino, fatto per te senza cannella stellina! :) Un abbraccio di cuore e.. spero di vederti presto! :) Un bacione, passa un fine settimana bellissimo. Un salutone al tuo Dami! :)

      Elimina
  40. Adoro sempre le tue bellissime storie e ricette...
    Sono cosi gustose!!!
    Un bacione GRANDISSIMO...
    Rosi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite, cara Rosi. Sei sempre dolcissima! Un bacione grande a te e buona domenica!

      Elimina
  41. quanto sei romantica dolcissima Ely; questa ricetta così tradizionale pregna di sentimenti e dal sapore antico voglio rifarla con lo stesso animo di un tempo. Secondo me il cibo trasporta i sentimenti di chi lo cucina, ti mando un abbraccio e un bacio fortissimi:) mony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piacerebbe che provassi, amica mia. Mi piacerebbe che tu assaporassi quell'aroma che ha fatto parte della mia infanzia, ora lontana e che molto mi manca.. è vero, non cucino mai nulla che non abbia un senso per me. Credo che ogni ricetta debba dire qualcosa di noi stessi o è solo un modo per sfamarsi. Ti abbraccio con il cuore, un bacio grande grande.

      Elimina
  42. Meravigliose queste ricette che profumano di ricordi, pensa che bello portare avanti queste dolcissime tradizioni! E portandole avanti non lasciamo che il ricordo di coloro che abbiamo conosciuto, amato, muoia... un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un modo per portare con noi stessi quello che amiamo, quello che di buono.. magari anche se poco, abbiamo provato. Certi sapori sono immortali, forse per questo mi piacciono tanto.. perchè mi impongono di pensare a chi ero. Un abbraccio grosso, dolce lolle. Passa una buona domenica, con chi ami!

      Elimina
  43. Ciao tesoro mio!!! le tue storie lasciano senza fiato e a me in questo periodo commuovono!!!! Sei dolcissima e hai dentro un mondo splendido proprio come piace a me... sei piena di luce! La riesco a sentire dalle tue parole e la leggo sul tuo blog... io da quando l'ho trovata vivo bene e sono tanto felice e, non mi guardo indietro... vivo il qui e ora! Il tuo pensiero ai nonni lo sento anch'io ogni giorno e sappiamo bene quanta luce hanno loro che sono li... in qualche parte dell'universo:-) un abbraccio e un sabato pieno di luce...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tenera Debby.. non passa giorno che non pensi a te, alla tua gioia e al tuo cucciolo/a. Spero davvero che questo momento ti regali una felicità indimenticabile. Sono contenta che tu viva piena di luce, senza guardare indietro mai: fai benissimo, perchè il futuro è nelle tue mani e ti attende per regalarti tutto ciò che hai sempre sognato! I nonni e tutti i nostri cari ci abbracciano ogni istante.. perchè riescono ad essere in cielo come sulla terra. Sei un tesoro. Un bacione grosso grosso.

      Elimina
  44. Ciao, è da un pò che seguo il tuo blog, mi incanto davanti alle foto e sogno con ituoi racconti!Le tradizioni sono importanti da mantenere io ci tengo molto, anche sul mio blo ho postato la ricetta che tradizionalmente viene fatta nel giorno dei morti (in questo caso una focaccia). Mi unisco volentieri ai tuoi lettori1
    Ciao
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima, è un vero piacere averti qui e sappi che sei la benvenuta! Verrò subito a vedere la tua focaccia tradizionale, con vero piacere! :) Un bacio grande e una domenica meravigliosa..!

      Elimina
  45. Che emozione Ely. Mi sarebbe piaciuto prendere un te con questa signora ed assaggiare il suo pan dei morti, magari anche sentire qualche sua storia....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Serena.. la zietta sarebbe felice di prenderlo con te. Adesso non ricorda più quello che dice da un istante all'altro, ma è impossibile comunque non amarla. Sei stata carinissima. Ti abbraccio forte forte e ti auguro una domenica splendida!

      Elimina
  46. Carissima,che belle le tue parole,sono una vera emozione.Mi piace tanto leggerti. Un biscottino lo mangerei pure :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piace sempre tanto venirti a trovare, carissima. Sei veramente brava, un vero tesoro! Grazie e serviti pure, te lo dono volentieri un bel biscottino! :)

      Elimina
  47. Che bel pensiero hai avuto cara per le persone che non ci sono più, io ho una zia a cui penso ancora, era bellissima e se n'è andata a 48 anni per un brutto cancro...questi dolcetti rincuorano sono davvero belli e semplici come i veri sentimenti: purtroppo non ho avuto la fortuna di assaggiarli ma mi sa che proverò la tua ricetta...splendide foto mia cara, hanno un so che di accogliente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso immaginare il dolore.. la mia zietta è la sorella di mio nonno Livio, che è diventato angelo nel 2001 e che mi manca da allora tutti i giorni: anche lui ha avuto un brutto cancro..
      Spero allora che proverai questa ricetta, di certo ti aspetterei a braccia aperte per condividere questi biscottini con te :) Un bacione grande e felice domenica! :)

      Elimina
  48. ma che belle le tradizioni culinarie a cui sono ancorati gli affetti, come la madeleine di Proust, il sapore dei piatti ci riporta ad un tempo passato, a momenti felici della nostra vita. Le preparazioni diventano una porta spazio-temporale ...è fantastico.
    Un bacione cara amica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' questo il vero senso della cucina.. non creare solamente per bellezza degli occhi e del palato. Anche per goderne con la mente e con il cuore, nella più splendida semplicità! Un bacione a te, cara stella! Buona domenica! :)

      Elimina
  49. Tutto cio' che ci lega al nostro passato è ancora piu' buono e sa di casa.Anche io lego tante volte il cibo al mio passato e mi sembra tutto ancor piu' buono.
    Un bacione Ely e se posso condivido anche io un tuo caro biscotto con te :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando cucini con i ricordi nel cuore e le emozioni nelle mani.. il sapore ne risulta incantevole. Si vede che ci metti anima, in tutto quello che prepari tesoro. Certo che puoi! Te ne offro quanti ne desideri...! :D Ti abbraccio stella!

      Elimina
  50. Cara Ely, eccomi, purtroppo il mio tempo non è molto e me ne dispiaccio, i tuoi commenti sono sempre bellissimi e puntuali, io invece non riesco ad essere così puntuale, mi spiace ma appena posso vengo a mi guardo tutte le ricette che mi son persa.
    Ogni tuo post parla di te e dai sempre nuovi spunti di discussione.
    Io concordo cone te e non sai qaunto: i sapori delle feste sono quelli rassicuranti, quelle che formano le tradizioni, quelli legati ai ricordi, ecco perhcè nel mio blog ho una rubrica di ricette della nonna, questa ricetta l'hai resa speciale :) ti lascio un grande grandissimo abbraccio cara Ely.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima.. sei tanto gentile! Ricambio il tuo abbraccio grande grande e non preoccuparti se il tempo non ti permette sempre di passare di qui! Io ti tengo lo stesso nel cuore! Le tue ricette della nonna sono meravigliose ed è bellissimo che tu la onori in questo modo.. Una felice domenica tesorina! :)

      Elimina
  51. Che emozione Ely!!!
    Qualche settimana fa ho trovato uno scatolo con delle vecchie foto di famiglia... foto bellissime, in bianco e nero, ingiallite, crepate e consumate proprio come quelle dell'anziana donna del tuo splendido emozionante racconto.
    Foto di un passato che non potrà mai tornare ma che riescono comunque a raccontare i momenti di una vita vissuta.
    Mi sono commossa tantissimo alla fine del tuo racconto, nei punti dove dici "la sua anima si era rifugiata nel suo cuore, dove lei l’avrebbe sempre trovato" e "se mai avessero dovuto varcare la soglia del Paradiso, nessuno dei due l’avrebbe fatto senza stringere la mano dell’altro".
    Ho capito che l'amore non ha confini... e questo mi rende felice!!!
    Se non ti dispiace, mi sono appuntata la ricetta dei tuoi dolcetti, adoro da morire le ricette antiche e di tradizione!!!
    Ti abbraccio e ti auguro una notte felice
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro! Ma come potrebbe dispiacermi? Anzi.. preparali e gustali con tutto il cuore.. sarà un modo per sentire l'abbraccio forte che ti manderò! Sei tanto cara.. è vero, le foto in bianco e nero sono come scrigni di emozioni. Il tempo in esse è stato catturato ma.. non ha smesso comunque di fare il suo corso. E' un attimo muto, solenne.. quello in cui guardiamo in viso persone che non ci sono più. E allora parlano nell'anima.
      L'amore rende davvero immortali, stella. E' la sola forza che può vincere anche contro la morte. Un bacione e una domenica splendida, Carmen!

      Elimina
  52. Mia cara Ely, la festa di Tutti i Santi, mia madre e mia zia Dolores polenta dolce preparata e tutta la casa si riempì del profumo di cannella. E 'stato il dolce tipico da casa mia e la mia famiglia e ogni anno mi ricordo con affetto elaborare accattivante per me, in memoria delle persone che ho voluto e voglio.
    Essi vivono sempre nel mio cuore e nella mia mente, con me ogni giorno della mia vita con il tuo amore, con la memoria delle sue parole, la sua passione per mí.Es perché per me il giorno dei morti non è mai triste , i miei angeli godono di una meritata pace e sapere che il tuo amore immenso per me sarà sempre con me.
    Questo pane di tua zia Francesca Mort sembra appetitoso e semplicità mi attira enormemente.Es di quelle tradizioni che abbiamo sempre tenere in memoria dei nostri cari.
    Tesoro, spero che hai avuto una vacanza con la famiglia e accattivante.
    Per me sono il miglior inizio di novembre.
    Un abbraccio pieno di affetto e di tenerezza per voi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Querida estrella, nuestros ángeles están siempre cerca de nosotros. En la paz de sus sonrisas brilla nuestra vida y nuestros alientos. Eres maravillosa, amiga dulce.. tus corazòn es asì grande, asì bueno. Es pintado de cielo. Me gustaria que estuvieras aquí.. No fueron días muy felices para mi, estos.. pero espero siempre que un rayo de sol me abrace, más pronto o más tarde. Gracias por tu amistad brillante y llena de calor! Un abrazo con toda l'alma, con todo el corazon. Buenos dias, querida!

      Elimina
  53. Non riesco a pensare a nessun dolce che facevano i miei familiari per i morti, forse venivano da zone dove il rito dei morti non richiedeva nulla di più che andare al cimitero con i crisantemi. Infatti trovo i riti dei morti molto alieni, ho un altarino buddista a casa con foto di papà, e mi piace ricordare le persone in racconti, ma non m'interessa fare di più, ne vorrei di più fatto per me (infatti ho già dato disposizioni al mio avvocato per la sepoltura più ecologica possibile del momento - se fosse per me salterei il funerale, ma temo che non sarà più nelle mie mani hahaha). Detto questo rispetto i riti dei morti altrui, ed i biscotti li mangerei volentieri. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, come ti capisco.. vorrei essere dispersa nel vento nel luogo che più amo. Pensa, ho dedicato la vita a studiare la ritualità funebre e le sepolture antiche.. e ho imparato il rispetto anche per le credenze più strane. E' affascinante questo mistero che rapisce cuore e anima dell'uomo, coinvolgendo intere comunità. Credo che si trovi solo dentro di noi il senso di un ricordo per chi non c'è più.. Serviti pure, tesoro! Un bacio grande grande..

      Elimina
  54. un post merviglioso complimenti passami un biscottino buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccolo, eccolo, dolce Gio! :) Tutto per te! Grazie di cuore e una domenica stupenda! :)

      Elimina
  55. Io non foto della mia nonna e per certi versi è una cosa che mi manca molto. So che a guardarle la nostalgia e la sua mancanza sarebbero ancora più forti di quanto non lo siano al solo ricordo. Ma sarebbero anche un modo per sentirla più vicina. Conoscevo vagamente la ricetta di questi biscotti. Mi hanno sempre ispirato un sacco così profumati della mia adorata cannella e ricchi di frutta secca. Il giorno dei defunti è passato ma sarebbero ugualmente un dolce modo per trascorrere questo mese di novembre così triste e uggioso. Un bacione tesoro, buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai.. io di foto dei miei nonni qualcuna ne ho. Eppure mi crederesti se ti dicessi che riesco a sentirli di più quando li cerco nel cuore? Forse perchè il mio è un continuo 'sentire', ma ricorro poco a fotografie.. sebbene qualche volta mi strappino un dolce ma amaro sorriso. E' dentro che troverai l'immagine più bella della tua nonna, con gli occhi dell'anima. Te ne porto subito un vassoietto, di questi biscotti, tesoro. Ti capisco benissimo in quanto ad umore.. ti abbraccio forte forte. Sono lì con te.

      Elimina
  56. Ciao Cara.
    Ma sai che in questo periodo dell'anno mi viene da preparare cibo dei ricordi... mi conforta, Forze perché sta arrivando l'inverno,le giornate sono corte... un po' di nostalgia...
    E brava zia Francesca...
    Che buoni questi biscotti...
    con una tazza di thè...
    Buona domenica.
    Thais

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con il freddo si cerca sempre del calore, l'abbraccio confortante di un ricordo. E' vero.. è proprio il tempo della nostalgia. Ti aspetto per un té nel pomeriggio, tesoro mio? :) Ti auguro una felicissima domenica, con tutto il cuore! :)

      Elimina
  57. Bellissimo questo post Ely! Dedicato alle persone care che non ci sono più...anche io ho dei pezzetti di cuore in cielo, e ogni giorno ho un pensiero per loro e per i momenti passati assieme!
    Buona anche questa ricettina....gnam!
    un bacione!
    Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio tanto, cara Mari! :) Sono certa che quei tuoi pezzetti di cuore brilleranno in cielo come stelle.. Un bacione a te! :)

      Elimina
  58. Mia cara Ely ancora parole di speranze e conforto regali ai nostri cuori....questi dolci scaldano l'anima......Ti abbraccio forte e ti auguro una serena domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ti stringo proprio forte forte, amica cara. Ti sono vicina e lo è anche il cielo, in tutta la sua grandezza.. come va, tesoro? Un bacione e una serata stupenda!

      Elimina
  59. Grazie, perchè mi hai fatto affiorare una lacrima e un ricordo mai dimenticato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei tenerissima. Spero di poterti presto regalare anche sorrisi e affetto, Barby. Un bacione e una serena notte, cara :)

      Elimina
  60. Quanto son belle le nostre tradizioni! Anche i vostri pan di mort sono deliziosi, fosse per me rimetterei la festività del 2 novembre e piuttosto abolirei quella dell'1, una festa cosi radicata nei secoli non può certo passare inosservata...un grosso abbraccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio vero.. le tradizioni italiane sono tante, tutte belle e da onorare; da ricordare, tramandare! Un vero tesoro prezioso che non andrebbe mai, mai perso.. Un grosso abbraccio anche a te, carissimo! :)

      Elimina
  61. Un dolce che fa resuscitare i morti! Buonissimi!
    baci bea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! Sei fortissima! Magari, ne avrei fatti a quintalate.. se servisse a farli risvegliare e riaverli con me.. :) Ti abbraccio stella! :)

      Elimina
  62. che dolce ricordo suscita il tuo racconto, mi sembra di essere ancora insieme ai miei angeli nei giorni dedicati alle feste in famiglia, come tu con i tuoi amati nonni e la zia, Sai come te io poco guardo le foto di chi non c'è più, non le mai volute in casa,perchè loro sono sempre al mio fianco, ne sento la presenza e mi risveglio felice quando mi capita di sognarli e di parlare con loro nel sogno. Sono una presenza costante nella mia vita che non mi serve una foto, i loro volti, le voci e anche il loro calore è vivo in me e non mi può abbandonare.
    Prendo un dolcetto fatto con tanto amore.
    un bacio anima bella, come stai cara?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei dolcissima, Ondina cara. Si, concordo con te.. io anche li sento vicini, senza una fotografia.. senza un'immagine: in realtà ricordo i dettagli del viso, la voce, gli occhi.. il calore.. molto più così che non con una fotografia. Credi nei sogni quando loro ti vengono a trovare tesoro.. non sono suggestioni. E io ne ho avuto la prova. Prendine quanti ne desideri, amica mia. E' un piacere donarne a te..
      Non sto benissimo, purtroppo.. ma resisto, bisogna farlo e sperare sempre al meglio. Dico bene? Ti abbraccio con affetto immenso. :)

      Elimina
    2. Ti faccio i miei più forti auguri di passare questo momento buio, e mi unisco alla tua speranza che non deve mai abbandonarti, sai che hai il mio sostegno e se ne hai bisogno scrivimi.
      Ti abbraccio tesoro

      Elimina
    3. Il tuo sostegno per me è una benedizione, amica mia! Certo.. lo farò senz'altro e anche tu, con tutto il cuore, conta sempre su di me tesoro! Sei speciale, tanto. Ti voglio bene.

      Elimina
  63. Una lacrima mi riga il volto!! Tesoro che dolcissime parole!!
    Teniamo vivo il ricordo di chi ci ha amato!! ...a volte basta una parola, un profumo o una fotografia per rivivere momenti passati felici.
    Bellissima la tradizione dei biscotti, prendo la ricetta!!!
    Ti abbraccio e ti ringrazio di cuore!!!!
    Lorena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei tu che sei tenerissima, Lory! Vivranno sempre con noi, in noi, ogni volta che li ricordiamo con tutto il cuore! Prendi pure la ricetta e anche un mio caldo abbraccio, stella bella! :)

      Elimina
  64. ecco la ricetta della tradizione che aspettavo :)
    raccontata così poeticamente...grazieeeeeee!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Chiaretta! Sei sempre tanto cara! :) Un bacione immenso e una notte meravigliosa!

      Elimina
  65. La zia Francesca..che bello ricordare persone che non appartengono piu a questa terra ma ci sono sempre nei nostri cuori....questo "pan" è fantastico....da provare!sorseggiando un bel thè caldo e....magari scambiando una chiacchiera con te ricordando la zia:-)))
    Un abbraccio mia cara Ely, grazie per la tua presenza costante e delicata nel mio blog:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe bellissimo per me averti qui, dolce Yrma. :) Per fortuna la mia zietta è ancora viva, anche se novantunenne.. il post era più che altro dedicato ai miei nonni. Però sai, ho avuto piacere di prepararli per lei.. dato che lo ha fatto una vita per me e ora è stanca, non ricorda nulla e vuole essere un po' coccolata! Sei un tesoro, sono io che ti ringrazio di cuore.. è sempre un piacere venirti a trovare, fai stare sempre così bene stella! :) Un abbraccione! :)

      Elimina
  66. Una bella ricetta della tradizione. Le tradizioni del giorno dei morti sono veramente particolari in ogni città. Bella la storia, bella la ricetta:) povera ma non per questo meno speciale!
    Un bacione Ely:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione.. ogni città ha la sua e io amo scoprirne di nuove. E' un patrimonio stupendo! :) Un abbraccio col cuore e una notte meravigliosa, cara! :)

      Elimina
  67. belli i dolci di tradizioni, proprio oggi ho pubblicato anch'io un dolce della mia città, e meno male che ci sono le tradizioni e guai a perderle e a non farsele raccontare. baci kiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho visto, li conosco e ti faccio ancora i miei più vivi complimenti: li hai creati splendidamente, cara Kiara! Dico davvero! :) Veniva voglia di prenderne subito uno dallo schermo! Un abbraccio fortissimo!

      Elimina
  68. Mi sono emozionata questa volta... penso proprio che sto invecchiando... succede anche a me ...sempre più spesso di guardare vecchie foto e ... e un turbinio di emozioni mi travolge e a volte stravolge... persone che non ci sono più... soprattutto il mio papà... che mi manca tanto... e che soprattutto alcuni odori mi riportano a lui... sei brava Ely... con le parole riesci a toccare il cuore...!!! Ops ero partita per dirti... che la ricetta è ottima e te la copio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sei dolce.. è bello emozionarsi, fa sentire vivi. Il tuo papà è con te, sono certa che sa di mancarti immensamente e non passa minuto che non ti avvolga nelle sue splendide ali. Un giorno rivedremo tutti coloro che amiamo.. ma per adesso, loro vogliono che viviamo al meglio: vogliono che con coraggio affrontiamo il nostro cammino, certi che non ci abbandoneranno fino a che non li stringeremo di nuovo. Ogni volta che senti un odore, un sentore.. sappi che lui è davvero con te. Copia pure tesoro! :D Ne sarò felice!

      Elimina
  69. Ely complimenti! Questi biscotti sono una vera bontà! :)
    Buon inizio settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissimo! Altrettanto a te, sei veramente bravo.. ho visto il tuo capolavoro di oggi e.. che dire, complimenti! :D Un abbraccio!

      Elimina
  70. Risposte
    1. Ti ringrazio, proprio come il tuo meraviglioso sogno di cioccolato! :) Un bacione! :)

      Elimina
  71. Ma come sei brava Ely, mi sembri una scrittrice! certe parole non le ho capite ma è un bel racconto :D Ciao da Alissa, grazie che passi da me, sei molto gentile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh tesorina.. si, hai ragione, ogni tanto dovrei pensare di mettere una traduzione: è dialetto, perdonami! :) E' un piacere passare da te e diventi ogni giorno più brava: sarai una pasticciera davvero famosa se continui così eh, piccola! :D Io te lo auguro! Un bacione e passa una notte serena!

      Elimina
  72. mamma che delizia devono essere proprio come piacciono a me!!! bacio cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora sei assolutamente invitata per una bevanda calda prima di andare a riposare, stella! :) Ce ne mangiamo un paio! :) Sogni d'oro cara.. di cuore!

      Elimina
  73. Tesoro questi sono dolci tradizionali che profumano di casa e di cose buone!
    Non li ho mai fatti forse anche perchè a casa mia non era un'usanza prepararli ... ma magari mi organizzo in tempo per farli il prossimo anno.
    Quando ero più piccola ricordo che ci ritrovavamo in casa anche con la nonna e si mangiava insieme le caldarroste fatte sul fuoco ... alcune così semplicemente sbucciate ed altre condite anche con la grappa (in flambè) ... questo è il ricordo di quei giorni di festa dei santi e di silenzio dei morti.
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe bellissimo se li provassi. :) Anche le caldarroste sono un momento particolare che ricordo con nostalgia, sai.. il loro intenso profumo, il sapore avvolgente, il vino.. con la grappa mi hai davvero incuriosita!
      Abbraccio te e il tuo ricordo, perchè così si fa con le cose preziose. Un bacione, amica mia.. con tanto bene. Buona notte :)

      Elimina
  74. Carissima Ely
    Io non aspetto il prossimo anno per preparali.. mi organizzo subito...tanto qui i mie figli e i loro amici sono sempre pronti alle novità e questa credimi lo sarà certamente.
    Sono passati tantissimi anni da quando i miei nonni e mio padre non ci sono più ma non penso loro solo il giorno dei morti , sono nel mio cuore e nel mio affetto sempre!
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bella sei, Grazia! Sarò felice se li preparerai e se piaceranno ai tuoi figli! :) Sono sicura che tutti i tuoi cari ti sono accanto e non ti hanno mai, mai lasciata sola un attimo! Ti mando un abbraccio con tutto il cuore, dolcissima. Ti voglio bene.

      Elimina
  75. Eccomi soltanto adesso ho potuto leggere questo dolcissimo racconto anche se per una Calabrese come me, ci vorrebbero i sottotitoli!!! IPrendo un dolcetto e vado a dormire

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdonami tesoro! :D Hai perfettamente ragione! Mi sono lasciata prendere così tanto dal racconto e da.. ricordi 'vicini' che non ci ho pensato.. la prossima volta prometto di mettere eventualmente traduzioni! :) Un abbraccio stella, con tutto il cuore! Buona mattina e passa una settimana stupenda! :)

      Elimina
  76. sempre bello leggere le tue docli parole, riesci a creare una magia unica.mai assaggiato questo dolcetto.da provare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te ne offrirei proprio volentieri, cara Lucy! Grazie, davvero. E ricorda che ti sono vicina, per qualsiasi cosa conta su di me.. ti abbraccio stretta e vedrai che il sole ritornerà. Ci spero proprio! Un bacione!

      Elimina
  77. Ecco questi dolcetti sono tra i miei preferiti!
    A sto punto ti seguo e provo a farli...
    Un abbraccio mia cara e buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono felicissima Babe! Provali e fammi sapere se ti piacciono.. io li adoro proprio per il senso che hanno per me :) Un abbraccio e stupenda settimana! :)

      Elimina
  78. ciao dolce Ely stavo arrivando per invitarti al mio contest ma sei già passata a trvarmi...sei un amore...
    http://dolcementeinventando.blogspot.it/2012/11/la-mia-ricetta-gioiello-il-mio-primo.html
    Spero che parteciperanno in tanti!!!!
    Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesorina e come potevo mancare?! Ma scherziamo..? Ci penso bene, descrivermi sarà un'impresa ma.. ce la farò, specie perché il mio contributo con tutto il cuore non ti mancherà! :D Sei unica! :) E vedrai che parteciperanno in tantissimi..! Un baciotto!

      Elimina
  79. Da milanese mi piace leggere il mio dialetto. Un tempo andavo anche a vedere i Legnanesi a teatro.
    Non ho mai fatto i dolcetti, devo provarci ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provaci cara.. mi farebbe piacere! :D Che forti che sono i Legnanesi.. spero che non passi di qui per caso, ma ti giuro: avevo una vicina che era uguale!! :D Mabilia compresa..!! Un abbraccio tesoro!

      Elimina
  80. Buonissimi! Però sono un pò intimorita dalla lunghezza della lista ingtredienti ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non farti intimorire.. tesoro, è proprio più a dirsi che a farsi, ahah! E la versione della mia zietta è una delle meno cariche, eh? Quindi.. vai tranquilla! C'è chi ci aggiunge anche canditi, altre spezie, altra frutta secca..! :D Prova e vedrai! In 10 minuti con tutto sottomano e il gioco è fatto! :) Un abbraccio forte e un bacione grosso! :D

      Elimina
  81. Cara Ely, come sempre i tuoi racconti mi arrivano direttamente al cuore...quanta tenerezza e quanto amore! Non ho mai mangiato questi dolcetti, devo seguirti e provarli....Grazie di cuore!
    Un abbraccio e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima! :) Un abbraccio a te e buona serata.. di tutto cuore! Mi farebbe piacere se assaggiassi questi dolcetti.. intanto se vuoi te ne offro io volentieri, amica dolce! :D Smuackk!

      Elimina
  82. Ho appena scoperto il tuo blog e ne sono davvero felice.
    Ed è bello vedere che tutti i tuoi post hanno "qualcosa in più", tra le foto, i racconti e le ricette!
    Non posso non seguirti!
    A prestissimo!

    Alice
    operazionefrittomisto.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato veramente un piacere conoscerti! Sei la benvenuta, cara.. e auguroni per il tuo nuovo lavoro! Spero ti dia tanta soddisfazione e tante possibilità future :) A presto e... un abbraccio immenso, Alice! Sei fortissima! :)

      Elimina
  83. ELI amica mia il tuo blog e' magico come te e le tue ricette un bacione ISA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un tesoro, cara Isa! E che dire del tuo riccio alle mandorle? Tu sei meravigliosa, amica mia! :) Un abbraccio!

      Elimina
  84. I tuoi racconti mi emozionano e mi fanno riaffiorare tanti ricordi, le tue ricette sono favolose!! Un abbraccio, buona settimana Daniela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Daniela, apprezzo tanto le tue parole! Ti abbraccio stretta stretta e ti mando un grosso bacio! :) Una felicissima settimana a te!

      Elimina
  85. ciao bella passo a salutarti , ti auguro una dolce giornata, qui c'è un po di sole....almeno ci scaldiamo un pochino.
    baci baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima! Che piacere i tuoi saluti, davvero! :) Si, anche se ora se n'è andato.. almeno ci ha illuminato un pochino la giornata! Ti aspetto per la nostra tisana di Melissa? Un abbraccio forte! :)

      Elimina
  86. he bel modo di ricordare chi non c'è più...
    un abbraccio e buon inizio settimana!
    Lieta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio dolcissima. Un abbraccio a te e felice settimana! Sia bella come le tue splendide creazioni! :) Un bacio!

      Elimina
  87. Ciao Ely, ma hai mai pensato di scrivere un libro? Sai creare delle atmosfere così magiche, sei troppo brava! Delizioso questo dolce della tradizione, come sai anche a me piace avere dei dolci che si identificano con un periodo o una festa speciali. Ti abbraccio e buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Anto, che carina che sei! Davvero.. troppo buona. Se ti piacciono sarei contenta se li provassi :) Il tuo giudizio conta tantissimo per me, eh? Un abbraccio con il cuore!

      Elimina
  88. una ricetta molto ricca rispetto a quella che io conoscevo, veramente molto interessante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si? Eh sì che la versione della mia zietta è già 'povera' rispetto ad altre che si usa preparare! :) Non ci metteva tante cose per via di allergie e gusti dei piccoli! Un abbraccio caro, grazie di essere passato.. è un piacere averti qui!

      Elimina
  89. emozionante struggente dolcissimo!!!!secondo me l'amore deve essere esattamente come lo hai descritto tu per sempre!!!!brava brava brava per il racconto per i biscotti e per te che sei una persona fantastica!!!ti abbraccio di cuore...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma lorita.. l'amore sei tu. E quanto ne metti in tutto ciò che fai..! Sei deliziosa, un'anima stupenda credimi. Ti voglio bene e ancora tanti, tanti auguroni alla tua farfallina Roby! :) Un bacione con tanto affetto! :)

      Elimina
  90. Cio Ely che bello leggere i tuoi racconti. Per me questi sono stati giorni tristi, di cui non parlo volentieri, anche se so che tu capiresti. Bello il tuo racconto, anch'io penso sempre che il mio papà sia sempre nel mio cuore.
    Ti abbraccio.
    Buoni i tuoi biscotti.
    ALice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso immaginare, tesoro caro. Non so cosa ti affligge e se potessi porterei via tutte le tue nubi; ma ti capisco perchè nemmeno per me sono giorni felici.. e ancor meno, purtroppo, lo sarà il Natale. Tuo papà ti stringe in ogni istante, non ti lascerà mai.. mai sola.
      E nemmeno io.. quando vuoi conta su di me.
      Ti abbraccio fortissimo!

      Elimina
  91. che belle storie ci racconti ogni volta e ogni volta ci lasci una bella ricetta da realizzare! grazie Ely!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Vanna, perchè mi vieni a trovare. E grazie per le tue ricette meravigliose che contengono tutta la tua passione e la tua bravura! :)

      Elimina
  92. carissima eccomi! sono tornata dopo qualche giorno di relax su questi schermi a gustarmi ricette e racconti.. c'è una frase a me molto cara di cui non ricordo l'autore.. è legata a un momento a me molto doloroso: "la vita non muore.. ma si trasforma" mi piace pensarla così, mi rassicura, mi fa felice sapere che lo spirito non muore mai.... nn conoscevo questi squisiti dolcetti che grazie a te entrano a far parte di quelle chicche legati ai ricordi.. grazie un abbraccio e buon lunedì:**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che cara sei! Si, è molto vera: oltre ad essere uno dei principi dell'archeologia che da tanto studio, è una gran verità universale. Non smettiamo di esistere, 'cambiamo solo forma': lo spirito è qualcosa di troppo grande e spettacolare per smettere di vivere..
      Un abbraccio immenso a te, stella! E bentornata! :)

      Elimina
  93. Che post toccante, cara ely....mi è piaciuto, dall'inizio alla fine....una ricetta d'altri tempi, che mantiene viva la tradizione delle nostre nonne, delle nostre zie.... Davvero da 10 e lode!

    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amica mia, ne sono orgogliosa allora! Perchè le tue parole sono sempre tanto, tanto preziose per me :) La tradizione è importante e portarla avanti è come portare con noi pezzi di storia che non verranno mai dimenticati! Un bacio enorme a te con molto affetto! :)

      Elimina
  94. Carissima Ely, che bello leggere i tuoi racconti! Io purtroppo non ho più i miei cari nonni e tanto meno la mia cara mamma, ma li sento, sempre molto vicini! E' bello ricordarli anche con le loro tradizioni! Deliziosi i dolcetti di zia Francesca, devo provarli! Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicura che ti saranno vicini, per illuminarti e guidarti in ogni attimo della tua vita. Specialmente la tua mamma, sai? Sarò felice se proverai questi biscottini, dolce Molly! Davvero :) Un bacio grosso e dolce serata!

      Elimina
  95. che bello questo post ely! che bello sapere le origini di questo dolce. bisogna tener vive queste origini, queste tradizioni. brava. un abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccio stretto a te, carissima! Sei proprio tenera. :)

      Elimina
  96. ogni volta che leggo i tuoi racconti mi fermo a pensare...in questo casa tanti ricordi hanno invaso la mia mente e riempito il mio cuore.Non conoscevo la tue ricetta,grazie mille ne farò tesoro.Ti auguro una buona serata cara amica mia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amica dolcissima, in quella casa c'è dell'immortalità: vive tra quei ricordi che accarezzano il tuo cuore, tra le anime che ancora ti stanno accanto, in quell'atmosfera che ami. Sarò contenta se porterai questa ricetta con te.. sei una stella vera. Buona serata a te, tesoro! :)

      Elimina
  97. Cara Ely, ripasso per ringraziarti nuovamente per le bellissime parole. Tu sei dolcissima!!Lo sono altrettanto i tuoi racconti così pieni di sentimento e le tue ricette così colme di bontà.
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, tenera amica. Le penso davvero. :) Ricambio i bacioni e ti auguro una giornata stupenda! :)

      Elimina
  98. Ciao Ely quanta magia e poesia c'è in questo post! Tutto mi fa pensare a un racconto di Isabel Allende! Grazie per aver condiviso la ricetta - ottima - e i tuoi pensieri
    a presto fulvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie carissima, che belle parole mi regali. Le tengo nel cuore e ti auguro una giornata meravigliosa! Un bacio grande! :)

      Elimina