lunedì 29 luglio 2013

Coppette di pesche bianche al rum con crema al latte di quinoa e basilico cannella

Esisteva un tempo un piccolo arbusto povero e spoglio, dalla forma sinuosa e sottile.
Crebbe inaspettatamente nel campo verde di un contadino, isolato e solitario all'interno di una vasta distesa d’erba incolta. Difficilmente qualcuno lo avrebbe notato, se non fosse stato per quell'aria triste e malinconica che i suoi rami spogli e avvizziti comunicavano. Tuttavia, quella cronica secchezza e quella pelle bruna così avvizzita erano un tratto inconfondibile di quella creatura, specialmente quando l’arbusto passava ore a guardare distratto l’orizzonte con gli occhi velati di una placida malinconia.
E restava in piedi, silente, con il viso asciutto e la corteccia secca e tirata, screziata di tenue castano e toni biancastri; poche foglie si agitavano al vento, povere di vita in venature giallo paglierino.
Non v’era accortezza in grado di permettergli di rifiorire e di esplodere in frutti, di regalare al mondo un gioviale e luminoso sorriso. Non v’era rimedio utile che potesse donargli nuovo vigore e vitalità, foglie verdi e lucide o una forte e sana scorza.
Pareva sempre debole e in procinto di morire.
Vedendo in esso una possibile fonte di guadagno, il padrone del campo aveva comunque tentato in tutti i modi di porre rimedio alla sterilità del piccolo albero.
Aveva pensato che forse il terreno non era abbastanza fertile e nutriente, per questo aveva deciso di dissodare le zolle alla base rabboccando con del concime; non vide però alcun risultato, quindi tentò di ravvivare la sua chioma tagliando i rami che parevano essere d’impiccio.
Dando la colpa a qualche parassita, tentò di spruzzare del verderame e dell’insetticida, ma le sue foglie rimasero sempre gialle, cadenti. I suoi rami restarono spogli, privi di qualsiasi fiore; l’arbusto non diede mai nessun raccolto.
<Se quell'arbusto non fruttificherà, non mi sarà mai utile> pensò infine l’agricoltore <Pianta ingrata, ho speso così tanto tempo e denaro per te! Ho tagliato rami, spruzzato medicine, rassodato il terreno: non un fiore, non un frutto! Per questo ti abbatterò!> urlò furioso un giorno, in preda alla rabbia poiché non riusciva a capire in anni di esperienza dove aveva sbagliato.
Il debole fusto aveva quindi le ore contate. E si rassegnò.
Eppure il sole, nel suo ciclico cammino dall'alba alla notte, quel giorno lo notò: restò a lungo in silenzio ad osservarlo, mentre accarezzava le nuvole distratto, nel suo tragitto verso l’orizzonte. Inizialmente lo scrutò incuriosito, poi incontrò il suo fragile sguardo e provò un immenso senso di tenerezza: comprese con estrema facilità, con cuore puro e attento, il motivo di tanto disagio; capì in un istante quale fosse il male del minuto tronco. Allungò le sue braccia dorate verso il malinconico arbusto e iniziò ad abbracciarlo lentamente, di buona e calda luce; posò il tiepido viso di tramonto sui rami piccini, baciando le deboli foglie appassite; sorrise con grazia a quella modesta vita che non riusciva a fiorire.
Restò con lui a lungo, in quegli attimi di pace lucente, sussurrandogli parole dolci e zuccherine che trapassarono la bruna scorza malata. Poi si eclissò dietro l’orizzonte, per lasciare spazio alla notte.
L’indomani, quando l’agricoltore si avviò al campo brandendo deciso tra le mani una robusta accetta, ebbe una stupefacente sorpresa. Non riconobbe più il tronco esile e secco dell’arbusto che avrebbe voluto abbattere: al suo posto si ergeva fiero e verdeggiante un bellissimo e folto alberello, carico di frutti succosi e zuccherini. Avevano la bellezza piena e luminosa di un largo e caldo abbraccio, l’unico vero rimedio in grado di ridare la vita a quel fusto che avrebbe dovuto morire; un miracolo che aveva ragion d’essere solo nel sentimento, perché un’autentica cura spesso non è da cercare in mere esigenze materiali, quanto nelle profonde esigenze del cuore: questo l’agricoltore non l’aveva mai capito. Non aveva fatto altro che dare a quella creatura ciò che probabilmente gli serviva ma di certo non ciò di cui aveva bisogno davvero: un profondo e vero amore.
Ed ora quei frutti avevano il colore delle carezze amorevoli del tramonto e la dolcezza delle parole gentili sussurrategli dal sole prima che andasse a coricarsi; avevano la rotondità di un sentimento sincero, il tepore di un bacio nell'anima; vestivano di una sfumatura che ricordava la fine di un giorno e l’inizio di una nuova alba.
Avevano il volto sereno dell’amore e venne loro dato il nome di ‘pesche’.


Delle volte abbiamo tutto ciò che ci serve, eppure ci ammaliamo di tristezza e malinconia poiché non abbiamo, in fondo, ciò di cui abbiamo bisogno davvero: un forte sentimento d’amore.
Non esiste medicina più grande, bisogno più profondo, sentimento più necessario di quello che sgorga dal cuore; quello che non conosce il freddo dell’inverno o la morte, perché porta nell'anima un perenne abbraccio di vita.
Quello in grado di sanare ogni ferita e quello in grado di portare luce dove c’è ombra; di portare salute dove c’è malattia.
Perché nessuno può sostituire una carezza, il tepore di un abbraccio; mai, per nessuna ricchezza o privilegio materiale al mondo. E ci si scopre poveri anche quando si è ricchi; vuoti anche quando la nostra vita è apparentemente piena; poiché solo ciò che nasce dal cuore, in sincerità e affetto, può renderci realmente in grado di capire cos'è la vera felicità.

Coppette di pesche bianche al rum con crema al latte di quinoa e basilico cannella
(per ca. 6 coppette; ricetta senza glutine e senza lattosio)

Per la base della coppetta
Quinoa soffiata q.b.
1 cucchiaio di miele di castagno

Per le pesche in sciroppo
1 pesca bianca piuttosto grande
2 cucchiai di rum bianco (Bacardi Carta Blanca, senza glutine)
2 cucchiai di zucchero
2 cucchiai di succo di limone

Per la crema al latte di quinoa e basilico cannella
500 ml di latte di Quinoa e Riso (The Bridge)
70 gr di amido di mais
1 pizzico di sale
6/7 foglie di basilico cannella fresche* + 1 cucchiaino di zucchero
95 gr di zucchero
1 cucchiaino di margarina 100% vegetale (Vallé Naturalmente)

*se non disponete del basilico cannella, nessun problema: basterà procurarsi la stessa quantità di foglie di comune basilico e aggiungere mezzo cucchiaino da tè di cannella in polvere.

1 pesca bianca piuttosto grande
Foglie di basilico cannella per decorare q.b.
Gelatina alimentare spray (Fabbri, senza glutine; facoltativa)

Mescolare la quinoa soffiata ad un cucchiaio di miele di castagno, cercando di amalgamare bene. Porre la quinoa soffiata alla base delle coppette.
In un pentolino unire la pesca a pezzetti, il succo di limone, lo zucchero, il rum bianco. Cuocere fino a che i pezzetti di pesca non si saranno ammorbiditi e si sarà formato una sorta di sciroppo. Lasciare raffreddare. Nel frattempo preparare la crema: setacciare bene in una ciotola l’amido di mais e lo zucchero, con un pizzico di sale. In un mixer tritare finemente le foglie fresche di basilico cannella con un cucchiaino di zucchero, unirle al latte di quinoa e riso e portare a bollore. Rovesciare lentamente il latte caldo sulla miscela di amido di mais e mescolare con una frusta perché non si formino grumi. Porre di nuovo sul fuoco fino ad addensamento, poi spegnere e aggiungere mescolando un cucchiaino di margarina vegetale. Far raffreddare continuando a mescolare, poi coprire la crema con pellicola da cucina (in modo che venga a contatto con la crema stessa, eviterà la formazione di una fastidiosa patina). Lasciare riposare per ca. 20 min. in frigorifero.
A questo punto distribuire sulla quinoa soffiata le pesche in sciroppo, aggiungere la crema di quinoa e basilico cannella (aiutandovi se preferite con una sac-a-poche) e infine preparate la decorazione.
Lavate bene una pesca e tagliatela in tanti spicchi sottili. Posizionarli sulla crema nella coppetta, cercando di formare una ‘rosa’ con le fettine di frutta (nulla vi vieta però di tagliare la pesca a dadini o in una forma che preferite!). In ultimo, aggiungere a decorazione le foglie di basilico cannella e se desiderate lucidate con un po’ di gelatina alimentare spray (se volete ometterla e far sì che la frutta non si scurisca, basterà usare del semplice succo di limone in cui passare le fettine di pesca prima di posizionarle sulla crema). Servire fresche.

Un abbraccio di buona e calda luce a tutti voi.
Che l’amore vi avvolga, donando sempre al vostro cuore i toni rosati di una pesca.

Ed ora a riposare: dopo la tromba d’aria di oggi, il disperato tentativo di salvare le piantine in giardino, le secchiate d’acqua prese, le raffiche forti di vento freddo e il fango fino alle ginocchia, i rami spezzati, la scomparsa nell'atmosfera persino dei bidoni dell’erba secca e dello stendibiancheria (spero che qualche marziano lassù ne faccia buon uso)… ho bisogno davvero di aspettare l’alba di domani. E il sole, per favore!

173 commenti:

  1. Tesoro dolce, le tue parole sono come le rosee dita dell'Alba...sfiorano delicatamente l'anima. Tutta quella luce che l'alberello ha ricevuto, è la stessa che tu doni a noi ogni volta che scrivi piccole preziose perle come questa.
    Poi la coppetta....gnam!!! La quinoa soffiata devo troppo provarla!
    Un abbraccio immenso, pieno della Luce che solo l'Amore ha....
    Reb

    RispondiElimina
  2. Ciao Ely!
    Carissima!!! Tu sei una persona meravigliosa, leggendo il racconto ci si sente attraversare dal calore dell'affetto che amorevolmente porgi ad ognuno di noi. La tua calda luce arriva ancora più brillante che mai. La forza di un abbraccio sincero, il bene autentico e il dare senza ricevere possono davvero cambiare la sostanza delle cose. Grande!
    Le pesche sono così incantevoli tanto da sembrare delle lucide rose. Complimenti anche per le foto sei un'artista! ;)
    Ti auguro un buon riposo..mi dispiace molto per la giornataccia.
    Un mondo di baci! <3

    RispondiElimina
  3. Ma che belle, queste le metto su Pinterest se non ti dispiace, qui le pesche non hanno lo stesso sapore che in Europa e mi mancano molto. E poi mi piace l'idea del colore del tramonto, che bella espressione :-)

    Ciao
    Alessandra

    RispondiElimina
  4. Che delicatezza le tue coppette hanno,sembrano delle rose consacrate,pure,candide dal lieve colore rosa dato dal sentimento,dalla timidezza....incantevoli!
    come anche il racconto che trovo intenso....cosa c'è più bello,puro e indispensabile dell'amore....inteso in ogni suo forma.
    Mi hai incantata stasera.....
    Z&C

    RispondiElimina
  5. Un postre maravilloso amiga original con quinoa me gusta mucho ...de lujo en copas,saludos y abrazos.

    RispondiElimina
  6. Bene e dopo questo dolce racconto posso iniziare la giornata !
    Belle queste coppette di pesche perfette per questi giorni caldissimi!
    Un abbraccio e felice giornata carissima

    RispondiElimina
  7. Mhhh che buono,immagino il sapore e il profumo.Buona giornata carissima! T.V.B.B.B.B.

    RispondiElimina
  8. ...il sole si, ma il sole sei tu.la pesca è il frutto al quale sono più allergica,potrebbe farmi morire, ma presentata così...potrei dimenticarmene dalla golosità e rapita dalla bellezza. che è la tua bellezza, la bellezza delle tue parole, delle tue immagini, dei tuoi occhi. sei un tesoro prezisoso, la bellezza è in ogni cosa che fai.

    RispondiElimina
  9. Cara Ely, come al solito mi sono persa nel tuo racconto...premesso che adoro le pesche, sono anche io fermamente convinta che l'amore sia la vera medicina..l'amore in tutte le sue declinazioni.
    Queste coppette sono uno spettacolo ! Ti abbraccio.
    tbtttb <3

    RispondiElimina
  10. "perché un’autentica cura spesso non è da cercare in mere esigenze materiali, quanto nelle profonde esigenze del cuore"..... peccato che tutto questo sia avvenuto dopo che l'agricoltore ha palesato la sua condanna..... e che questo abbia magari potuto far intendere che la minaccia sia stato il motivo di tanta trasformazione. E' molto bello e molto vero, ciò che scrivi. Purtroppo il mondo è un po' restio, nei grandi numeri, a notarlo. E mi si stringe il cuore a constatarlo, quanto mi si scalda a leggere la tua sensibilità e ad accorgermi di chi, come te, sa vivere dell'essenziale. Grazie della tua capacità di osservare, arrivare al cuore e sorprendere.
    Hai ragione quando dici "delle volte abbiamo tutto ciò che ci serve, eppure ci ammaliamo di tristezza e malinconia poiché non abbiamo, in fondo, ciò di cui abbiamo bisogno davvero: un forte sentimento d’amore": io mi sento, per me stessa, la prova vivente di questo concetto. Vivo di essenziale, di sentimenti e di passioni e anche se costa qualche rinuncia materiale, arricchisce l'anima e la vita stessa di gioia pura!
    Queste coppette sono la fine del mondo..... GRAZIE Ely, sei una grande persone!

    RispondiElimina
  11. condivido! le tue pesche sono favolose!! bacioni

    RispondiElimina
  12. Gnam,gnam!Che golosita!Un dolce molto raffinato e buonissimo!
    Un bacione forte da Grecia,carissima!

    RispondiElimina
  13. un racconto meraviglioso e commovente. E non disdegno nemmeno le pesche, mio dolce e zuccherino frutto preferito.
    Ma... che è il basilico cannella?

    RispondiElimina
  14. E' proprio così. A volte abbiamo il superfluo e non sentiamo ugualmente felici. Ma questo, da un parte mi consola, perché in questo modo, tutti noi, ricchi e poveri, potremo essere felici, un giorno, se abbracciati da tanto amore. E come sarebbe bello se anche i nostri bambini imparassero la lezione e vivessero la vita donando amore ed appagando i bisogni più delicati delle persone che li circondano...

    In quanto alle pesche bianche, poi... io le adoro e Matilde non ne resta senza nemmeno un giorno. Oltre che buone, hanno quella buccia vellutata e chiara che mi ricorda le gote della mia piccola il giorno in cui è nata....
    Baci
    Elli

    RispondiElimina
  15. cara Ely, che racconto fantastico e travolgente...e che dire di queste coppe? che grande artista sei tu...sono semplicemente favolose...non conosco il basilico cannella, ma che sapore ha?

    ps. ieri ho comprato il curaçao ( trovato finalmente) e ti ho pensato! :)

    RispondiElimina
  16. Perché nessuno può sostituire una carezza, il tepore di un abbraccio

    Nulla di più vero tesoro...nulla di più vero.
    I tuoi dolci sono di una dolcezza infinita, come il tuo racconto.
    Mi mancavi e lo sai.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  17. Ciao tesorina, che coppette meravigliose... me ne servirebbe giusto una per carburare in queste giornate grigie.
    Buona Giornata amica!

    RispondiElimina
  18. Brava Ely. Sia per la ricetta (sono stupendissimi i bicchieri con le pesche sembrano rose appoggiate in un bicchiere) che per il racconto.
    Scusa se non ti ho risposto prima ma sono arrivate mia mamma e la mia ex suocera ed in casa regno un pochino di confusione e di isteria (del mio ex marito ovviamente...). Sto un pochino meglio. Ti penso sempre. Un abbraccio fortissimo.

    RispondiElimina
  19. Cara Ely un racconto bellissimo, che come al solito mi tocca sempre il cuore!!!
    Sei una persona speciale e unica.
    Una ricetta magnifica e molto elegante complimenti.
    Un bacio grande grande grande <3 <3

    RispondiElimina
  20. Complimenti per il tuo meraviglioso racconto e per queste splendide pesche composte a forma di rosa,un'idea originale e raffinata, bravissima!!!! Un bacio e felice giornata

    RispondiElimina
  21. Che belle parole e che ottime coppette ai fiori di pesca. Spero che il sole sia tornato anche da te e che i danni non siano gravi.
    un abbraccio
    Su

    RispondiElimina
  22. Cara Eli come concordo con te!Basta un po' d'attenzione,un po' d'amore!Vale per tutti gli esseri della terra.Deliziosa la ricetta!Un bacione grande!Rosetta

    RispondiElimina
  23. I hope you’re moving closer to where I live.

    RispondiElimina
  24. Tesoro no, la tromba d'aria nooooo, che se ne faranno i marziani del tuo stendino mannaggia!!! Ma che tempo assurdo!
    Ti auguro tanto sole d'ora in poi, che ti accarezzi le guance e asciughi i capelli e che ti faccia fiorire in un abbraccio immenso!
    Tvb!!!

    RispondiElimina
  25. E' proprio vero, Ely, hai ragione come sempre. quello che ci cambia davvero la vita sono i sentimenti, ciò che viene dal cuore ha una carica talmente forte da modificarci radicalmente.
    Mamma mia, ieri ci sono stati davvero dieci minuti d'inferno, però per fortuna il temporale ha portato un po' di fresco! Non ne potevo più di quel caldo appiccicoso!!!
    Ma il vento ti ha risucchiato lo stendino allora??? Ma che barba...

    Complimenti per la ricetta, fresca ed estiva!
    E un abbraccio grandissimo cara!
    Tvb!

    RispondiElimina
  26. Amica mia i tuoi racconti mi rilassano sempre tantissimo sei troppo brava e le tue ricette sono sempre tanto particolari quanto buone che mi incuriosiscono tantissimoooo,un bacione grande ;-)

    RispondiElimina
  27. Eccomi Ely spesso vengo ma non lascio tracce perchè è così bello ciò che scrivi che non vorrei essere banale,stavolta però mi fermo perchè mi hai colpito nel profondo,in fondo quelle pesche siamo un pò tutti noi sempre alla ricerca di qualcosa e sempre insoddisfatte di ciò che abbiamo perchè in realtà ci mancano le attenzioni,la compagnia,il vero sentimento e il rispetto.
    Sei davvero un angelo tu con le tue dolcissime parole.
    Che dire poi delle coppette sono una perfezione proprio come te <3

    RispondiElimina
  28. Eccomi, finalmente la mia connessione è operativa al 100% io non molto, ma va bene lo stesso....mi auguro che un giorno il sole si dedichi a me e mi porti un poco di serenità....bacio e buon martedi!

    tvb

    RispondiElimina
  29. Come è vero Ely.. a volte un abbraccio ricco di affetto vale più di altre cure!!! Sei semrpe così sensibile mia cara!!! Buonissime le tue coppettine invece.. :-) un abbraccio forte a te allora!!!

    RispondiElimina
  30. Che racconto meraviglioso!!!e le pesche una delizia x il palato!! Ma questo basilico cannella cosa mai sarà...!?
    Buona giornata Tiziana

    RispondiElimina
  31. Che bello quello che ci hai raccontato! Bellissimo post e che dire della ricetta fantastica! Baci simona

    RispondiElimina
  32. Che eleganza cara!
    Un abbraccio forte forte

    RispondiElimina
  33. Ma che spettacolo tesoro, che grazia, che armonia di colori....
    Meraviglioso!
    Meraviglioso il racconto.
    Un bacione grande Ely

    RispondiElimina
  34. Una coppetta fantastica. Come il post.
    Sempre bel racconto.
    Un abbraccio.
    Thais

    RispondiElimina
  35. una ricetta molto originale ma raffinatissima

    RispondiElimina
  36. Le storie che ci proponi riempiono il cuore di calore ed affetto e fanno ben sperare.
    La ricetta è super golosa.
    baci

    RispondiElimina
  37. Admiravel, Eli.

    Hoje o meu blogue esta mais encantador. Depois do seu comentário.
    Muitas, felicidades, para você.
    Abraços, do Brasil.

    RispondiElimina
  38. Que rica fruta.
    Muy bonita la presentación.
    Un saludito

    RispondiElimina
  39. E' vero Ely, a volte un abbracio una coccola vale più di molte cure e parole. Le tue coppette sono fantastiche , un perfetto connubio di sapori. Le foto sono bellissime. Un abbraccio Daniela.

    RispondiElimina
  40. Dolce Ely è vero che il calore e la coccola di un abbraccio caldo e pieno di affetto è solo quello di cui abbiamo bisogno a volte, pur non sapendolo davvero. Oppure non ne riconosciamo la necessità. Basta lasciarci andare per un momento e esserne pervasi. Con gratitudine e felicità. Quelle pesche tagliate così sembrano visual food tanto sono perfette, amo questo frutto, coccola estiva per i miei occhi e le mie papille. In una coppetta così deliziosa poi deve essere sublime. Mi piace l'accostamento che fai degli ingredienti, fresco-dolce-acidulo. un bacio grande a presto mony***

    RispondiElimina
  41. Mamma mia, da togliere il fiato! Bravissimissimissimissimissima!
    Bacini!
    P.s. Grazie per Grazia (simpatica, che sono)!
    ti voglio bene!

    RispondiElimina
  42. Hai sempre degli splendidi pensieri da condividere con noi. Grazie.
    Questo dessert è molto particolare, goloso e di grande effetto.
    Un caro saluto

    RispondiElimina
  43. Mi spiace per le tue piantine, ci mettiamo sempre tanto amore e poi quando vengono danneggiate o muoiono è impossibile non dispiacersene. Spero che oggi sia tornato il sole! Ottime le tue coppette, sembrano proprio delle roselline! Un bacione :*

    RispondiElimina
  44. Già tutto quello che abbiamo veramente bisogno è un abbraccio caloroso ed amorevole.

    Belle a vedersi le tue coppette, immagino il sapore avvolgente.

    Un abbraccio di buona e calda luce a te!

    RispondiElimina
  45. come sono vere le tue parole amica mia....a volte mi rendo conto che per me è proprio così!
    Ti abbraccio forte e mi rubo uno dei tuoi bicchierini davvero meravigliosi......
    tvtttbbbbbbbb

    RispondiElimina
  46. parole sante amica mia,siamo sempre insoddisfatti,ci manca sempre qualcosa e non pensiamo mai che abbiamo bisogno solo di un abbraccio e che le cose materiali hanno un ruolo secondario...queste coppe alle pesche sono uno spettacolo di golosita'...un abbraccio ed un bacio :*

    RispondiElimina
  47. Viviamo nell'era del possesso, accumuliamo freneticamente beni materiali che ci regalano gioie effimere, possiamo anche accorgerci (e non sempre lo facciamo) delle sofferenze esteriori, ma difficilmente sappiamo riconoscere quelle interiori. L'abbraccio di luce lo hai riversato meravigliosamente in queste coppette, le pesche tagliate a dadini non avrebbero sortito lo stesso effetto. La tromba d'aria ha fatto i suoi danni, e mi dispiace. Ma il sole torna a splendere, sempre! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  48. l'Amore, solo l'Amore ci salva dal baratro del quotidiano....
    meravigliosa ricetta...gioiosa e solare!!! un bacione!!!!

    RispondiElimina
  49. Ciao, un'altro meraviglioso racconto con un forte messaggio d'amore che condivido appieno!!!
    Bellissima la presentazione a rosa delle buonissime pesche che rendono ancor più invitanti le tue deliziose coppette!!!
    Mi dispiace per la terribile giornata, una tromba d'aria che travolge e distrugge, per fortuna torna sempre il sole, anche se non ti riporterà lo stendibiancheria!!!
    Baci

    RispondiElimina
  50. Che brutta giornata mi dispiace! Bellissimo questo racconto il suo messaggio è semplice e profondo il tuo pensiero è troppo vero. Spero che quelle persone che perdono la speranza possano godere anche loro di un caldo abbraccio che li faccia tornare a star bene...intanto mi gusto questo fantastico dessert in tutta la sua bellezza e bontà . Un abbracci

    RispondiElimina
  51. Un abbraccio pieno di affetto è quello che ti darei ora per cciò che hai scritto cara... Le tue coppette poi, sono pura poesia!!!

    RispondiElimina
  52. Cara Ely..ma come stai?Ma anche la tromba d'aria!!!!Anche qui poco lontano da casa mia ce n'è stata una un paio di settimane fa e ha letteralmente spazzato via case e alberi....La natura ormai si sta ribellando...Allora vedi che forse le paroline d'amore che dico ai miei alberi da frutto a qualcosa servono :-) ad oggi ho una ventina di pesche, 4 cachi, ma le albicocche forse non le hanno sentite :-(Che meraviglia le tue coppette...e quelle roselline...potrei riuscire anch'io a farle...ma solo quelle :-) Ti abbraccio forte forte e spero sia tornato anche il sole ad abbracciarti un bacione Micol

    RispondiElimina
  53. Ely è così facile lasciarsi prendere dal tuo racconto e dal suo messaggio d'amore! Splendide le coppe, belle e tenere come le tue parole. Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  54. Tesoro mi dispiace tanto per il tuo giardino che coccoli con tantissima cura (mica come me, che le piante campano x miracolo..)..oggi c'è il sole a rischiarare e scaldare i nostri animi, godiamoceli :-D
    L'amore si trova in ogni cosa che ci circonda basta solo riuscire a vederla..dai ce la possiamo fare ^_^!
    Buonissima la tua ricetta che come sempre ha quell'amore e delicatezza che ti caratterizza..un bacio<3
    la zia Consu

    RispondiElimina
  55. e dopo questo tempaccio finalmente è arrivato il sole, come nella vita d'altronde ! delizioso il tuo dessert ottimo dopo una cena tra amici! ciao , baci baci!

    RispondiElimina
  56. Ely cara, è verissimo, certe volte non ci si rende conto che un gesto, una carezza, un bacio sono la cura migliore, sono le cose di cui abbiamo più bisogno, ma chissà perché ne siamo più avari!!! Che meraviglia le tue coppette alle pesche, semplicemente deliziose, anche le foto sono stupende!!!
    Ti abbraccio forte <3<3

    RispondiElimina
  57. mHHH, mi servirebbe una come te, qui vicino a ripetermi queste parole.... va bhè, mi tiro su guardando questo dolce che sembra un sogno. Bacio.

    RispondiElimina
  58. quanto trovo vere le tue parole... sapessi mi hanno fatto passare un brivido profondo... però in me una certezza: c'è sempre in questa vita una persona, un qualcuno, chissà dove in grado di capirci, di capire quello di cui abbiamo veramente bisogno... e questo lo chiameremo amore! Le pesche? Stupende e che colori... Tvb!

    RispondiElimina
  59. sorellina bella,il latte di quinoa mi mancava,sei stupenda sei,ogni volta una fonte di informazioni e storie meravigliose...come vanno le cose?ti mando un abbraccio fortissimo,che anche se virtuale spero arrivi a destinazione:))))))

    RispondiElimina
  60. queste coppette cara Ely sono assolitamente fantastiche, come lo sei tu!!!! Mi dispiace per il tuo giardino, so con quanto amore lo curi... Coraggio cara, oggi c'è già il sole... tvb bacioni!!!!

    RispondiElimina
  61. il tuo animo gentile arricchisce tutte noi che passiamo a trovarti...non riesco a dire altro, sei davvero una donna speciale, ti abbraccio forte...

    RispondiElimina
  62. amica mia resto sempre ammaliata dai tuoi racconti ma tra tutti quelli letti fino ad ora credo che questo di pesche sia quello che mi ha colpito piu di tutti!!
    che dire poi delle tue coppette??fantastiche,proprio come te!!
    un abbraccio grande grande!!

    RispondiElimina
  63. Carissima Ely, è davvero così... quanta verità nelle tue parole!

    Mi dispiace davvero tanto per i disastri provocati dalla tromba d'aria, ci sono stati forti temporali anche da noi, a casa mia non è successo nulla ma ho visto in giro alberi e tetti divelti...

    Non posso salutarti senza farti però i complimenti per queste pesche davvero scenografiche, ho stampato la ricetta, voglio provare a prepararle!
    Buona serata

    RispondiElimina
  64. Ehi..ben trovata! Sempre un piacere leggerti...anche se questa volta non condivido, ma forse non ho copreso bene il senso. L'amore per crescere, essere felici, invecchiare sereni non può venire dall'esterno, ma solo da se stessi...puoi essere amato quanto ti pare ma se non ti ami non riesci a trasmettere nulla...Spesso se non si ama non si accetta neanche un caldo abbraccio...TVB cri
    P.S. La tua dolcezza e sensibilità traspaiono sempre in ciò che prepari: tutto curato nel minimo dettaglio...

    RispondiElimina
  65. wow Ely, che dessert buonissimo e molto molto molto chic!!!

    RispondiElimina
  66. Una receta con una presentación espectacular!.
    Gracias Ely por pasar a saludarme siempre
    http://siempreseraprimavera.blogspot.com

    RispondiElimina
  67. Quanto è vero quello che dici, basta una piccola attenzione,una carezza, per farci sentire meglio; nessuna ricchezza materiale può sanare le nostre ferite, se non un gesto d'amore! Mi dispiace per il mal tempo che ha causato dei danni al tuo giardino, almeno adesso è ritornato il sole! Bellissime e golose le tue coppette di pesche! Un bacione grande!

    RispondiElimina
  68. Bellissime queste coppette!!!
    Immagino il sapore e il profumo...!!!! ^__________^

    RispondiElimina
  69. Sei meravigliosa Ely, nei tuoi racconti, nelle tue ricette, con tutte noi.. <3

    Inutile dirti che queste coppette sono perfette, bellissime davvero ^_^
    Un bacio grande dolce Ely :*

    RispondiElimina
  70. Cara Ely non potevi dire niente di più vero!!!
    L'amore guarisce ogni male e penso che sia l'unica cosa per la quale valga la pena vivere.
    Stupenda la tua coppa di pesche!!!:-)

    RispondiElimina
  71. E' proprio così, spesso si cerca di supplire alla mancanza di amore, con mille oggetti inutili, surrogati di bisogni più intimi e profondi.
    Le tue coppette sono deliziose, è proprio il caso di dire, una gioia per gli occhi e il palato! :-)
    Un bacio cara Ely

    RispondiElimina
  72. ...l'amore...
    ne parliamo tanto da abusare nei termini nelle inflessioni e nelle parole, e si che tutto riconduce sempre ed inesorabilmente ad esso...

    RispondiElimina
  73. ..che aspetto delizioso che hanno queste coppette di pesche!! come al solito bravissima :-)!
    Bacetto Eli

    RispondiElimina
  74. Cara Ely, spero prima o poi nella mia vita, di assaporare quel sentimento di pienezza che descrivi qui. E' un periodo un po' così, un po' malinconico, spero che passi anche per me e che ci siano attimi felici di frutti zuccherini:)
    Le tue coppette sono particolarissime, come sempre, belle le pesche disposte così!
    Smuack:*

    RispondiElimina
  75. Ciao dolcissima Ely, ci ritroviamo...
    quanta verita' nel tuo racconto.... se solo lo ricordassimo sempre......
    golose e fresche le tue coppette.. c'è sempre da imparare qui da te...
    un abbraccione

    RispondiElimina
  76. Cosa dire di fronte alla dolcezza di questo racconto ed alla bellezza della tua ricetta, resa ancora più magica dalle parole che la introducono? Nulla. Meglio tacere d'ammirazione! un abbraccio :)

    RispondiElimina
  77. meraviglioso il tuo racconto Ely! le coppette sono da copertina!davvero stupende! baci a presto!

    RispondiElimina
  78. Amica cara, passo in ritardo ma anche tra mille impegni non rinuncerei mai a leggere le tue bellissime parole, come questo racconto che esprime a pieno il significato dell' amore vero ,incondizionato, che ci puo' far rinascere.E le coppette cara.... sei una grande artista della parola e del cibo. Bacioni stella.

    RispondiElimina
  79. Ogni tuo racconto è motivo di meditazione...ed in questo caso mi sono ritrovata a chiedermi se a chi voglio davvero bene do' abbastanza o solo lo stretto necessario per sopravvivere!!!
    E poi mi dico, ma ti sei resa conto di che bocconcino hai creato?
    Un abbraccio caldo come il sole

    RispondiElimina
  80. Ely, a leggere i tuoi post si rimane sempre incantati... ma questo... quanto amore e delicatezza nelle tue parole, mi hai fatto viaggiare con la mente, la fantasia e il cuore. Non ho parole, davvero. Bellissimo post, bellissima ricetta, bellissima persona che sei. Un abbraccio, continua sempre così!

    RispondiElimina
  81. Fantastica Ely hai una sensibilità ed una delicatezza nel creare in cucina e nello scrivere che credo poche persone posseggono :) Rimango affascinata ^-^ E' vero il sentimento dell'amore (in tutte le sue forme e verso qualsiasi creatura) è forte ed intenso, il più bel regalo che la vita ci possa dare :)

    RispondiElimina
  82. un racconto molto toccante. A parte il parallelo con l'uomo, mi è venuto in mente che mia madre ogni volta che minacciava di far fuori una pianta perché si rifiutava di fiorire, ecco che questa iniziava a farlo. Come se la minaccia della morte avesse innescato un desiderio di vivere, una specie di istinto di sopravvivenza. Anche per la pianta infondo il sole c'era sempre stato, ma è stata in qualche modo lei ad accorgersene. Quello che voglio dire è che spesso non ci accorgiamo che comunque accanto a noi c'è o ci può essere qualcuno che ci vuole bene. Credo più che per la trasformazione si debba prima trasformare noi stessi, poi il nostro mondo cambierà di conseguenza.
    Splendida anche la ricetta!

    RispondiElimina
  83. queste coppette mi hanno lasciata a bocca aperta... hai l'arte nelle mani...sia per cucinare che per scrivere!
    Complimenti davvero!
    ;) baciuz

    RispondiElimina
  84. Ma come? Una tromba d'aria??? naaaa questo clima sta impazzendo :(
    Però il tuo racconto ci fa pensare al meglio...e la ricetta...meravigliosa!!!

    RispondiElimina
  85. Che splendido racconto, che meravigliose parole e che pesche straordinarie!! Sembrano rose appena colte...quanta dolcezza che hai nel cuore. Grazie mille per le bellissime parole...
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
  86. Ciao Ely, come al solito la poesia regna sovrana nel tuo post e non si può mai dire se sia più dolce nel racconto o nella ricetta! TVB

    RispondiElimina
  87. Le coppette sono una vera meraviglia Ely...e hai ragione amica...se hai ragione. Un abbraccio..a volte non serve altro, davvero...leggerti è sempre bello, con le parole tu cambi il volto alle giornate.
    Sei speciale, lo sai vero?
    TVB, ti auguro buone vacanze se sono prossime amica. <3
    Un abbraccio forte, Roberta

    RispondiElimina
  88. intanto mi hai incollato allo schermo con questi bicchierini spettacolari!!! l'amore... un tempo credevo fosse una cosa semplice, adesso mi rendo conto di cosa vuol dire, di quanto vada al di la di un "semplice" sentimento tra due persone.. è quello che ti fa continuare a vivere, è quello per cui vivi.. le sue sfumature sono tutta la nostra vita!!! mi piace passare da qui perchè tu sei speciale.. te l'ho già detto!?!? e poi perchè mi fai riflettere!! e poi perchè fai dei dolcetti spettacolari!!!!!! buona notte tesoro mio!!!!

    RispondiElimina
  89. è sempre bello lasciarsi trasportare dalle tue parole e le tue creazioni sono sempre molto particoalri.l'abinamento poi è super!

    RispondiElimina
  90. Ciao tesoro,
    che bello sei tornata :) mi sei mancata tantissimo!!!
    Questo racconto è bellissimo come tutti!
    E che dire della ricetta una sciccheria :D BRAVISSIMAAAAAAAA!!!
    Ely cara spero ti faccia piacere se ti lascio i link dei miei nuovi blog :)
    ne ho creato uno per inserire i miei amati disegni

    http://larteeisuoicolori.blogspot.it/

    e l'atro per inserire le mie adorate poesie :)


    http://lepoesiedelcuore.blogspot.it/


    Ne sarei davvero felice se mi venissi a trovare anche lì!
    T.V.T.T.BENE Bacioni!

    Antonella

    RispondiElimina
  91. Ciao Ely, che bello poter leggere i tuoi racconti sempre perfettamente abbinati a queste ricette fantastiche! Un abbraccio e buona giornata!

    RispondiElimina
  92. Tesoro mio..grazie per essere subito passata a salutarmi.
    Ti vogliamo bene anche noi, le mie bimbe ti salutano e ti abbracciano.
    E' bellissimo quello che sta succedendo tra blogger..volersi bene anche se non ci conosciamo. E' fantastica la rete.
    Basta ora..mi gusto virtualmente una coppetta di pesche fatta con amore per noi.
    Ti abbraccio e ti auguro una serena estate.
    baiotti.
    Inco

    RispondiElimina
  93. Un saluto veloce per augurarti buon agosto, ci rivediamo a settembre!
    Baci
    Alice

    RispondiElimina
  94. Sei così sensibile e dolce che l'amore delle tue parole trapassa il monitor. Deliziosi i tuoi "fior di pesc...a" :-). Un bacio, carissima

    RispondiElimina
  95. sei insuperabile, un genio mamma mia che ricetta, mi hai dato diverse idee su come utilizzare cosine che ho nell'armadietto, grazie

    RispondiElimina
  96. sei una donna meravigliosa, di una specie rara Ely!

    RispondiElimina
  97. Tesoro mio ciaooooooo,voglio risponderti qui,anche se prima di farlo mi scuso questa sera per non aver letto la tua storia,sto cercando di rispondere a tutte e non ho molto tempo,detto questo,voglio ringraziarti pubblicamente per il tuo dolcissimo commento,Ely tu mi lasci sempre una bella sensazione,penso che tu sia una persona speciale e piena di cose belle da regalare a chi ti sta accanto!!
    Ti voglio bene anche io!!
    Passerò a leggere con calma i tuoi bellissimi post che sono anche da insegnamento!!
    Ti abbraccio forte forte e grazie ancora!!
    Sabry!!

    RispondiElimina
  98. Finalmente riesco a commentare! Ottime queste coppette e tu sei una persona speciale.

    RispondiElimina
  99. Sei fantastica Ely, così come i tuoi racconti e le tue deliziose preparazioni!!
    Sono davvero felice di risentirti!!!
    Un bacio enorme e complimenti per tutto quello che fai
    Carmen

    RispondiElimina
  100. incantevoli le coppette accompagnate dalle tue parole che sono come calde carezze
    grazie di cuore cara

    RispondiElimina
  101. "Delle volte abbiamo tutto ciò che ci serve, eppure ci ammaliamo di tristezza e malinconia poiché non abbiamo, in fondo, ciò di cui abbiamo bisogno davvero: un forte sentimento d’amore."

    Ciao Ely quanto è vero quello che hai scritto, mi ritrovo tantissimo in queste tue parole...Ti voglio bene Ely grazie per regalarmi un po' di conforto in quello che scrivi...
    (Le coppette sono una poesia, fantastiche come te).
    Un bacio grande grande.

    RispondiElimina
  102. Ely, io non ho mai parole quando ti leggo.... mi commuovi sempre!!!
    e non ho parole per la deliziosa coppetta con le pesche... ma che mondo di bene che ti voglio!!!!

    RispondiElimina
  103. Ciao Ely, la presentazione di questa coppetta è deliziosa. Mi ha commosso il tuo post, scrivi delle cose bellissime, poetiche e tanto vere. Anche a me ha colpito molto questa frase che hai scritto alla fine 'Delle volte abbiamo tutto ciò che ci serve, eppure ci ammaliamo di tristezza e malinconia poiché non abbiamo, in fondo, ciò di cui abbiamo bisogno davvero: un forte sentimento d’amore'. Ti abbraccio fortissimo.

    RispondiElimina
  104. Il racconto di questa ricetta è seguito da delle foto altrettanto splendide.. Complimenti

    RispondiElimina
  105. Bello bello bello il tuo racconto.. L'alberello, che tenerezza... Mio nonno mangiava sempre le pesche col vino nel bicchiere! Me lo hai ricordato!!

    RispondiElimina
  106. Ely.. è proprio vero che sei un'anima splendente!! L'ho sempre pensato ma ora ho la conferma! E' come se tu avessi scritto su di me.. nella mia vita mi sono sentita come quell'albero secco.. ma poi ho ricevuto la magia e la linfa di un abbraccio di amore puro.. e ora sono splendente e forte! :-)
    Racconto meraviglioso! :-)

    p.s. ti ho inviato una mail.. ti è arrivata? un abbraccio forte!

    RispondiElimina
  107. cara dolce Ely ti ho sempre nel cuore...se riesco domani ti scrivo una mail... la tua ricetta mi ha incantato al primo sguardo un super abbraccio tvb amica mia

    RispondiElimina
  108. Che bellezza, Dio mio!
    Sei incredibile!
    Non ho altre parole ...
    Ap'tin tanti baci nel mio cuore, il mio caro amico!

    RispondiElimina
  109. Troppo buone per essere vere! Sono un sogno! Rose meravigliose...Tanti complimenti! Se ti va passa a trovarmi quando vuoi. Ne sarò felice! Annalisa lacucinadellaportaccanto

    RispondiElimina
  110. E io lo mando a te, con tanto affetto, tutto il mio abbraccio, la mia carezza e il mio sorriso... Perà in cambio mi prendo una delle tue coppette con la mia frutta preferita.... Un abbraccio grande!!!

    RispondiElimina
  111. Parole sante Ely... È proprio così, nulla può sostituire l amore, non possiamo vivere senza...o comunque quando lo facciamo non stiamo bene e ci ammaliamo di tristezza...
    Splendida ricetta carissima... Sei un tesoro, un bacio enorme

    RispondiElimina
  112. Sono appena rientrata dalle vacanze e noto che mi ero persa queste coppette....rimedio subito! Troppo buone :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  113. Wooowwww, che meraviglia!!! Io non so se avrò mai la pazienza di disporre in maniera così carina le pesche!! Il latte di quinoa non lo conosco, dovrò provarlo! Ti mandiamo un grosso abbraccio e ti siamo vicini per la tromba d'aria... l'abbiamo sperimentata anche noi da poco e non è per nulla piacevole... però poi torna il sole :)

    RispondiElimina
  114. Ely amica mia queste coppette sono favolose!!!!! hai un modo di preparare le ricette che va al di sopra di ogni immaginazione.Sono ,belle,originali,e tutte le volte resto senza parole!!!!Un abbraccio di cuore,e se non ci si sente,buonissime vacanze!!!TVB Anna

    RispondiElimina
  115. E' incredibile come tutte le volte tu riesca a centrare in pieno tanti stati d'animo che mi hanno attraversato, tante riflessioni che ho fatto, periodi della vita che ho vissuto, qui so di trovare sempre qualcuno che mi capisce, e infondo, ogni tuo racconto è davvero una medicina, caldo abbraccio che rincuora.
    E le sono sicuramente anche le tue coppette, lo sento un po' già da qui :)
    un bacio grande Ely :)

    RispondiElimina
  116. Ciao Ely! come è andato il matrimonio di tuo cugino?? E il viaggio?? Riposati ora, mi raccomando! :)
    Qui da me ci sono 40° e un tasso di umidità da stenderti a terra!
    Un bacio e un abbraccio freschi! :)

    p.s. fammi sapere se hai ricevuto la mia mail... io te l'ho rinviata il 02/08.

    Ciao!! :***

    RispondiElimina
  117. Ciao Ely, i miei occhi sono stati subito attratti dalla bellezza della coppa che hai creato ma è passata in secondo piano dopo che ho letto avidamente questo bellissimo racconto... Sarà una dolcissima favola della buonanotte da raccontare al mio cucciolo... Mi è sempre piaciuto il suono della parola pesca, lo trovavo dolce e morbido, ora ne conosco il motivo ^^ sono felice di essere capitata nel tuo piccolo spazio, ci ritornerò! Piacere di conoscerti^^

    RispondiElimina
  118. Ciao! sono emanuela ho visto qualche commento in giro per i blog e sono venuta a dare un'occhiata :) non so se sei una poetessa o una cuoca ,ma di sicuro sei un'artista! questo racconto lo sento particolarmente, da bambina una delle cose che amavo di più era abbracciare gli alberi e lo faccio ancora adesso! ancora una cosa e magari ti farò ridere ma la frase che hai scritto sotto il tuo profilo mi ha fatto un po' piangere mi ha emozionato tanto perchè la sento molto mia.
    Ciao!

    RispondiElimina
  119. Finalmente sono riuscita a risolvere il problema e posso commentare.Deliziosa la ricetta e sacrosante le tue riflessioni.
    Un caro abbraccio

    RispondiElimina
  120. Ciao Ely! :) E' di amore che abbiamo bisogno tutti. E gli affetti, sono la cosa più preziosa che abbiamo. Un sentimento profondo è rotondo, e un bacio dell'anima riscalda il cuore. Hai fatto centro anche questa volta. :)

    Ma poi... vogliamo parlare di queste coppette? Il basilico cannella, io non lo conoscevo, ma che raffinatezza! Bravissima!
    Un abbraccio forte! A presto, Ada.

    RispondiElimina
  121. Quello che scrivi cara Ely và sempre dritto al cuore! Doni calore e ci abbracci donandoci vitalità! Ogni giorno ci regala sempre qualcosa di bello per cui ringraziare la sera...questa è la mia filosofia! Un largo e caldo abbraccio a te e regalaci frutti meravigliosi come sai fare tu!
    La ricetta è... meravigliosa!!! Buone vacanze!

    RispondiElimina
  122. ma che spettacolo questo dessert.... fantastico!! :)♥

    RispondiElimina
  123. Sono rimasta a bocca aperta...non aggiungo altro!!! Incredibile <3

    RispondiElimina
  124. Queste coppette sono meravigliose, bellissima la composizione e ottimo l'accostamento dei sapori. Sono veramente stupende! Mi unisco ai tuoi lettori e ti invito a passare anche da me, ti aspetto cara!
    http://ledeliziedelmulino.blogspot.it/

    RispondiElimina
  125. è una ricetta raffinatissima e la crema di latte di quinoa basilico e cannella è da veri intenditori

    RispondiElimina
  126. Questo post è talmente bello che vorrei incorniciarlo: grazie Ely! Ti leggo e non commento quasi mai ma stavolta non potevo farne a meno. Hai scritto una poesia, hai detto una grande verità: spesso non ci accorgiamo delle piccole cose che la vita ci dona e non mettiamo in pratica uno dei più grandi insegnamenti: l'amore! I nostri genitori (la maggior parte almeno) ci amano incondizionatamente e con il loro esempio, ci insegnano ad amare ... peccato che molti poi se lo dimenticano.
    Complimenti anche per la ricetta che trovo deliziosa.

    RispondiElimina
  127. Rieccoti! Belle le tue parole. Come sempre! E le coppette sono una delizia anche per gli occhi! Buona estate e un bacio grande.

    RispondiElimina
  128. Rieccoti! Belle le tue parole. Come sempre! E le coppette sono una delizia anche per gli occhi! Buona estate e un bacio grande.

    RispondiElimina
  129. Ma che bella ricettina, da provare sicuramente. Mi sono unita ai tuoi sostenitori così ti avrò sempre a portata di clock. Se ti va fallo anche tu. Ciao. Francesca.

    RispondiElimina
  130. What pretty peach desserts! Great clicks!

    RispondiElimina
  131. E' quasi commovente questa iniezione di dolcezza, sensibilità, elegante ricercatezza. Come una bella melodia. <3:)

    RispondiElimina
  132. Ciao Ely, il basilico cannella mi manca...e dire che ho un sacco di aromatiche in giardino! Devo trovarlo...
    Ho appena scoperto il tuo blog e mi sono unita ai tuoi follower con GFC, se ti va di ricambiare ci trovi qui: www.fashionriddles.com.
    V

    RispondiElimina
  133. Ciao cara, ogni tanto mi piace ripassare da qui anche solo per un saluto! Baci

    RispondiElimina
  134. l'amore è un rimedio contro tutti i mali ti senti un leone ad affrontare tutto ma basta poco un periodo d'incomprensioni che tutto diventa buoi grigio e non vedi una via d'uscita

    come ammiro le tue parole e che coppe fantastiche sono belissime

    RispondiElimina
  135. Sono passata per un salutino e per una ....coppetta!
    Un bacio

    RispondiElimina
  136. Una tromba d'aria?! Pure dai miei poco tempo fa e ha sradicato una palmetta :(
    Grazie per il tuo commento sei sempre così dolce <3 d'altronde con le leccornie che prepari non puoi che essere una delizia :)
    Che bella presentazione!!!! Pensa ad aprire un ristorante, se non te l'ho già detto :),che poi vengo!!!

    RispondiElimina
  137. Sei bravissima!!! Hai creato delle roselline di pesche fantastiche anche solo da vedere...chissà da gustare!

    Elisa
    www.deliziandovi.it

    RispondiElimina
  138. e questa delizia? mi sono persa un bel pò di ricettine tue! strano!
    Ottimi abbinamenti e soprattutto presentazione fantastica, bravissima Ely!
    un abbraccio! ;)

    RispondiElimina
  139. che belle queste coppette e sicuramente buonissime, brava e buone vacanze!

    RispondiElimina
  140. Mamma mia! Che avventura Ely!
    Con la ricetta di oggi mi fai pensare a due cose:
    - non ricordo di aver mai visto confezioni di latte di quinoa ( e ignoro cosa sia :))
    - se chiedo del basilico cannella qui a monreale potrebbero farmi internare.

    Dovrò attrezzarmi comunque, perchè ormai è certo che il lattosio mi fa male e il glutine anche :(

    RispondiElimina
  141. cara Ely una storia che tocca il cuore in profondità e l'anima. Per un attimo mi sono sentita quell'alberello che ha cambiato aspetto incontrando l'amore, per me è stato l'incontro con mio marito a cambiarmi.
    La tua ricetta ha la delicatezza e la profondità della tua storia complimenti Ely per la persona che sei baci

    RispondiElimina
  142. Questa tua coppetta è un CAPOLAVORO!! stupenda oltre che buona!!

    RispondiElimina
  143. Bentrovata cerasella mia...mi mancavano i tuoi racconti e le tue ricettine gustose e salutari..ma soprattutto mancava la bella persona che sei!!!bacioni ^^

    RispondiElimina
  144. Tesoro, sapessi quanto è bello tornare a rileggerti nuovamente. Ci sei mancata tantissimo con i tuoi bellissimi racconti, che nascondono sempre una storia di vita e tanta saggezza.
    Queste coppette sono dei bellissimi fiori. Sono spettacolari a vedersi!
    Un bacio grande.

    RispondiElimina
  145. Immagino che oltre a rappresentare un'opera d'arte siano anche deliziose! :O

    Un bacio,

    Benedetta

    http://www.daddysneatness.com

    RispondiElimina
  146. sono bellissime ! come sempre le tue non sono normali creazioni , ma vere opere d'arte!
    Ciao Ely ,è sempre un piacere leggerti!
    A presto

    RispondiElimina
  147. Ely sono un pochino sconsolata in questi giorni ed il mio umore è ballerino...mi offriresti una coppetta golosa e deliziosa?

    RispondiElimina
  148. impresionante! tiene que estar buenisimo y la presentacion de diez! besitos

    RispondiElimina
  149. Che meraviglia queste coppette, loro si che sono preparate con tanto amore! Ti abbraccio forte!
    Alice

    RispondiElimina
  150. sono meravgliose! come il tuo blog! mi unisco volentieri ai tuoi lettori!!! a presto complimenti!

    RispondiElimina
  151. Sublime presentazione per un buonissimo dolce e un tenero racconto.
    Baci, a presto.

    RispondiElimina
  152. Cara Ely, se c'è qualcosa di questo mondo blogger che veramente mi arricchisce è avere conosciuto persone come te, di grande talento ma sopra tutto di grande sensibilità, le tue ricette lo sappiamo tutti sono stupende e le tue presentazioni deliziose, però le tue parole danno gioia all'anima, tante volte ci chiedono a mio marito e a me come siamo felici portando avanti una vita con 7 figli piena di lavoro e sacrifici, ecco nelle tue parole la risposta, un affetto sincero moltiplicato in tante persone, niente altro ci ha dato la felicità di questo amore di famiglia, perciò non capisco quando le persone ci chiedono perché siamo felici?
    Un forte abbraccio cara e dolce amica!!
    Romina

    RispondiElimina
  153. Ciao sono Manuela: Da oggi sono una tua nuova follower...che meraviglia queste coppe, eleganti e delicate! Scrivi anche magnificamente. Ciao a presto

    RispondiElimina
  154. Ely nei tuoi racconti c'è sempre quel tocco di grazia e di amore che ti rendono unica. Ti abbraccio e ti auguro tanta luce!!

    RispondiElimina
  155. Che belle queste coppette!!! :D Complimenti come sempre Ely!!! :)

    PS: Ely avrei da chiederti un piacere, ti ricordi quando mi scrivesti che il tuo pc aveva rilevato un malware sul mio sito? Mica potresti dirmi che programma ti rilevava questo malware, perché è accaduto anche ad un'altra ragazza, ma dato che nel mio sito non ci sono virus (ho fatto più scansioni con più antivirus) vorrei risolvere questo problema!!! :)
    Grazie 1000 in anticipo! ^__^

    RispondiElimina
  156. Che bel racconto cara Ely e che dessert! Sembra golosissimo sicuramente proverò a farle.
    Grazie per le tue belle parole e per questa deliziosa ricetta.
    Sara

    RispondiElimina
  157. hola, he visita tu blog y me quedo por aqui, me encanto, seguimos en contacto. Te invito a visitar el mio http://madamenaroa.blogspot.com/, saludos desde Uruguay

    RispondiElimina
  158. Che delizia! Davvero! Un dolcino sano, ma proprio invitante!
    Brava!
    Nina di Fragola e Cannella

    RispondiElimina
  159. grazie per la tua visita Ely.....sono capitata oggi,casualmente nel tuo blog e leggendo il tuo ultimo post mi chiedevo da quale libro avessi tratto quei brani,poi ho capito che sono tuoi racconti,complimenti per la tua vena narrativa e per questo fiabesco racconto !
    Un abbraccio cara!Daniela

    RispondiElimina
  160. non ho parole... sono atterrata in un meraviglioso sottobosco profumato e ghiotto...
    Complimenti! Se ti và mi trovi qui: http://giochidizucchero.blogspot.it

    RispondiElimina
  161. Ma questa e fantastica. Uno capolavoro, davvero!

    RispondiElimina
  162. Mi piacciono tantissimo le tue storie :)

    RispondiElimina
  163. ma complimenti! sono bellissime!!! non conoscevo il tuo blog ci sono arrivata per caso! molto interessante!

    RispondiElimina
  164. Ma che bello questo bicchiere... da rifare, subito! E sul resto, si sa... "Non si può toccare l'alba se non si sono percorsi i sentieri della notte." Ben trovata, a presto. .)

    RispondiElimina
  165. Ely, come sempre parole sagge e bellissime, per accompagnare un dolce solo all'apparenza semplice, ma in realtà tutto da scoprire... Bravissima davvero... ormai non te lo dico più!! ;-)
    Un forte abbraccio!

    RispondiElimina
  166. Che meraviglia Ely... Troverò mai il tempo per passare a leggere tutti i tuoi meravigliosi post e le tue fantasmagoriche ricette??? Si lo troverò, un po' per volta, perchè ne vale la pena!!! Bentrovata cara, sono contenta di ritrovarti in forma, come sempre! Sei una grande...

    RispondiElimina