giovedì 8 novembre 2012

Umido di polpettine bianche all’avena e basilico egiziano con soia, patate e carciofi


La luce fioca di un vecchio lampadario a candele, in ferro battuto, illuminava caldamente uno scuro tavolo di legno massiccio: robusto, consumato dal tempo, mostrava ancora tutte le venature di quell'imponente quercia con la quale era stato costruito; ne aveva ancora il profumo, che ricordava tanto l’odore delle giornate di pioggia in cui l’aria del bosco si vestiva di note intense di muschio e vaniglia.
Nella piccola e accogliente cucina della baita, dalle pareti in pietra, un capiente paiolo in rame era appeso sopra un purpureo e crepitante fuoco che scoppiettava dentro al camino.
Un intenso odore di ciocchi abbrustoliti e fumo riempiva l’aria antistante, confondendosi con un piacevole aroma di brodo, patate ed erbe aromatiche. La donna mescolò lentamente la zuppa bollente con un cucchiaio di legno, dando una rapida occhiata ai vetri delle finestre, seminascosti da bianche tendine impreziosite da ricami in pizzo: il freddo della sera ne aveva appannato i contorni, che acquisivano un lieve tono azzurrato grazie alla luce intensa della luna, che stava lentamente prendendo il suo posto sul trono della notte. 
La cena era quasi pronta e, quando lei si voltò, osservò amorevolmente il suo bimbo già seduto al tavolo, davanti ad una vuota scodella in terracotta: sorrise, mentre lo amava con lo sguardo. Cresceva rapidamente, eppure il suo musetto imbronciato non cambiava mai: con la manina poggiata sulla guancia, restava in attesa sul suo sgabello; dondolando una gambetta ritmicamente, picchiava distratto il cucchiaio di legno sul tovagliolo a quadri rossi, immerso nei suoi pensieri.
<Ehi, ometto> gli disse dolcemente <La nostra zuppa è pronta. Vogliamo cenare?>
Il bimbo, come destato da un lieve torpore, scosse i suoi riccioli biondi e annuì silenziosamente.
La donna afferrò il manico rovente del paiolo con un grosso panno di stoffa e lo portò in tavola. Immerse il mestolo nei vapori fumanti e servì prima il suo piccolo, abbondando un poco con quelle polpettine che lui tanto amava; rabboccò con del brodo e delle patate, poi riempì anche la sua scodella e poté finalmente sedersi.
Vedendo il bambino affondare svogliatamente il cucchiaio nella zuppa, non riuscì a fare a meno di notare la sua espressione particolarmente triste e arrabbiata.
<Qualcosa non va tesoro? I tuoi amici ti hanno di nuovo preso in giro?>
Il piccolo masticava nervosamente e lei subito notò che i suoi occhi si erano fatti lucidi. Il fanciullo annuì di nuovo, poi le sussurrò con voce rotta: <Non mi piacciono quei bambini. Io li odio, mamma, li odio! Mi dici sempre che non devo odiare nessuno ma non è colpa mia se ho la gamba malata da quando sono nato. Sono davvero così buffo quando cammino?>
La donna si morse le labbra, sospirò e appoggiò la mano calda su quella del figlio. Gli sorrise teneramente e, lasciando per un attimo la sua calda cena, cercò subito di rapire la sua attenzione: <Dimmi, la conosci la storia del pettirosso arrabbiato?>
<No, non credo mamma> rispose lui deluso, strascicando le parole.
<Allora ascolta: una volta mi capitò di conoscere un pettirosso, profondamente stanco e rabbioso perché gli altri suoi simili non facevano altro che prenderlo in giro, proprio a causa di una strana zampina che aveva sin dalla nascita. Sopporta e sopporta ancora, un giorno fu così esasperato che perse la pazienza ed iniziò ad odiare tutti gli altri pettirossi come mai aveva fatto in vita sua. Non perdeva occasione di attaccar briga e di rendere loro tutta la sofferenza che gli avevano da sempre procurato. Finché un mattino, accecato dalla rabbia, vide la sua immagine riflessa in un vetro: scambiandola per quella di un altro, si scagliò volando con tutte le sue forze sul cristallo, nel tentativo di colpirla. Fu un attimo e si trovò a terra confuso e con la testolina dolorante>
Il bimbo abbozzò un lieve sorriso, ridacchiando: <Sembra un po’ sciocco il tuo pettirosso, mamma>
<Ed hai ragione, sai? Era così sciocco da non riuscire a capire che, tentando di colpire quello che credeva essere un suo simile, stava solo colpendo la sua immagine riflessa. In realtà odiava così tanto gli altri che non si accorgeva di odiare per primo se stesso: perché è solo amandosi, piccolo, che si ha la possibilità di essere amati dagli altri. Invece talvolta non ci accettiamo a tal punto che investiamo il mondo intero della nostra frustrazione, riversando in esso tutto il  nostro dolore e la nostra rabbia, quasi fosse unicamente lui la causa prima del nostro malessere. La gente non è che uno specchio, una conseguenza. Come possono amarci, se noi per primi non ci accettiamo? Come, se noi per primi non ci aiutiamo? E’ dentro di noi, la possibilità di renderci migliori. E il mondo lo vede, quando abbiamo più fiducia in noi stessi.>
Il bimbo guardò la sua mamma un istante, poi le strinse forte la mano.
<E adesso mangiamo la nostra zuppa, tesoro> disse infine la donna, scompigliando con un rapido gesto i riccioli biondi del figlio <Se non ci sbrighiamo, si fredderà del tutto!>
Il piccolo ometto affondò così nuovamente felice il cucchiaio nella tiepida zuppa, assaporando un nuovo e splendido aroma della sua vita.


Umido di polpettine bianche all'avena e basilico egiziano con soia, patate e carciofi

350 gr di carne trita di tacchino
200 gr di avena
2 cucchiaini colmi di basilico egiziano tritato
250 gr di patate novelle
250 gr di cuori di carciofo
1 spicchio d’aglio
1 piccola cipolla bianca
1 cucchiaio di zenzero in polvere
2 ½ cucchiai di salsa di soia
Sale q.b.
Olio evo q.b.
Prezzemolo q.b.

In una pentola cuocere le patate novelle, togliendole dal fuoco ancora non completamente cotte. Sbucciarle e tagliarle a spicchi piuttosto regolari. In una padella antiaderente piuttosto grande mettere i cuori di carciofo, lo spicchio d’aglio (aggiungerlo intero, senza tagliarlo, poiché poi andrà levato: il sapore così non sarà troppo pesante ma darà solo un lieve aroma), del prezzemolo, del sale, un cucchiaio d’olio e un po’ d’acqua. Cuocere per circa 10/15 min. a fuoco vivo, finché non si saranno ammorbiditi e non saranno cotti. A questo punto aggiungere le patate tagliate poco prima e terminare la cottura in padella, girando delicatamente in modo che queste ultime non si rompano. Levare lo spicchio d’aglio.
In un’altra padella portare a bollore dell’acqua, aggiungendovi la cipolla tagliata a cubetti piccoli e regolari, un altro po’ di prezzemolo, il cucchiaio di zenzero in polvere, la salsa di soia, un po’ di sale e un cucchiaio o due d’olio d’oliva.
Nel frattempo preparare le polpettine bianche: in una scodella mettere la trita di tacchino, i cucchiaini di basilico egiziano tritato, un po’ di sale, un cucchiaio d’olio e i fiocchi d’avena. Amalgamare bene con le mani e creare delle piccole polpette della dimensione di una noce. Immergerle delicatamente nella pentola con gli aromi, e fare bollire per ca. 20 minuti a fuoco vivo. La carne rilascerà i suoi profumi nell'acqua  completando delicatamente la consistenza del brodo leggero. Una volta passato il tempo di cottura, unire brodo e polpettine ai carciofi e alle patate. Mescolare, lasciar riposare qualche minuto e servire in scodelline, magari con del pane abbrustolito. Buon appetito!

Prima di augurarvi una dolce notte, vorrei ringraziare la cara Micol per avermi pensata nell'assegnazione del premio 'Grazie a te': sei stata dolcissima e il tuo pensiero l'ho tanto apprezzato, credimi! Sei una persona davvero speciale!
Volevo inoltre rivolgere un pensiero alla tenera Lara, di 'Lara&TheKitchen', perché possa guarire presto e passare in fretta questo brutto ricovero in ospedale: amica, torna presto tra noi perché ci manchi tantissimo! 
Siamo tutte con te, ti voglio bene! 

Un abbraccio forte e un buon risveglio per domani!

339 commenti:

  1. beh amica io avrò anche le idee originali ma tu fai delle foto meravigliose..che mi tufferei tra quelle polpette!!!!bacioni, notte anche a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, stella! :D Troppo carina! Un bacione immenso e una giornata splendida, amica mia!

      Elimina
  2. Buoneee, adoro le polpette, in tutte le salse!
    baci bea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice che ti piacciano, cara Bea! Un bacione a te e un felice venerdì! :)

      Elimina
  3. e rileggo la tua storia e mi ricorda lontani racconti fatti negli stessi luoghi e penso sempre più tu sia una specie di specchio per me....
    tranne che per la cucina.....io galleggio tu sei brava......
    con affetto da uno specchio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolcissima, la tua anima mostra solo meraviglie e io sono felice di godere del tuo riflesso. Proprio onorata.. Sei bravissima in tutto, invece, perchè ciò che fai.. è fatto da te. Che sei così speciale. Un abbraccio enorme al mio specchio, al quale voglio tanto bene. :)

      Elimina
  4. Le tue foto mi portano in quella cucina calda, con il tavolo scuro e le tende ricamate.
    ..."mentre lo amavo con lo sguardo"...Stupenda la storia e non potevo andarmene a letto senza leggerla!

    Ottima ricetta, mi piace molto il carciofo ed è interessante questo mix di sapori.
    Un abbraccio cara, buonanotte e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che carina sei, Any! :) Grazie di cuore, spero tu possa passare una giornata stupenda e piena di luce. Un abbraccio dal cuore, carissima!

      Elimina
  5. Mia cara ma che bella ricettina...ma sei bravissima! i miei complimenti! ti abbraccio forte!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio stella! :) E io ricambio il tuo abbraccio con tutto il cuore, credimi! Buon venerdì, cara!

      Elimina
  6. E'tardissimo ma le tue ricette e le tue storie sono un'autentica tentazione per me.....quanto c'è di vero,di quotidiano.....io mi ci ritrovo, quasi anche con la casa se non fosse che le pietre vulcaniche le abbiamo dovute stuccare e quella frase....con lo sguardo l'amava.....amore,sofferenza e immensa pazienza e quanto altro è una madre è quanto altro un figlio.
    Polpettine meravigliose,periodo perfetto per gustarle così come le hai preparate.Vado.....sonno notte notte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere sapere di donarti attimi caldi e sinceri in cui perderti. Mi allieta sapere che raccogli dell'amore, in quanto scrivo.. perchè te lo dono veramente volentieri e con tutto il cuore, cara Ketty! Sei dolcissima. Un buon risveglio, allora.. e un bacione tutto per te! :)

      Elimina
  7. Riesci a creare un'atmosfera particolare, in un attimo le tue parole mi catapultano in quella cucina, mi sembra quasi di essere inebriata dai ''vapori fumanti'', una preparazione fantastica e condita dalla morale della storia ha un sapore speciale.


    Un grosso bacio cara Ely

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un grosso bacio a te stella vera. Spero che allora quei 'vapori fumanti' ti avvolgano in un confortevole abbraccio e ti portino un mio sorriso. Che bel cuore hai, amica. Una felice giornata! :)

      Elimina
  8. deliziose un aspetto molto particolare aggiungi un posto che passo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto volentieri! Sarà un piacere averti a tavola con me, tesoro! :) Un abbraccio, buon venerdì!

      Elimina
  9. Ely ciao!
    Non stancherò mai dirti che sei brava! ^^
    A parte che la ricetta è bella, le foto sono stupende...!!!!!!!!!
    Complimenti!!! ^_______^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce Rika! ^_^ Ma sei tu ad essere bravissima, cara! Grazie di tutto, di cuore! p.s. devo scriverti, poi.. vorrei chiederti due cose stella! :) Buona giornata!

      Elimina
  10. Grazie per essere passata da me, questa storia è tenerissima.... e in più amo i carciofi e le polpette. Ho proprio scoperto n blog stupendo, mi ripeto! :) :) Un abbraccio mega!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era proprio il minimo, visto che hai un blog meraviglioso! Sei stupenda! :) Un abbraccio grandissimo a te, con affetto! :)

      Elimina
  11. Ciao dolce Ely! Meravigliosa storia come sempre e deliziosa ricetta! Perfetta per il freddo che ormai sta arrivando! A presto cara, ti auguro una felice giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una bellissima giornata anche a te, cara Vale! Sei sempre tanto gentile.. Sono contenta che ti piaccia e ti mando un abbraccio immenso :)

      Elimina
  12. Non si può pretendere di essere amati se non siamo noi i primi ad accettare e amare noi stessi. Ma succede anche di essere amati e non capirne il perché, non capire come ciò sia possibile perché è tanto l’odio verso noi stessi che non quasi non accettiamo che gli altri possano volerci bene.
    A volte penso sia più facile amare che amarsi.
    Queste polpettine sono favolose tesoro, con carne e avena abbinate ai carciofi (una delle pochissime cose che mi rendono sopportabile la stagione fredda) ne hai fatto un piatto unico ricco, sano e tanto gustoso. E le polpette fanno sempre tutti felici grandi e piccini. Un bacione, buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando si tratta di amore, cara Fede.. non è necessario capire il perché. Bisogna chiederselo solo se manca. Lo sai, ciò che dici mi riguarda tanto da vicino e posso perfettamente comprendere.. però in fondo.. forse anche in quei casi c'è chi riesce a vedere quel buono, quella meraviglia in noi che tanto non riusciamo a notare. E indirettamente ci fa comprendere quanti motivi avremmo, per amarci di più! Sono tanto contenta che questo piattino ti piaccia, stella.. anche a me i carciofi fanno quell'effetto! Sarà che portano uno strano gusto dolce ad ogni cosa? :) Un abbraccio grandissimo e un fine settimana stupendo, tesò.

      Elimina
  13. Un altro bellissimo racconti sulla metafora della vita.
    Quel bambino che non cammina bene mi ha commossa .. Così come le storia del pettirosso.
    Bisogna avere una grande forza per trovare l'amore in se stessi anche se non sempre e' facile quando ciò che ci circonda e' così intrinseco di leggerezza e falsi valori.
    Pero', grazie ad alcune persone, capace di trasmetterti tanto con la sola forza della parola - come te - talvolta si arriva a trovare quell'amore, un amore che tutti meritiamo : l'amore per se stessi... The greatest love of all.
    Carissima Ely, un giorno scrissi un post che aveva proprio come tema la fiducia in se stessi... E quel post segna il momento in cui io stessa ho acquistato la consapevolezza di cui ho appena accennato ("da grande faro'" era il titolo del post).
    Grazie ancora una volta per averci regalato un momento importante di riflessione. Grazie per questo racconto ambientato in una favola che potrebbe essere la vita di molti...
    Conplimenti per la ricercatezza di questo piatto! Ma il basilico egiziano come e'? Magari simile a quello thai ? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce amica.. hai proprio ragione. L'amore per se stessi non è innato ed è un traguardo importante nella vita. E' difficile da raggiungere, complicato.. ma è un cammino che può portare a tanta luce per l'anima, una volta percorso. Nella vita ci si augura sempre di riuscirci, prima o poi.. tra amore regalato e amore ricevuto. :) Grazie a te, di avere incrociato la mia vita ed esserne diventata parte così importante; grazie perchè leggendoti ogni volta dai forza e speranza. Per fortuna in un mondo ormai leggero e povero di cuore.. c'è ancora chi crede e ha fiducia che tutto possa essere migliore. Con fatica, magari, tra luci e buio.. ma ci crede. Sei speciale, non scordarlo mai.
      p.s. ma sai che me lo chiedevo anche io? Ho visto quello che avevi utilizzato tu, ma mi sembra meno allungato, sebbene sia verde scuro e molto 'speziato'. Ricorda un po' lo zenzero e gli agrumi! :D Devo mandarti la foto, tesoro! Un abbraccione, stella mia!

      Elimina
  14. Le ricette rustiche sono quelle che amo di più, sono quelle che mi fanno sembrare tutto più vero e reale...
    Il calore che danno le zuppe così, le polpette insomma fanno subito pensare alla cucina di famiglia, ai bimbi che corrono nelle stanze, al chiasso delle cene e dei pranzi di gruppo...insomma fanno pensare a ciò che io ritengo la felicità.
    Buon weekend mia cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Babe sei tenerissima e hai dato immagine ad un pensiero che faccio spesso.. che mi manca, che in fondo un po' mi è sempre mancato nei termini in cui lo sognavo. Un felicissimo week end a te, cara. Che sia pieno di tutte queste cose! Un bacione grosso! :)

      Elimina
  15. Bella storia,piena di gesti,di amore,sentimenti e morale!Le tue storie mi portano nei luoghi in cui si svolgono!La ricetta proprio tipica per una sera di novembre,baci e buona giornata!Rosetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti piaccia, dolce Rosetta! Come stai tesoro? Le nuvole sono ancora lì? Lo sai che ci tengo al tuo delicatissimo cuore. Sono sempre qui per te. Ti mando un abbraccio rosa e di sogno, cara! Un felice venerdì a te! :)

      Elimina
  16. Piatto buonissimo, ricco di sapori e di profumi. Felice week-end. Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite, cara! Un felice fine settimana a te, che sia come lo desideri! :) Un bacione! :)

      Elimina
  17. Carissima Ely con il tuo racconto mi hai incantantata!Direi che queste polpettine sono strepitose,anche se ti confesso che non le ho mai preparate con l'avena,ottimo suggerimento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Annina allora spero le proverai.. sono così delicate e leggere! :) A mio padre sono piaciute un sacco! Un abbraccio col cuore e un augurio per un dolce fine settimana! :)

      Elimina
  18. a parte il basilico egiziano (?) perdona l'ignoranza! questo piatto è uno spettacolo e le polpette ........le ballerine ; D . scherzo! inserisco nella lista della spesa i cuori di carciofo e una di queste sere "stupisco" la mia dolce metà! baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Ele.. ma che ignoranza, figurati! :D Io l'ho conosciuto da poco perché l'ho acquistato ad una fiera dell'agricoltura.. Ahah, mi hai fatto sorridere con le polpette 'ballerine'.. sei troppo forte! Ne sarò onorata, se lo preparerai! :) Un abbraccione!

      Elimina
  19. buongiorno Ely, qui bisogna prendere il numero al supermercato ormai per mandarti i commenti.....quanta gente, è affollatissimo il tuo blog e ne sono molto felice.
    Tu sai che mi leggo i tuoi racconti la sera prima di andare a nanna, ora mi soffermo su queste polpettine che mi piacciono da morire, voglio farle assolutamente, io poi adoro i carciofi quindi l'abbinamento è perfetto.
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro! :D Ma no, ci mancherebbe! Poi lo sai che per me non esistono numeri ma solo pezzetti di cuore! Spero di portarti un dolce sonno, allora, questa sera.. ti sarò vicina e pregherò che tu faccia i sogni più belli. Sarò troppo felice se le preparerai anche tu.. del resto abbiamo gusti simili e tutto quello che cucini tu mi fa impazzire! Ti voglio bene, amica mia! :D

      Elimina
  20. Mi rivedo lì con la mia mamma che amava tanto i carciofi, e amava tanto tutti noi, che il suo sguardo era quello della protagonista della tua novella. Lei non era di tante parole affettuose ma il suo amore era in ogni suo gesto, nella sua dolcezza e in ogni suo sguardo.
    E ci preparava sempre i carciofi con le patatine novelle, che bontà!!!!!!! ancora oggi i carciofi sono una delle mie verdure preferite, anche se io devo mangiarli a piccole dosi.....quando invece ne farei una scorpacciata, mi piace questa ricetta per l'abbinamento con quelle polpettine così gustose!!! Sei molto brava tesoro, per le ricette, le meravigliose foto che fai e i tuoi toccanti racconti che ci accendono sempre un flash nel cuore.
    Bisogna imparare a godere di quello che siamo, con le nostre diversità che ci rendono persona e non tutti uguali ma troppo spesso nella nostra società viene premiata l'esteriorità e l'apparenza a discapito del merito e dei valori umani. Dovremmo tutti interrogarci sulle conseguenze che ciò comporta, invece in giro ci sono solo tante belle parole profuse da esperti di vario genere e troppi pochi fatti. Anche la crisi che ci sta investendo è frutto di questo sfrenato consumismo che cancella l'interiorità umana e non tiene conto del singolo, Spero per voi giovani che possa cambiare presto, lo vogliamo tutti, noi, persone "normali".

    RispondiElimina
  21. Ops, ho dimenticato la cosa più importante, un bacio tesoro!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto sei tenera Ondina mia. Si, le differenze oggi sono diventate qualcosa di negativo, di invalidante.. in un mondo dove conta solo omologazione e superficialità. E' importante accettarsi e comprendere che non siamo sempre sbagliati solo perchè la nostra vita è 'diversa' da quella dei più. Ognuno ha il suo percorso, il suo cammino. Ognuno dovrebbe valorizzarsi anche se spesso (purtroppo veramente spesso) non è facile. Ma mai, mai arrendersi. Sei una stella.. la immagino anche io la tua bella mamma. Ogni volta che qualcosa ci ricorda una persona cara.. credo sempre che in quella stessa cosa si nasconda 'un po' della sua anima'. Quando gusterai i carciofi la prossima volta, la tua mamma ti starà abbracciando! :) Un bacione grandissimo a te, tesoro.. e ti auguro un fine settimana splendido! :)

      Elimina
  22. Che storia commovente Ely.. e quanta verità!
    Ti abbraccio forte.. e ti rubo una polpetta! :) :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dolce Vale! Ruba pure, ne sarò estremamente felice! Un bacione grosso! :)

      Elimina
  23. Fantastiche qte polpettine, mi piacciono troppo!
    Buon venerdì

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon venerdì a te, cara Manu! Sono proprio contenta che ti piacciano! :D Un abbraccione!

      Elimina
  24. Che racconto! Brava ragazza continua così,poi non ti dico per le polpette e i carciofi,una delizia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Licia! :) Ti ringrazio, veramente tanto. Passa un fine settimana bellissimo con i tuoi cari, ti mando un bacione pieno d'affetto!

      Elimina
  25. Cara Ely, quanto sono veri i tuoi racconti!
    Troppo spesso proiettiamo negli altri quello che non amiamo di noi stessi, perchè così è molto più semplice, lavorare su sè stessi comporta una grande sofferenza e fatica!

    L'avena continua ad essere presente nella mia dispensa , ma finora non l'ho ancora utilizzata, queste polpettine mi sembrano un'ottima idea!
    Buon we carissima

    loredana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio così, cara Lory: è più semplice investire gli altri di quello che di noi odiamo.. così non ci mettiamo nelle condizioni di dover lavorare su noi stessi, poichè molto spesso comporta fatica e dolore. Eppure spesso è partendo da ciò che siamo, che scopriamo molto di più di quello che ci circonda! :) Spero davvero che ti piaceranno, stella! Buon week end a te, con tutto il cuore! :)

      Elimina
  26. Oggi Ely mi hai toccato il cuore.. Dovremmo imparare tutti, quella di amarci noi per primi e di saperci aiutare. Quando si è piccoli è dura, ma a volte è dura anche da grandi, per me in particolare. Alla luce di alcuni fatti, queste parole oggi sono davvero preziose per me e ti ringrazio:) Il tuo racconto finisce, come al solito con una ricetta bellissima e delle immagini stupende.. Brava Ely,
    un bacione:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sai quanto ti posso capire.. veramente. Sono felice se però ti ho portato un piccolo raggio di sole. Proviamo un po' a pensarci; proviamo a credere un po' in noi stesse. Che dici, amica? Ci tentiamo? Magari è la volta buona che anche noi impareremo a volerci del bene e ad aiutarci un po' di più. Grazie di cuore, un bacione immenso a te! :)

      Elimina
  27. Che bella storia, proprio vero :-).

    Ciao
    Alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ale! Sempre gentilissima! :) Un abbraccio e un venerdì di luce!

      Elimina
  28. stasera leggero'la storia al mio piccolo mi piace molto ed e'molto educativa.particolarissima questa ricetta, accattivamente ed intrigante.no tesoro, il mio periodo buio non e'passato contando il fatto che sono anche a casa con 39 di febbre e vomito....passera'!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai una carezza da parte mia al tuo piccolo allora! Mi dispiace immensamente che non stai bene, tesoro.. spero davvero che tutto si sistemi al più presto. Se hai bisogno, sai dove trovare un conforto vero? :) La febbre alta a qualcuno provoca nausea, stella.. perchè non provi con le tisane allo zenzero? Dovrebbero calmarla in maniera del tutto naturale! Un augurio per una rapida guarigione e un felice fine settimana! :)

      Elimina
  29. Sagge parole nel racconto di quella madre, dobbiamo amare noi stessi e rispettarci per poter dare e ricevere amore! Le tue polpette sono squisitissime,ottimo l'abbinamento con patate e carciofi, brava!Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, cara Molly. E' vero.. non possiamo mai amare al meglio se non proviamo ad amare prima un poco noi stessi. :) Ma ora dimmi un po'.. quanto è tenero il tuo riccetto? Me ne sono follemente innamorata!! :D

      Elimina
  30. Purtroppo ogni tanto ci si dimentica di volersi bene, troppo presi dalla vita frenetica e troppo presi dalle arrabbiature.
    Ma ... il basilico egiziano che ha di diverso? Baciotti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci si dimentica tanto, tanto spesso di volersi bene. Io ne sono un chiaro esempio.. per fortuna qualche volta il cielo me lo ricorda! :)
      Il basilico egiziano ha le foglie un po' diverse dal semplice basilico: sono più verdi, più allungate, assomigliano a quelle di una piantina comune. Hanno un odore speziato, quasi ricordano lo zenzero misto agli agrumi! :) Un bacio grande grande!

      Elimina
  31. Queste polpettine devono essere buonissime!
    Tesoro, già mi immagino il profumino in casa!
    E come al solito sei super saggia, mi hai reso ottimista in una giornata pesantissima :-(
    Bacioni grandi grandi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta di averti portato un po' di ottimismo, tesorina! :) Tienilo stretto allora, così questa giornata passerà e presto arriverà il fine settimana :) Sei dolcissima. Ti abbraccio, cara! :)

      Elimina
  32. Sensibile e creativa come sempre... Tu, amica mia, hai un dono raro :)
    Poi dimmi, ma come fai a fare sempre delle foto così stupende? Tralasciando i piatti che sono sempre particolari e gustosissimi, ma l'ambientazione é unica! Ti abbraccio forte e mi scaldo con questa polpettine in umido! Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo gentile, tenera Elle! :) Veramente.. in realtà cerco solo di immaginarmi l'atmosfera del racconto e provo a dargli un volto. Ho solo pochissime stoviglie in casa, ma me le faccio bastare :D Scaldati pure, tesoro.. io alle polpettine aggiungo per te un abbraccio grande! Sei meravigliosa. :) Bacioni enormi!

      Elimina
  33. Questo racconto mi ha colpita, un bellissimo insegnamento di vita. Sei unica e la ricetta mmmm non ho parole e' meravigliosa.Baci cara Ely e buon w.e.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vero.. come sempre mi doni parole bellissime! :) Un bacio grande grande a te, passa un fine settimana stupendo cara!

      Elimina
  34. Cara Ely che bella storia, e l'epilogo è ancora più interessante, il racconto dentro il racconto ti porta sempre in luoghi lontani, ricordi dell'infanzia e l'immedesimazione è inevitabile. Quante volte ci siamo sentiti rifiutati o giudicati magari da piccoli. E' una lezione profonda e commovente come sempre sai regalarci. Ora veniamo a questa delizia nel coccio, non amo molto la carne ma come una bambina se mi ci metti vicino i carciofi e le patate la spazzolo tutta... al bacio. Un abbraccio e buon fine settimana. mony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tantissime, mia cara Mony. Anche tante volte da grandi. Non si finisce mai, mai di imparare :) Sai che nemmeno io amo molto la carne..? Cerco di trovare per questo mille soluzioni per rendermela più gradevole! Te ne tengo un bel piattino, amica! Naturalmente, pieno pieno di carciofi ;) Un abbraccio forte e un tenero bacione! :)

      Elimina
  35. che mamma saggia!!!vorrei essere come lei e riuscire a trovare sempre le parole giuste per i miei figli e così farli sentire sempre felici!!!dirti bravissima mi sempra troppo poco...lo sai che adoro quello che scrivi...ma passiamo alla altre doti che hai parliamo della cucina eccellente preparazione!!!!andiamo alle foto che dire un'artista!!!ti abbraccio mia cara amica mandandoti un bacione!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro, ma tu lo sei.. come si può essere infelici vicino a te? Sei così unica, così attenta, così speciale.. e dipingi d'amore la vita dei tuoi figli come pochi sanno fare! :) Io adoro te, come la mettiamo? Ti abbraccio anche io forte forte, davvero.. augurandoti un fine settimana bello come non mai, amica mia. :)

      Elimina
  36. ci porti insieme a te in questi posti dimenticati delle nostre vite passate e la tua sensibilità ci fa assaporare i sapori e sentire i profumi delle case, delle cose, del cibo che cuoce sul fuoco.
    sei una maga! e le polpette sono straordinarie!
    un abbraccio fortissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo buona, dolce Berry! Il fuoco, secondo me, ha un fascino meraviglioso. Basta guardarlo per sentirsi amati e pieni di energia. Sono sempre qui per te, anima bella! :) Ricambio l'abbraccio stretto! :)

      Elimina
  37. Ciao Ely anche oggi ci hai deliziato con una plendida ricetta e un bel racconto. Mi piacciono molto le tue polpette segno subito la riceta. Buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, cara Dani! Sono felice che ti piaccia.. anche se non è bella ed elegante come le tue, mi farebbe piacere se la preparassi! :) Un abbraccione, buon venerdì di cuore!

      Elimina
  38. Cuore di mamma, un racconto che ti fa stringere il cuore e quanta verità in quelle parole. Il Basilico egiziano, non l'avevo mai sentito prima, mi interessa molto saperne qualcosina in più. Gustosa la ricetta, calda per queste sere autunnali, ottima servita nel coccio che aggiunge una coccola in più alla pietanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tenera Lauretta :) Il basilico egiziano l'ho conosciuto da poco anche io, e mi è subito piaciuto il profumo speziato e agrumato che ha: le note di fondo sono proprio dolciastre, non so.. è particolare e io l'ho amato! :) Il coccio sarà anche caldo e confortante, ma mai.. mai come le tue deliziose girelline alla cannella. Mi hanno colpita tantissimo...! :D Un abbraccio tesoro!

      Elimina
  39. Quanti pensieri mia cara Ely, come sempre non so come fare a condensarli in un commento.....mi perdo sempre nei tuoi post, quando finiscono mi guardo intorno, stupita di essere qui e non in una calda baita dai vetri appannati, o sulle rive di un fiume indiano....e come sempre non posso che abbeverarmi alla tua saggezza e alla tua luce.
    Basilare e fondamentale verità quella che tu dici, ne sono sempre stata convinta, però ha ragione anche Federica, quando dice che a volte "succede anche di essere amati e non capirne il perché, non capire come ciò sia possibile perché è tanto l’odio verso noi stessi che non quasi non accettiamo che gli altri possano volerci bene. A volte penso sia più facile amare che amarsi.". E' un lungo cammino quello che porta all'amore verso noi stessi, e all'accettazione di noi stessi, ma credo valga la pena di percorrerlo ogni giorno!
    Tornando con i piedi per terra, la ricetta è favolosa e non so da dove tiri fuori queste idee geniali. Ti abbraccio forte mia carissima amica :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio questo l'importante: non smettere mai di percorrere quel sentiero. Nessuno nasce già con un amore smisurato per sé, nessuno è sempre felice e nessuno si accetta mai davvero, nel bene e nel male. La facoltà di amare gli altri è certo più semplice, ma bisogna anche farci coraggio e provare ad amare anche noi stessi, un poco di più. E' difficile, spesso sembra impossibile. Ma perché non accettare che gli altri ci amino anche se in noi vediamo difetti? E' un problema nostro, gli altri non fanno altro che amare il buono che vedono in noi.. ed è un segno che ci fa capire che ce n'è :) A nessuno piace essere odiato. Nemmeno da se stesso.. non si vive bene.. e tu lo sai, perché ne sono il classico esempio. La domanda sul 'perché' può essere ed è legittima, ma 'non accettarlo' secondo me è inumano.. :) Chi rifiuterebbe un gesto di bene? Chi non ama sentirsi bene? Non si accetta in fondo di soffrire, per questo ci si fa del male. La ricetta è nata dal tentativo di riuscire a mangiare carne, perché proprio siamo su due mondi separati, tesoro ahah! :D Sei preziosa, dolce amica. Tanto.

      Elimina
    2. Ely mia, prendiamoci per mano se ti va, e camminiamo insieme per questo sentiero...con degli amici di fianco sarà anche più piacevole! Ti abbraccio forte forte.....

      Elimina
    3. Certo che ti prendo per mano.. e non la lascio più, tesoro. Anche io ti stringo forte.. con tutto il bene che meriti! :)

      Elimina
  40. Mi piacciono queste polpettine e il tuo racconto stupendo..
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, ti stringo forte e ti mando un augurio per un felice fine settimana, cara! :D

      Elimina
  41. Come sempre tesoro mio hai ragione... come possiamo farci amare se non ci amiamo? c'e' stato un tempo che non avrei neanche voluto essere qui..un tempo duro che ha allontanato tante persone... ma tornando ad amarmi per cio' che sono sono riuscita a non zoppicare piu'....
    amore mio queste polpette cdevono essere un cibo che riscalda l'anima!
    un abbraccio forte forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono piccoli passi, dolcissima. Piccolissimi, magari. Ma ognuno ha il suo senso e il suo diritto ad essere amato. Non sai quante volte io desidero di sparire, non mi voglio nemmeno vedere. Eppure c'è sempre qualcosa per il quale vale la pena di farlo, in fondo: nei momenti no cerco di allontanare le nuvole, perché so che prima o poi arriva il sereno. E allora non ci penserò più. Tu sei una persona straordinaria, speciale.. e devi ricordartene tutti i giorni :) Ti adoro, cara. Un abbraccio e serviti pure, per te c'è sempre posto qui :)

      Elimina
  42. Cara Ely,
    le polpettine a casa vanno a ruba e sono sempre alla ricerca di nuove preparazioni...la tua è da provare
    baci
    anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai quanto sono saporite e leggere, così, cara Anna! :) Un bacione immenso, buon venerdì! :)

      Elimina
  43. una storia tenerissima e difficile per una mamma, ogni tuo post è sempre bello e commovente da leggere.
    ti auguro uno splendido week end e una bellissima giornata ed inutile dire che queste polpettine sono meravigliose.
    ciao dolce Ely
    Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce Valeria.. è proprio difficile per una mamma, ma.. credo che 'quella mamma' abbia visto al di là delle imperfezioni del figlio, perché lo ha guardato solo con amore. Ha saputo vederlo dentro, ha saputo essere doppiamente fiera di quel figlio che è costretto a misurarsi con un mondo sterile già da piccolo, eppure che non smette di essere buono e di lottare. :) Altrettanto a te, passa un fine settimana splendido! :) Smuuackk!

      Elimina
  44. Tu sei una continua sorpresa Ely..ma che meraviglia di donna!
    Bellissima questa storia...sempre commovente.
    Questo umido mi piace da morire..ma dove si trova 'sto benedetto basilico egiziano????...io divento matta con tutte 'ste novità...
    Buon w.e. Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo gentile, mia cara Roby. Sei tu ad essere meravigliosa, lo sai? Sono felice che ti piaccia, la carne bianca di pollo o tacchino è l'unica che mi va! :) Il basilico egiziano l'ho trovato ad una fiera agricola (come sai amo alla follia erbe e spezie.. appena posso me ne procuro di strane o di nuove!) e spero proprio che la mia piccolissima piantina resista a questo freddo e cresca: se riuscirò a seccarne delle foglie, sappi che te le spedirò con vero piacere!! :D Dico davvero! Un felice fine settimana, di cuore!

      Elimina
  45. E le tue parole sono come la carezza della madre,sul capo dai riccioli biondi!Sai rassicurare con i tuoi racconti,sai infondere coraggio,per predisporci alla vita con più serenità e positività!Hai ragione,quando hai fiducia in te stessa, subito se ne accorgono anche gli altri,sai brillare e se non si è egoisti si riesce a dare un pò di quella luce anche a chi ti è vicino...come te dolce stella!
    Le polpettine sono deliziose,così adagiate nella crema delicata!Grazie angelo per il racconto,la ricetta e il tuo coraggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angelo dolcissimo.. allora tu sei come le mie parole. Non sai il bene che ti voglio. E' tanto difficile delle volte, ma è anche vero quel detto: 'Se non credi in te stesso per primo, chi vuoi che ci crederà?' E' importante provare a lottare contro rabbia e angoscia, contro dolore e voglia di annientarsi. Perchè credo che la vita sia sempre più forte..
      Grazie a te immensamente, anima pura. E non mi sono dimenticata della tua mail: ti voglio però rispondere con calma perchè ciò che hai detto mi tocca da vicino e devo assicurarmi di dirti tutto ciò che voglio esprimere. Ti porto con me, nel cuore. Sei speciale.

      Elimina
  46. Buongiorno Ely,
    Grazie per averci regalato di nuovo un magnifico racconto..
    e grazie per queste polpettine!!
    Bacetto e buon venerdì!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te di essere passata a trovarmi, tesoro. :) Un bacetto dall'anima e un fine settimana stupendo. :)

      Elimina
  47. Ely, ma le tue storie le scrivi così perché ti vengono in mente o perché pensi a qualcuno in particolare?
    Hai un dono fantastico, quello di far immedesimare le persone nei tuoi personaggi. Non so come, ma io mi sento sempre presa in causa nelle tue storie! E' incredibile come con queste parole riesci ad avvicinare tante persone...sei brava, Ely!
    Un bacione grande, cara fatina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolcissima! In realtà ascolto solo il cuore e questa storia è nata per caso, da un episodio che proprio due giorni fa è accaduto! :) Incredibile quanto un pettirosso possa insegnare, con un errore di valutazione! Per fortuna poi è volato via, non si è fatto troppo male e gli è rimasto solo il mal di testa (un po' come a me oggi, anche se non ho pestato la testa su un vetro: mmh, che dici, mi farebbe bene?) :D Se queste parole ti sono però state utili, amica mia, ne sono veramente felice! Sul serio. Mi piace portarti del bene. :) Sono sempre qui, sempre. Un bacione a te, stella vera! :D

      Elimina
  48. Cara e dolce Ely sempre piena di belle storie da condividere con noi :-) E' vero bisogna amare se stessi ed essere fieri e sicuri di quello che siamo e valiamo:-) anche se molte volte le persone ( e di cattive ed invidiose ce ne sono molte) tendono a farci sentire non alla loro altezza e scansarle non sempre è così facile. Ottimo piatto, sei una maga nello scrivere, nel cucinare e nel presentare i piatti esteticamente sempre curatissimi :-D Buon weekend tesoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La gente sa essere enormemente cattiva delle volte.. ed è anche a questo che ci serve amarci, avere almeno un pochino di fiducia in noi stessi. In questo modo, credendo in ciò che siamo un po' di più.. difficilmente qualcuno riuscirà a farci cadere, con il suo egoismo o la sua invidia. :) L'umiltà va sempre portata dentro, ma anche tanto amore per il buono che conserviamo. Sei gentilissima tesoro.. lo spettacolo sei tu, però! Ma che frittatine hai fatto? Un amore! :D Un abbraccio tesò! :)

      Elimina
  49. Ely è bellissimo il tuo racconto,e questa è una delle più grandi lezioni di vita che io stessa ho imparato attraverso un lungo percorso..è stato solo cominciando a volermi più bene che sono riuscita a entrare serenamente in contatto con gli altri costruire dei legami con le persone,e forse,a farmi voler bene. Questo ancora è difficile da dire,la strada è lunga,ma sempre un po' meno difficile.
    ps. se le polpettine le faccio col granulare di soia le posso tuffare nel brodo patatoso e carciofoso?sicuramente rubo l'idea!:) Un bacio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La strada è sempre lunga e difficile, cara. Lo posso capire, profondamente e come non mai. Ci sono giorni tristi e difficili, altri giorni in cui ci sembra di poter contare un po' di più su di noi: ed è per questi che dobbiamo lottare. Certamente che va benone! :D Se non fossi costretta a mangiare la carne e la soia non mi facesse soffocare, credo che ci proverei immediatamente! :D Un abbraccio stella! :)

      Elimina
  50. Ciao Ely deliziose queste polpettine e molto ben presentate. IL tuo racconto mi ha commosso, le tue storie sono incantevoli. Baci e grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Anto, come sempre. Sei un tesoro! :) Un bacio enorme e buona serata! :)

      Elimina
  51. Te l'ho mai detto che io ogni mattina che inizio a fare il giro nei vostri blog.. il tuo me lo metto tra i preferiti perchè so che per leggerlo dovrò avere a disposizione almeno 10 minuti tutti miei? amo leggerti Ely.. i tuoi racconti son così ricchi di atmosfera.. emozione.. insegnamenti... Hai questo fantastico modo di presentare le tue ricette!!! Te lo ripeterò a vita.. hai due doni.. la scrittura (dettata dalla tua fantasia ovviamente).. e la cucina!!!! Ottima la tua zuppetta.. un abbraccio cara e che tu possa trascorrere un sereno week end! Oramai credo che la serenità sia di gran lunga più importante della felicità.. averla.. è un grande regalo della vita! :-D baciotti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quanto sei tenera Claudietta, ne sono davvero onorata! :) Io adoro te invece, la splendida persona che sei. Porti sempre il sole nelle mie giornate con il tuo ottimismo, cosa che a me ultimamente spesso manca: hai un'energia contagiosa, tesoro! Passa anche tu un sereno week end, con tutto il cuore. Ed hai ragione.. la serenità non solo è più importante.. ma è anche la base della felicità. E' il canale privilegiato per accedervi, amica mia. Un bacione immenso, proprio grande.

      Elimina
  52. non conoscevo il basilico egiziano, sono rimasto a quelli che coltivo sul mio orterrazzo, il calssico italiano, quello porpora, quello citrino e il nostro ottimo genovese con le foglie piccole, devo cercarlo e piantarlo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con l'amore che ho per erbe e piante aromatiche direi che sono stata veramente felice di trovarlo.. ma sai che caratterino ha il caro basilico egiziano?! Mamma mia, incredibile! Ama stare in casa perchè fa freddo, essere bagnato quando vuole lui.. e vuole la luce così... poi si affloscia perchè la vuole cosà.. insomma, una gran primadonna! Che faticaccia, caro Max! :D Un abbraccione!

      Elimina
  53. Eccomi ELy!!! Perdona il ritardo, come ho detto sono un pò presa in questi giorni e arrivo un pò tardi... Bella questa storia, sembra di esserci in quella baita, la mamma, il suo piccolo e purtroppo la cattiveria delle persone ignoranti che non manca mai.. Ahimé... la nostra forza, quella che non deve mai mancare per affrontare il mondo, o meglio le persone. Molto carina la storia del pettirosso:-) Ma io no perdo le speranze, prima o poi di leggerò in un libro:-) Sei sempre dolce e buona ed hai sempre una parola di conforto per tutti. Vorrei donarti quel sorriso che a volte ti manca, ti mando un grande abbraccio e complimenti per la splendida ricette, sempre con ingredienti particolari e ricercati:-) sei bravissima:-) Ok per l'Ungheria, seguirò il tuo consiglio, un bacione e buona giornata stella..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei tu ad essere dolcissima, amica mia.. e credimi, quel sorriso me lo regali ogni volta che ti penso, ogni volta che sono grata alla vita perché ci sei. Sei meravigliosa e vorrei tu lo ricordassi in ogni istante. La forza della vita deve sempre essere più intesa.. perchè è solo con essa che possiamo trovare la forza di difenderci da un mondo spesso cattivo. Pensa che quel pettirosso ha pagato con un gran mal di testa l'insegnamento che voleva darmi.. potevo non onorarlo? :) Povero piccolo..
      Non preoccuparti del ritardo, tu sei sempre con me tesoro. Sempre. Capisco il periodo pieno.. pensa che riesco a postare pochissimo e a dedicarmi a nulla di quello che dovrei fare.. sigh. Ti abbraccio con affetto!

      Elimina
    2. Grazie per le tue parole , sei un tesoro, dolce notte a te stella... Un bacione

      Elimina
    3. Anche a te, grande grande, stella del cielo! Buon riposo, che sia dolce come il tuo cuore! Bacioni! :)

      Elimina
  54. Con le tue ricette rimango sempre a bocca aperta...sei un fenomeno!!!
    P.S. il nostro Napoli ha vinto ieri...grande Matador ^^
    ciao cara Ely

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, cara Emi, di cuore! :D Hai visto, che bellezza... grande Cavanii, senza di lui stamm 'inguajat! :D Una dolce serata, amica!

      Elimina
  55. NE POSSO AVERE UN PO' PER QUESTA SERA???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo che puoi! Molto volentieri! :D

      Elimina
  56. I tuoi racconti sono fantastici, mi piacerebbe saper scrivere così, incantare le persone con un racconto facendo loro immaginare sensazioni autentiche come fai tu...
    Queste polpette invogliano tantissimo, e tra l'altro mi hai fatto venire voglia di carciofi!
    Poi io lo dico sempre...sotto forma di polpetta mi mangerei qualsiasi cosa!!!!
    Buon week end cara ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che tenera! Allora te ne offro un po', se passi.. te ne servo volentieri una bella scodella, tesorina! :) Ti abbraccio e buon week end a te, con tutto il cuore!

      Elimina
  57. Evviva le polpette!!! Devo dirlo anche qui da te :D Il tuo piatto fa tanto inverno, quando fuori fa tanto freddo ma tu sei in casa al calduccio! Che bello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Polpettina, ma bisogna dire... evviva te! :D Se non ci fossi bisognerebbe inventarti, cara! Ti mando un bacione forte e un augurio per una dolce serata!

      Elimina
  58. Mia cara Ely sei tornata a scrivere mi namcavi! come stai? io così così periodo davvero difficile per tante cose.....ma si va avanti perchè questa è la nostra vita e ne abbiamo solo una da vivere!
    I tuoi racconti come sempre sono ricchi di te e della tua bellissima anima...come sempre una ricetta innovatica calda ed avvolgente!
    Buon week end mia cara! Un dolce abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce Romy, anche tu mi mancavi moltissimo! Anche io così così, sono onesta. Ma è vero, bisogna farsi forza e andare avanti, perchè la vita non aspetta e reclama attenzione.. tu lo sai che ci sono sempre, sempre, per te? Abbraccio anche io la tua anima bella, sperando di regalarti un raggio di sole. Buon fine settimana, tesoro!

      Elimina
  59. Che bel racconto, fa riflettere e porta con sè tutta la tenerezza delle madri, brava hai un dono dolce Ely

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei tanto gentile, Dana.. tanto. :) Un bacione grosso grosso, passa un fine settimana splendido! :)

      Elimina
  60. Un piatto per me del tutto nuovo, molto interessante!!!
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice di aver suscitato la tua curiosità, cara Carla. Spero lo proverai :) Un abbraccio e buon fine settimana a te!

      Elimina
  61. che racconto stupendo, hai perfettamente ragione, l'accettazione di sè è importantissima per una vita serena... Che ricetta deliziosa, riesco a sentirne il profumo... Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bacioni grandi a te, cara.. si, accettarsi è molto difficile ma è solo attraverso il rispetto e l'amore per se stessi che si riesce ad amare meglio ciò che ci circonda :) Un felice fine settimana! :)

      Elimina
  62. oh my! yum, yum, yum! Can I just come eat at your house?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sure my friend! :D I'll wait for you, with all my heart, sweety! :D

      Elimina
  63. cara Ely, il tuo racconto mi ha fatto venire i lacrimoni. Sei una scrittrice nata... ma hai già pubblicato qualche libro? beh se non l'hai ancora fatto pensaci seriamente! un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che tenera, Stefy! Proprio tenera.. Ti ringrazio, non ho mai pubblicato nessun libro e chissà se ne sarei all'altezza...! :) Un bacione grosso grosso, una buona serata tesò!

      Elimina
  64. che bel racconto...io spesso faccio come il pettirosso sai? perdo fiducia in me stessa...e vado in crisi. Mi hai ricordato che a volte sono proprio una grande sciocca!
    Che buona questa zuppetta polpettosa...
    Un abbraccio e buona serata mia cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Simo, sei una persona meravigliosa e non dovresti dimenticarlo mai.. a volte capita di cadere, di battere contro i vetri e di sentirsi storditi. Ma l'importante è ricordarsi di avere le ali, tener presente che si può sempre volare... e tu, bella come sei, non puoi evitare di farlo. Sarebbe un vero peccato. Un abbraccio forte forte, amica. :)

      Elimina
  65. Cara Ely, hai proprio ragione, l'odio renda ciechi e non aiuta... Purtroppo la gente spesso è crudele e il tuo racconto è perfetto per descrivere ció che accade e come noi dobbiamo guarire da questa malattia, si perchè l'odio è una malattia, e noi non dobbiamo ammalarci e dare la soddisfazione a chi ci ferisce di averla vinta...
    Mi piace sempre leggerti, sei profonda e sai commuovere...
    Un bacione e felice week end!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Morena, sei una stella. E' vero, dovremmo combattere l'odio e la cattiveria, con tutte le forze. E' proprio una malattia contagiosa.. e vorrei tanto che invece lo fosse l'amore. Il fatto è che c'è sempre chi è disposto a fare del male.. con più facilità, rispetto a chi fa del bene. E' un piacere per me averti qui, cara. Altrettanto a te, un buon fine settimana :)

      Elimina
  66. ely mi fai immedesimare in ogni tuo racconto ( che riesco a leggere ....)
    mamma mia ero persa tra le tue righe e alla fine scopro " questa squisita "zuppa" di polpettine "
    fantastica .ely un bacione grandissimo e alla prossima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono davvero contenta che ti piaccia questa zuppa e che ti abbia coinvolto il mio piccolo racconto :) Sei tenerissima, Vero. Ti aspetto ogni volta che desideri :)

      Elimina
  67. Tesoro i tuoi racconti sono sempre così veritieri e così giusti.. ci fanno fermare, meditare, riflettere su quanto facciamo e di come assomigliamo spesso al pettirosso sciocco.. c'è tanto da apprendere qui e non parlo solo di cucina e delle splendide ricette che ci regali come questa zuppetta golosa di polpette.. leggo saggezza, umanità, dolcezza, solidarietà e tutto questo è meraviglioso.. ti mando un abbraccio pieno d'affetto cara e ti auguro un felice fine settimana:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le tue bellissime parole, Simo.. mi fanno tanto bene, perché se posso essere d'aiuto... per citare una poetessa che molto amo, 'non avrò vissuto invano'. Sei tu ad essere veramente meravigliosa, stellina. Ricambio con immenso affetto il tuo abbraccio, sperando che questo fine settimana tu lo viva nell'amore! :)

      Elimina
  68. Che dire...! Stupendo il racconto, la ricetta la metto subito nella mia lista di
    ricette da fare. Complimenti e a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely cara! Spero allora che ti piacerà molto! Un abbraccio forte e un fine settimana stupendo! :)

      Elimina
  69. ciao bellissima Ely,tu si che sai molto bene come prendermi per la gola...non conoscevo quel basilico,sono andata sul internet per vederlo bene...questa ricetta è un capolavoro,cosi come un capolavoro è la prefazione delle tue ricette...ma che te lo dico a fare???sei stra bravissima...un bacione siculo,sereno fine settimana amica:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh come accetto con piacere il tuo bacione siculo, amica mia! Si sente che è pieno di sole, di mare e di bene! :) Sei tu il vero capolavoro, in tutto quello che sei! Ti abbraccio e ti ringrazio moltissimo, tesò. Passa un fine settimana stupendo. :)

      Elimina
  70. Le tue parole Ely...quanto sono vere....quanta saggezza nascondono!
    E la ricetta come sempre è strepitosa....io e te dobbiamo incontrarci una sera per cena :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ben volentieri, non sai che piacere mi farebbe, dolce Miki! :D Se poi mangiamo delle delizie come quelle che hai preparato alla cena.. direi che la mia zuppa può attendere, tesorina! :D Un bacione proprio grosso, buon week end! :)

      Elimina
  71. Cara Ely.
    Sono riuscita solo adesso passare da te... ma ho fatto un sacco di cose oggi..
    Ho anche stirato tutto!!! sono brava????
    E arrivando qui ho visto questo piatto meraviglioso. Che delizia.
    Ci sono tutto quello che mi piace, polpettine, carciofi.... avena.
    Prendo appunti di questa ricetta.
    Buon weekend Cara.
    Baci
    Thais

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stella! Ma sei stata più che brava.. io mi vergogno immensamente ma non ho stirato nemmeno una camicia, ahah! Sei stata super, cara! Prendi pure appunti e fai tutto con calma, dolce Thais. Io ti aspetto sempre quando puoi e se puoi, con immenso affetto! :) Buon week end a te, cerca di riposare! :)

      Elimina
  72. Ciao Ely cara :) Quando leggo i tuoi racconti è come se ascoltassi la mia anima, è qualcosa di incredibile... e ogni volta imparo qualcosa in più. Per questo ti ringrazio e non smetterò mai di dirti che sei speciale, un vero tesoro! Spero un giorno di poterti abbracciare forte e nel frattempo spero che il mio abbraccio ti arrivi ugualmente, con tanto affetto. Questo umido di polpettine bianche è semplicemente squisito, lo gusterei adesso anche se ho già cenato! :D Un bacione e uno splendido fine settimana, anima bella! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo abbraccio mi arriva, stellina.. e lo ricambio con tutto l'affetto del mondo, dolce Vale. Spero veramente di dartelo dal vivo, con tanto bene, un giorno. Perchè sarebbe bellissimo incontrarti.. Ti ringrazio immensamente e sono felice di averti regalato qualche attimo di pace. Se il mio umido è squisito.. non dico quanto sono stupende tutte le tue creazioni, sia dolci che salate!! :) Sei preziosa, amica mia! :) Passa un meraviglioso week end :)

      Elimina
    2. Grazie Ely... Ci incontreremo, stanne certa, perché devo abbracciarti forte forte, dolce amica mia! :) Ti voglio bene, un bacione :*

      Elimina
    3. Anche io te ne voglio proprio tanto, dolce Vale! Un bacione enorme e non vedo l'ora :)

      Elimina
  73. Ciao cara,il tuo racconto e la tua ricetta sono deliziosi come lo sei tu...grazie per le tante e care parole che mi lasci, mi scaldano sempre il cuore...Un abbraccio fortissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei fare molto di più per te, stella. Molto di più.. ma dato che non posso cambiare le cose, almeno spero sempre di rendertele più leggere, con quell'immenso bene che porto dentro per te. Ti sono veramente accanto, per qualsiasi cosa sono qui.. anche solo per uno sfogo o un sorriso. Anche a te, un abbraccio proprio forte tesoro.

      Elimina
  74. Ely tesoro, la ricetta delle polpette è fantastica ma ancora di più la tua storia bella e piena d'amore. Le mamme si fanno carico di smussare le asperità della vita anche raccontando la storia del pettirosso... bella, bellissima storia! Che bel cuore che hai! un bascio, Pattipa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolcissima Pa, se il mio cuore è bello il tuo è magnifico.. lo si vede dalla tua dolcezza, dalla tua sensibilità.. dal tuo essere mamma in modo così tenero e speciale. Sei unica. Un bacione a te, carissima.. e passa un fine settimana stupendo :)

      Elimina
  75. Dolcissima Ely, quando leggo i tuoi racconti non riesco proprio a non immedesimarmi!!
    Oggi ad esempio mi sento tanto quel pettirosso!!!
    Sai entrare in punta di piedi nell'anima e farne uscire i sentimenti che vi sono racchiusi!!
    Adoro le polpette e la tua ricetta di oggi è veramente sfiziosa ed invitante!!!
    Un bacione enorme e felice notte
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Carmen, allora come quel pettirosso liberati dall'insoddisfazione e dalla rabbia.. amati un po' di più e vola libera nel cielo. Sei così bella dentro che sarebbe un peccato se non ti prendessi cura di te o non ti stimassi abbastanza. :) Tesoro, fidati di te. Provaci.. andrà sempre tutto bene :) Ti abbraccio con affetto e passa una notte meravigliosa :)

      Elimina
  76. Ciao ely! Che bella storia, che bella morale. Domani voglio leggerla alle mie figlie. Giulia nella difficile età della preadolesc soffre molto x le critiche degli altri. Le saràutile. Grazie, un forte abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sarò veramente felice, dolce Maggie! Spero davvero possa esserle utile. Dille che non c'è cosa più bella di lei, così com'è nata, così come il cielo l'ha voluta. In quello che è, nell'imperfezione e nel timore del giudizio altrui, si nasconde invece la 'sua perfezione'. :) Un forte abbraccio e grazie a te per i tuoi pensieri, sempre profondi e stupendi :)

      Elimina
  77. Ely, generalmente a las albóndigas estamos acostumbrados a agregarle pan con el propósito de que podamos obtener una masa que se pueda moldear en forma de bolitas, tu lo has reemplazado por avena cereal que es muy beneficioso para la salud ya que es rica en fibra de buena calidad.
    Beso hoy desde mi blog de NUTRICIÓN

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Querida, tus blog de nutriciòn es una maravilla. Me encanta leerte cada vez, es una sorpresa y se aprende mucho. Eres un recurso pare todos, amiga mia! :) Gracias y un beso grande grande!

      Elimina
  78. io mi chiedo se la poca stima di noi stessi sia innata, se cioè parta da noi o non sia il frutto dell'insensibilità altrui; dita puntate e risatine fanno da concime e così, un piccolo seme diventa un albero di insicurezze. Forse noi in principio ci amavamo ed è stato proprio il disamore che abbiamo incontrato a farci cambiare idea e a farci sentire sbagliati. "Amati di più così anche gli altri ti ameranno" è sicuramente un buon consiglio ma non e facile iniziare senza aiuti, forse per imparare ad amarci abbiamo bisogno di sentirci amati e a questo punto non si sa come uscire da questo cerchio! ti abbraccio e ti auguro una buona notte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Maria Pia, ciò che dici è molto vero. Sai, credo che una parte sia innata, nel senso che ognuno nasce con una predisposizione diversa che è la base poi del suo carattere. Questo si forma poi davvero con l'esperienza, con ciò che viviamo e che ci segna, nel bene e nel male. Di certo (e ti assicuro che ne sono un esempio lampante) gli altri accentuano maggiormente un'insicurezza latente, quando ti additano, ti prendono in giro, ti isolano e ti fanno sentire di non meritare quello che invece tutti meritano. E' difficile, nessuno ha mai detto che amarsi è facile...! Sarebbe una falsità, perché nessuno nasce con questa facoltà (egocentrici a parte, ma quello non è amore è edonismo). Però abbiamo la possibilità di riscoprirci, piano piano. L'aiuto di chi ci sta accanto è fondamentale per la nostra stima.. e anche su questo potrei scrivere purtroppo un poema.. tuttavia è quando tutto, tutto manca; è quando non abbiamo più niente, che si scopre qualcosa in noi che.. 'aiuta noi stessi'. Lì basta solo tendere l'orecchio e ascoltare. La prima 'mano' ce la diamo sempre noi, con la volontà di comprenderci, tra mille difficoltà. Poi viene tutto il resto: ma attenzione! Non è un circolo vizioso! Come qualcuno diceva, 'c'è chi ci ama anche quando noi ci odiamo': c'è sempre qualcuno che ci ama, fosse anche una persona sola, ma è un importante punto di partenza. Solo che in quel caso siamo troppo presi dal nostro odio per accorgercene... ;) Un abbraccio e un sabato splendido!

      Elimina
  79. Hola Ely te felicito por el don de la escritura y la buena historia y se complementa con lo buena que eres en la cocina ,las albóndigas lucen tentadoras,abrazos y abrazos.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gracias, dulce Rosita! :D Gracias con todo el corazòn! Eres asì amable, querida! Buenos dias y un abrazo grande grande!

      Elimina
  80. Spesso mi ritrovo a non star bene con gli altri , e la causa è sempre la stessa, non sto bene con me stessa ,hai detto una frase bellissima che mi ha colpito molto "La gente non è che uno specchio, una conseguenza."
    Come al solito Ely non ci sono parole per descrivere i tuoi racconti e d i tuoi piatti, un abbraccio :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto ti comprendo, tesoro. Chissà se un giorno riuscirò a fare pace con me stessa.. è un cammino lungo ma non bisogna mai, mai demordere. L'amore è una forza innata ma si può incrementare, se ne può aumentare la forza e soprattutto.. va capito, compreso, nelle sue sfaccettature infinite. Ti sono vicina.. sei così bella che non meriti di soffrire, non meriti una mancata serenità. Un abbraccio enorme a te, stella. Buon fine settimana, che sia pieno di luce!

      Elimina
  81. ciao bella, che brutto oggi piove....
    senti come sta il tuo cricetino ?? mi dispiae tanto, ieri mi sono rattristata quando mi hai dato la notizia, so come si soffre, perdere la mia Gemma è stato bruttissimo ma sopprattutto perchè non ero preparata alla notizia .
    Dai, dammi sapere.
    Bello il tuo racconto, ma dove prendi le storie? no, non dirmelo, così vengo a leggerle da te! La ricetta mi piace molto.
    Buona giornata
    un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolcissima.. quando queste cose capitano all'improvviso sconvolgono sempre.. praticamente ha detto che non può anestetizzarlo nè sedarlo, per fargli il prelievo del tessuto. Sono così piccoli e fragili (e veloci!) che non si riescono a toccare, nel modo che servirebbe. :( Per cui, nel dubbio tra tumore e ascesso, gli sto dando l'antibiotico: se entro martedì cresce, devo portarlo dall'oncologa; se invece resta così ho il controllo venerdì. Per fortuna il piccolo è bravo, gli do l'antibiotico misto a miele sul radicchio.. e lo mangia tutto! Ti farò sapere tesoro. In più aspetto 'due gattini provvisori'. Ma di questo ti racconterò.. non mi va di saperli al freddo e senza mangiare..!
      Le storie le scrivo tutte io, amica mia. :) Adoro scrivere e sognare! :)
      Anche se oggi piove, la nostra tisana bollirà sul fuoco per il nostro momento unico! Un bacione grande grande!

      Elimina
  82. Buondì!
    che bello scoprire il tuo blog!
    ma perchè arrivo così in ritardo?
    Sono andata su e giù per il blog, quante belle ricette...a partire da questa..davvero saporita!
    Buona giornata
    Angelica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno, cara Angelica! :D E benvenuta! Non sei assolutamente in ritardo, ci mancherebbe! Ti ringrazio tanto per la piacevole visita e ti auguro un sabato stupendo! :) Bacioni!

      Elimina
  83. Ely, come sempre non che cosa mi piaccia di più..se il tuo racconto, se la tua ricetta, se le tue foto...prendo tutto e grazie, grazie per essere tanto generosa!!Un abbraccio . Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, dolce Sandra, non a me.. sei una meraviglia. Un abbraccio grosso e una giornata stupenda. :)

      Elimina
  84. ciao Ely, come mi attirano queste polpettine, se poi aggiungiamo anche patate e carciofi, svengo.....
    Ma il basilico egiziano???? è indispensabile? ciao e buon week end

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felicissima che ti piacciano, cara! :D No, il basilico non è necessario che sia egiziano, se lo gradisci puoi mettere un po' di quello normale se ce l'hai.. o un'erba aromatica a tuo piacere! :) Io l'avevo preso e mi attirava il suo odore un po' dolciastro e speziato, così l'ho inaugurato.. ma ci mancherebbe, ogni erba all'interno è buona! :) Un bacione tesoro!

      Elimina
  85. un racconto molto avvicente che mi ha molto fatto pensare anche io che sono bello grande, la ricetta devo dire che fa da cornice di gran gusto un piatto molto raffinato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Carmine, sei molto carino! :) Spero che questa ricetta possa scaldare i tuoi giorni grigi e piovosi! Buon fine settimana e un bacione!

      Elimina
  86. Una bella storia dalla sapiente morale accompagnata da una delicata e originale ricetta. Piacevole lettura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei gentilissima, grazie di cuore :) Spero che tu possa passare un week end bello come lo desideri, cara! Un abbraccio! :)

      Elimina
  87. Ciao meravigliosa amica, una storia dolcissima piena di sentimento, è vero per accettare gli altri dobbiamo prima accettare noi stessi, beh mangiamoci questa tua zuppa deliziosa e tutto sarà più facile, bacioni a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao a te, amica cara! :) Grazie, sei sempre un tesoro! E' vero, mangiamoci questa zuppa calda e la voglia di sperare al meglio tornerà.. che dici, ti aspetto? Un abbraccione! :)

      Elimina
  88. Ely carissima,come posso scriverti in privato??
    Il tuo indirizzo di posta è quello riportato in fondo alla pagina?
    ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, tesoro! :) Scrivimi pure a elisa.caimi@gmail.com! Aspetto volentieri la tua mail, stella vera! :) Un abbraccio grande e una buona serata!

      Elimina
  89. Sei spettacolare Ely! Le tue foto sono splendide:-) ma sei una fotografa? La ricetta diventa ancora più invitante.. le polpette sono la mia passione.. Un bacio e luce e gioia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che gentile sei, dolcissima! No, non sono affatto una fotografa, anzi.. ahah, mi barcameno con le attrezzature 'del fotografo'! E' lui che mi da il suo influsso positivo, mi sa!! :D Queste polpettine sono molto magre e leggere.. ti aspetto per cena tesoro? :D Sarebbe bellissimo.. potrei farle assaggiare indirettamente al tuo angioletto/a! Ti abbraccio con affetto, amica mia! :)

      Elimina
  90. riesci sempre a far rallentare i ritmi, quando si viene qui ci si siede comodi, metti le persone nella condizione rara di fermarsi a pensare...leggerti è un toccasana e guardare le foto delle tue polpettine mi fa venire voglia di provare a farle...Buona domenica, un abbraccio forte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sarei veramente felice, dolce Chiara. Spero le proverai.. Grazie per queste parole tanto belle, che non sento di meritare. Sei un tesoro, davvero. Un abbraccio fortissimo a te e passa una domenica meravigliosa. Un sogno stupendo per ogni goccia di pioggia che sta cadendo... :)

      Elimina
  91. Ciao Ely, girando tra i blog sono approdata nel tuo magico bosco! Mi sembra di essere in una fiaba! Complimenti per la tua ricetta, davvero invitante, specialmente in quelle giornate fredde. Ti aspetto per un caffè,un abbraccio Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Corro subito da te allora, dolcissima! :) Il tuo caffè lo prendo volentieri! Benvenuta nel mio bosco e grazie, grazie mille per le tue parole! :)

      Elimina
  92. Ciao Ely eccomi da te!
    Mi assorbe un sacco il nuovo blog, devo ancora imparare bene a dare il giro ai miei post e alle mie nuove, preziose amiche! Ma sono felicissima di avervi conosciute tutte, siete preziose per me!
    Veniamo a te: sei incredibile, mentre leggevo mi sembrava di essere parte del racconto..in quella casa a sentire il profumo del caminetto e della zuppa....e volevo fare anche io una carezza a quel bimbo, creatura..Quanto è vero però: bisogna accettare e amare sè stessi per amare gli altri, ognuno di noi dobrebbe fare questo percorso. Ma sai, ogni tanto non è proprio così facile volersi bene, la vita purtroppo ti mette davanti a dure prove e così..Ed ecco che allora il mio pensiero va alle persone care, che ti prendono per mano e ti aiutano, come la mamma del bimbo del tuo racconto!
    Complimenti per la tua ricettina, è così gustosa...le polpette mi fanno venire in mente la mia infanzia..
    un bacione e buona domenica!
    Marisa
    Bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara Mari! :) Purtroppo so bene quanto sia difficile accettare se stessi, tesoro...così come so cosa siano le dure prove della vita, purtroppo. E' una vita che ci combatto. Ma è proprio da questo dolore, che può nascere amore. Tutto dipende da come noi affrontiamo il nostro disagio: possiamo arrenderci oppure possiamo usarlo per cercare di tirare fuori il meglio di noi, perchè la vita è un continuo imparare, un continuo lottare. E in questo le poche e vere persone che ci amano sono fondamentali.. Grazie di cuore stella e auguroni per il tuo bellissimo blog! :) Sono felice anche io di averti conosciuta, credimi. Sei speciale! Un bacione e felice domenica!

      Elimina
  93. Mi piace molto l'idea delle polpette così preparate. Chissà perché le trovo un piatto così confortevole. Piacciono sempre a grandi e piccini....

    Non conoscevo il basilico egiziano...che curiosa innovazione!

    Ps. La storia è sempre dolce e ci insegna sempre a pensare e meditare un attimo....prima di lasciarti qui il commento. Sei sempre dolcissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero.. sarà perchè sono simpatiche, rotonde, saporite! :D Ti ringrazio amica mia, di cuore. Sei tu ad essere sempre un vero tesoro! :) Ti abbraccio con tanto bene e ti auguro una dolce domenica! :)

      Elimina
  94. Ricettina in perfetta armonia col tempo di oggi. Quasi come la mia.. ahah :)
    Ma dove cavolo lo trovi il basilico egiziano?? :)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caraa! L'ho trovato ad una fiera dell'agricoltura, me ne sono innamorata.. anche se ha un bel caratterino da primadonna ed è una lotta farlo star bene tutti i giorni, con il freddo! Un abbraccio forte forte! :D p.s. la tua ricettina di oggi è uno spettacolo, eh?

      Elimina
  95. è così bello leggerti. ci si ritrova un attimo nella verità, più intima, accocolati sull'erba umida, vicino ad un albero, con la luce del sole che penetra a scaldare l'anima come le tue parole così vere e sagge...e poi, a riscaldare anche il pancino, un comfrot food così sapientemente bilanciato nei sapori e nelle consistenze. tu sei una fatina del bosco, non puoi essere vera... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo buona, dolcissima Aria.. magari, le fate sono sempre più belle di tutto e io non potrei mai nemmeno avvicinarmici :) Grazie per il tuo cuore puro e pieno d'amore. Io adoro te! :) E che buone le tue lasagnette di Kamut, cara.. mi hai reso felice, dato che anche io ho problemi di 'farine'!! Ti abbraccio forte! :)

      Elimina
  96. eccomi passo sempre più che volentieri a trovarti...mi arricchisco sempre leggendo i tuoi post e poi mi sorprendo con le tue fantastiche ricette!!!!Grazie di esserci Ely!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te di esserci, dolce Dory! Non a me.. tu sei una maestra in tutto e mi insegni sempre cose nuove! Sei una vera risorsa oltre che un'amica stupenda :) Un abbraccio e dolce domenica :)

      Elimina
  97. Conosci il film "la vita è meravigliosa"... a mio avviso insegna qualcosa. Me lo guardo quando sono proprio scoraggiata. Grazie per le tue belle parole! Un baciotto e buona domenica :)

    RispondiElimina
  98. sembra delizioso!
    se ti va passa da me! ti aspetto!

    RispondiElimina
  99. Le differenze...spesso sono difficili da accettare sia per noi che per gli altri! Le differenze,.. possono a volte invece darci la forza per essere diversi e farci volare contromano!
    Le plopette? Le adoriamo tutti in famiglia soprattutto la più piccola! Le faccio in un modo molto più spartano, ... ma la mia Lolla sostiene che le polpette della sua mamma siano le più buone del mondo!! Un abbraccio forte e buona domenica... quello che rimane di questa domenica!!!

    RispondiElimina